Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 26 n° 290

Archive for September 18th, 2009

Afghanistan: lunedì a Roma lutto cittadino

Posted by fidest on Friday, 18 September 2009

Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, con un’ordinanza firmata oggi, ha proclamato il lutto cittadino per il giorno del 21 settembre 2009, in segno di dolore per i militari italiani che hanno perso la vita nell’attentato a Kabul. Nelle giornate del 20 e del 21 settembre  gli edifici del Comune di Roma, delle società, delle aziende e delle Istituzioni comunali dovranno esporre le bandiere europee, nazionali e comunali a mezz’asta. Come espressione di dolore dell’intera città, il Sindaco invita inoltre tutti i cittadini e le organizzazioni sociali, culturali e produttive di Roma a osservare un minuto di silenzio in occasione della giornata di lutto nazionale. Lo rende noto l’ufficio stampa del Campidoglio.

Posted in Cronaca, Roma | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Io, Woody e Allen

Posted by fidest on Friday, 18 September 2009

Da oggi al cinema, in Italia, si può assistere all’ultimo film di Woody Allen “Whatever works” (Basta che funzioni). Cogliamo però il momento per dare uno sguardo al recente passato e parlare di un libro, edito da minimum fax nel 2005. Seppur la struttura sia quella dell’intervista, il testo fin da subito appare come uno scambio di riflessioni e commenti sul cinema. E diversamente, a pensarci, non ci si poteva aspettare, visto che chi cura l’opera è un critico e regista svedese di tutto rispetto, quale Stig Björkman, allievo del suo connazionale Ingmar Bergman. Ovviamente il tutto è incentrato sulla carriera di Woody Allen, ma ciò non toglie (anzi!) che lo si possa trovare un’ottima fonte non solo per chi è appassionato dell’artista newyorkese, ma anche per chi ama i film e il cinema, da Fellini al succitato Bergman. La conversazione è ricca di dettagli, dalla tecnica alle scelte del casting, dall’ispirazione creativa agli aspetti di produzione: ne vien fuori una lettura che appassiona a 360°.
Doveroso spendere parole sul volume (poco più di 400 pagine) che si presenta in modo sobrio ed elegante; non manca inoltre la scheda tecnica di ogni film in ordine cronologico fino a “Match Point” (del 2005 appunto). Ricordiamo a tal proposito che l’intervista è stata effettuata grosso modo in due periodi: nel 1993 la prima parte e nel 2004 la seconda. Un ultimo commento va all’idea di minimum fax di aggiungere i “Titoli di coda”, ossia un tributo allo staff della casa editrice presente al momento della stampa del libro. Idea che consideriamo brillante oltre che, in questo caso, del tutto appropriata. Non sarebbe malvagio estendere questa idea, riconoscendo così anche nei libri – come nei film – il lavoro di tutti coloro che ne prendono parte.
Il sito della casa editrice dove si può ordinare il libro è questo.

Posted in Fidest - interviste, Recensioni | Tagged: , , , | 1 Comment »

Il Ferrari Store di Milano compie 4 anni

Posted by fidest on Friday, 18 September 2009

ferrari storeMaranello (MO)19 settembre dalle 10 alle 18, via Abetone Inf. 4 Ferrari spa Direzione e stabilimento il Ferrari Store di Milano,in occasione delquarto anno dall’inaugurazione, festeggia il con un evento creato appositamente peri piccoli fan e tutti gli appassionati delCavallino Rampante. Nella splendida cornice di Piazzetta Liberty, i bambini e le loro famiglie potranno partecipare alle attività organizzate dal team del Ferrari Store: saranno messi a disposizione modellini e giochi interattivi e sono previste attività ricreative realizzate in collaborazione con TT Toys,Berg,Stylis e XQ . Nel celebrare un compleanno speciale,si vuole anche promuovere la cultura del gioco che attribuisca algioco stesso un valore,non solo dalpunto di vista ludico ma anche nel suo aspetto formativo della personalità delbambino. Sarà infatti allestito in un angolo della piazza anche uno spazio informativo, dove la Polizia Locale di Milano fornirà importanti consigli sulla sicurezza e sul codice comportamentale da tenere sulla strada.

Posted in Cronaca | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Festival dell’Aria

Posted by fidest on Friday, 18 September 2009

festival ariaDal 25 al 27 settembre al Lido di Venezia, si svolgerà  presso l’aeroporto Nicelli il Festival dell’Aria. La manifestazione ha attirato l’interesse di molti piloti e aziende, che proveranno l’emozione di atterrare tra terra e acqua, in un palcoscenico internazionale come Venezia.  Un evento inedito nel panorama nazionale, che affianca alle aree espositive un articolato programma di incontri, convegni ed esibizioni aeree. Capo progetto è il Col. Alberto Moretti già comandante delle Frecce Tricolori. Hanno confermato la loro presenza Produttori e Importatori sia di ULM che di Aviazione Generale, aziende di servizi, operatori di settore. Di particolare rilievo la presenza delle aziende del Gruppo Finmeccanica, con uno stand si Selex Galileo e il contributo a convegni tecnici di Superjet International e AgustaWestland. Un ambito a cui sarà dato crescente rilievo anche nelle prossime edizioni è quello del trasporto di servizio e soccorso. Tra gli espositori vi sarà JetLife della svizzera AMA – BP Aircraft Management, che presenta i propri servizi in ambito di emergenza sanitaria. Il Salone del Volo-Festival dell’Aria darà spazio anche alle emozioni, con una spettacolare gara di acrobazia aerea per solisti e pattuglie. La manifestazione, ad ingresso libero e gratuito, è dedicata a tutti i visitatori del Salone del Volo- Festival dell’Aria. Si terrà il 26 e il 27 settembre dalle 14.00 alle 17.00 nell’ambito del programma del Salone. L’Aeroclub di Milano – Bresso in collaborazione con Prima Aviation organizzerà, all’interno della manifestazione aerea, la gara di acrobazia freestyle “Trofeo Città di Milano, premio Roberto Manzaroli” valevole per il Campionato Italiano di Acrobazia aerea, categoria 4′ (libero integrale). In occasione dell’airshow sarà assegnato il premio “Roberto Manzaroli”, dedicato all’indimenticato presidente dell’Aeroclub di Milano e Team Manager della Nazionale di volo acrobatico, scomparso nel 2006.

Posted in Cronaca, Viaggia | Tagged: , , , | Leave a Comment »

La strage di Kabul

Posted by fidest on Friday, 18 September 2009

In riferimento alla strage degli italiani a Kabul, Guido Barbera, presidente del Cipsi – coordinamento di 42 Ong e associazioni di solidarietà internazionale – ha dichiarato: “Innanzitutto esprimiamo la nostra vicinanza, solidarietà e cordoglio ai familiari dei soldati italiani vittime della strage, ai feriti e a tutti i civili coinvolti, compresi quelli colpiti la scorsa settimana da un bombardamento della Nato. Ma non possiamo tacere. Il problema è politico: qual è il ruolo e la politica internazionale dell’Italia, dell’Europa, degli Usa, della Nato, nello scenario afghano? E’ necessario fare un’analisi storica e politica di cosa è accaduto in Afghanistan, soprattutto negli ultimi otto anni di guerra, e del disastro che è stato provocato; attraverso un dibattito in Parlamento, decisioni del Governo, un conferenza che porti a un accordo della comunità internazionale. Non è solo con i militari che si potrà risolvere la situazione afghana. Non si risolvono i conflitti con la forza, ma con il dialogo. Noi associazioni del Cipsi e della società civile crediamo che sia necessario invertire la tendenza delle scelte di politica internazionale in Afghanistan. La risposta è incrementare in modo decisivo la cooperazione internazionale nel paese, per contribuire al processo di pace: che siano visibili interventi e relazioni solidali, scuole, salute, istruzione, alimentazione e difesa dei diritti di tutti. Sono l’antidoto alla guerra e al terrorismo. Condanniamo la violenza sui civili.  Rivolgendoci ai ministri e ai parlamentari che continuano a ripetere che i problemi dell’Afghanistan, dell’Africa, delle guerre e dell’immigrazione si risolvono con la cooperazione, diciamo di essere coerenti, di dar seguito alle promesse con impegni reali sia a livello di finanziamenti che di risorse e di strumenti. Per questi motivi aderiamo all’iniziativa della Tavola della Pace del 3 ottobre. Perché pace e informazione sono due beni fondamentali a rischio. Perché senza un’informazione di pace non c’è neanche una politica di pace.

Posted in Cronaca, Politica | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Quando verrai

Posted by fidest on Friday, 18 September 2009

Di Laura Pugno. Eva è cresciuta senza padre, vive in roulotte con sua madre Leila, e affronta l’adolescenza aggirandosi in un mondo ai limiti della legalità fatto di ambulanti, immigrati clandestini e nessuna sicurezza tipica della vita borghese. Come se non bastassero le attenzioni morbose di Stasi – il compagno di sua madre – Eva viene a contatto per qualche giorno con un misterioso vagabondo che (esattamente come lei) ha il corpo afflitto da misteriose macchie a cui non sembra esserci rimedio. L’incontro con l’uomo la rende definitivamente consapevole delle facoltà che si nascondono dietro il suo apparente problema fisico: un terribile potere con cui dovrà imparare a convivere e, nello stesso tempo, il delicato e devastante strumento attraverso cui conoscerà il mondo e se stessa. Appassionante, crudele, elegante, Quando verrai è una stupefacente prova narrativa in cui il fascino struggente del romanzo di formazione si unisce alla potenza visionaria della letteratura fantastica, sorretti da una scrittura incalzante, viva e modernissima. Il secondo romanzo di Laura Pugno – una delle migliori voci dell’ultima generazione letteraria – sceglie insomma una prospettiva totalmente nuova attraverso cui raccontare i temi universali dei riti di passaggio e della scoperta di sé.
Laura Pugno è nata a Roma nel 1970. Ha pubblicato un romanzo, Sirene (Einaudi 2007), finalista al Premio Bergamo e vincitore del Premio Libro del Mare 2008; una raccolta di racconti, Sleepwalking (Sironi 2002); due raccolte poetiche, Il colore oro (Le Lettere 2007) e Tennis (nem 2002); e i testi teatrali di DNAct (Zona 2008). Per minimum fax ha pubblicato nel 2009 il romanzo Quando verrai.

Posted in Recensioni | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Sanità: Ancora licenziamenti

Posted by fidest on Friday, 18 September 2009

Regione Lazio. Il Segretario UGL sanità di Roma Antonio Cuozzo rende noto in un comunicato che”Il piano ospedaliero è rientrato, mentre il piano sanitario regionale ancora è in stato di “Attesa”. Con questo andazzo “si va avanti da circa 2 anni con consultazioni tra i vari rappresentanti della regione Lazio, mai però con il Commissario straordinario alla Santà della Regione Lazio On.le Marrazzo. Questa situazione, alla fine, rischia di provocare solo confusione ed impedire un confronto efficace”. Le ricadute sui cittadini sono inevitabili. Viene meno “una efficace assistenza sanitaria, mentre la categoria che paga il prezzo più alto sono i lavoratori delle strutture accreditate (Sanità Privata), i quali a causa della riduzione dei posti letto, sono “licenziati”. “Si tratta di operatori che lavorano con molta professionalità e anche in ambienti non consoni ai requisiti richiesti per l’accreditamento. Intanto in strutture come il  San Raffaele Montecompatri (Roma),  tra 30 giorni i lavoratori andranno tutti a casa, e a costoro si aggiungono  quelli che a Luglio il Gruppo San Raffaele ha già licenziato. Una situazione sconcertante dove per anni la Regione ha concesso accreditamenti ed autorizzazioni, al fine di garantire assistenza sanitaria ed occupazione, ma che adesso sta producendo solo “disoccupazione”. “Allora, -commenta Cuozzo – viene da pensare che non dobbiamo salire sui “tetti”, bensì bloccare ogni apertura di strutture accreditate e autorizzate, poiché produrranno solo disoccupazione”. E’ necessario e urgente, quindi, per Cuozzo “una convocazione di un tavolo dove ci siano oltre alla Regione Lazio i rappresentanti nazionali a cui è demandata la competenza in materia sanitaria, affinchè si possa trarre una “vera” e reale soluzione condivisa su un problema importante come quello del riassetto della sanità laziale che incide sia sull’occupazione che sul diritto alla salute del cittadino”.

Posted in Welfare | Tagged: , , , | 1 Comment »

“Dentro” l’Afghanistan

Posted by fidest on Friday, 18 September 2009

C’ è una guerra, questo appare fin troppo evidente; alcuni belligeranti si ritrovano lì in “missione di pace” perché i corrispettivi governi sono adusi all’utilizzo delle parole più che alla consistenza dei fatti; così i morti non muoiono in guerra, perché sarebbe anticostituzionale, ma in missione di pace. La caratteristica precipua delle guerre è quelle di sovrastare ogni altro evento agli attoniti occhi dell’intero pianeta che guarda: ma non tutti gli occhi guardano allo stesso modo! Gli aggettivi per definire le guerre si sprecano; attraverso gli aggettivi del momento le medesime guerre possono diventare esterne di difesa, quando solo le guerre interne sono di difesa da una vile aggressione, mentre quelle esterne rappresentano proprio quell’aggressione che stimola la difesa. Ma il vocabolario del politichese è ricchissimo di sinonimi, così la guerra esterna di difesa, che dialetticamente rappresenta una contradictio in terminis, viene chiamata “guerra preventiva”, cioè certezza di una guerra per scongiurare l’ipotesi di una guerra. Potrebbe apparire paradossale ma c’è stato anche chi, tale guerra preventiva, ha nobilitato come “guerra umanitaria”.  Poi c’è l’ipocrisia delle parole, quando la partecipazione alla guerra viene chiamata “missione di pace”; si muore lo stesso  (Nassirija, Kabul….) ma si muore in missione di pace e non in una azione di guerra: le vedove, gli orfani, i genitori vengono così consolati del triste evento, che però non è stato una azione di guerra! Queste sono affermazioni già note, già descritte, che parlano di guerre, senza entrare “dentro” quelle guerre per capire cosa c’è dietro le quinte di questo spettacolo offerto al mondo.  Perché di spettacolo si tratta. Ricordo benissimo il giorno del primo bombardamento su Baghdad, incollati alla TV mentre uno speaker illustrava gli eventi, con molta spontaneità, da cronista, facendo apparire una assurda “naturalezza”,  idonea a non far capire che dietro ognuna delle esplosioni che si vedevano in diretta c’erano drammi, tragedie, morti, distruzione, mentre lo stesso speaker interrompeva la cronaca in diretta per qualche minuto di “consigli per gli acquisti”…. 10 piani di morbidezza… ….basta la parola… Ma dentro l’attuale guerra in Afghanistan cosa si cela? Cosa non vogliono farci vedere? Cosa ci impongono di valutare senza pensare? Al di là degli atti di belligeranza, di terrorismo di entrambe le parti, di morti contati se occidentali e di morti nel mucchio se indigeni, cosa si cela tanto gelosamente? C’è una realtà ancore più drammatica della stessa guerra perché provoca centinaia di migliaia di morti, se non milioni, tutti passati sotto silenzio, perché obnubilati dalle notizie studiate che ci vengono date in frettoloso pasto. Dietro tutto ciò, anche dietro le bare dei morti, si cela il più gigantesco business del pianeta: droga contro armi. L’Afghanistan è il primo produttore di droga pesante del mondo; i bombardamenti colpiscono le città per produrre quei morti che serviranno alla causa della disinformazione, ma nessuno ha mai utilizzato il napalm per bruciare gli sterminati campi di papavero da oppio. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Lazio: Reddito minimo garantito

Posted by fidest on Friday, 18 September 2009

«Come  pensa il centro sinistra di poter soddisfare le richieste dei tanti disoccupati ed inoccupati della nostra regione, quando in due settimane c’è stata una pioggia di domande  per accedere al reddito minimo garantito? La legge istitutiva dice a chiare lettere che le richieste saranno soddisfatte fino ad esaurimento fondi. E’ evidente  che si tratta di una manovra puramente elettorale, di una farsa con cui si sta speculando sui bisogni della gente creando false aspettative con fantomatici piani triennali privi di copertura finanziaria».  E’ quanto dichiara Luigi Celori, consigliere del Pdl alla Regione Lazio «In realtà, – conclude  Celori –  il centro sinistra sta investendo pezzi di carta tentando di impegnare fondi che vanno al di là di questa legislatura lasciandone l’eredità a chi governerà dopo».

Posted in Cronaca, Welfare | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Cutrufo presenta a Tokyo la Roma che sarà

Posted by fidest on Friday, 18 September 2009

Nel corso di una affollata conferenza stampa presso la Jata Fair Travel, l’importante Fiera del turismo che si sta svolgendo a Tokyo, il Vicesindaco di Roma, sen. Mauro Cutrufo ha presentato alla stampa specializzata giapponese il Secondo Polo turistico della Capitale. Dopo l’inaugurazione della Fiera, che e’ uno dei piu’ importanti appuntamenti del settore, con la tradizionale cerimonia dell‘apertura delle botti di Sake, Cutrufo, insieme alla delegazione italiana,  ha incontrato la stampa alla terrazza Enit.  I cinque sottosistemi, cuore pulsante del Secondo Polo turistico della Capitale sono stati presentati con un video ed una pubblicazione in lingua giapponese realizzata per l’occasione. Il sistema convegnistico – fieristico, il sistema golfistico, il sistema nautico – croceristico – diportistico, il sistema dei parchi a tema e dei parchi verdi permetteranno alla Capitale d’Italia di aumentare il ventaglio di offerta turistica andando incontro alle richieste di un turismo contemporaneo – ha detto Cutrufo – Tutto questo non e’solo un progetto ma il 40% e’ gia’ in via di realizzazione, e con la sua realizzazione puntiamo a raddoppiare il numero delle presenze dei  turisti e ad aumentare il loro tempo di permanenza nella Capitale. Il Vicesindaco di Roma nel suo intervento ha illustrato le novita’ messe in campo nell’ambito dei servizi al turista come il sito del turismo http://www.turismoroma.it che gia’ comprende la lingua giapponese, e lo 060608, il numero dedicato ai turisti che da ottobre rispondera’ anche nella lingua del Paese del Sol Levante.
Seguendo un fitto calendario di appuntamenti nel pomeriggio il Vicesindaco della Capitale ha incontrato nel Palazzo del Municipio il  Vicegovernatore di Tokyo, Hiroshi Sato, anche per preparare l’incontro del Sindaco Alemanno con il Governatore della Capitale che avverra’ presumibilmente nel maggio del 2009. Cutrufo ed il suo omologo giapponese hanno gettato le basi per una strategia mirata a creare degli scambi in ambito culturale ed anche sportivo ed organizzare nella Capitale una settimana dedicata al Giappone nell’ottobre del 2010. Il Vicegovernatore di Tokyo e ed i suoi esperti del settore turismo presenti hanno potuto apprezzare la presentazione del Secondo Polo turistico della Capitale che hanno trovato interessante ed hanno fatto in proposito molte domande di carattere tecnico sulla sua realizzazione. Il Vicesindaco ha poi rappresentato la Capitale all’inaugurazione della Mostra sull’Impero romano dove il Presidente della Repubblica italiana ha tagliato il nastro nel pomeriggio. La serata nella residenza dell’ambasciatore Petrone ha concluso la giornata.

Posted in Estero, Roma | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Afghanistan: dichiarazione Cazzola (Pdl)

Posted by fidest on Friday, 18 September 2009

“Adesso è il momento di piangere e rendere l’onore dovuto ai nostri caduti. Ma dobbiamo essere grati al presidente Giorgio Napolitano che, con le sue nobili e ferme parole, ha contribuito alla definizione di una linea corretta del Governo sulla missione italiana in Afghanistan, dopo i dubbi e le incaute affermazioni circolate all’indomani della strage di Kabul e purtroppo ribadite ancora oggi da settori della maggioranza” lo afferma l’on. Giuliano Cazzola deputato del Pdl. “Decisioni – prosegue Cazzola – che riguardano il prestigio dell’Italia, la lotta al terrorismo e la stabilità internazionale non si prendono sulla base dei sondaggi o sull’onda dell’emozione popolare o facendo il verso alle formazioni neocomuniste, ma nell’ambito degli organismi internazionali e insieme agli alleati”.

Posted in Politica | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Anniversario breccia di Porta Pia

Posted by fidest on Friday, 18 September 2009

Roma 19 settembre alle ore 14,30 a Porta Pia, per la commemorazione del XX Settembre 1870.. La manifestazione è promossa dalle Associazioni radicali Anticlericale.net e Certi Diritti, con l’adesione e la partecipazione delle Associazioni Radicali Luca Coscioni, Nessuno Tocchi Caino, Radicali Roma, Comitato Nathan, Agorà Digitale, Ass. Radicale Antiproibizionisti,  Esperanto Radikala Asocio, Circolo di Cultura omosessuale Mario Mieli e Arcigay. “Facciamo appello – e detto dai promotori – ai cittadini che hanno a cuore la laicità dello Stato a partecipare a questo importante appuntamento che ogni anno ricorda la liberazione dal potere clericale. Avremmo voluto, come sempre, manifestare per le vie della città, con una marcia che voleva toccare  i luoghi simbolo della lotta anticlericale di Roma. Per questo avevamo presentato formale preavviso alle autorità, ma il Questore di Roma, quest’anno per la prima volta, ha vietato l’iniziativa,
cosicché la memoria di quei bersaglieri caduti per compiere quella liberazione rischia di essere meglio e definitivamente dimenticata. Saremo a Porta Pia con la bandiera italiana abbrunata e quella del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito: per i morti di Kabul e
per quelli di Porta Pia, gli uni e gli altri impegnati a sconfiggere gli estremismi politici e religiosi, antidemocratici. Saremo a Porta Pia per denunciare lo scempio di legalità e democrazia contro la Costituzione repubblicana”.

Posted in Cronaca, Roma | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Doppio cognome

Posted by fidest on Friday, 18 September 2009

Intervento della senatrice Donatella Poretti, Radicali – Pd.: “Da sostenitrice del doppio cognome per i figli e prima firmataria di una proposta di legge, non vorrei l’imposizione di quella che dovrebbe invece essere una libera scelta. In commissione Giustizia della Camera e’ in atto uno scontro tra la possibilita’ di scegliere il cognome da dare ai figli a partire dal testo base della Presidente della commissione Giulia Bongiorno. Vi si prevede il doppio cognome per tutti, sostenendo che altrimenti non ci sarebbero cambiamenti, la donna continuerebbe ad essere discriminata e il cognome prevalente sarebbe quello paterno. Siccome stiamo parlando di un cambiamento culturale, imporlo per legge, anche se va nella direzione auspicata, e’ sempre pericoloso. Perche’, allora, non imporre il solo cognome della madre? Questo potrebbe favorire la donna, ma il padre? Compito della legge dovrebbe essere, invece, predisporre e favorire pari opportunita’ e libera scelta, promuovendo l’informazione e dando supporto adeguato alle decisioni. La legislazione e’ arretrata, la Corte Costituzionale chiede una legge, occorre adeguarci ai trattati internazionali, ma la legge occorre cambiarla nella direzione piu’ liberale possibile, non passando dal modello patriarcale a quello statalista paritario”.

Posted in Diritti | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Open Day 2009: al via la seconda edizione

Posted by fidest on Friday, 18 September 2009

Sovigliana di Vinci. Giovedì 24 settembre  convegno “Ospedale per intensità di cure” in programma dalle ore 8.30 alle ore 13.30, nell’aula magna dell’Agenzia per la formazione, in via Oberdan.  Nel corso del convegno verranno illustrati i percorsi organizzativi predisposti dall’Asl 11, che si pongono l’obiettivo di realizzare un complesso sistema di attività clinico assistenziali, definite aree per intensità di cure, integrate con modelli di gestione della cronicità e fragilità. Si avvicenderanno numerosi interventi di professionisti del settore che operano sul territorio, ma anche in altre realtà sanitarie nazionali, universitarie e nella Regione Toscana. Seguirà, venerdì 25 settembre, l’ottava edizione della Conferenza dei servizi socio-sanitari, dedicata a “I servizi territoriali e il nuovo ospedale”. La conferenza si svolgerà dalle ore 8.30 alle ore 12, nell’aula magna “Elisabetta Chiarugi” del Centro direzionale, in via dei Cappuccini n. 79, a Empoli. A conclusione si terrà la cerimonia di consegna delle medaglie ricordo ai neo pensionati. Infine, sabato 26 settembre, dalle ore 9 alle ore 13, si terrà la seconda edizione di Open Day 2009, nei locali dell’ospedale “San Giuseppe”, a Empoli.

Posted in Cronaca, Medicina | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Kabul: “Se è guerra ditecelo!”

Posted by fidest on Friday, 18 September 2009

attentato kabul_05Franco Maccari, Segretario Generale del COISP allo scoramento per la perdita di tante vite umane per attentati che sembrano non finire mai e che oggi possono aver colpito militari italiani ,ma in ogni caso non interrompono la scia di sangue che fa vittime innocenti anche tra la popolazione civile, si chiede, e come lui, crediamo la pensino allo stesso modo molti italiani, se questa non sia una vera e propria missione di guerra al terrorismo!” e non certo classificabile come una “missione di pace” come i governi di ieri e di oggi vogliono lasciarci credere. “Sacrificare – osserva Maccari – il meglio della Nazione sull’altare di interessi misconosciuti, destinare le vite dei figli d’Italia alla sabbia di Kabul per portare una civiltà non accettata, per essere martoriati da molti stranieri che come invasori ci vedono e come invasori ci trattano, avrebbe un senso se almeno ci fosse la totale libertà di difesa!” Infatti si sa che i nostri soldati debbono avere limitazioni nell’uso delle armi e ciò si traduce in limitazioni secche alla propria incolumità. Così il Sindacato Indipendente di Polizia, manifesta i propri sentimenti per la strage di Kabul, convinto di interpretare le emozioni di molti e soprattutto di coloro che sono chiamati a difendere il suolo nazionale e di coloro che assicurano la sicurezza nel suolo nazionale. E Maccari soggiunge: “Grave, gravissimo orientamento dimostrato dalla nostra classe dirigente, insufficiente, paradossale, lontana anni luce dagli apparati che reggono le stabilità della difesa del suolo o che ne assicurano la interna civile convivenza. Combattere contro un nemico non schierato, affrontare le nuove dinamiche della “guerra espressiva” fatta di assenza di frontalità, permeata dal vuoto delle regole, condotta per la realizzazione di atti terroristici interpretabili come eventi mediali, richiede un elevato standard di professionalità che, come a noi poliziotti arcinoto, scarsamente è sorretto dalle borse del politicante di turno. Richiede inoltre una vera presa di coscienza delle elité politica e, a cascata, della società civile tutta. Noi sappiamo, come poliziotti, quanto grave sia la sensazione di isolamento in cui versa chi, come noi e i colleghi della Difesa per le loro competenze, deve affrontare i grandi temi della sicurezza conscio del rischio quotidiano, del tributo umano sacrificato ogni giorno sull’altare della propria identità, spesso sconosciuta ai più e nascosta dal Vertice indifferente”. Maccari conclude affermando che:  Se si vuole questo dai nostri soldati! Mentre in Italia per le Forze di Polizia, è una missione contro l’illegalità! E chi le combatte, in ogni “fronte”, deve avere e sentire il massimo della garanzia e della solidarietà! Da tutti!” Perché questi nostri figli non muoiano invano. (redazionale)

Posted in Confronti, Cronaca | Tagged: , , , | Leave a Comment »

 
Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 43 other followers