Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

La debacle somala

Posted by fidest press agency su sabato, 6 giugno 2009

Il 9 e 10 giugno si riunirà a Roma il Gruppo internazionale di Contatto per la Somalia (GIC) sotto la presidenza del rappresentante speciale del segretario generale delle Nazioni Unite Ahmedou Ould Abdallah e che vedrà la partecipazione di rappresentanti dell’Unione europea, dell’Unione Africana e, oltre all’Italia, dei principali paesi attivi sulla scena internazionale.  Nel rileggerne le dichiarazioni delle precedenti riunioni de GIC si rimane colpiti dal divario tra la visione e l’azione internazionale e gli sviluppi della situazione in Somala. Alla vigilia del nuovo incontro ci si chiede se non siano stati proprio gli errori, le lentezze e omissioni della comunità internazionale ad avere contribuito al prolungamento della crisi somala. Non aver consolidato le istituzioni, specie a livello regionale, ha favorito l’espansione sul territorio degli Shabab, i giovani mujahidin. E’ stata sottovalutata sistematicamente la loro forza. Eppure dal primo maggio 2008, quando un improvvido missile statunitense uccise il loro capo militare, Aden Hashi Ayro, arrivò chiaro il segnale dell’inizio di una campagna in grande stile. Si sono susseguiti rapimenti, uccisioni, attacchi alle Agenzie e alle ong internazionali, vi e stata una progressione impressionante di conquiste dei territori: tutto in una generale sottovalutazione del problema che e stato a lungo circoscritto a “criminalita sociale”.  Intanto questi “giovani” mujahidin sono cresciuti. Si sono divisi in gruppi territoriali e tribali autonomi. Non è ancora capito che si sta combattendo una guerra per l’anima stessa della Somalia: da un lato i “veri stranieri” armati di una ideologia nazi-islamica che sostituirebbe i valori fondanti dei somali con un’organizzazione politica e religiosa che non ha alcuna radice nella società somala; dall’altra un governo che dovrebbe difendere i valori identificanti della tradizione clanica e religiosa, ma che e erede degli errori fatti dai suoi predecessori ed e identificato con i partner internazionali che questi errori li hanno spesso decisi e difesi. Le posizioni più politiche, con una prevalente visione nazionalistica, ancora presenti sia in alcuni gruppi shabab che nell’Hisbul Islam, dovrebbero essere maggiormente ascoltate, prima che scompaiano del tutto con l’incalzare degli eventi, per cercare di capirne le ragioni e cogliere indicazioni utili. A meno di volere puntare innanzitutto, ancora una volta, sull’uso della forza e creare un altro Afghanistan, con il risultato di radicalizzare il conflitto e prolungare le sofferenze della popolazione. Il processo di transizione dovrebbe avere l’obiettivo di far nascere le nuove istituzioni che includano quanti ne sono finora rimasti estranei, accettate da tutti i somali e definitive, isolando ed escludendo solo i gruppi realmente estremistici e legati al terrorismo. Questa distinzione è stata spesso errata e ideologica. L’Italia è ancora considerata in Somalia e a livello internazionale come Paese di riferimento.  L’Italia ha agito in coordinamento con l’Unione europea e questo va a suo merito. L’Europa avrebbe potuto avere un ruolo significativo per favorire decisioni sulla situazione somala, dati anche i fondi messi a disposizione per aiuti umanitari, servizi di base, ricostruzione e sicurezza. Avrebbe dovuto porsi con una sola voce. Un inviato speciale plenipotenziario avrebbe potuto far parlare l’Ue con una sola voce e sarebbe opportuna, in proposito, una correzione di rotta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: