Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Emergenza abitativa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 luglio 2009

“La proroga della sospensione dell’esecuzioni degli sfratti per finita locazione fino al 31 dicembre, decisa dal Consiglio dei Ministri è un atto dovuto ma, purtroppo, del tutto insufficiente per risolvere il dramma dell’emergenza abitativa nel Paese e nelle grandi città come Roma, anche perché tale misura riguarda ormai solamente una piccola parte di quei soggetti che vivono sulla propria  pelle  il problema casa. Dai dati forniti dal Ministero degli Interni riguardanti il 2008, si evince che su 51.390 sentenze di sfratto oltre 40.600 sono per morosità”. E’ quanto dichiara Giovanni Barbera, presidente del Consiglio del Municipio Roma XVII membro del comitato politico romano del Prc.“Tutto ciò – spiega  Barbera – continuerà a creare ulteriori  problemi agli uffici sociali dei municipi che si trovano, gia da oggi, sui propri territori, ad affrontare da soli, senza strumenti e fondi adeguati, questo terribile problema sociale che è il frutto delle inopinate scelte effettuate dai governi che si sono succeduti negli ultimi decenni”. “E’ vergognoso  – continua  Barbera – che tutto ciò accada nel più totale silenzio delle istituzioni pubbliche che continuano a ignorare il fenomeno dell’emergenza abitativa che tende invece ad ingigantirsi con la crisi economica. Che fine hanno fatto le promesse elettorali di Berlusconi  o dello stesso Sindaco Alemanno di dare finalmente un tetto, in breve tempo, a tutti coloro che non erano in grado di  acquistare o affittare un’abitazione sul libero mercato? A Roma, dopo una anno, la Giunta Alemanno non è stata neanche in grado di aggiornare le graduatorie per l’assegnazione delle case popolari che avrebbe dovuto fare, come previsto, ogni sei mesi. Mentre il Governo Berlusconi finora si è distinto su tale problema solamente per aver sottratto  i fondi che l’allora ministro Ferrero, del precedente governo, aveva destinato ai Comuni per finanziare l’acquisizione e la costruzione di nuove case popolari e per aver autorizzato le Regioni a varare  una sorta di condono gratuito e preventivo che favorisce la speculazione edilizia di chi una casa già la possiede”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: