Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

L’influenza da virus suino è davvero pandemica?

Posted by fidest press agency su martedì, 28 aprile 2009

Per il dott. Walter Pasini Direttore Centro di Global Health “Non vi è ormai più dubbio che l’influenza da virus suino A/H1N1 stia assumendo i caratteri di una pandemia che si diffonderà in tempi più o meni brevi in tutti i continenti. Le caratteristiche di aggressività non sono ancora chiare, ma la presenza contemporanea di casi in diversi Stati degli USA e in varie zone del Messico lasciano intendere che sarà molto difficile contenerla.  Considerando che ogni annosi registrano più di 800 milioni di arrivi alle frontiere internazionali, sarà molto difficile evitare che l’epidemia si propaghi in altri continenti. Fin dai tempi della Grande Peste Nera del 1317, i viaggi internazionali hanno rappresentato un mezzo di diffusione delle grandi epidemie. Pur in assenza di una conoscenza degli agenti eziologici delle malattie, gli Stati ricorsero nei secoli  a misure di prevenzione e controllo del contagio come la costruzione di lazzaretti per la misure di contumacia,  la sospensione di fiere e mercati, l’obbligo di patenti e fedi di sanità per i viaggiatori via mare e terra.  Come dimostrato recentemente dalla SARS, i viaggi internazionali rappresentano oggi,molto più che un tempo, un mezzo di rapida diffusione del contagio, soprattutto in caso di malattie trasmesse per via aerea, come l’influenza.  Grande importanza avranno, per ritardare l’arrivo della pandemia influenzale in Italia, le misure che si adotteranno nei porti e negli aeroporti e la sorveglianza epidemiologica dei casi. Il Giappone ha già adottato la metodica di controllo della temperatura corporea in tutti i viaggiatori provenienti dal Messico. Un altro elemento di vantaggio di cui disponiamo è la stagionalità. I casi di influenza da virus suino che si dovessero presentare sono molto più facilmente diagnosticabili in primavera quando l’influenza stagionale è terminata. Sarebbe stato impossibile identificare questi casi in inverno. Grande importanza assume dunque la diagnosi precoce dei nuovi casi. Quando l’epidemia si diffonderà in altri paesi, saranno praticamente inutili le misure di controllo negli aeroporti ed assumerà invece un ruolo strategico fondamentale l’uso degli antivirali nella cura dei malati  e nella prevenzione specie di alcune categorie di persone, come ad esempio il personale sanitario. Per contenere la diffusione del contagio sarà di fondamentale importanza trattare i casi nelle 48 ore dall’esposizione ed adottare strategie di profilassi per i contatti”. Non tutti concordano con il dr. Pasini. Vi è anche chi ritiene la situazione legata a facili e persino interessati allarmismi. In ogni caso basta adottare semplici cautele come evitare la promiscuità, lavarsi bene le mani e… dare meno baci e strette di mano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: