Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 26 n° 95

Posts Tagged ‘evoluzione’

L’evoluzione tecnologica

Posted by fidest on Saturday, 17 August 2013

D’altra parte la ricerca di nuovi posizionamenti si rende sempre più urgente considerata la componente evolutiva in atto e la cui spinta in avanti è in continua progressione. Tali processi li dobbiamo correlare, in prima battuta, a fattori organizzativi interni e d’immagine esterna. A essi vanno aggiunti l’esigenza di rinnovamento proveniente dall’evoluzione tecnologica in atto e le diverse e mutabili tendenze ed attese della clientela, o utenza che sia, combattuta, a sua volta, tra le spinte verso il nuovo e la conservazione. Al riguardo posso dire, sin d’ora, di sapere ciò che ci aspettiamo da una società moderna, sebbene siamo distanti dal realizzarlo almeno in modo compiuto e diffuso.
E tale aspettativa, che ci proietta in avanti, va tenuta da conto se vogliamo correttamente pro-grammare il nostro futuro come individui e come im-prese produttrici di beni e servizi. Tali aspetti li posso indicare sommariamente come segue:
Si avverte la necessità di un’organizzazione del lavoro più razionale;
Cresce il bisogno di un impiego “autonomo” nella logica dell’homeworking e del teleworking;
Si afferma l’esigenza di una forma di ap-prendimento continuo in luogo di quella limitata all’età scolare;
Aumenta il bisogno di un impiego ottimale del tempo lavorativo e dello svago;
S’impone l’esigenza di una interazione tra i vari processi legati alla vita sociale sia nei rapporti privati che in quelli pubblici.
Da ciò possiamo ricavare delle soluzioni del tutto diverse dalle attuali come ad esempio:
il 20% degli italiani possono scegliere, già da ora, la propria abitazione come postazione fissa di lavoro sia autonomo che dipendente;
il 32% delle imprese possono stipulare rap-porti di lavoro diversificati e non più riferiti a singoli soggetti ma a gruppi di lavoratori o affidando parte delle attività, in specie se amministrative-contabili, di marketing, pubblicitari di relazioni interne ed esterne a liberi professionisti. Per una grande azienda come l’Ente Poste, ad esempio, ciò comporterebbe una ri-duzione del 20% del personale amministrativo-conta-bile ed il suo reimpiego ad altre funzioni;
il 25% delle attuali attività possono essere profondamente mutate. Pensiamo alle edicole dei giornali sostituite dalle rassegne stampa domiciliate via internet o intranet, al giornale telematico e via di-cendo. Lo stesso dicasi per l’area commerciale dove l’offerta può essere proposta alla clientela attraverso le televendite interattive. Le banche e gli uffici posta-li, a loro volta, possono far convergere il 20/25% della loro clientela verso l’homebanking e l’homeposting.(Riccardo Alfonso fidest@gmail.com)

Posted in Confronti, Economia | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Facciamo quadrato sulla sicurezza”

Posted by fidest on Friday, 30 March 2012

Deutsch: Festung Marghera, Festungswall Espera...

Deutsch: Festung Marghera, Festungswall Esperanto: Fortikaĵo Marghera, fortikaĵa remparo Italiano: Forta Marghera, terrapieno (Photo credit: Wikipedia)

Milano 5 Aprile 2012, ore 16:30 Mondadori Multicenter, in via Marghera 28 Il leader nella sicurezza, in collaborazione con AIPSI, propone un incontro per approfondire i nuovi fenomeni della consumerizzazione e dei millennials Consumerizzazione e millennials, due fenomeni attuali che hanno molto in comune e che determinano l’evoluzione degli strumenti IT e impongono nuovi modelli di sicurezza. Trend Micro – leader globale nella sicurezza per il cloud e AIPSI, Associazione Italiana Professionisti Sicurezza Informatica – capitolo Italiano di ISSA (Information System Security Association) – propongono un momento di approfondimento:
Consumerization, Millennials, Mobile: un nuovo approccio per l’IT.
Agenda dei lavori:
17:00 Introduzione al tema – Elio Molteni, Presidente AIPSI
17:30 Mobile Strategy – Cesare Garlati, Senior Director Consumerization&Mobile, Trend Micro
18:00 Tavola rotonda
Moderatore – Gaetano Di Blasio, Cofondatore e Vice Presidente Reportec
Relatori – Susanna Simari Benigno, Vodafone
- Gabriele Faggioli, Legal Services Consultant
- Cesare Garlati, Trend Micro
- Stefano Zanero, ISSA International Board
Per ulteriori informazioni sull’evento: http://www.aipsi.org/images/stories/food/aipsi%20quad_%20mobile%205-4-2012.pdf
Trend Micro Incorporated, leader globale nella sicurezza per il cloud, crea un mondo sicuro nel quale scambiare informazioni digitali, fornendo a imprese e utenti privati soluzioni per la sicurezza dei contenuti Internet e la gestione delle minacce. Pioniere nella sicurezza server con un’esperienza ultra ventennale, Trend Micro propone un’offerta completa per la sicurezza a livello client, server e cloud in grado di soddisfare le esigenze di clienti e partner, bloccare le nuove minacce con rapidità e proteggere i dati all’interno di ambienti fisici, virtualizzati e cloud. Basati sull’infrastruttura in-the-cloud Smart Protection Network™ di Trend Micro, le tecnologie, i prodotti e servizi per la sicurezza bloccano le minacce là dove emergono, su Internet, e sono supportati da oltre 1.000 esperti di threat intelligence di tutto il mondo. Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito http://www.trendmicro.it

Posted in Diritti, Spazio aperto | Tagged: , , , | Leave a Comment »

“Origine ed evoluzione della biodiversità animale”

Posted by fidest on Sunday, 25 March 2012

parma

parma (Photo credit: ho visto nina volare)

Parma Venerdì 30 marzo alle ore 17 all’Oratorio Novo in vicolo Santa Maria 5 , l’Associazione donne ambientaliste – ADA Onlus – propone l’incontro con DONATO GRASSO zoolologo ed etologo dell’Università di Parma sul tema “Origine ed evoluzione della biodiversità animale”. La conferenza si inserisce nel ciclo di incontri su “Diversità come ricchezza biologica, genetica, culturale”. http://www.associazionedonneambientaliste.it
Prof. Donato Antonio Grasso >> The scientific activity of D.A. Grasso concerns mainly Behavioural Ecology and Sociobiology. In particular, the main topics of his research regard several aspects of ant biology (Hymenoptera, Formicidae) studied with a multidisciplinary approach. Behavioural, morpho-functional, chemical and bioacoustical investigations were mainly focused on the reproductive behaviour, foraging, raiding activity, alarm and defence, territorial marking, orientation, reproductive behaviour and colony founding in both social parasites (such as slave-making ants) and free-living species. Other topics concern ecological aspects, such as intra- and inter-specific competition in different ant species (mainly Messor harvester ants), as well as the sociogenetics of incipient colonies. Recently started investigations are addressed to the study of the ant fauna as possible bioindicator for measuring environmental quality, especially in areas with a strong impact of human activities, such as the agro-ecosystems. Finally, further recent researches are devoted to investigate phylogenetic aspects, social structure and dispersal strategies of harvester ants of the genus Messor. Moreover, investigation are also focused on the symbiotic relationships involving ants and plant parasites (such as aphids and mealybugs) and on how ants may affect the action of parasites’ natural enemies (such as coccinellid beetles) both in natural conditions and during biological control. Read more >> http://scienzebiologiche.unipr.it/cgi-bin/campusnet/docenti.pl/Show?_id=grasso

Posted in Cronaca, Università | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Moda: L’evoluzione dell’e-commerce e il caso YOOX

Posted by fidest on Monday, 12 March 2012

Erika na Moda Lisboa 2008

Image via Wikipedia

Roma giovedì 15 marzo 2012 ore 16.00 aula magna – ex-vetrerie Sciarra via dei Volsci 122, Federico Marchetti sarà protagonista dell’ottavo incontro del ciclo di seminari I professionisti della moda per l’anno accademico 2011-2012. Federico Marchetti, fondatore e amministratore delegato di YOOX Group, parlerà agli studenti di eccellenza del corso di Scienze della moda e del Costume, di L’evoluzione dell’e-commerce e il caso YOOX.
YOOX Group è oggi il partner globale di internet retail per i principali brand della moda e del design, grazie ai suoi store multi-brand yoox.com e thecorner.com, e i numerosi Online Store mono-brand tra i quali zegna.com, valentino.com e diesel.com, tutti “powered by YOOX Group”. L’incontro è a numero chiuso per gli studenti; docenti e giornalisti possono prenotare un posto. E’ possibile seguire il ciclo di incontri anche tramite il sito http://www.seminarimodasapienza.it tramite facebook/moda sapienza e tramite twitter/moda sapienza.
(Cristina Todisco)

Posted in Cronaca, Roma, Università | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Scienza: Il passato remoto dell’Universo

Posted by fidest on Monday, 12 March 2012

Italiano: MB Monza graffiti 2011 - stencil evo...

Image via Wikipedia

Roma giovedì 15 marzo 2012 ore 15.30 aula Amaldi – dipartimento di Fisica piazzale Aldo Moro 5, si terrà la conferenza dal titolo Il passato remoto dell’universo. Attraverso la descrizione del recente esperimento spaziale Planck, del suo precursore su pallone stratosferico BOOMERanG, e dei loro risultati, si mostrerà come le misure registrate hanno permesso di sviluppare la cosiddetta cosmologia di precisione, richiedendo l’ introduzione di materia ed energia oscure per ben descrivere la composizione dell’Universo e la sua evoluzione. L’incontro si conclude con la descrizione delle problematiche cosmologiche ancora aperte, come l’inflazione cosmica e la composizione ed evoluzione dell’universo, che rappresentano vere e proprie sfide per gli sperimentatori, e i nuovi esperimenti che vengono approntati anche presso La Sapienza. (Paolo De Bernardis)

Posted in Cronaca, Roma, Università | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Lettera aperta al ministro della Difesa

Posted by fidest on Wednesday, 7 December 2011

Signor Ministro della Difesa Paolo Dipaola
Il giorno 02 agosto 2010 ho scritto una lettera aperta al presidente del CoCeR Interforze ma indirizzata anche al Capo di Stato Maggiore della Difesa ed al Comandante Generale dell’Arma nella quale, fra l’altro, segnalavo la mia perplessità in ordine “ai tempi di risposta, da parte del Comandante affiancato alle numerosissime delibere del CoCeR Carabinieri”. Una lettera ove chiedevo un autorevole intervento nella Sede Centrale Interforze ed in tutte le altre Sedi ritenute opportune nell’esclusivo interesse dell’Istituzione e dei Carabinieri di ogni ordine e grado affinchè la normativa potesse trovare una corretta applicazione ovvero che, in assenza di risposta, il CoCeR/CC sottoponesse le numerosissime problematiche deliberate alla S.V. per il tramite del Presidente del CoCeR Interforze. Risulta ancora oggi difficile pensare che le suddette delibere, in gran parte originate dalla “Base”, otterranno mai quella doverosa risposta e già mi torna in mente e si spiega meglio il perché dell’invito, da parte del Generale Luciano Gottardo (già Comandante Generale) quando ha invitato i Comandanti delle Unità di base ed intermedie, in un clima di reciproco rispetto delle delicate funzioni ricoperte; a confermare il loro impegno nel valorizzare, in ogni circostanza, le componenti della Rappresentanza Militare, favorendo il dialogo con i Consigli, rispettando i tempi di risposta alle delibere e superando eventuali difficoltà che possano rallentare il regolare funzionamento degli Organismi. Ho imparato, in questi anni, che il governo del personale dovrebbe essere preoccupazione di chi è al comando di unità e reparti anche ai minori livelli: esercizio questo di alta responsabilità da svolgere con equilibrio e serenità in primo luogo e sostanziato dall’esempio, non dimenticando mai che dietro ogni Carabiniere c’è prima di tutto un uomo.”
Anche queste ultime affermazioni, del tutto condivisibili del Generale Gianfrancesco Siazzu (già Comandante Generale) tradivano tuttavia una minore consapevolezza del fatto che “…..ormai, da parte di alcuni comandanti”, si è “persa quella capacità di percepire ed intuire situazioni di disagio….” Aspetto confermato, sempre il Generale Gianfrancesco Siazzu, quando è tornato sull’argomento nella Sua lettera datata 16/11/2006. Anche il Capo di Stato Maggiore della Difesa, nel corso di un precedente incontro (marzo 2005) con il CoCeR Interforze, ha percepito un certo stato di disagio dei delegati, dichiaratamente riferibile alla carenza di un giusto riconoscimento del ruolo della Rappresentanza e, in particolare, degli Organismi di base ed intermedi, da parte dei comandi a vari livelli.
Signor Ministro, In occasione della Sua prossima visita presso il Comando Generale dell’Arma, purtroppo, non credo vi sarà l’occasione di un incontro con il CoCeR Carabinieri che non è convocato in riunione. Possa quindi, questa articolata ma doverosa premessa, essere utile ad una riflessione anche sulla validità e sull’efficacia dello strumento “Rappresentanza Militare” affinchè le ragioni dei militari trovino finalmente quel favorevole consenso attraverso la mediazione ed una guida maggiormente “europeista” del Suo Ministero. Nei prossimi mesi si dovranno prendere decisioni anche in merito ai numerosi progetti sulla riforma della Rappresentanza dei militari. La proroga anche di questo mandato, imposta per due anni, aveva questo come principale scopo e responsabilità nei confronti dei cittadini in divisa. Dovranno quindi necessariamente essere considerate le forti aspettative di minori limitazioni a quei diritti fondamentali che sono garantiti dalla Costituzione. Aspettative che potranno essere soddisfatte solo grazie a valutazioni più aderenti all’evoluzione ed al nuovo contesto sociale. L’eventuale apertura ad una forma di rappresentanza di tipo sindacale o associativa, sono convinto, oltre al notevole risparmio di risorse economiche, rispecchierebbe quei principi di garanzia e di pluralismo già richiamati dalla Comunità Europea nel quadro di una maggiore integrazione.Diversamente, il disagio e la disapprovazione da parte di tutti i militari per una proroga del mandato del tutto ingiustificabile sarà alimentato proprio perché rimasta ingiustificata. Rispettosamente Delegato CoCeR CC Michele Fornicola

Posted in Lettere al direttore | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Rna e i segreti dell’evoluzione

Posted by fidest on Monday, 17 October 2011

Comparison of a single-stranded RNA and a doub...

Image via Wikipedia

Il gruppo di ricerca della Sapienza,  coordinato da Irene Bozzoni, con il contributo di Telethon e di “Parent Project Onlus”, ha scoperto una nuova funzione per alcune molecole di RNA che apre nuove prospettive alla comprensione dell’evoluzione dei genomi  Il meccanismo molecolare scoperto dai ricercatori della Sapienza coordinati da Irene Bozzoni, con  il contributo di Telethon e dell’Associazione di genitori “Parent Project Onlus”, può essere assimilato a un sistema di contromisure molecolari che la cellula mette in atto per proteggere se stessa.  In opportune condizioni, le molecole preposte alla sintesi di proteine (RNA messaggeri) subiscono l’attacco di specifiche molecole inibitrici (microRNA) che spesso ne provocano la distruzione, analogamente a quanto avviene per un bersaglio colpito da un missile.  La scoperta del gruppo della Sapienza rivela che, in condizioni in cui è essenziale la funzionalità dell’RNA messaggero, le cellule lo proteggono cercando di deviare i missili (microRNA) dai loro bersagli (RNA messaggeri).
Tali sistemi di contromisura sono attuati da molecole di RNA (RNA decoy) la cui funzione non è quella di sintetizzare proteine (come per la maggior parte delle molecole di RNA) ma di attirare su se stessi i microRNA impedendone l’azione di disturbo sugli RNA messaggeri.  Nel lavoro pubblicato sulla prestigiosa rivista Cell (Cesana et al., Cell, vol. 147, issue 2), è stato dimostrato che l’azione di tali molecole è fondamentale nel permettere il corretto differenziamento di cellule muscolari. In particolare è stato osservato che durante il differenziamento muscolare viene prodotto un RNA decoy (linc-MD1) che sequestrando due microRNA (miR-133 e miR-135) permette la sintesi di proteine che svolgono un ruolo chiave nell’indurre il differenziamento muscolare.  Inoltre è stato scoperto che tale RNA decoy è poco espresso in cellule distrofiche umane. Tale carenza potrebbe essere una delle cause del ritardo differenziativo che si osserva nella Distrofia muscolare di Duchenne, aprendo pertanto interessanti prospettive per nuove strategie terapeutiche in questa patologia.  Oltre agli aspetti clinici, la scoperta apre anche un nuovo inaspettato scenario nella comprensione delle funzioni di quella consistente parte del genoma umano che non è preposto alla sintesi delle proteine, ma ad altre attività. Fino ad ora queste funzioni erano largamente sconosciute.  Nelle cellule di mammifero solo una piccola percentuale del DNA produce RNA che saranno tradotti in proteine, al contrario una grossa porzione del genoma è trascritta in RNA non codificanti. Proprio quest’ultima componente sembra essere responsabile dell’aumento della complessità funzionale dei mammiferi e dell’uomo in particolare. “Una delle domande fondamentali a cui biologi molecolari e genetisti hanno da sempre cercato di rispondere – spiega Irene Bozzoni – è quale sia la base genetica dell’aumento delle complessità funzionale dell’uomo rispetto ad organismi semplici. Gli sforzi compiuti nel sequenziamento e nell’analisi dei genomi ci hanno all’inizio sorpreso perché indicavano che tra un moscerino e un uomo il numero di geni che producono proteine non è molto diverso, .mentre ciò che aumentava proporzionalmente alla complessità era il DNA non codificante”. L’identificazione di una nuova funzione rilevante per l’RNA sottolinea ulteriormente come sia la complessità dei meccanismi di regolazione e non tanto il numero di proteine ciò che distingue gli animali più evoluti da organismi più semplici.

Posted in Roma, Università | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Boom radiazioni

Posted by fidest on Wednesday, 17 August 2011

Proprio in questi giorni il Ministro della Salute Ferruccio Fazio, nel rispondere ad un’interrogazione parlamentare, ha portato alla ribalta un problema che è stato troppo spesso sottovalutato: quello dei rischi connessi all’esposizione troppo frequente alle TAC, specie per i più piccoli. La questione, però, non riguarda solo le TAC e i bambini che comunque sono i soggetti più a rischio essendo gli stessi maggiormente radiosensibili ed avendo una più lunga aspettativa di vita, ma negli ultimi anni, a causa dell’evoluzione degli strumenti diagnostici, sempre più affidabili ma anche sempre più invasivi, la quantità media di radiazioni assorbite tramite il cosiddetto imaging diagnostico (Raggi “X”, TAC, risonanze magnetiche e così via) è arrivata a livelli inimmaginabili solo qualche anno or sono. Tra le novità sul mercato della diagnostica, vi è da segnalare quanto fanno alcuni studi dentistici ed altri specialisti, come rivela il New York Times in una sua inchiesta, che stanno adottando in maniera indiscriminata un nuovo dispositivo di scansione che emette radiazioni significativamente più forti rispetto ai metodi tradizionali, noto come cone-beam CT scanner, che da una parte fornisce chiarissime immagini 3-D di denti, radici, mascella e persino cranio, ma dall’altra viene spacciato in riviste o conferenze ad hoc, come completamente innocuo da dentisti prezzolati o sponsorizzati dai produttori, mentre è pur sempre uno strumento invasivo.
Il Rapporto stima che negli Stati Uniti – ma in Europa i dati dovrebbero essere del tutto simili – dal 1980 a oggi la quantità di radiazioni pro capite assorbite in questo modo dai cittadini è aumentata di ben sette volte. Tutto ciò sarebbe l’ovvia conseguenza del ricorso troppo facile all’imaging diagnostico, che costituisce anche una voce di bilancio importante dei vari sistemi sanitari. Come è noto, infatti, l’utilizzo della diagnostica ad immagini è ormai uno dei fulcri della medicina generale e di gran parte delle varie branche, tanto che possiamo concordare sulla circostanza che costituisca uno strumento pressoché indispensabile per certi aspetti, ma per altri, dovrebbe essere utilizzato con maggior prudenza specie tra i giovani perché aumenta, seppur non di molto, l’incidenza del rischio del cancro. Per tali ragioni chiediamo al Ministero della Sanità di avviare immediatamente la campagna promessa di prevenzione ed informazione, al fine di far comprendere che l’utilizzo frequente e non a fini indispensabili della diagnostica ad immagini può essere causa di gravi problemi della salute specie dei più piccoli, con effetti che si verificano a lungo termine. (Giovanni D’Agata componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti)

Posted in Medicina | Tagged: , , , | Leave a Comment »

“150 anni di sanità pubblica”

Posted by fidest on Friday, 27 May 2011

Roma 31 Marzo 9-13 Aula Convegni del CNR Piazzale Aldo Moro, Il 150° anniversario dell’Unità d’Italia rappresenta un’occasione irripetibile per rafforzare l’identità nazionale e per stimolare sentimenti di amore alla patria, di fratellanza e solidarietà. Questo straordinario Giubileo della Nazione deve essere utilizzato ad ogni livello per riflettere sulla Storia d’Italia. Una lettura della storia dello Stato Italiano può venire offerta dall’analisi dei cambiamenti avvenuti nello stato di salute della popolazione, dell’evoluzione delle conoscenze medico-scientifiche e delle forme di assistenza erogate dal 1861 ad oggi. Il convegno rientra tra le iniziative sostenute ufficialmente dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri nell’ambito delle celebrazioni dei 150 anni di Unità Nazionale. (dr. Walter Pasini)

Posted in Cronaca, Medicina, Roma | Tagged: , , , | Leave a Comment »

La medicina estetica “Glocal”

Posted by fidest on Sunday, 8 May 2011

University of Siena - old cloister (2)

Image by jonathan rieke via Flickr

La realtà mondiale, in rapidissima evoluzione, sta modificando tutti gli schemi tradizionali per tentare di classificare, sotto il profilo estetico, le tipologie umane. Funziona ormai in tutti i continenti e non solo negli Stati Uniti il melting pot, un grande pentolone all’interno del quale si mescolano: razze, colori, mappe genetiche, DNA, esaltando e rinnovando i singoli ingredienti. La differenza tra caucasici, asiatici e africani rappresenta uno degli schemi classici per definire le tipologie umane, ormai superato dalla globalizzazione. Ad ogni razza i suoi problemi estetici: disidratazione per le pelli scure, tendenza a discromie e macchie negli asiatici, foto invecchiamento con rughe e avvizzimento anche precoci per i caucasici, che più di ogni altra razza sembrano accusare, sulla propria pelle, i segni del tempo. Ma la cosmetologia, la scienza della bellezza e della prevenzione dall’invecchiamento, è nata soprattutto nei paesi più ricchi e industrializzati e ha concepito migliaia di prodotti sul modello prevalentemente caucasico, con qualche nicchia di tradizione del mondo orientale. Oggi, nasce sempre più per i medici il bisogno di poter fare una sicura diagnosi cutanea (spesso legata alla struttura e al colore della pelle) e di poter operare, efficacemente e in sicurezza, con trattamenti preventivi e di mantenimento estetici, trovandosi di fronte alle nuove tipologie, altamente variabili e indefinibili, della razza umana. Ne sta nascendo una sfida scientifica per soddisfare i nuovi bisogni e trovare nuove funzionalità cosmetiche, da soddisfare con textures differenziate, che rispettino i valori cutanei (pH, tasso di idratazione, valori sebometrici, ma anche processi enzimatici diversi a livello epidermico). La globalizzazione porta nuove sostanze attive, spesso mutuate da antiche tradizioni, per soddisfare al meglio il mantenimento (o la modifica strutturale) della cute e dei capelli, verso un’immagine globalizzata di bellezza. Basti pensare alla moda di avere capelli lisci, lunghi, lucenti, che sta contagiando tutte le giovani donne del mondo. Per finire non bisogna dimenticare i risvolti culturali e religiosi, che portano a formulare linee di trattamento nel rispetto delle filosofie orientali, dell’islamismo (cosmetici Halal e Haram), e infine di antichissime culture quali l’Ayurveda indiana. Una cosmetologia sempre più globalizzata, dove il melting pot rappresenta veramente il grande contenitore da laboratorio dove si mescolano ingredienti, competenze, scienza e tecnologia di una delle discipline più dinamiche e innovative nel soddisfare i bisogni di bellezza e benessere dell’uomo del terzo millennio. (Prof.ssa Carla Scesa, docente di Cosmetologia Università di Siena)

Posted in Cronaca, Medicina, Roma | Tagged: , , , | Leave a Comment »

UNDERground: Mostra collettiva

Posted by fidest on Wednesday, 13 April 2011

Roma (zona Piramide) dal 16 al 29 aprile 2011 Galleria Gard, Via dei Conciatori 3/i, Inaugurazione: sabato 16 aprile18.30 (dal martedì al sabato 16.00-19.30)  Curatrici: Mara Valente e Marina ZattaGard” GARD, Galleria Arte Roma Design, nasce nel 1995, con la funzione di editore, promotore, produttore e diffusore di opere di arte e design di artisti e designer emergenti. Nel tempo le sono stati riconosciuti contenuti di particolare creatività e fantasia sia dalle Istituzioni Pubbliche sia dai media che hanno seguito sempre con grande interesse l’evoluzione della Galleria che oggi è diventata un importante punto nevralgico per gli artisti emergenti, diventando un punto di raccordo e sperimentazione. Negli anni, numerosi personaggi già consacrati del mondo della pittura, della poesia, del teatro e del cinema, si sono avvicinati alla Galleria collaborando con il suo staff in numerose iniziative. Soqquadro dedica questa mostra alla metropoli, alla città vista non solo come antagonista della natura, ma anche come espressione del vivere umano moderno, una visione poetica della città e non solo denigratoria. Strade, metropolitane, grattacieli, autobus, traffico, smog, visti non unicamente come manifestazioni dell’uomo ‘contro’ la natura ma anche dell’individuo moderno che crea il suo habitat. La globalizzazione economico-culturale e gli stravolgimenti geopolitici hanno causato trasformazioni a livello mondiale, incidendo anche sugli assetti locali, delle piccole realtà, in cui la espansione omologante, paradossalmente, ha condotto a far emergere nuove specificità: nel theatrum urbano in fibrillante evoluzione i segnali del cambiamento stanno modellando nuove forme e percezioni, sovrapposte a quelle preesistenti. Le metropoli contemporanee raccontate attraverso gli occhi di coloro che le abitano, artisti ma anche cittadini di mondi underground tutti ancora da scoprire, nelle quali luoghi, rumori, persone, colori sono in eterna evoluzione…   L’intento della mostra è quello di aprire uno squarcio su queste recenti realtà quotidiane, per esplorarne i nuovi confini ed espressioni; una proposta di analisi positiva e non il consueto atto d’accusa nei confronti della metropoli aberrante, ma soprattutto un gesto poetico rivolto all’affascinante concretezza della ‘città contemporanea.

Posted in Cronaca, Mostre - Spettacoli, Roma | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Ariccia e il “ponte monumentale”

Posted by fidest on Friday, 1 April 2011

Ariccia (Rm) Mi preme – afferma il Sindaco Emilio Cianfanelli – dare una corretta informazione in merito alla delicata situazione del Ponte Monumentale. Lo scorso venerdì 25 marzo abbiamo avuto un incontro presso il Ministero delle Infrastrutture con l’Anas e i consulente tecnici che hanno curato gli studi statici e sismici sui tre viadotti. Da questo incontro è emerso quanto segue:
• i ponti non sono adeguati alle norme sismiche vigenti e vanno adeguati;
• il Ponte Monumentale presenta rilevanti criticità per le quali va fatta una manutenzione straordinaria urgente;
• è necessario effettuare ulteriori studi ed un monitoraggio delle strutture e dei terreni per verificare eventuali situazioni di evoluzione della situazione geologica e strutturale;
• è necessario avviare la fase di progettazione degli interventi di manutenzione straordinaria e di adeguamento antisismico dei viadotti ed in particolare del Ponte Monumentale.L’Anas presenta la relazione del prof. E.F. Radogna (che ha già redatto il primo studio sul Ponte Monumentale nel 1997 nel quale venivano già evidenziati notevoli problemi sulla struttura) nella quale lo stesso professionista conclude ritenendo non consigliabile la riapertura del traffico pesante sul Ponte Monumentale. Lo stesso prof. Petrangeli fa rilevare delle anomalie nella spalla del ponte verso Roma le quali debbono essere approfondite e monitorate con l’utilizzo, se possibile, di mezzi di rilevo satellitari o, in alternativa, attraverso sistemi tradizionali.Ad oggi il Comune di trova di fronte a due grandi problemi:il primo è quello del transito dei mezzi pubblici che debbono continuare a percorrere via del Pometo, via Appia Antica e via Vallericcia con la conseguenza che si rende necessaria una radicale manutenzione viaria straordinaria di questa viabilità già degradata dall’attuale transito dei pullman;il secondo è quello legato alla necessità di far partire immediatamente gli incarichi di progettazione degli interventi straordinari di ristrutturazione del Ponte per i quali si è stabilito che la stazione appaltante deve essere il comune di Ariccia al quale le opere sono state consegnate.In una nota di questi giorni del Ministero delle Infrastrutture, il Direttore Generale esprime al Ministro l’estrema urgenza di reperire fondi per l’avvio della manutenzione straordinaria di ponti che in Italia si trovano in condizioni simili al nostro, evidenziando come ciò debba essere inserito in un Piano che riguarda migliaia di strutture. Questo ci dimostra che l’azione di studio sul Ponte, intrapresa da questa Amministrazione, era non solo necessaria ma indispensabile per evitare di mettere in pericolo la vita di molte persone. (Daniele Ricca)

Posted in Spazio aperto | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Unità d’Italia e pediatria preventiva

Posted by fidest on Tuesday, 15 March 2011

La Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS), dedica un numero speciale della Rivista Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale, rivista trimestrale, organo ufficiale della Società, ai centocinquant’anni dell’Unità nazionale. Vengono pubblicati contributi di autorevoli pediatri italiani che illustrano l’evoluzione dei vari aspetti della pediatria, soprattutto il settore della pediatria preventiva e sociale, dall’Unità a oggi.La rivista contiene contributi di Silvano Bertelloni, Presidente della Società Italiana di Medicina dell’Adolescenza; Sergio Bernasconi Direttore della  Clinica Pediatrica e del Dipartimento delle Età Evolutiva dell’Università degli Studi di Parma; Editor in chief della rivista scientifica: “Italian Journal of Pediatrics”; Giuseppe Roberto Burgio, Professore emerito dell’Università di Pavia, al quale è intitolato il dipartimento di pediatria dell’Ateneo pavese; Giovanni Corsello, ordinario di pediatria presso l’Università di Palermo e vicepresidente della Società italiana di Pediatria; Giuseppe Di Mauro, Presidente della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale; Italo Farnetani, professore a contratto presso l’Università di Milano-Bicocca e autore della prima Storia della pediatria italiana; Armido Rubino, professore emerito di pediatria presso l’Università Federico II di Napoli e Presidente della Società italiana di ricerca in pediatria.La Rivista Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale è distribuita in abbonamento e sarà consultabile gratuitamente, dal prossimo giugno, sul sito http://www.sipps.it

Posted in Medicina, Spazio aperto | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Prima Collettiva a Roma

Posted by fidest on Tuesday, 8 February 2011

Roma 8 febbraio 2011 ore 19.30 Caffè Letterario viale Ostiense 95,  con il Patrocinio della Regione Lazio in collaborazione con il  CSF ADAMS – Centro Sperimentale di Fotografia, la Galleria Gallerati di Roma e la partecipazione di Vircillo e Succurro immagine e comunicazione, presentano la prima edizione di CAMERA OSCURA, progetto finalizzato alla promozione di giovani talenti che, a ritmo di scatti fotografici, avranno la possibilità di poter avviare o consolidare la propria carriera artistica. Tre contest, nove finalisti, una giuria tecnica e un solo vincitore al quale verrà data la possibilità di accedere gratuitamente ad uno dei corsi promossi e finanziati dal Centro Sperimentale di Fotografia, oltre alla permanenza in mostra dell’opera vincitrice presso gli spazi della Galleria Gallerati di Roma. Il contest, a cura di Alessandra Fina e Claudia Pettinari, propone al pubblico e agli addetti ai lavori, una selezione di nuove proposte fotografiche, originali ed interessanti, in cui trovano espressione fantasia e realtà, emozione e ragione, valori e ideali. Una rassegna realizzata per dare spazio a tutti gli appassionati di fotografia e non solo, un progetto destinato a creare un nuovo sistema di esposizione che, a cadenza periodica, possa offrire uno sguardo contemporaneo al panorama dell’arte fotografica e della sua evoluzione.

Posted in Cronaca, Recensioni, Roma | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Charles Darwin: Perché l’evoluzione è vera

Posted by fidest on Sunday, 30 January 2011

Charles Darwin, photographed by Julia Margaret...

Image via Wikipedia

Il 12 febbraio ricorre l’anniversario della nascita di Charles Darwin; per celebrare questa ricorrenza Codice edizioni pubblica il testo di uno degli scienziati oggi più noti al mondo, Jerry Coyne, che con il suo libro “Perché l’evoluzione è vera” (Codice edizioni, 2011) combatte le pericolose derive del creazionismo con la disarmante verità della teoria di Darwin. Un piccolo gioiello della divulgazione, dove la passione per la scienza ben raccontata diventa un acuto strumento di analisi sociale.
Jerry Coyne è professore presso il dipartimento di biologia della University of Chicago. Ha scritto più di un centinaio articoli scientifici, e pubblica regolarmente su “The Times Literary Supplement”.
Jerry Coyne, Perché l’evoluzione è vera, Codice edizioni, 2011 pp. 320, euro 29,00

Posted in Cronaca, Recensioni | Tagged: , , , | Leave a Comment »

 
Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 39 other followers