Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Obama dice: “Yes we can”

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 luglio 2009

il G8 risponde ‘no, non vogliamo’. Se si esclude il nuovo impegno contro la fame, i cui dettagli rimangono ancora incerti, il vertice non ha fatto nulla per l’Africa, mentre il clima peggiora e il mondo brucia ancora. Nella Roma antica, il popolo riceveva panem et circenses. Questo G8 è stato per lo più un circo”, dichiara Francesco Petrelli, presidente di Ucodep. I leader del G8 – denunciano Oxfam e Ucodep – sono partiti lasciando tante questioni aperte nell’agenda: 80 milioni di bambini non possono andare a scuola, altre decine di milioni muoiono per malattie curabili. La presidenza canadese deve muoversi velocemente per porre rimedio.   “Solo quest’anno la crisi economica costa all’Africa 245 miliardi di dollari (175,1 miliardi di euro). Si può parlare di stato d’emergenza. Ma nelle dichiarazioni del G8 non c’è traccia del piano di emergenza per reperire i 25 miliardi di dollari (17,8 miliardi di euro) in più promessi dal G8”, dichiara Farida Bena. “La discussione sull’Africa è stata relegata a una sessione simbolica. Come possiamo prendere sul serio il G8 quando tutto ciò che offre all’Africa sono promesse non mantenute e foto di gruppo?”  Il G8 del 2010 in Canada è una delle ultime spiagge per questo vertice: i grandi devono mantenere quanto hanno promesso. Hanno 12 mesi scarsi per evitare di essere ricordati come quelli che hanno lasciato morire i poveri e il pianeta. “Con un limite massimo di due gradi al riscaldamento globale, il G8 ha raggiunto un buon accordo per evitare che l’acqua raggiunga il soffitto. Ma non hanno fatto nulla per l’acqua che già arriva alla gola di milioni di persone”, avverte Farida Bena. “Il G8 deve agire ora per contrastare il cambiamento climatico. I paesi industrializzati devono limitare le emissioni, riducendole di almeno il 40% rispetto al 1990 entro il 2020. E’ inoltre necessario reperire più di 150 miliardi l’anno di dollari (107,2 miliardi di euro) per i paesi in via di sviluppo, perché si adattino agli effetti del clima e riducano le emissioni. Per l’Italia, in particolare, l’economia verde rappresenta una grande opportunità di crescita durevole e di creazione di centinaia di migliaia di posti di lavoro”.   “Accorgersi che si è sbagliato strada non equivale a fare inversione di marcia: occorre che il G8 cambi rotta e finanzi, con aiuto pubblico allo sviluppo di qualità, salute, acqua, istruzione per tutti”, dichiara Farida Bena. “L’Italia, in particolare, non è stata capace di andare oltre il vago impegno di saldare il debito al Fondo Globale entro l’anno. Ci aspettiamo che nella prossima Finanziaria l’Italia dia vita a un piano di rientro per destinare lo 0,51% del Pil in aiuto pubblico allo sviluppo entro il 2010 e lo 0,7% entro il 2015. Per questi obiettivi si è impegnata in sede europea, G8 e ONU.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: