Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Puntare sul diritto allo studio per premiare i talenti

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 luglio 2009

Dalla crisi si esce puntando sul talento, sulla creatività, sulla capacità innovativa delle giovani generazioni. E’ con questa consapevolezza che stiamo usando le competenze che ci sono state affidate per potenziare gli interventi per il diritto allo studio, in modo da favorire una piena partecipazione dei ragazzi e delle ragazze ai percorsi scolastici e universitari e incoraggiare le eccellenze. Alla vigilia della partenza del nuovo anno si preannunciano ulteriori novità, sia per il diritto allo studio universitario che per quello scolastico. Grazie ai nuovi indirizzi regionali per il diritto allo studio scolastico approvati, a partire dal 2008, abbiamo aumentato in modo significativo le risorse. Sono così stati stanziati fondi regionali per oltre 3 milioni nel 2009 e altrettanti ne stanzieremo nel 2010: sono circa 2 milioni in più di risorse regionali (rispetto a quanto stanziato annualmente nel corso dell’ultimo decennio, in media circa 1 milione l’anno) che si aggiungono alle risorse statali. Su questo fronte c’è anche la novità con cui la giunta ha recepito le indicazioni del consiglio per l’attivazione del comodato gratuito per i libri di testo, uno strumento che darà a 2000 studenti delle scuole superiori la possibilità di studiare senza far tirare fuori un euro alle proprie famiglie. Anche per chi va all’Università ci sono buone notizie: da quindici anni la Regione riesce ad assicurare le borse di studio a tutti gli studenti che hanno i requisiti per ottenerle. Oggi siamo in grado di ampliare ulteriormente la platea di coloro che possono accedere ai benefici, non solo alle borse ma anche agli alloggi e alle altre agevolazioni. Abbiamo infatti aumentato la soglia minima di reddito che, abbinata al merito, dà diritto ai benefici. Chi risulterà in graduatoria ma non si vedrà assegnato un posto letto, riceverà un contributo per l’affitto. Ma non è finita. Anche chi frequenta un master universitario potrà usufruire di un altro strumento come il prestito fiduciario, che abbiamo voluto profondamente rinnovare e rilanciare, con la collaborazione delle banche. Sostenere ed incentivare l’accesso e il completamento del percorso scolastico e accademico degli studenti meritevoli, al di là delle condizioni economiche e sociali di partenza, per noi è insomma un impegno prioritario. E lo è a maggior ragione in questa fase, in cui sia la crisi economica che i pesanti tagli del governo rischiano di deprimere la scuola pubblica e limitare il diritto allo studio. (Gianfranco Simoncini)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: