Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 26 n° 95

Posts Tagged ‘farmacia’

80 anni di Farmacia a Pavia

Posted by fidest on Thursday, 26 September 2013

Collegio Borromeo, one of the historical unive...

Collegio Borromeo, one of the historical university residences in Pavia. (Photo credit: Wikipedia)

Pavia 30 settembre 2013 – Aula Magna dell’Università. Nel 1933, con Regio Decreto 31 agosto 1933 n.1592, veniva fondata a Pavia la Facoltà di Farmacia. 80 anni di attività didattica e scientifica, che l’Università di Pavia festeggia il 30 settembre, insieme al Dipartimento di Scienze del Farmaco, diretto dalla prof. Gabriella Massolini, ai docenti e agli studenti dei corsi di laurea in Farmacia e in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche.La cerimonia del 30 settembre, oltre a celebrare la significativa ricorrenza, intende ricordare la trasformazione che portò dalla Scuola di Farmacia allaFacoltà, evidenziando le radici storiche e, soprattutto pensando ai giovani, le prospettive future della professione del farmacista e dei laureati in CTF. Il programma della giornata, che prevede interventi di docenti, rappresentanti degli ordini professionali ed esperti, offrirà anche l’occasione per avviare il nuovo anno accademico dei corsi di laurea in Farmacia e CTF.Programma30 settembre 2013
Ore 9.30 – Saluto delle Autorità Accademiche
Ore 10.00 – Prof. Renata Crotti – La professione del farmacista nella storia
Ore 10.15 – Dott. Carlo Bagliani – La scuola di farmacia nell’Ateneo pavese e la storia dei suoi illustri cattedratici
Ore 10.30 – Prof. Ettore Novellino – Il farmacista nel terzo millennio
Ore 11.00 – Prof. Carlo Rossi – L’industria farmaceutica e il corso di laurea in CTF
Ore 11.30 – Prof. Alessandro Rigamonti – La nascita del corso di laurea in CTF all’Università di Pavia e la sua importanza per l’industria farmaceutica.
Interverranno alla giornata il presidente FOFI Sen. Andrea Mandelli e il presidente dell’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pavia Dott. Roberto Braschi.
Ore 12.30 – Cortile delle Magnolie – Brindisi finale.

Posted in Cronaca, Università | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Farmacia e cosmetica

Posted by fidest on Friday, 11 May 2012

«L’appuntamento – ha commentato Vincenzo Maglione, presidente del Gruppo Cosmetici in Farmacia di Unipro – ha permesso di chiarire, nello scenario competitivo attuale, l’importanza ed il valore del cosmetico in farmacia. Oggi le dinamiche impongono una scelta di qualità ancora maggiore ed è questo che i clienti chiedono e vogliono quando entrano in farmacia. Il cosmetico in farmacia diviene quindi un ottimo veicolo di salute moderno che risponde alle richieste dei consumatori e supporta il valore scientifico della farmacia in quanto “casa della salute”».«La farmacia, sia perché è facilmente accessibile per la presenza capillare sul territorio, sia per la disponibilità dei farmacisti al dialogo e al confronto con il paziente, da sempre riesce ad avere un rapporto di vicinanza e fiducia con il cittadino, come confermato anche dalla recentissima indagine condotta dall’Istituto per gli Studi sulla Pubblica Opinione. In un quadro di grande attenzione all’utente i cosmetici diventano uno strumento in più che la farmacia ha per rispondere alla nuova domanda di salute e benessere psicofisico della popolazione. Un benessere che passa anche per un maggiore interesse verso la cura di sé, perché piacersi è un modo per stare bene con se stessi e con gli altri. Ritengo che il valore aggiunto che la farmacia può dare anche alla cosmesi debba indurre i produttori a investire sul nostro canale per ottenere una sinergia che vada a vantaggio di tutti: dell’azienda che vede adeguatamente valorizzati i propri prodotti, del cittadino che sa di poter trovare in farmacia risposte di qualità, della farmacia stessa che vede riconosciuto anche in questo campo la propria funzione di punto di riferimento per il benessere del cittadino». Questo il commento di Annarosa Racca, presidente di Federfarma.«Il dibattito – ha aggiunto Maglione – ha anche mostrato l’evoluzione del settore distributivo, e in prospettiva, l’apertura delle nuove farmacie previste dal DL Liberalizzazioni che potranno aiutare la corretta espansione del settore cosmetico. A tal proposito Unipro con il Gruppo Cosmetici in Farmacia, insieme a Federfarma e FOFI, si ripromette di lavorare ancor più in congiunzione su tali aspetti migliorando le conoscenze scientifiche e quindi il servizio reso».«La cosmesi oggi rientra a pieno titolo in quella ricerca del benessere che caratterizza la nostra società. Ma proprio per questo diventa centrale la figura del farmacista, capace di guidare la scelta del cittadino in base a criteri scientifici e di offrire una garanzia ulteriore sulla qualità e la sicurezza dei prodotti. Una centralità che viene ulteriormente sottolineata dal progresso registrato in questi anni dal cosmetico stesso, che sempre più spesso presenta funzioni e azioni che vanno al di là dell’estetica pura e semplice» ha ribadito Maurizio Pace, segretario della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani

Posted in Economia, Spazio aperto | Tagged: , , , | Leave a Comment »

In Gazzetta il delisting, fuori farmacia 230 medicinali

Posted by fidest on Monday, 30 April 2012

Sono 230 i farmaci che, grazie al delisting stilato dal ministero della Salute, “lasciano” la fascia C e potranno essere venduti anche nelle parafarmacie e nei corner della grande distribuzione senza più obbligo di ricetta. La lista completa è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 26 aprile e comprende l’elenco dei farmaci di fascia C ad esclusiva vendita nelle farmacie su prescrizione medica, quelli “delistati” e altri 117 che provvisoriamente sono ancora vendibili solo con ricetta, «in attesa delle valutazioni della Commissione consultiva tecnico-scientifica dell’Aifa». In farmacia, con prescrizione ma a carico dei cittadini, restano 3.246 farmaci già esclusi dalla possibilità di essere “liberalizzati” dallo stesso decreto Salva-Italia (tra questi ad esempio i medicinali del sistema endocrino, quelli parenterali, gli stupefacenti) e altri 1.719 che, si è stabilito, non hanno le caratteristiche per essere commercializzati senza ricetta. Si potranno invece acquistare in parafarmacie e grande distribuzione 230 farmaci tra i quali medicinali contro l’herpes labiale (antivirali per uso topico a base di aciclovir), antinfiammatori da applicare sulla pelle, colliri antiallergici, antimicotici vaginali. Un delisting equilibrato secondo il presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Andrea Mandelli che sottolinea come si debba « dare atto al Ministero della Salute e all’Aifa di aver operato la scelta dei farmaci che perderanno l’obbligo della prescrizione medica con molto equilibrio, tenendo presenti le effettive necessità del cittadino in termini di automedicazione, evitando fughe in avanti che pure qualcuno auspicava». Deluse, invece le parafarmacie che per voce del presidente del Forum nazionale, Giuseppe Scioscia, sottolineano come «la montagna abbia partorito un topolino». «Non capiamo» aggiunge Scioscia «quali criteri siano stati adottati per stilare una simile lista: questo “delisting” infatti porta in parafarmacia una manciata di prodotti in larga parte già nelle nostre disponibilità.(fonte: doctornews33)

Posted in Medicina, Spazio aperto | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Arriva il “super-infermiere”

Posted by fidest on Monday, 16 April 2012

Il Servizio sanitario nazionale si apre al “super-infermiere”. Che potrà visitare, diagnosticare e anche prescrivere, anche se nell’ambito di percorsi condivisi e “multiprofessionali”, gestiti cioè assieme ai medici e alle altre fi gure del Ssn. La novità è contenuta in un documento del ministero della Salute che riscrive ruolo e competenze degli infermieri in vista di un’intesa dedicata da parte di Stato e Regioni. La bozza, diffusa giovedì sera a Ordine dei medici e Ipasvi (la Federazione dei collegi degli infermieri) per un parere, merita una lettura attenta anche da parte dei farmacisti perché getta un grosso punto interrogativo sulla cosiddetta farmacia dei servizi.
Dà da pensare già la filosofia d’approccio con cui il Ministero ha redatto la proposta. Che nel preambolo ricorda come «si stia assistendo a una significativa evoluzione delle componenti organizzativo-assistenziali» del sistema sanitario, da cui la necessità di «ridefinire gli ambiti di cura e di assistenza» in base a modalità «interdisciplinari», in uno scenario che impone «l’acquisizione di saperi elevati per ciascuna professione dell’equipe e competenze agite in una logica di integrazione, collaborazione e cooperazione». Tali principi vengono così declinati dal Ministero nelle varie aree dell’assistenza: Cure primarie (cioè territorio), emergenza-urgenza, area chirurgica, area pediatrica, area salute mentale e dipendenza. E per ognuna, la proposta detta uno schema dei nuovi profili che attendono l’infermiere.
Per i farmacisti il capitolo che li riguarda da vicino è quello delle Cure primarie, ossia la medicina del territorio. Qui la proposta ministeriale apre agli infermieri ambiti d’attività come l’utilizzo di strumenti standardizzati per l’identificazione precoce di possibili stati patologici (medicina di opportunità e di iniziativa)», il monitoraggio delle condizioni di stabilità della persona cronica, il trattamento «in autonomia» di problemi specifici sulla base di percorsi clinico assistenziali o protocolli condivisi, la prescrizione «in base a procedure e criteri condivisi di presidi e ausili a supp orto della dipendenza/non autosufficienza», l’impiego di ecografo e «altri strumenti di diagnostica semplice», l’organizzazione di campagne vaccinali, la realizzazione «in collaborazione con gli insegnanti delle scuole di specifici programmi di educazione alla salute» e molto altro ancora.
Chi ha un buon ricordo del d.lgs 153/2009 che disegnava i nuovi servizi in farmacia troverà certamente alcune sovrapposizioni. Ma la domanda più impellente è un’altra: al “super-infermiere” disegnato dal Ministero, rimarrà tempo o voglia per sviluppare quella collaborazione con il titolare di farmacia che rappresentava uno dei punti più innovativi del decreto Fazio? Oppure c’è il rischio che un professionista dal profilo così “arricchito” nel Ssn finisca per diventare un centro di gravità antitetico rispetto alle farmacie? Il dibattito è aperto, ma forse basta già a preoccupare che sul documento del Ministero sia gi&agrav e; piovuta la bocciatura dei medici di famiglia. A dir poco arrabbiati per l’invasione di campo.(fonte farmacista33)

Posted in Medicina, Università | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Direzione farmacia: fino a 65 anni per tutti

Posted by fidest on Friday, 23 March 2012

Non si scappa, il titolare che ha superato i 65 anni non può più dirigere la farmacia e deve passare la mano. E se non lo fa, prima scatta la diffida dell’Asl e quindi il provvedimento disciplinare dell’Ordine, più l’eventuale chiusura da parte delle autorità locali. Va giù duro anche sul comma 17 il parere con cui ieri il ministero della Salute ha indicato la lettura da dare ai paragrafi più ostici del decreto liberalizzazioni. Come si ricorderà, a interrogare il dicastero erano state le Regioni, che la settimana scorsa avevano chiesto chiarimenti su pianta organica, farmacie soprannumerarie, prelazione e direzione della farmacia. E proprio su quest’ultimo punto, la replica dell’ufficio legale del Ministero non poteva essere più “raggelante”. Per i titolari, ovviamente.
Innanzitutto il limite d’età: le Regioni chiedevano di sapere quale fosse, dalla Salute si fa sapere che ai sensi del regolamento Enpaf l’età pensionabile corrisponde ai 65 anni. Il titolare che li ha compiuti, quindi, mantiene la proprietà ma deve cedere la direzione. Non sono previste eccezioni, per la farmacia con monotitolarità così come per le rurali sussidiate, e l’obbligo riguarda tutti i presidi: quelli che nasceranno dal nuovo quorum e quelli già autorizzati. Più complessa invece la risposta al quesito posto dalle Regioni sui tempi di applicazione della norma e sulle eventuali ritorsioni a carico di chi si sottrae: il comma non fissa termini per l’ottemperanza né sanzioni, quindi «l’autorità sanitaria competente, tenuto conto del prevalente interesse pubblico a non interrompere il servizio farmaceutico, dovrà diffidare i titolari ad adempiere all’obbligo di legge entro un breve termine». Nel caso il farmacista non rispondesse all’intimazione, continua il Ministero «potrà darsi immediato avvio al procedimento disciplinare da parte dell’ordine professionale, ferma restando la possibilità dell’autorità locale competente di disporre, vigente ai sensi della normativa, provvedimenti che incidono sull’apertura della farmacia, in quanto non più rispondente ai requisiti di legge».(fonte farmacista33)

Posted in Spazio aperto | Tagged: , , , | 4 Comments »

Rinnovo contratto, collaboratori farmacia pubblica in sciopero

Posted by fidest on Monday, 27 February 2012

Un giorno di sciopero (il 30 marzo) per gli oltre 3.000 addetti delle farmacie pubbliche dopo la fumata nera dell’incontro per il rinnovo del contratto nazionale, rimasto fermo da 14 mesi, tra Assofarm e le sigle sindacali Fisascat Cisl, Filcams Cgil e Uiltucs Uil. Secondo quanto dichiarano le sigle sindacali ad alcune agenzie, il mancato accordo sarebbe derivato dalla posizione del rappresentante delle farmacie comunali preoccupato dagli effetti degli interventi in tema di liberalizzazione. «Pur condividendo le perplessità sugli effetti del provvedimento varato dal Governo» è la dichiarazione alle agenzie del segretario nazionale della Fisascat, Rosetta Raso, «siamo convinti che rinnovare il contratto di lavoro rappresenti anche un messaggio politico dal momento che proprio attraverso la contrattazione sarà possibile gestire le conseguenza di una norma che danneggerà gli stessi lavoratori, coinvolti in misura crescente da una flessibilità dell’orario di lavoro e dalla diminuzione delle maggiorazioni applicate sul lavoro straordinario, domenicale e festivo».(fonte farmacista33)

Posted in Welfare | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Svizzera: sperimenta la telemedicina in farmacia

Posted by fidest on Tuesday, 10 January 2012

Telemedicina - USP La Colina

Image by USP Hospitales via Flickr

In Svizzera si sperimenta la telemedicina in farmacia: partirà ad aprile un progetto pilota che permetterà agli utenti di 200 presidi di consultare un medico in teleconferenza e di ricevere una diagnosi a distanza o anche una ricetta per fax. Il progetto, netCare, sarà attivo in via sperimentale per due anni ed è organizzato dalla Società svizzera dei farmacisti (pharmaSuisse), dal Centro di telemedicina Medgate – che metterà a disposizione degli utenti il suo personale medico – e da una assicurazione. «Sono sempre più numerose le persone che non hanno un medico di famiglia» si legge in un a nota di pharmaSuisse. «Inoltre le unità di pronto soccorso sono costantemente sovraccariche di lavoro: in questo campo la rete di farmacie può prestare un aiuto efficace».

Posted in Estero, Medicina | Tagged: , , , | Leave a Comment »

A Venezia la bolletta si paga in farmacia

Posted by fidest on Tuesday, 8 November 2011

Farmácia

Image by c.alberto via Flickr

Se per il momento restano sulla carta i contenuti degli accordi che Veneto, prima, e Toscana, poi, hanno firmato con Poste Italiane per l’avvio, nelle loro sedi, di prestazioni tipiche della farmacia dei servizi, quali il Cup, la consegna di farmaci e referti a domicilio, a Venezia, una farmacia del centro sperimenta il pagamento di bollette. Il quadro emerge da un’inchiesta pubblicata ieri dal Sole 24 Ore, che ha fatto il punto sull’adeguamento delle Regioni al Dlgs 153 del 2009 e ai tre decreti attuativi conseguenti. Il servizio è stato attivato con “La nuova posta”, il competitor di Poste italiane, e prevede la spedizione di raccomandate e pacchi o i pagamenti di bollette, a prezzi più bassi rispetto a quelli delle Poste. Un’idea che, a quanto si legge sul quotidiano di Confindustria, sta tentando anche altre farmacie veneziane. A rilento invece la realizzazione dei servizi nelle farmacie: se alcune prestazioni come l’assistenza integrativa viene offerta in quasi tutti i presidi del territorio, più a macchia di leopardo è la situazione delle altre voci. A consegnare i medicinali a domicilio, per esempio, sono le farmacie di Bologna, Reggio Emilia, Piacenza, Brescia, Arezzo, mentre gli screening vengono effettuati soprattutto a Bologna e in alcune province lombarde, con Milano in testa. Stessa situazione anche per il Cup: in Campania e Calabria è gratuito, mentre è a pagamento in Emilia Romagna e Lombardia. Quest’ultima, secondo il Sole 24 Ore, sarebbe l’unica Regione che ha provveduto a un accordo con le farmacie per la copertura totale del territorio. Diversa la situazione in Umbria, dove l’attivazione del servizio è demandata alla contrattazione aziendale. E tra i punti dolenti che sembrano ritardare l’attivazione di questi servizi gap tecnologici e rispetto delle norme sulla privacy. Per il Cup per esempio è richiesta una postazione dedicata e per l’esecuzione di analisi, prestazioni diagnostico-strumentali, presenza di infermieri e fisioterapisti servono locali separati.(fonte farmacista33)

Posted in Spazio aperto | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Presidi diabetici in farmacia

Posted by fidest on Wednesday, 29 June 2011

Strisce per glicemia, dispositivi per glicosuria, aghi per penna, lancette pungidito e tutti gli altri ausili e presidi per pazienti diabetici saranno distribuiti dalle farmacie del territorio anche nel prossimo triennio. A sancirlo è l’accordo firmato ieri tra Federfarma Friuli Venezia Giulia e l’assessore regionale alla salute, Vladimir Kosic. Un accordo che, secondo il sindacato dei titolari di farmacia, garantisce un’assistenza più capillare per i pazienti diabetici e soprattutto un risparmio per le casse regionali, stimato in 1,5 milioni di euro quest’anno e tre milioni per il prossimo triennio. D’altra parte, si legge nella nota del sindacato, la firma è arrivata «grazie alla disponibilità dei farmacisti a ridurre il rimborso di loro spettanza. Per le strisce per glicemia, per esempio, il rimborso unitario al netto dell’Iva oscillava tra gli 0,80 e i 0,82 centesimi, ora invece è stato fissato a 0,65. Un atteggiamento collaborativo, il nostro, che vuole essere un segnale forte di quanto alla categoria stia a cuore la qualità della vita dei cittadini e il desiderio di contribuire, in modo equo e trasparente, al contenimento delle spese regionali». L’accordo è stato anche un’occasione per porre le basi per l’apertura di un tavolo su distribuzione diretta e distribuzione per conto. L’intenzione dell’Amministrazione, fa sapere Federfarma, è di arrivare a un accordo quadro regionale.

Posted in Medicina | Tagged: , , , | Leave a Comment »

La farmacia non affonda

Posted by fidest on Saturday, 25 June 2011

«A vantaggio di chi va la liberalizzazione dei farmaci? Dei cittadini o piuttosto di operatori commerciali a cui non interessa certo la tutela della salute?» si chiude con questa domanda la lettera che il presidente di Federfarma Molise,Luigi Sauro, ha indirizzato all’Associazione nazionale delle farmacie (Anpi). La lettera vuole essere la replica a un comunicato apparso sul sito dell’Anpi, nel quale, spiega la lettera di Federfarma Molise, si «ironizza sugli emendamenti presentati dal senatore Giuseppe Astore del Gruppo misto al disegno di legge Gasparri-Tomassini sul riordino del servizio farmaceutico». Secondo l’Anpi «il senatore Astore si preoccuperebbe di dettagli insignificanti, come la definizione delle caratteristiche delle insegne delle parafarmacie» o della «tutela delle farmacie rurali». Mentre la nave affonda, dice l’Anpi, il senatore Astore lucida gli ottoni. Un concetto quello di barca che affonda che per Federfarma Molise non si addice alla farmacia, che, nonostante i tagli continui, «continua a erogare su tutto il territorio nazionale, dal grande centro urbano alla piccola località un servizio di alta qualità» La parafarmacia invece, sottolinea la nota di Federfarma Molise «non ha garantito alcun miglioramento del servizio offerto ai cittadini. È vero che l’Italia è il paese dei furbi» conclude la replica «e alcuni operatori del mondo delle parafarmacie sicuramente vorrebbero fare i furbi e ottenere, senza concorso e senza sacrifici, la trasformazione in farmacia. È altrettanto vero, però, che non si può mettere alla berlina chi pretende chiarezza e trasparenza».

Posted in Diritti, Spazio aperto | Tagged: , , , | Leave a Comment »

La farmacia nelle cure primarie

Posted by fidest on Monday, 20 June 2011

Le Cure primarie e le nuove opportunità che si aprono per la farmacia. È il tema conduttore del Congresso annuale del Pgeu, l’associazione europea che rappresenta i farmacisti di trenta paesi. Ospitato a Berlino  l’appuntamento ha avuto il suo clou proprio nel convegno di ieri, dedicato a un confronto delle esperienze nazionali che vedono la farmacia contribuire all’assistenza di primo livello, anche in sinergia con le altre figure del territorio. Non a caso, per la stessa Pgeu la collaborazione interdisciplinare è la porta di accesso alle Cure primarie. E così, dalla Gran Bretagna si porterà l’esperienza delle Primary care clinic, strutture di medicina generale per l’assistenza ai cronici, e del ruolo del farmacista rispetto alla sicurezza del paziente; i tedeschi parleranno della normativa con cui la Germania ha recepito la recente direttiva europea sulla farmacovigilanza e infine i francesi presenteranno una “demo” del dossier pharmaceutique, l’apprezzata e diffusa cartella digitale con cui le farmacie transalpine registrano e aggiornano i consumi farmaceutici dei loro pazienti.

Posted in Medicina | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Test in farmacia

Posted by fidest on Saturday, 12 March 2011

“E’ con grande soddisfazione che registriamo l’arrivo in Gazzetta Ufficiale del decreto applicativo che disciplina l’esecuzione dei test diagnostici di prima istanza in farmacia. Quando nel 2006 abbiamo proposto il progetto della farmacia centro polifunzionale di servizi avevamo due obiettivi: contribuire a una migliore assistenza sul territorio e  promuovere un’importante evoluzione della professionalità dei farmacisti italiani” dice il presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Andrea Mandelli. “Da sempre il farmacista svolge una funzione di consulenza del cittadino fondamentale, spesso, come nel servizio notturno, essendo l’unico operatore sanitario presente sul territorio oltre ai servizi di emergenza. Oggi, con la fa se conclusiva dell’iter partito con la Legge 69/2009, la farmacia dei servizi permetterà al farmacista di poter offrire un più ampio ventaglio di prestazioni, potendo collaborare anche alla prevenzione primaria accanto ai medici di famiglia, con i quali auspichiamo si rinsaldi la già grande collaborazione a vantaggio dei cittadini”. Un ringraziamento, dunque, “va a tutti i colleghi che hanno creduto in questo progetto e naturalmente” conclude Mandelli ”al Ministro della Salute Ferruccio Fazio, che ne ha colto le potenzialità e si è impegnato perché si traducesse in una realtà concreta”.

Posted in Medicina | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Settimana bianca in farmacia

Posted by fidest on Tuesday, 1 February 2011

“Mio figlio è stanco e inappetente, perché? … Sto prendendo gli antibiotici e mi sento fiacco, cosa posso fare? … Ho problemi di concentrazione, c’è qualcosa che mi possa aiutare?”. Rispondere a queste ed altre domande per fare conoscere e dare consigli pratici sulle vitamine del gruppo B è l’obiettivo della prima campagna educazionale nazionale “Settimana Bianca” ideata e sviluppata in collaborazione con la Federazione Italiana dei Farmacisti (FOFI e Fondazione Cannavò) e con la Società Italiana di Pediatria (SIP).
La prima “Settimana Bi-anca” si svolgerà nel corso del mese febbraio 2011, in 500 farmacie di 11 città italiane: Bergamo, Caserta, Genova, Milano, Napoli, Padova, Palermo, Roma, Torino, Varese, Verona. Saranno 7 diversi temi ad animare i 7 giorni della “Settimana Bi-anca”, dallo sport alle attività intellettuali passando per l’alimentazione, per scoprire quanto sono importanti le vitamine del gruppo B per garantire molteplici funzionalità dell’organismo molto diverse tra loro, sia nei bambini che negli adulti: dall’efficienza intellettuale alla stimolazione dell’appetito, dalla formazione degli anticorpi alla capacità di combattere la fatica fisica e mentale fino alla prevenzione delle malattie del feto.
“La Società Italiana di Pediatria ha aderito a questa campagna educazionale perché ritiene che le vitamine del gruppo B siano particolarmente importanti in età pediatrica, per supportare il grande dispendio energetico quotidiano dei bambini. Non potendo essere sintetizzate né accumulate dall’organismo devono essere assunte quotidianamente con un’alimentazione adeguata e, laddove questa non sia sufficiente, con integrazioni che sono certamente utili per colmare eventuali stati di carenze”, dichiara SIP.

Posted in Medicina | Tagged: , , , | Leave a Comment »

La telemedicina in farmacia

Posted by fidest on Friday, 29 October 2010

“La dichiarazione del Presidente Bianco mi ha profondamente stupito: la telemedicina è nata, con le  prime missioni della NASA con uomini a bordo, proprio per consentire a personale non medico di trasmettere i dati dei parametri vitali e di indagini diagnostiche ai medici del centro di controllo missione”. Questo il commento di Andrea Mandelli, Presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani alle dichiarazioni del Presidente della FNOMCeO, rese al quotidiano Farmacista33, contrarie alla possibilità che i sistemi di telemedicina (diagnostica a distanza per la precisione) possano essere attuati nelle farmacie, come previsto dalla bozza dei decreti attuativi della Legge sulla farmacia dei servizi, ora all’attenzione della Conferenza Stato-Regioni. “Il mio stupore aumenta se si considera che fin dall’inizio la Federazione degli Ordini dei Medici e il Collegio professionale degli Infermieri hanno partecipato alla discussione sui nuovi servizi anche nelle sedi ufficiali e, quindi, la proposta di ricorrere alla telemedicina, nel pieno rispetto delle competenze di tutti, era nota da tempo. Comprendo che le novità possano sempre incontrare resistenze, ma ritengo che anziché porre dei veti sia il caso di procedere a un approccio tecnico alla materia, fissando procedure e standard per ottenere la massima sicurezza possibile per il cittadino, come è ovvio debba essere quando si crea un’alleanza tra professionisti della sanità. Quando si passa alle questioni concrete, molti pregiudizi vengono a cadere”.

Posted in Medicina | Tagged: , , , | Leave a Comment »

San Casciano: anziani in aiuto di anziani

Posted by fidest on Monday, 11 October 2010

(Centro Maderna)  E’ stata avviata, a San Casciano in provincia di Firenze, il nuovo servizio di consegna farmaci a domicilio per le persone non autosufficienti o con problemi di mobilità, effettuato dai volontari over 60 dell’associazione Anteas. I volontari, che già da anni sono impegnati nella consegna dei pasti agli assistiti dai servizi sociali del Comune, si renderanno da oggi disponibili anche per raggiungere a casa chi richiede il servizio, ritirare la ricetta medica, la tessera sanitaria e la documentazione eventualmente necessaria per l’esenzione del ticket, per poi recarsi presso la farmacia di zona, ritirare le medicine e riconsegnarle al cittadino,  il tutto nel giorno in cui è stata effettuata la richiesta. “Quella dei volontari Anteas” commenta il  Luciano Bencini vicesindaco del comune toscano, “è un’iniziativa lodevole che rafforza il senso della comunità e riduce l’isolamento delle fasce deboli della popolazione.” Per informazioni e per accedere al servizio chiamare il numero 055 820439 nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 10,30.

Posted in Welfare | Tagged: , , , | Leave a Comment »

 
Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 39 other followers