Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Cattolici praticanti

Posted by fidest press agency su martedì, 30 giugno 2009

Lettera al direttore. Caro direttore, leggo su Tu Style (n.26 – 30 giugno): “Secondo le ultime ricerche il 58% dei cattolici praticanti si confessa solo una volta all’anno, il 30% mai. La diserzione riguarda soprattutto i giovani. Tra le ragioni possibili, la perdita del senso del peccato”. Le ragioni principali, a mio parere, sono due, e sono diverse. Stiamo parlando di giovani cattolici praticanti, vale a dire di credenti che frequentano la parrocchia e vanno a Messa, e quindi di persone non del tutto ignoranti di religione. Ora, queste persone sanno che i peccati gravi (mortali) obbligano alla confessione, mentre i peccati veniali non comportano tale obbligo. Ma peccare gravemente non è cosa facile (cf n. 1857 del Catechismo), e i giovani cattolici praticanti sanno anche questo. L’altro motivo importante: spesso la Chiesa considera peccato ciò che, in base alla ragione e al vangelo, peccato non è. E moltissimi fedeli, non solo giovani, ne sono consapevoli. Quindi non si tratta di perdita di senso del peccato, ma di maggiore consapevolezza di che cosa è il peccato. (Francesca Ribeiro)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: