Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Io non ho paura. Storie di vittime e di bulli

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 Maggio 2009

Busto Arsizio (Va) Lunedì 18 maggio 2009 – ore 21  Museo del Tessile, via Volta 6/8  Convegno “Io non ho paura. Storie di vittime e di bulli” Saranno presenti: Adriana Battaglia e Giovanni Trinchero, autori del libro “Io non ho paura” Renata Scerbo, mamma di Francesco, vittima del bullismo Oliva Maria Boles, direttrice dell’ACOF Gigi Farioli, sindaco di Busto Arsizio Laura Ravetto, parlamentare Sentinella di un disagio sociale profondo, gli episodi di bullismo sono sempre più diffusi tra giovani e giovanissimi. Per discutere del fenomeno e analizzarlo con l’aiuto di esperti e testimoni, l’associazione Azzurro Donna ha organizzato il convegno “Io non ho paura. Storie di vittime e di bulli”. Durante la serata sarà presentato il libro “Io non ho paura”, di Franco Angeli Editori. I due autori della pubblicazione, Adriana Battaglia e Roberto Trinchero, saranno presenti al convegno per dare il proprio contributo alla discussione. Adriana Battaglia, dirigente scolastico di un istituto di istruzione superiore, racconta le storie di vittime del bullismo, per portarle fuori dalle pareti scolastiche o dalle pagine di una sentenza di tribunale. Roberto Trinchero, docente di Pedagogia sperimentale e metodologia della ricerca educativa alla facoltà di Scienze della formazione dell’Università degli Studi di Torino e la SSIS dello stesso Ateneo, offre invece a insegnanti ed educatori strumenti per capire a affrontare il fenomeno del bullismo. Durante la serata sarà proiettato un video con delle interviste realizzate a ragazzi, dai 14 ai 19 anni, appartenenti a diverse etnie, per comprendere il fenomeno dal loro punto di vista. Sarà inoltre presentato l’Osservatorio sul bullismo, per promuovere le strategie per combattere il fenomeno in diverse scuole, con modalità diverse dalle elementari alle superiori. L’iniziativa è promossa da Battaglia e Trinchero: “Il libro – anticipa Adriana Battaglia – è il primo passo di un progetto più articolato, che ha lo scopo di contrastare il fenomeno delle prepotenze e delle prevaricazione. Chi come me è in prima linea ogni giorno, sa che molti ragazzi vivono un inferno quotidiano: è importante promuovere l’educazione del rispetto e della legalità”.  Oliva Maria Boles, dirigente dell’ACOF, nel suo intervento racconterà la propria esperienza a contatto con i ragazzi di un istituto superiore. Il momento più atteso della serata è l’intervento di Renata Scerbo, madre di Francesco, morto nel 1995, all’età di 15 anni, per colpa di un episodio di bullismo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: