Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

I rapporti tra il potere partitocratico italiano e Gheddafi

Posted by fidest press agency su sabato, 16 Maggio 2009

Dichiarazione di Matteo Mecacci, Deputato Radicale, Membro della Commissione Esteri della Camera: “Quello che ha appena dichiarato l’Alto Commissariato ONU per i Rifugiati sull’illegittimità dei respingimenti delle navi in Libia, corrisponde a verità e sono lieto di constatare che finalmente l’ONU confermi quello che vado ripetendo da mesi, e cioè che l’Italia si è posta per l’ennesima volta fuori dalla legalità costituzionale e internazionale con la ratifica del Trattato Italia-Libia lo scorso febbraio. Quanto affermo è testimoniato dagli atti parlamentari relativi alla ratifica del trattato di Amicizia tra Italia e Libia e dall’ostruzionismo parlamentare organizzato dai  Radicali. Tuttavia, la rapida ratifica di un trattato come quello, giuridicamente discutibile e politicamente ed economicamente costoso per il nostro paese, è stata possibile solo grazie al consenso convinto che è stato data dal Partito Democratico, secondo uno schema che vede le cosiddette maggioranze ed opposizioni del unite nel violare le leggi e la Costituzione. Invece dunque che denunciare le “leggi razziali” e i rischi di “regime berlusconiano” , il Partito Democratico avrebbe dovuto votare contro le “leggi Gheddafi”. L’annunciata visita di Stato del Colonnello Gheddafi in Italia il prossimo giugno, con incontri al massimo livello istituzionale, mentre oggi il nostro Premier si appresta a volare a Mosca dal suo sodale Putin, conferma che il nostro paese sta diventando sì “ventre molle” dell’Europa, ma non dell’immigrazione clandestina, bensì della democrazia e del rispetto dei diritti umani”.

Una Risposta a “I rapporti tra il potere partitocratico italiano e Gheddafi”

  1. Lola said

    Sono assolutamente d’accordo.
    Che parole dure, però. Spero che gli italiani si rendano conto dei danni che ha fatto questo decreto e questo atteggiamento, in termini di visibilità.
    Sono altresì fiera che ci sono politici che si sono opposti a questo stato di cose, anche se il discorso di “carità umana” ai rifgiati non mi sta bene. Mi sta meglio il discorso che un’Italia multi etnica sia auspicabile.
    E oltre la sinistra, anche i Liberal Democratici e altri hanno preso posizioni a favore di questo concetto.
    perché allora il decreto è passato? Dove sono gli appartenenti al PdL che si erano precedentemente detti contrari?
    Hanno avuto paura di perdere la sedia?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: