Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Mortalità ridotta dal movimento nella mezza età

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 marzo 2009

L’incremento dell’attività fisica nella mezza età è associato ad una riduzione del rischio di mortalità allo stesso livello degli uomini il cui livello di attività è costantemente elevato. Circa la metà della popolazione maschile del mondo occidentale non effettua attività fisica su base regolare, e benché rimanere fisicamente inattivi in età giovanile appaia dannoso, non era finora noto se un incremento più tardivo dei livelli di esercizio potesse ridurre i tassi di mortalità: il fatto che l’impatto sulla mortalità sia paragonabile a quello di altre variazioni dello stile di vita, come la cessazione del fumo, rende più semplice da comunicare questo potenziale beneficio per la salute. E’ dunque importante promuovere le iniziative per l’attività fisica, anche negli uomini anziani o di mezza età: un incremento dell’attività nella mezza età aumenta la sopravvivenza dopo un periodo di induzione di 10 anni in cui non si osservano benefici. (BMJ online 2009, pubblicato il 6/3)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: