Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 26 n° 320

Posts Tagged ‘costume’

Conversazioni d’arte, cultura, restauro e valorizzazione

Posted by fidest on Monday, 27 February 2012

San Petronio Basilica

Bologna 28 febbraio 2012 «Affinità di intenti» nel cantiere di San Petronio Anna Maria Matteucci con l’intervento musicale di Michele Vannelli (clavicembalo)
Giovedì 8 marzo 2012 San Giorgio in Poggiale, ore 18.00 Il futuro del passato: tecnologie digitali per la conservazione delle opere d’arte Adam Lowe (Factum Arte)
Martedì 17 aprile 2012 San Giorgio in Poggiale, ore 18.00 Dalla città di San Petronio alla città di oggi: un percorso tra arte e cultura Graziano Campanini e le letture di Ivano Marescotti
Martedì 8 maggio 2012 San Giorgio in Poggiale, ore 18.00 San Petronio: la catechesi attraverso l’arte Timothy Verdon
Martedì 15 maggio 2012 Palazzo Magnani, ore 18.00 Jacopo di Paolo e Giovanni da Modena nella cappella dei Magi in San Petronio Fabio Massaccesi
Martedì 22 maggio 2012 La parte bolognese di Jacopo della Quercia Laura Cavazzini Museo Civico Medievale, ore 18.00
Martedì 29 maggio 2012 Di passaggio a Bologna: Michelangelo Eugenio Riccomini Palazzo Magnani, ore 18.00
Martedì 26 giugno 2012 Gli angeli musicanti nella porta della Risurrezione della facciata di San Petronio Camilla Cavicchi con le musiche per organo di Marco Antonio Cavazzoni (1485-1569) eseguite da Michele Vannelli Basilica di San Petronio ore 18.00
Man mano che San Petronio si svela alla città con il suo volto rinnovato, con la facciata di ruvidi mattoni sporgenti ripuliti dalle insidie del tempo e con le pietre e i marmi che presto splenderanno di nuovo sulla Piazza Maggiore, ecco che la città si stringe intorno al suo monumento più prezioso, simbolo della sua storia religiosa e civile, sociale e culturale. La Basilica di San Petronio può raccontare tutto il suo glorioso passato, racchiuso gelosamente nei preziosi archivi della Fabbriceria, nel portale di Jacopo della Quercia e nelle formelle che ispirarono Michelangelo per la Cappella Sistina, nella meridiana più grande al mondo, realizzata nel 1655 da Giovanni Domenico Cassini, nelle ventidue cappelle che si aprono alle navate laterali con opere di Giovanni da Modena, Jacopo di Paolo, Amico Aspertini, Parmigianino, Alessandro Tiarini, Gaetano Gandolfi, Lorenzo Costa, Francesco Francia e tanti altri, nella Cappella Maggiore che conserva i due organi a canne tra i più antichi nel mondo.
Avranno luogo, oltre che a San Petronio, in tre prestigiose e storiche sedi istituzionali della città, grazie alla collaborazione di Genus Bononiae.Musei nella Città, del Museo Civico Medievale e di UniCredit.

Posted in Cronaca, Mostre - Spettacoli | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Gaetano Castelli: La Magia del Costume

Posted by fidest on Tuesday, 5 October 2010

Roma fino al 30/10/2010 Via del Babuino, 141/A Galleria Paolo Antonacci Abbinare il nome di Gaetano Castelli, scenografo acclamato e famoso in tutto il mondo, all’aggettivo “pittore” puo’ sembrare inusuale, perche’ in pochi sanno che la pittura e’ stata da sempre la sua passione, e che sin dalla più giovane età vi si è dedicato con costanza.  La vita professionale ha preso il cammino della scenografia, (e Castelli e’ stato il primo a portare in scena i canoni della pittura, della scultura e dell’architettura), ma nel corso degli anni i legami con la pittura si sono da un lato consolidati attraverso l’attività didattica, e dall’altro intimizzati con la continua produzione: Castelli non ha mai smesso di dipingere: “per me stesso”, come lui stesso dice. La mostra dunque rappresenta un piacere per gli occhi, un trionfo di colore e di luce che fa bene all’anima ed esalta il bello, con citazioni che riportano alla moda, alle scenografie disegnate da Castelli stesso, alle decorazioni Lalique, ai temi cari a Botticelli, De Chirico, Van Gogh. (castelli gaetano)

Posted in Cronaca, Mostre - Spettacoli, Roma | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Sesta edizione di “Officina teatro XI”

Posted by fidest on Monday, 27 September 2010

Roma dal 13 settembre presso il Teatro Pasquale de Angelis Via Renato Cesarini 2 sono aperte le iscrizioni ai laboratori per il teatro della VI edizione di Officina Teatro XI – progetto a cura dell’Associazione Marte 2010 realizzato negli anni con il contributo della Regione Lazio, della Provincia di Roma e del Municipio Roma XI. –  Per l’anno accademico 2010/2011 sono previsti:
laboratori gratuiti per principianti (recitazione, scrittura, foto di scena, scenografia, costume, tecniche di regia) riservati ai cittadini residenti nel Comune e nella Provincia di Roma di età compresa tra i 16 e gli 80 anni (ed oltre!) che non abbiano avuto precedenti esperienze e che non abbiano già svolto attività all’interno di Officina Teatro XI.
Iscrizioni fino ad esaurimento posti
13 settembre – 27 ottobre 2010 dal lunedì al mercoledì dalle 18.00 alle 20.00 I corsi gratuiti inizieranno a partire da dicembre 2010
Laboratori di livello avanzato
(recitazione, foto di scena e scrittura) riservati a coloro che hanno già avuto precedenti esperienze di tipo laboratoriale e desiderino approfondire il percorso intrapreso
Iscrizioni
13 – 29 settembre 2010 dal lunedì al mercoledì dalle 18.00 alle 20.00 I corsi avanzati inizieranno a partire dal 4 ottobre 2010

Posted in Cronaca, Recensioni, Roma | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Bardi: Rievocazione storica in costume

Posted by fidest on Thursday, 19 August 2010

Bardi (Pr). 29 agosto grande rievocazione storica in costume a Sfila il Corteo dei Landi ed è festa! Giocoleria, sbandieratori e campo d’arme. Tiro con l’arco per tutti e Torneo degli Arcieri “Landi contro Pallavicino”, sibille, rito dell’investitura feudale e tante sorprese per grandi e piccoli…  L’evento – organizzato da Ati Cooperativa Parmigianino di Fontanellato e Cooperativa SocioCulturale di Venezia in collaborazione con  l’Associazione “Porta S. Francesco” di Parma con il coordinamento del suo presidente Fabio Bernazzoli – si svolge dalle 11 alle 18.30: per l’occasione i turisti e i visitatori avranno la possibilità unica di vivere da protagonisti la Fortezza di Bardi, come in un viaggio sospeso nel tempo, in quei secoli di un Medioevo luminoso che segnò la storia della Val Noveglia. Con un unico biglietto d’ingresso (costo 10 euro) il Castello apre le porte e vi accoglie in un angolo di storia a 625 metri sul livello del mare. Ronde e presidi di fanti con armi in asta, fedeli arcieri e nobili cavalieri vi trasporteranno nell’epoca feudale a difendere una fortezza esempio raro dell’architettura medievale.
Alle 11 la manifestazione prende avvio con l’esibizione dei giocolieri pronti a incantare grandi e piccoli con l’abilità delle mani che da sempre li connota.
Alle 11.30 si snoda il Corteo Storico con partenza dalla piazza d’armi all’interno della Fortezza fino al piazzale, all’altezza del rivellino: il casato dei Landi sfila con lieve passo e invita tutti alla festa di giochi di corte all’interno della roccaforte.
Alle 12.10 è in carnet l’esibizione degli Arcieri di “Porta San Francesco” con possibilità di provare a maneggiare arco e frecce anche per il pubblico.
alle 14.30 si riprende l’animazione medievale con I Giocolieri del Lupo.
Alle 15.15 si alza il sipario sul Corteo Storico pomeridiano con la Famiglia Landi – proprietaria del feudo bardigiano per quattro secoli – accompagnata da cortigiani e illustri ospiti.
alle 16.30 è atteso un rito: l’investitura feudale, accompagnato dallo squillo delle chiarine nella piazza d’arme.
Alle 17.15 si accende il Torneo degli Arcieri: Landi contro Pallavicino. Resta allestito il campo di tiro con l’arco.
Domenica 29 agosto è  possibile seguire autonomamente il normale percorso del castello, segrete comprese: tutti i partecipanti saranno liberi godere a piacimento la giornata medievale e trascorrere tutto il tempo desiderato in castello. Tutti i giorni d’agosto il Castello è aperto dalle 10 alle 19; festivi dalle 10 alle 20.  Nel bookshop del Castello in vendita il volume “La Fortezza di Bardi” a cura della storica Mordacci http://www.portasanfrancesco.org (bardi)

Posted in Cronaca, Mostre - Spettacoli | Tagged: , , , | Leave a Comment »

La dolce vita minuto per minuto

Posted by fidest on Tuesday, 16 March 2010

Martedì 16 marzo alle ore 18, a Roma nell’Hotel Excelsior di Via Veneto sarà presentato il volume “La dolce vita minuto per minuto” Tutta la verità su un fenomeno falsato di Victor Ciuffa edito da Ciuffa Editore con la presentazione di Ferruccio De Bortoli Redatto in forma di cronaca e di reportage quotidiano attraverso la descrizione minuto per minuto, notte per notte, di una serie di avvenimenti cui l’Autore ha partecipato e personaggi che ha conosciuto, questo racconto ha l’intento di spiegare i profondi motivi della nascita di un fenomeno, di una mentalità, di un costume. Sono moltissimi gli episodi e soprattutto i nomi che esso contiene, destinati a suscitare nostalgie negli anziani e curiosità nei giovani, misti a riferimenti e a dati essenziali di carattere economico, politico, sociale e sindacale, che servono per inquadrare il fenomeno di un’epoca. Quell’epoca esercita tuttora ed eserciterà sempre una forte attrazione sul pubblico europeo, americano, mondiale. La dolce vita ha rappresentato per l’Italia degli anni 50-60 quello che prima la Bella Èpoque, poi gli Anni Ruggenti rappresentarono per l’Europa di fine ‘800 e inizio ‘900: un fenomeno essenzialmente di costume, che poteva fiorire solo in un certo contesto. Quello. Insieme all’Autore, interverranno alla presentazione, tra gli altri: Angelo Rizzoli, fondatore della Rizzoli Editore e produttore cinematografico Arrigo Levi, giornalista, conduttore televisivo, consigliere della Presidenza della Repubblica Luigi Frati, rettore dell’Università La Sapienza di Roma Maurizio De Tilla, presidente dell’O.U.A.(Organismo Unitario dell’Avvocatura) Fred Bongusto, artista Sarà inoltre presente Francesca Fellini. Luca Giurato modererà l’incontro

Posted in Cronaca, Recensioni | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Al via l’85° sagra dell’uva

Posted by fidest on Sunday, 27 September 2009

Marino 1-5- Ottobre ‘09  La Città di Marino si prepara ad inaugurare l’ ottantacinquesima Sagra dell’Uva dall’1 al 5 ottobre 2009. Nel cuore della zona vinicola dei Castelli Romani, dal 1925, Marino è l’apprezzato itinerario enogastronomico tra storia, religione, costume e cultura capace di decantare, in maniera unica, il nettare degli dèi.  Legata alla tipicità del territorio e immersa nella magica cornice dei Castelli Romani, la Città di Marino, durante la Sagra dell’Uva, è l’insolito palcoscenico che alterna scenografie per dialoghi tra cultura, business, tradizione e religione. Una singolare miscela di garanzia che si versa sullo sfondo di stand gastronomici, solleticando con approfondimenti seducenti ed inebrianti odori. Marino re-interpreta l’antica festa sacra, istituita da Papa Pio V per la vittoria riportata contro i Turchi la prima domenica di ottobre del 1571, e la festa della Madonna del Rosario, sotto la cui protezione era stata posta la spedizione profumandole di uva appena raccolta. Il rito della tradizione e della convivialità è la tappa più attesa tra gli appuntamenti di fine stagione. Intrecciandosi col frutto della vite, la rassegna enogastronomica, incontra il gusto di imprenditori, produttori, consumatori turisti e curiosi colorando Marino di fiori e grappoli d’uva.   Negli spazi di una “cinque giornate” che cambia ogni volta la sua immagine, l’evento più atteso resta “il miracolo”. E’ quando l’acqua lascia il posto all’oro di Bacco ed i fuochi d’artificio illuminano il cielo che il vino, ottenuto dalle uve dei vitigni a bacca bianca, Malvasia e Trebbiano, abbandona le botti per sgorgare, con insoliti zampilli dalla secentesca fontana dei Quattro Mori. Sospesa l’erogazione dell’acqua nelle condutture delle fontane cittadine, infatti, secco, amabile o dolce il vino, protagonista indiscusso della festa, colora un “miracoloso” brindisi che riunisce religione, storia, costume, tradizione e cultura. La Kermesse, che gode del primato italiano nel settore, deve al “prodigio” che si rinnova da 85 edizioni, la fama internazionale.  Vestita d’altri tempi per i festeggiamenti di autorevole, quanto gioiosa, attualità storica, la versione ‘09 dell’insolita Kermesse a ritmo di danze, musica e parate offre un calendario fitto di appuntamenti e denso di emozioni. Immancabili effetti scenici ricchi di contenuti, saranno la eco dentro e fuori le passerelle e per la tradizionale sfilata in abiti d’epoca, calcata da celebri testimonial del mondo dello spettacolo, la Sagra dell’Uva promette di infiammare la collezione della nuova stagione “per-bacco”.

Posted in Cronaca, Viaggia | Tagged: , , , | Leave a Comment »

I voli dell’Arcangelo

Posted by fidest on Wednesday, 16 September 2009

Studi su d’Annunzio, Venezia ed altro di Maria Rosa Giacon Pag. 360 – Euro 20 – ISBN: 978 – 88 – 7606 – 135 – 6 Lavorare sulle fonti di un autore è accedere alla sua “officina”: là dove, se l’autore è un grande, i vari metalli vengono sottoposti a rifusione seguendo i percorsi di affascinanti strategie inventive. Nei cinque saggi che compongono questo volume, Gabriele d’Annunzio, forse il più noto “plagiario” della nostra letteratura, viene osservato trasvolare fra i tanti generi e stili della materia da cui trae spunto la sua ispirazione: guide didattiche e trattati d’estetica, saggistica letteraria e storia del costume, giornali di viaggio e cesellata poesia. In simile varietà, costante resta tuttavia la singolare reattività poietica che investe la fruizione del grande “rielaboratore”. Registrando, dunque, i diversi apporti delle fonti, le intenzioni di questo studio sono in realtà mirate a porre in rilievo le modalità struttive dalle quali discende la creazione di d’Annunzio. E, fra i teatri prediletti dell’invenzione dannunziana, prima è la città di Venezia. Irresistibile sorcière, la Città-Donna del Fuoco è anche una potente alleata, che, per più d’un ventennio, dalla giovanile ispirazione libresca al concreto vissuto del periodo bellico, accompagnerà di volo in volo l’arte dell’“Arcangelo”. Maria Rosa Giacon è nata a Venezia nel 1950. Dottore di Ricerca con una tesi sulle fonti francesi del romanzo dannunziano, si dedica da molti anni a ricognizioni nell’ambito dell’intertestualità e della semiologia del testo poetico e narrativo. Ha curato l’Innocente per gli Oscar Mondadori ed è autrice di vari saggi su scrittori italiani tra fine Ottocento e primo Novecento, quali, oltre a d’Annunzio, Fogazzaro, Pascoli, Soffici, Palazzeschi.

Posted in Recensioni | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Il futuro dell’Europa

Posted by fidest on Monday, 17 August 2009

L’Europa è stata la culla ed è tuttora l’espressione più spiccata del sistema liberale. Vale a dire di una struttura politica e spirituale, caratterizzata dai partiti, che hanno radici in una lunga storia e non sono puramente politico-elettorali, che si sono formati attraverso un processo ricco di conflitti in cui però sostanzialmente si alternano fasi di pacifica contrapposizione e di collaborazione. E’ questo il motivo per il quale molti osservatori, entro e fuori il vecchio Continente, guardano con una certa perplessità questo processo unificante che è chiamato a risolvere antichi e mai domi contrasti culturali, etnici, di costume ed anche razziali. L’Europa, a nostro avviso, non si costruisce sulle semplici dichiarazioni d’intenti ma pretende fondamenta più solide. Occorre, in altri termini, costruire una società partendo dal basso dal punto di vista del ceto, perché l’unità europea non è solo un movimento borghese e d’èlite, e dalla scuola, in ogni ordine e grado, perché l’Europa è  e resta un fatto culturale, di apprendimento e di consapevolezze.

Posted in Politica | Tagged: , , , | Leave a Comment »

“Enrico IV” a Schio

Posted by fidest on Wednesday, 20 May 2009

enrico IV21 maggio (ore 21) al Teatro Astra di Schio. Interpretato da Ugo Pagliai e Paola Gassman. Considerato il capolavoro teatrale di Pirandello assieme a “Sei personaggi in cerca di autore”, “Enrico IV” è un dramma sottoforma di commedia in tre atti scritto nel 1921. L’opera porta con sé una profonda riflessione sul significato della pazzia e sul tema, caro a Pirandello, del rapporto complesso tra personaggio e uomo, tra finzione e verità. La trama è celeberrima: vent’anni dopo la tragica cavalcata in costume che ha portato il protagonista a “immedesimarsi” nel personaggio di Enrico IV, Matilde Spina (la donna di cui era innamorato), Belcredi (il suo vecchio rivale in amore), la figlia di lei, Frida, e il suo fidanzato marchese Di Nolli (nipote del protagonista) vanno da Enrico accompagnati dal dottor Genoni (molto interessato al caso della sua pazzia) con l’intenzione di farlo rinsavire. L’arrivo di questi ospiti nella villa dove da vent’anni Enrico vive il suo personaggio – nei primi dodici realmente pazzo, negli ultimi otto per dolorosa necessità – con i suoi quattro finti consiglieri segreti e il fedele maggiordomo travestito da umile fraticello, crea uno sconvolgimento emotivo in tutti i personaggi della vicenda che, ognuno a suo modo, rivive le emozioni del passato e lo stridente contrasto con il presente. L’idea del dottore è questa: mettere davanti a Enrico IV contemporaneamente Frida e la madre Matilde vestite con lo stesso costume del giorno della cavalcata, in modo da rendere evidente la distanza del tempo e farlo così rinsavire d’un tratto. Nell’allucinante e vivacissimo dialogo che ne segue, la follia appare come saggezza e la saggezza come inconsapevole follia. Il capolavoro di Pirandello sarà portato magistralmente sul palcoscenico del Teatro Astra da Paola Gassman e Ugo Pagliai (nei panni del protagonista), affiancati in scena da Roberto Petruzzelli, Alessandro Vantini, Teodoro Giuliani, Roberto Randelli, Giuseppe Lanino, Beatrice Cardini, Andrea De Manincor, Francesco Godina e Francesco Mei. Firma la regia Paolo Valerio, che presenta il suo lavoro: “Quando ci si confronta con un capolavoro occorre l’umiltà artistica e la consapevolezza critica che il testo sia già in sé carico della forza del messaggio e di attualità. Il nostro Enrico IV vuole raccontare uno stato d’animo personale e universale: la paura di vivere e di amare, e nel frattempo lo scorrere del tempo, quando all’improvviso ci si rende conto che la vita è già passata, e ancora non si è iniziato a viverla. Enrico IV è un uomo strano, forse troppo sensibile, che si rifugia nella pazzia per non affrontare un mondo cinico e meschino. Un uomo solo che rappresenta la nostra solitudine, che ci parla guardandoci negli occhi”. (foto enrico IV)

Posted in Cronaca, Mostre - Spettacoli | Tagged: , , , | Leave a Comment »

I cattolici italiani in politica e nel sociale

Posted by fidest on Monday, 13 April 2009

E’ stata, a ben vedere, sempre un aspetto controverso e solo a tratti stemperato dal rispetto per le gerarchie ecclesiastiche che sul territorio hanno cercato di comporre con discrezione le varie “liti” tra fratelli. Ora che le tensioni si sono attenuate sotto il profilo ideologico, emerge la consapevolezza che si sta sviluppando una nuova forma di laicismo che coinvolge anche i cattolici. In nome di questa aconfessionalità si maturano le convinzioni più trasgressive sotto l’aspetto dell’ortodossia religiosa. Pensiamo al divorzio, ma anche all’aborto, alle ingegnerie genetiche e riproduttive e alle varie disinvolture sessuali sia etero che omo. Certe battaglie di “costume”, tuttavia, vanno viste dalle gerarchie religiose in un modo meno rigido e se vogliamo più riflessivo. Non per questo, di certo, venendo meno ai principi, ma nel trovare almeno in qualche forma di trasgressione una via di compromesso onorevole per entrambe le parti. Pensiamo al divorzio. Quante coppie di cattolici hanno divorziato e sono considerate per la Chiesa in peccato mortale? Forse troppe per non cercare di fare qualcosa che le riporti nella comunità ecclesiale prendendo atto che talune scelte sono state fatte per sanare dolorose situazioni familiari che si trascinavano da tempo. Il dover distinguere tra la “moda” il “capriccio” e la “necessità” è un primo passo per non fare di tutta l’erba un fascio e di ricercare un modo di comprendere il senso proprio di quel grande sentimento che si chiama amore. Sentimento, intendiamoci bene, e non altro.

Posted in Fidest - interviste | Tagged: , , , | Leave a Comment »

 
Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 44 other followers