Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Archive for 10 luglio 2009

Nuova generazione di biopolimeri

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2009

Minnetoka, Minnesota e Amsterdam, July 9/PRNewswire/ — NatureWorks e Avantium, aziende leader nel settore dei materiali sostenibili, oggi hanno annunciato una partnership di sviluppo. Scopo dichiarato: approfondire le proprietà e le possibilità commerciali di una nuova generazione di polimeri prodotti a partire da risorse rinnovabili.  L’alleanza si basa sull’attività di Avantium volta a creare monomeri e polimeri a partire dalla biomassa a uso non alimentare e sugli ottimi risultati conseguiti da NatureWorks nello sviluppo di un’ampia gamma di mercati finali e prodotti per il suo biopolimero Ingeo(TM). Avantium utilizza il termine “furanici” per questa classe di biopolimeri. Le due aziende credono molto nel potenziale di questa nuova classe di prodotti per i biocarburanti e i materiali bioplastici in virtù della possibile efficienza di produzione, della grande disponibilità, della diversità di fonti di biomassa e della versatilità e delle prestazioni dei prodotti finali.  Inizialmente NatureWorks condurrà prove interne su un gruppo selezionato di polimeri Avantium per di applicazioni quali l’elettronica per uso personale, sistemi automobilistici, fibre e altre applicazioni tecniche dei materiali plastici; la durata prevista di questo periodo di prova è di circa un anno. Questa fase, che potrebbe durare qualche anno, sarà preliminare all’introduzione sul mercato di questa nuova generazione di biopolimeri, e che completerebbe l’attuale gamma di prodotti NatureWorks Ingeo(TM).
NatureWorks LLC è un’azienda impegnata a rispondere alle attuali esigenze mondiali senza compromettere la capacità del nostro pianeta di rispondere alle esigenze del domani. NatureWorks LLC è la prima azienda a offrire una linea commercialmente disponibile di biopolimeri Ingeo(TM) a basso impatto climatico, derivati al 100 percento da risorse annualmente rinnovabili e che in termini di prestazioni e di rapporto qualità/prezzo possono competere con quelli delle fibre e delle materie plastiche basate sul petrolio.
Avantium è un’azienda tecnologica leader specializzata nella ricerca e nello sviluppo di materiali all’avanguardia e con elevata produttività. Sviluppa e commercializza i furanici, la generazione successiva di materiali plastici e carburanti a base biologica. Avantium ha dimostrato il valore e le possibilità commerciali della sua tecnologia e delle sue esclusive conoscenze collaborando con alcune delle più importanti aziende energetiche, chimiche e farmaceutiche. Tra i clienti principali di Avantium, ai quali l’azienda offre i propri sistemi e servizi di ricerca e sviluppo, ci sono oltre 70 aziende in tutto il mondo, tra cui leader di mercato come BP, Shell, Sasol, Pfizer e GSK. Nel 2008 Avantium ha realizzato entrate pari a circa 19 milioni di euro; l’azienda ha circa 130 dipendenti, e i suoi uffici e la sede centrale sono a Amsterdam, Paesi Bassi. :http://www.avantium.com

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Contro la caccia agli animali selvatici

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2009

Un enorme numero di “turisti cacciatori” che si sposta da un capo all’altro del globo alla ricerca di una nuova preda da uccidere. Questa è la triste realtà di un’attività che non ha mai sosta, promossa da agenzie private, siti web, che nei limiti della legge offrono la possibilità di andare in Namibia, in Asia o in America per cercare un animale da uccidere. Questi siti in particolare, diffusissimi nel web, inneggiano la caccia descrivendola come un’attività che fa parte della tradizione, della cultura umana ed esaltano i safari offerti con foto macabre al fine di dimostrare quella che loro chiamano “opportunità offerta ai clienti”. La caccia inscatolata, “canned hunting”, ovvero la caccia di grossi animali allevati e tenuti in cattività all’interno di aree ristrette dalle quali è impossibile qualsiasi fuga, è solo l’ennesima dimostrazione di un’attività che massacra animali, non è di certo una prova di coraggio o rievocazione culturale. La caccia non è null’altro che una forma macabra di violenza per “divertimento”. Riteniamo sia doveroso chiedere ai Governi di intervenire per intensificare la protezione degli animali selvatici.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sanità Sicilia, si allontana l’ipotesi commissario

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2009

“Bisogna razionalizzare e riqualificare, quindi anche tagliare parte della rete ospedaliera siciliana”. E’ l’analisi fatta ieri a Palermo dal viceministro alla Salute, Ferruccio Fazio, a margine dell’inaugurazione della nuova Oncoematologia dell’ospedale ‘Cervello’. “C’è da lavorare sul versante dei laboratori privati – ha aggiunto Fazio – che vanno messi in rete, ma anche sul versante del 118, anche se devo dire che il Governo regionale sta lavorando. C’è stata una inversione di tendenza rispetto al passato, ma resta qualche anno di lavoro ancora da fare per portare la Sicilia ai livelli che credo meriti”. A chi gli chiede se è ancora concreto il rischio di commissariamento, Fazio ha risponde: “Non è concreto, però la strada da fare è ancora lunga, siamo lontani dal raggiungimento dell’obiettivo”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Raccolta differenziata

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2009

Roma è sporca e i romani sono incivili. “Io rispondo, – osserva l’avv. Marco Polizzi -: forse…. Che non siano educati, i romani, sembrerebbe un dato di fatto. Ma di chi è la colpa? Prendiamo la raccolta differenziata ad esempio: i Romani non hanno la cultura della raccolta differenziata, ok. Ma perché nessuno gliel’ha insegnata? Passeggio per Roma e vedo sacchi dell’immondizia per terra, abbandonati a se stessi, vetro al posto della carta, sacchi contenenti tutto, ma proprio tutto. Per non parlare poi dei giardini. I bidoncini sono sempre pieni fino all’orlo. Certo alla luce dei servizi di Striscia, un cittadino potrebbe pensare che non serva a niente differenziare i rifiuti dato che a volte l’Ama scarica tutto insieme…L’Avv.Marco Polizzi, a nome dell’associazione Primoconsumo, ha voluto muovere una richiesta al servizio di igiene della capitale: “Rivolgo la mia richiesta al Comune di Roma per quanto riguarda la nostra città. Una campagna di sensibilizzazione e di avvicinamento alla cultura della raccolta differenziata. Perche non creare, sulla base delle cartoniadi (camagna nazionale sul riciclo con 50.000 euro di premi), una campagna simile tra le varie circoscrizioni romane? Per esempio la circoscrizione che fa più raccolta differenziata nell’arco di un dato tempo potrebbe vincere un premio in denaro da spendere per la manutenzione del territorio che controlla….” (n.r. non concordiamo sull’idea che taluni si sono fatta che i romani non hanno una “cultura differenziata”. Lo devono al fatto che i cassonetti messi a loro disposizione sono sempre pieni e li costringono a dover far uso di quelli indifferenziati, sempre che sia possibile farlo, dato che sono regolarmente pieni, anzi stracolmi e nauseabondi in quanto nessuno si cura di pulirli)

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bene impegno Berlusconi su fondo globale

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2009

“Accogliamo positivamente la dichiarazione del presidente Silvio Berlusconi di versare non solo la quota italiana di 130 milioni di euro per il 2009 al Fondo Globale contro AIDS, TB e Malaria entro la fine dell’anno, ma anche 30 milioni di dollari aggiuntivi per far fronte all’attuale gap finanziario del Fondo”. E’ questo il commento dell’Osservatorio italiano AIDS – rete che unisce 21 Ong italiane e internazionali che si occupano di lotta contro l’AIDS nel Sud del mondo – subito dopo la conferenza stampa di Berlusconi al termine della seconda giornata di lavori del summit. Finora il bilancio di questo G8, per quanto riguarda la salute e la lotta contro le tre pandemie, era decisamente negativo. Non c’era stato nessun cenno alla situazione finanziaria del Fondo, nemmeno nel documento su Africa e sviluppo. “Questa apertura del premier sul Fondo Globale potrebbe essere un passo avanti. Tuttavia, un’altra questione fondamentale rimane irrisolta: manca ancora un piano concreto di esborso dei 60 miliardi di dollari per combattere le pandemie e rafforzare i sistemi sanitari, promessi più volte dai G8. Ci auguriamo che quelle del presidente del Consiglio non siano parole al vento. Vigileremo sul governo perchè mantenga la parola data e non intendiamo transigere su questo”. Aderiscono all’Osservatorio Italiano sull’Azione Globale contro l’AIDS le seguenti ONG:ACRA, ActionAid, AIDOS, AMREF, Ass. Papa Giovanni XXII, CCM, CeLIM MI, CESTAS, CESVI, CISP, COOPI, COSPE, COSV, GVC, Intervita Onlus, ISCOS-CISL, Medici con l’Africa CUAMM, Medicus Mundi Italia, Progetto Sviluppo, Ricerca&Cooperazione, World Friends.
L’Osservatorio italiano sull’azione globale contro l’Aids è una rete di 21 Ong italiane e internazionali impegnate nella lotta contro l’Aids e contro la povertà nei paesi in via di sviluppo. Monitorare e confrontare gli interventi di lotta contro la pandemia, sviluppare forme di collaborazione strategiche e operative, portare avanti una comune azione politica su diritti umani e politiche sanitarie legate all’AIDS sono i principali motivi per cui l’Osservatorio Aids è nato. La diversità degli ambiti di intervento e delle tipologie di approccio alla pandemia delle organizzazioni che fanno parte dell’Osservatorio permette di avere un quadro completo della lotta contro l’Aids nei paesi in via di sviluppo su cui costruire un’azione il più possibile forte e incisiva.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’offerta turistica

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2009

I tour operator, le agenzie turistiche e ancora le notizie che provengono dai siti internet ampliano, in questo periodo, la loro gamma di offerte e di proposte e anche di allettanti opportunità che possono solleticare il “palato” sia del turista “occasionale” sia di quello più “esperto ed esigente” che si offre l’opportunità di coniugare il relax con l’interesse culturale, la conoscenza dei costumi e l’arte enogastronomica che ogni paese sa offrire ma non sempre riesce ad essere colto nella sua veste più caratteristica e suggestiva. Oggi valutiamo un percorso. Quello offerto da “HotelCalculator.com, uno dei primi servizi in Polonia, uno degli ottimi motori di ricerca che sceglie e compara le offerte alberghiere su oltre 20 siti di viaggio in tutto il mondo. Le persone, che lo utilizzano non devono perdere tempo per visitare tanti siti e confrontare le diverse opportunità. In meno di 30 secondi il sistema trova una lista ben organizzata delle opzioni d’alloggio, proposte da oltre 100,000 alberghi in 13,000 città al mondo. HotelCalculator.com  fa gratuitamente il lavoro duro e noioso di ricerca ma si propone in pochi secondi al suo visitatore con ciò che gli viene chiesto. Il suo database, inoltre, è aggiornato in continuazione per cui si è certi di navigare in tempo reale e di avere, di conseguenza, l’ultima opportunità esistente sul mercato turistico. Basta, in una manciata di secondi, con il “Cerca gli alberghi” per avere sottomano l’opportunità attesa. Il sistema, infatti, trova velocemente le opzioni e poi, avendo la lista degli alberghi disponibili e dei prezzi, è in grado di interfacciarvi subito dopo con l’ufficio prenotazioni. http://www.hotelcalculator.com/it/

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Altra Economia

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2009

Rieti 12 luglio dalle 10 alle 23 al Chiostro di San Francesco di (Piazza San Francesco) nell’ambito della festa “Alla Fiera del Des” organizzata dalle Associazioni Controvento, PosTribù e Slow Food con il supporto di Sfumature di Viaggio, proseguendo in quel percorso che vede impegnate associazioni, imprese e singoli cittadini nella creazione a Rieti e provincia di un Distretto di Economia Sostenibile (Des) fortemente connotato in termini etici, ambientali e solidali in grado di rappresentare una risposta efficace contro la crisi garantendo stabilità economica e creando nuovi posti di lavoro nel rispetto dell’ambiente e dei diritti umani. La festa vedrà la partecipazione di associazioni ma anche di cooperative sociali e produttori agricoli ed allevatori locali le cui produzioni sono state realizzate senza sostanze chimiche e nel rispetto della qualità della vita degli animali. Accanto a loro anche i referenti del primo Gas (Gruppo di Acquisto Solidale) di Rieti, promosso dall’Arci, che hanno creato nel capoluogo una rete di cittadini interessati all’acquisto collettivo di prodotti alimentari a ‘chilometro zero’ e rispettosi dell’ambiente, con un forte valore aggiunto e dal contatto diretto tra produttore e consumatore finale il quale potrà finalmente tornare a “mangiar bene”, “lentamente (slow food)” e in modo consapevole. Un’occasione quindi importante per potersi avvicinare a pratiche in grado di migliorare la qualità e la sicurezza alimentare e di contenere il prezzo dei prodotti alimentari da un lato e dall’altro di rispondere alla crisi economica garantendo un reddito continuativo ai produttori locali che seguono percorsi virtuosi. Tra le curiosità legate a questo percorso di “filiera corta anti-crisi” anche il menù speciale che verrà proposto dalla Pizzeria Banjo di Piazza San Francesco, i cui titolari, aderenti a Slow Food, proporranno la prima Pizza “a chilometri zero” realizzata con prodotti locali e biologici, accompagnata dalla famosa birra di Borgorose. Percorso “anti-crisi economica” ma anche di alta valenza sociale anche quello portato avanti dalla prima Banca del Tempo di Rieti, – basata sullo scambio non monetario di prestazioni multidisciplinari (lezioni di lingua e informatica, decorazione, meditazione, comunicazione, piccole riparazioni e lavori manuali) – che sarà presente alla Fiera con i volontari dell’associazione promotrice “RIdistTRIBUire il tempo” per tutti coloro che vorranno conoscerne il funzionamento. Infine musica e creatività: tra i protagonisti Andrea Pizzuto con esposizioni che spazieranno tra diverse tecniche artistiche, oltre a curiosi laboratori di riciclo e riuso a cura di PosTribù.Media Partner dell’evento sara’ Sfumature di Viaggio, l’Associazione culturale di promozione del territorio di Rieti e della sua provincia.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

G8, Libia: Save the Children

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2009

In occasione dell’arrivo all’Aquila del colonnello libico Gheddafi, Save the Children torna a ribadire la propria forte preoccupazione in relazione alle politiche recentemente intraprese dal Governo italiano di respingere i migranti intercettati nelle acque internazionali direttamente in Libia, senza procedere a nessuna valutazione delle posizioni individuali, e inviando così in Libia centinaia di persone, tra le quali probabilmente richiedenti asilo, donne incinte e minori. Fosca Nomis, portavoce di Save the Children, ha dichiarato: “Prima dei recenti cambiamenti nella gestione dei flussi migratori, Save the Children forniva regolarmente assistenza ai minori migranti che arrivano in Italia sui barconi dalla Libia, attraverso un proprio team di operatori  a Lampedusa ed in Sicilia. “Molti di questi minori – alcuni dei quali hanno meno di 14 anni – sono stati costretti a viaggiare per centinaia di chilometri, per molti giorni, spesso da soli, per sfuggire a conflitti armati e povertà da paesi come la Somalia, l’Eritrea e la Nigeria. In dieci mesi abbiamo assistito più di 2000 minori, spesso esausti, affamati, completamente disidradati e terrorizzati dopo il viaggio. Molti di essi hanno raccontato storie sconvolgenti di violenze, di aver assistito alla morte di membri della propria famiglia, gettati in mare dalla barca. “Ora il governo italiano rinvia in Libia le barche sulle quali  probabilmente viaggiano anche minori”. Ciò viola non soltanto la normativa internazionale – in particolare la Convenzione ONU sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza (“CRC”) e il principio di non-refoulement, che si applica pienamente nelle acque extra-territoriali – ma anche la stessa normativa italiana che vieta di rinviare verso il paese di transito migranti intercettati nelle acque internazionali nel corso di operazioni di contrasto all’immigrazione irregolare, e obbliga le autorità italiane a garantire protezione ai cosiddetti gruppi vulnerabili, compresi i minori. Inoltre è necessario ricordare che l’accordo Italia-Libia sottoscritto da Berlusconi e Gheddafi prevede il pattugliamento congiunto delle coste libiche ma non il divieto di accesso al territorio ed il rinvio sommario dei migranti. Molti dei minori migranti erano stati detenuti nei centri di detenzione per adulti in Libia prima di salire a bordo delle barche per l’Italia. Le condizioni di questi centri sono notoriamente cattive: alcune tra le più importanti ONG per i diritti umani hanno riportato persistenti prove di tortura e maltrattamenti in tali centri, in un paese che non ha firmato la Convenzione di Ginevra sui Rifugiati. Save the Children esorta l’Italia ad interrompere immediatamente questo tipo di azioni, che configurano una grave violazione dei diritti fondamentali dei migranti anche minori.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The G8 climate change

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2009

For the first time the world’s richest agreed that it would be a good thing if average global temperatures did not rise above 2 degrees. This is the level scientists say we shouldn’t go over if we are to avert dangerous climate change. They also agreed that rich countries should try to cut their own emissions by 80% by 2050 in order to meet that target. However, they crucially faltered over the 1990 baseline for these cuts which is critical for them to have any credibility.  Most disappointing was the abject failure of the G8 to provide any leadership on the financing needed if these targets are to be reached. Developing countries are currently unwilling to come to the UN negotiating table because they feel it is unfair to expect them to bear the financial burden for adapting to climate change and shifting their economies onto a greener footing.  It is critical that President Obama in his role of chair of the Major Economies Forum is able to increase the pace of progress today. Time is running out.  Today we need stronger language on the 2 degree limit, more stringent emission cuts and money on the table. Specifically, we need all MEF countries to agree to cut their emissions by 80% by 2050 based on 1990 levels and commit to reductions by 2020, otherwise we could reach a tipping point when abrupt and dangerous climate change will occur.  Currently, negotiations under the UN are deadlocked because of the weak commitments on emissions cuts but also crucially on finance. Countries argue that they want to keep their position under wraps to give them a stronger negotiating position – this is a huge gamble.  Finance is needed for developing countries to adapt to the impact of climate change and put themselves on a green economic path (to avoid locking into a high-carbon one).  These are restitutional payments not aid and as such they must be additional to Overseas Development Aid (ODA). We need recognition that finance should be additional to aid, should prioritise the most vulnerable and include a serious assessment of potential sources for that finance. Several weeks ago Gordon Brown showed much needed leadership with his statement of the UK’s position on climate finance. Yesterday the G8 as good as ignored this. We hope the MEF today will see it cannot afford to.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Vertice dirigenti ospedalieri

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2009

Opira Cyprian, neo Direttore Generale del St.  Mary’s  Lacor  Hospital  di  Gulu (Uganda), e Carlo Bonometti, suo omologo  all’Ospedale  di  Bergamo,  si  sono incontrati oggi nella sala Consiliare degli  Ospedali  Riuniti.  Cyprian  e  Bonometti  si  erano conosciuti nel  febbraio  del  2007, quando  il  medico  ugandese,  allora  vicedirettore sanitario  del  St. Mary, era stato ospite dei Riuniti per uno stage. Si è  trattato  del primo di una serie di scambi che si sono succeduti in questi anni  tra  l’Ospedale  di Bergamo e quello di Gulu – l’unica struttura del  Nord  Uganda  in  grado  di offrire  alla  popolazione  locale assistenza  sanitaria  di  qualità  -,  in  virtù  della  convenzione in essere tra il  nosocomio  bergamasco, l’Associazione NEPIOS e l’ASL di Bergamo, stipulata nel 2006 con l’obiettivo di offrire apparecchiature sanitarie e formare il personale dell’ospedale ugandese. Dopo  l’esperienza  del  dottor  Cyprian,  nell’ottobre  del 2007, è stato ospite dei Riuniti Dominiq Ocaka, ingegnere del St. Mary’s, che durante la sua permanenza ha visitato anche il cantiere del nuovo ospedale per vedere di  persona  le  misure  di  sicurezza  adottate nella costruzione e nella predisposizione degli impianti. Nel 2008 è stata la volta di Dorcas Ogwel, capo infermiera  del blocco operatorio del St. Mary’s, che ha frequentato gli  Ospedali Riuniti per vedere da vicino come è organizzata la complessa attività   delle   sale   operatorie,   dalla   gestione   del personale, all’approvvigionamento  dei  materiali,  dalla  compilazione  dei  verbali operatori  alla programmazione  dell’afflusso  dei  pazienti  che  devono sottoporsi ad intervento chirurgico.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’individualismo sociale

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2009

Lo stesso bene nazionale non si può costruire in maniera autonoma, distinta dal bene delle altre nazioni, ma, per sua intima essenza, si completa nel promuovere il bene della comunità dei popoli. Un esempio lo abbiamo avuto dopo la seconda guerra mondiale, quando l’Europa era ridotta ad un unico campo di battaglia; intervenne l’America con il Piano Marshall, che aiutò le nazioni europee a risollevarsi ed a riprendere il cammino dello sviluppo. Non fu un atto di gratuita generosità, ma un tornaconto imposto dalle regole e dalle leggi della macroeconomia; una nazione ricca in mezzo a tutte le altre nazioni povere non avrebbe trovato mercati, commerci, possibilità di ulteriore sviluppo, per questo quel Piano Marshall venne indirizzato solo ai Paesi che possedevano il potenziale per risollevarsi e diventare Paesi consumatori, oltre che produttori. Il concetto di universalità deve riflettersi nel senso della solidarietà dilatata a tutto il mondo e non limitatamente a quella parte del mondo che può restituire con gli interessi gli aiuti ricevuti; la solidarietà, se non diventa sinonimo dello sviluppo integrale dell’umanità, resta, limitatamente, un calcolo ben studiato per fini assolutamente diversi da quelli che la sociologia cattolica propone.La questione sociale, oggi più di quaranta anni addietro, quando venne emanata la PP, è diventata di dimensioni mondiali, mentre l’accelerazione dei tempi l’ha resa non più differibile, cosa peraltro intuita da Papa Montini, perché frutto di personali esperienze vissute già da Arcivescovo di Milano. Tale indifferibilità è stata compresa dal successore Giovanni Paolo II, il Pontefice che ha portato in giro per il mondo, da missionario a tempo piano, la sociologia che la Chiesa aveva sviluppato in quasi un secolo di evoluzione. Già il nome stesso che volle assumere Karol Woitiwa racchiude interamente il suo programma; sentì di dover essere il continuatore di Giovanni XXIII e di Paolo VI. Fra non molto tempo, quando Giovanni Paolo II avrà concluso il suo pellegrinaggio terreno, si verseranno fiumi di inchiostro per descriverne l’operato, per esaltarne la missione e, da qualche parte, anche per criticare talune scelte intransigenti. Saranno fiumi d’inchiostro più per scrivere che per ‘dire’, perché Giovanni Paolo II ha solamente portato a compimento tutta la costruzione sociale della Chiesa, iniziata con la RN di Leone XIII, che si sviluppò dentro i limiti del riconoscimento del diritto di associazionismo da parte delle classi più deboli, per riuscire a contrastare l’avanzata del capitalismo. Furono poi i pontefici Pio XI e Pio XII a proseguire l’evoluzione, anche se le guerre intermedie e l’espansionismo colonialista ne limitarono l’opera. Successivamente Giovanni XXXIII, con l’intuizione del Concilio Ecumenico Vaticano II e con la Constitutio Conciliaris Gaudium et Spes, aprì le porte a tutti i popoli della terra; possiamo dire che fu il primo a parlare di globalizzazione, ma dell’umanesimo, non dei mercati. Paolo VI estese a tutto il mondo i cardini della sociologia del Nuovo Umanesimo, indicando in tale sociologia il punto di partenza del ‘Progresso dei popoli’. Giovanni Paolo II ha girato più volte il mondo intero per portare ai più deboli la parola della solidarietà, predicando la teologia della Croce, della sofferenza, perché in essa c’è la purificazione e la compassione, intesa nel senso letterale della parola passio, come atto di amore che porta a soffrire dei mali altrui come se fossero propri. Ormai vecchio, malato, ha proseguito la sua missione suscitando egli stesso compassione, in tutti quelli che lo ascoltavano, quella stessa compassione che lui stesso ha vissuto e che lo ha guidato verso il mondo dei derelitti, verso il popolo dei vinti. Malgrado sofferente, ha sempre offerto la sua sofferenza perché sia alleviata quella degli altri. Ha insegnato al mondo intero che non c’è nulla di più pesante della compassione, nemmeno il nostro dolore è così pesante come un dolore che si prova con un altro, verso un altro, al posto di un altro; è un dolore moltiplicato dalla partecipazione e dalla immaginazione, prolungato da una lunga teoria di echi che risuonano nell’intimo della coscienza.  Alla soluzione, o al tentativo di impostazione programmatica, della questione sociale si oppongono aspre tensioni e implicazioni non troppo oscure, provocate dall’egoismo impositivo di pochi contro l’esigenza di solidarietà di molti. Ai tempi della PP le piaghe dei popoli arretrati non erano così visibili come lo sono oggi; l’accelerazione della storia, della società, dei mezzi di comunicazione hanno ristretto il mondo.. Oggi le comunicazioni in tempo reale ci fanno partecipi della vita di ognuno e anche i popoli più remoti o arretrati sono sotto i nostri occhi, così come il livello di vita dei popoli occidentali è sotto gli occhi di quanti patiscono letteralmente la fame. Il divario economico e di qualità della vita è così grande da far sentire i popoli del terzo mondo esclusi anche dalla dignità di vivere; è l’umanesimo esclusivo, che Papa Montini chiamò ‘umanesimo inumano’, che si oppone ad uno dei cardini della nuova sociologia umana, che chiameremo, per usare un termine ormai alla moda, ‘globalizzazione della solidarietà’. Sono questi i motivi che emergono e che propongono il cammino della tranquillità nell’ordine, spegnendo le tensioni e soffocando i conflitti, specialmente quando nascono per volontà di sopraffare solo per fini economici o di maggior ricchezza a discapito di quei deboli che non trovano difesa. Nel discorso già citato all’Assemblea dell’ONU il Pontefice indicò in quell’organismo lo strumento di promozione e di equilibrio fra tutti i popoli della terra e incoraggiò l’ONU:’a diffondere la cultura, a dare una moderna assistenza, a mettere a servizio di tutti le risorse della scienza e della tecnica ai fini di giustizia sociale e  internazionale’.(Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A L’Aquila i big dell’informatica

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2009

L’Aquila 22 luglio ore 10 presso la sala convegni del Canadian Hotel.(a pochi metri dall’uscita “Aquila Ovest” dell’A24) saranno presenti cinque aziende leader nel panorama dell’imprenditoria legata al settore informatico. Engineering, Sap, Exprivia, British Telecom, e KPMG presenteranno infatti nel capoluogo abruzzese 5 “progetti mirati”, volti a rilanciare lo sviluppo e ricreare nuove opportunità di lavoro sul territorio aquilano.  In tale occasione sono stati invitati anche i rappresentanti dei Governi locale e centrale, nonché rappresentanti dell’Industria e del commercio, impegnati in prima linea nel riconnettere i fili spezzati di un tessuto economico e sociale dalle grandi potenzialità.  Parlare di innovazione in territori duramente colpiti dal sisma può forse sembrare un paradosso. In realtà il sisma dello scorso 6 Aprile ha provocato negli animi della maggior parte della popolazione una straordinaria voglia di ripartire, facendo meglio di prima. In questo contesto la politica deve svolgere un ruolo chiave e Governo centrale e locale sono chiamati ad agire in sinergia per ricostruire non solo il tessuto sociale, ma anche una rete imprenditoriale e produttiva su cui fondare la diffusa volontà di rinascita aquilana. Informatica Aquilana, proprio da questa visione e da questa voglia di ripartire, ha fatto scaturire l’idea di un network di imprenditori impegnati sul fronte dell’innovazione tecnologica. Di strada ce n’è è ancora molta da fare, ma, nella convinzione che insieme si va più veloci, sono già una decina le aziende che si sono consorziate e che stanno già (ri)muovendo i primi passi verso la ripresa.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Agonia del servizio sanitario siciliano

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2009

“Accogliamo con favore ogni nuovo sostanziale progresso offerto, rimanendo però con i piedi per terra e perciò sostanzialmente scettici sulla politica messa in campo dalla giunta Lombardo, che ha progressivamente mortificato le prioritarie esigenze di tutela della stragrande maggioranza dell’utenza siciliana”. Così l’On. Domenico Scilipoti dell’Italia dei Valori in merito allo stato generale del servizio sanitario nella Regione Sicilia. “Siamo lieti di sapere che adesso sarà possibile a Palermo effettuare nuovi esami specialistici di assoluta importanza, come nel caso dell’ospedale “Cervello”. Tuttavia – prosegue il deputato IDV – prima di appuntarsi fiori all’occhiello il governatore Lombardo, insieme all’assessore competente, dott. Russo, dovrebbero riflettere sullo stato in cui versa la sanità siciliana. Uno stato, ribadiamo complessivamente disastroso, a cui non hanno certo giovato accorpamenti di strutture forzate, come nel caso di Enna, Caltagirone e comprensorio, o tagli insensati ad attività di pronto intervento  periferiche ma nondimeno essenziali, come nel caso del servizio 118, soppresso irrazionalmente in diversi comuni disagiati per economizzare su qualche spicciolo. Va garantita la copertura di tutti i servizi essenziali in ogni parte del territorio – conclude Scilipoti – senza abbandonare le periferie e le località disagiate e senza costringere migliaia di utenti siciliani a costose trasferte fuori provincia, se non addirittura fuori regione”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Offerta formativa

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2009

Parma 14 luglio, alle ore 11.00 Via Università, 12 presso la Sala del Consiglio del Palazzo Centrale dell’Università degli Studi di Parma, Conferenza Stampa  Scienze Politiche: presentazione dell’offerta formativa  e delle modalità di immatricolazione  ai Corsi di Laurea e Laurea Magistrale  per l’a.a. 2009-2010

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Primo airbus a380 con i colori di Air France

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2009

Il primo Airbus A380 di Air France è stato dipinto, ad Amburgo-Finkerwerder, con i colori della nuova livrea della compagnia. Questo aereo entrerà in servizio, a novembre 2009, sulla rotta Parigi Charles de Gaulle – New York JFK. Air France sarà la prima compagnia aerea europea ad offrire ai propri clienti il comfort dell’Airbus A380 e sarà la prima al mondo a collegare l’Europa e gli Stati Uniti con il più grande aereo commerciale esistente. A bordo dell’A380 vi saranno 3 cabine di viaggio per un totale di 538 passeggeri: sul ponte superiore 80 posti in classe Affaires (business) e 106 in classe Voyageur (economy), sul ponte principale 9 posti in classe Première (first) e 343 in classe Voyageur (economy). Equipaggiato con quattro motori GP7200 concepiti appositamente da Engine Alliance, l’Airbus A380 di Air France trasporterà 538 passeggeri su una distanza massima di 13.000 km.  Nel panorama degli aeromobili di nuova generazione, l’A380 è tra quelli che consumano meno carburante per passeggero. Air France ha ordinato 12 Airbus A380, di cui 4 entreranno in servizio tra l’inverno 2009 e la primavera 2010.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

JLTV trasmetterà in tutto il mondo le Maccabiadi

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2009

Los Angeles,  JLTV diventerà il primo canale televisivo al mondo a contenuto totalmente ebraico, 24 ore su 24, quando il 12 luglio raggiungerà più di 100 milioni di case, aggiungendo alla sua distribuzione americana, la copertura via satellite Hot Bird in tutta l’Europa, in Nord Africa e in Medio Oriente. In concomitanza con la sua espansione mondiale, JLTV trasmetterà le 18me Maccabiadi dal 12 al 23 luglio, inserendole nella sua speciale programmazione sportiva. Quest’evento segna la prima trasmissione in nazioni diverse da Israele.  Conosciute come le “Olimpiadi Ebraiche”, le Maccabiadi hanno luogo ogni quattro anni in Israele, e attraggono eccezionali atleti ebrei da tutto il mondo. Vi gareggiano più di 8.000 atleti di oltre 50 paesi diversi, facendo delle Maccabiadi il terzo evento sportivo più grande al mondo.  La programmazione JLTV dei Giochi comprende uno speciale pre-olimpico di tre ore, Domenica 12 luglio dalle 18 alle 21 (fuso orario costa USA orientale), con 2 ripetizioni. La cerimonia di apertura della durata di 4 ore sarà trasmessa Lunedì 13 dalle 18 alle 22 (fuso orario costa USA orientale), con ulteriori ripetizioni. La trasmissione delle Maccabiadi continuerà fino al 24 luglio, mostrando i fatti salienti dei Giochi, interviste agli atleti e storie di interesse umano.  JLTV (Jewish Life Television) è il primo network televisivo a tempo pieno al mondo con programmazione di contenuto ebraico. Lanciato nel 2007, il network offre una gamma completa di notiziari, trasmissioni sportive, costume e società e intrattenimento. Oltre a trasmettere via Time Warner Cable, DirecTV e stazioni televisive locali in tutti gli Stati Uniti, JLTV può essere vista in più di 100 milioni di case in tutto il mondo grazie al prossimo lancio del 12 luglio su Hot Bird, un gruppo di trasmissioni via satellite, in tutta l’Europa, in Nord Africa e in Medio Oriente. Posizione di Hot Bird: Frequenza: 11200. Polarità: Verticale. Symbol Rate: 27500. FEC Rate: 5/6

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dl Crisi

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2009

“Altro che superamento della crisi, altro che provvedimenti anticrisi, bisognerebbe completare il titolo della norma con la dicitura “provvedimenti anticrisi per imprese non in crisi”. così commenta Ignazio Messina, capogruppo IdV in commissione Finanze, il dl anticrisi all’esame della commissione.  ì“Il provvedimento propone ad esempio la detassazione degli utili. Ma chi può detassare gli utili? Chi li produce. E quali sono le imprese che hanno utili? Quelle non in crisi! Dunque provvedimento inutile o, comunque, insufficiente. Concordo con la Marcegaglia, oggi intervenuta in commissione e palesemente in   contrasto con Berlusconi che invece continua ad affermare che non c’è crisi. La crisi c’è ed è la peggiore dal dopoguerra e nei prossimi mesi le aziende più deboli usciranno del mercato” spiega l’on. Messina.  “E dove sono le imprese deboli? – prosegue Messina con il suo ragionamento- Nel mezzogiorno, per il quale ovviamente non è previsto alcuno strumento specifico nel provvedimento. Anzi il Sud, ancora una volta viene depredato dei fondi Fas, utilizzati per finanziare la Cig che, come sempre, verrà utilizzata più al nord che al sud.” “Urge un deciso intervento riparatore – afferma Messina – Bisogna istituire un apposito fondo di garanzia per le piccole e medie imprese del Sud e finanziarlo con soldi veri, non presi da altre misure in un infinito gioco delle tre carte dove a perdere è sempre il più debole. Ancora una volta – conclude il deputato- il governo penalizza il meridione con la complicità degli stessi ministri parlamentari del sud. Denunciamo questo stato di cose, l’Italia dei Valori, interverrà decisa, prevedendo emendamenti che mirano con i fatti a tutelare le aree più deboli del Paese”.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

G8: Oxfam International e Ucodep

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2009

“Oggi 17 paesi, responsabili di oltre l’80% delle emissioni mondiali, hanno raggiunto per la prima volta un importante accordo: bisogna impedire al pianeta di riscaldarsi di oltre due gradi oltre i livelli preindustriali. Mentre i paesi del G8 continuano nella direzione sbagliata, bruciando il pianeta e avviandosi verso la catastrofe climatica, le popolazioni più povere desiderano sapere se i paesi ricchi cambieranno direzione ora prima che sia troppo tardi”, commenta Farida Bena, portavoce di Oxfam International e Ucodep. I paesi del G8, sottolineano le due Ong, hanno provato a incolpare i paesi in via di sviluppo per il fatto che il Mef non fa abbastanza contro il cambiamento climatico. Ma dovrebbero ripulire i loro panni sporchi prima di dire agli altri cosa devono fare. Il G8 deve tagliare il 40% delle emissioni entro il 2020 e dare ai paesi poveri il supporto finanziario per adattarsi. “Se il G8 affrontasse la crisi climatica con la stessa velocità con cui si sono attivati per la crisi finanziaria, salverebbe milioni di persone”, conclude Bena.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Degrado del centro storico di Frosinone

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2009

“Non possiamo che esser dispiaciuti. In realtà si tratta di un vero e proprio scandalo che il centro storico di una città importante come Frosinone sia ridotto nello stato degradante in cui è ora”, queste le polemiche parole di Giancarlo Flavi, responsabile per la provincia di Frosinone dell’Italia dei Diritti, nel parlare della disastrosa condizione in cui si trova il capoluogo laziale. L’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro continua: “I centri storici di ogni paese vanno tutelati, proprio perché hanno qualcosa da raccontare e celebrare, Frosinone in particolar modo ha bisogno di una riqualificazione, non possiamo lasciare lenzuola appese a marcire sotto le intemperie come carcasse di ideali abbandonati e – conclude – invitiamo come Italia dei Diritti il sindaco a fare in modo che il centro storico di Frosinone torni agli antichi fasti, liberandosi della pelle attuale ormai vecchia e marcia”

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Donne romane tigri sotto l’ombrellone

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2009

(acorep.com) Donne romane tigri sotto l’ombrellone, pigre invece le milanesi. É solo una delle curiosità emerse da un sondaggio promosso dall’«Accademia Internazionale “Stefano Benemeglio” delle Discipline Analogiche» (www.accademianalogica.com). Così d’estate l’amore «made in Italy» risulta essere più caldo al centro-sud, dove le donne —oltre a prendere il sole— vorrebbero un po’ di azione. L’universo femminile a nord, invece, si dimostra più pigro; però —in contrapposizione— gli uomini meneghini a prendere il sole si annoiano e preferirebbero vacanze più movimentate. Sull’asse Roma-Milano uomini e donne hanno preferenze e abitudini molto diverse e gli amori diventano difficili non tanto per questioni di distanza geografica, quanto per il diverso approccio dei due sessi alla vita da spiaggia. Da Nord a Sud affiora un divario crescente tra le aspettative di lui e lei. Secondo il sondaggio dell’«Accademia Internazionale “Stefano Benemeglio” delle Discipline Analogiche» (www.accademianalogica.com): il 72% delle donne milanesi ama stare sotto il sole almeno 5 ore al giorno, mentre la questa percentuale si dimezza per le romane (34%), la maggiorparte delle quali (64%) ama prendere il sole dalle 3 alle 5 ore al giorno contro il 27% delle donne meneghine. Per lei prendere il sole è soprattutto una cura di bellezza per il 30% delle milanesi e per il 26% delle romane, ma c’è un divario nella percezione della tintarella come relax: lo è per il 45% delle donne capitoline contro il 68% di quelle di Milano. E se per i romani di sesso maschile prendere il sole è soprattutto percepito come un modo per rilassarsi (50%), la tintarella vuole dire relax solo per un milanese su quattro. Solo un uomo capitolino su 3 si annoia a prendere il sole, contro il 63% dei milanesi che considera la spiaggia una perdita di tempo. L’Italia dell’amore appare dunque confusa, con uomini e donne perplessi o addirittura spiazzati dal comportamento dell’altro sesso. «Le abitudini diverse di lui e di lei influiscono sulla percezione della vacanza durante la quale l’esigenza principale è quella di riposare ed è difficile farlo se non si riesce a comprendere il punto di vista dell’altro» spiega Stefano Benemeglio, presidente dell’«Accademia Internazionale delle Discipline Analogiche» (www.accademianalogica.com),

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »