Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Nuovo relatore per riforma rappresentanza militare

Posted by fidest press agency su sabato, 11 luglio 2009

Il senatore Galioto (PdL), subentrato in qualità di relatore al senatore Collino (recentemente  eletto al Parlamento europeo), illustra brevemente i disegni di legge nn. 1157 (d’iniziativa della  senatrice Pinotti ed altri, che prevede la possibilità, per il personale militare, di aderire anche a  formazioni sindacali civili e quindi esterne alle Forze armate) e 1510 (d’iniziativa dei senatori Torri e Divina, che propone di sospendere il rapporto gerarchico durante le riunioni delle rappresentanze, di  escludere i comandanti di base dalla partecipazione alle attività dei corrispondenti consigli e di  eliminare la possibilità di trasferimenti a carico dei delegati), osservando che i provvedimenti  perseguono, in sostanza, le stesse finalità sottese al disegno di legge n. 161 (d’iniziativa del  senatore Ramponi), già in corso di esame. Propone quindi alla Commissione di proseguirne l’esame congiuntamente al già citato disegno di  legge n. 161. La Commissione conviene sulla proposta del relatore. Il relatore Galioto (PdL) osserva quindi che, stante la sostanziale convergenza dei provvedimenti in  ordine alla finalità perseguita, sussistono tuttavia alcune differenze nelle soluzioni proposte, e ciò  rende opportuno -a suo avviso- procedere previamente alla raccolta di imprescindibili elementi  informativi, considerata anche la particolare delicatezza delle tematiche ad essi sottese. In ragione di ciò, fa quindi propria la proposta  formulata a suo tempo dal relatore Collino, ed  approvata dalla Commissione lo scorso 4 marzo, di  procedere ad un ciclo di audizioni informali  (comprendenti i Cocer delle Forze armate, dei  Carabinieri e della Guardia di finanza, i responsabili  degli Stati maggiori e dei Comandi generali dei  Carabinieri e della Guardia di finanza, e, da ultimo,  un rappresentante politico del Governo),  con le eventuali integrazioni che si reputassero necessarie, ed auspicando che esso possa concludersi  in tempi congrui. Il seguito dell’esame congiunto è quindi rinviato. (m.f. sono sempre più convinto  che le ragioni dei militari troveranno favorevoli consensi nell’arco parlamentare nella consapevolezza che il consiglio centrale Interforze della rappresentanza militare non gode di una delega “in bianco” tale da stravolgere quegli stessi principi democratici che afferma di voler tutelare  facendosi promotore di iniziative contrarie al volere della base elettorale. Il legislatore, con l’esame dei progetti sulla riforma della Rappresentanza militare, è chiamato ad assumersi delle importanti responsabilità nei confronti dei cittadini in divisa. Nell’esprimere il loro parere i senatori dovranno necessariamente considerare le forti aspettative di minori limitazioni a quei diritti fondamentali che sono garantiti dalla Costituzione. Tali aspettative potranno essere soddisfatte grazie a valutazioni più aderenti all’evoluzione ed al nuovo contesto sociale rispecchiando quei principi di garanzia e di pluralismo già richiamati dalla Comunità Europea nel quadro di una maggiore integrazione). Come fidest siamo convinti che la commissione ha già tutte le carte in mano per varare una buona norma ed eventuali altri ritardi sarebbero ritenuti ingiustificati e persino sospetti da chi già oggi teme un insabbiamento del provvedimento per lasciare le cose come stanno o peggio ancora partorire un pateracchio).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: