Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 26 n° 170

Posts Tagged ‘disquilibri’

Manovra e risorse

Posted by fidest on Sunday, 21 August 2011

Se riprendessimo la lettura dei vari comunicati che ci pervengono dove si evidenziano le possibili fonti di risparmio e possibilità di recuperare i soldi spesi in sprechi, in mancati controlli, in attività che generano indebiti introiti come il lavoro in nero e che provocano disquilibri competitivi e concorrenza sleale per le aziende che operano alla luce del sole, noi ci troveremmo con un “tesoretto” che andrebbe ben di là della somma richiesta con la presente manovra. Parliamo di qualcosa come 95 miliardi di euro.
Tutto questo, ovviamente, non si recupera se non con adeguate riforme strutturali sul mercato del lavoro, sulle attività imprenditoriali (reintroducendo, ad esempio, il reato in falso di bilancio), sulla sanità passando dall’assistenza universale alla “prevenzione universale” e, soprattutto, a potenziare i controlli sulle importazioni dai paesi che immettono in Italia prodotti taroccati e falsi.
Noi abbiamo da anni proposto alla Presidenza del Consiglio un dipartimento per il recupero delle risorse a costo zero e con personale costituito da ex-dipendenti ma competenti in materia e preposti ad individuare e a studiare ricerche e soluzioni adeguate. Pensiamo ad edifici costruiti e poi abbandonati, ad apparecchiature lasciate nei depositi e via di questo passo. E’ un percorso alquanto redditizio per le casse dello Stato e lo compravano le varie inchieste condotte da “striscia la notizia” e anche da numerosi servizi giornalistici e altre Tv. Perché, ci siamo spesso chiesti non si costruiscono altre carceri eppure risultano che vi sono degli stabilimenti penali costruiti e poi abbandonati, in corso d’opera, e lo stesso dicasi per ospedali e persino per una linea di metropolitana. Poi ci sono gli edifici abbandonati, ricettacoli di vagabondi e luogo privilegiato per la piccola criminalità, gli appartamenti sfitti compresi quelli sequestrati alla malavita, gli immobili non accatastati e via di questo passo. Da un primo sondaggio abbiamo potuto accertare che sarebbe stato possibile recuperare non meno di 100 milioni di euro alle casse dello stato e alle amministrazioni locali. La stessa rivisitazione di tutti gli uffici pubblici della Capitale male usati e persino inutilizzati in tutto o parzialmente porterebbero all’erario comunale e provinciale non meno di 10 milioni di euro. E il conto potrebbe continuare quasi all’infinito. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti, Economia | Tagged: , , , | Leave a Comment »

 
Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 43 other followers