Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 2 agosto 2009

Movida notturna a Roma

Posted by fidest press agency su domenica, 2 agosto 2009

“Sono ancora una volta perplesso – afferma il sindaco di Roma Alemanno – di fronte all’indulgenza che ha portato la magistratura a denunciare a piede libero uno dei minorenni aggressori. Mi auguro che nel successivo lavoro di indagine vengano individuati e denunciati tutti gli altri aggressori per giungere ad una punizione adeguata alla gravità dei reati commessi. Senza la certezza della pena è impossibile dare credibilità a tutti i controlli e tutti gli interventi delle forze dell’ordine finalizzati a dare attuazione alle leggi e alle ordinanze che abbiamo emanato per evitare l’illegalità notturna nella nostra città. Mi chiedo che senso abbia sforzarsi di emanare nuove regole e nuovi divieti se poi i trasgressori e i colpevoli di reati più gravi non vengono adeguatamente puniti anche quando vengono assicurati alla giustizia”.  “In ogni caso – conclude Alemanno – chiederò al prefetto di convocare per la settimana prossima una riunione del Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza al fine di verificare l’efficacia delle misure fino ad oggi messe in atto per bloccare gli eccessi della movida notturna”.

Posted in Diritti/Human rights, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lo sport degli italiani

Posted by fidest press agency su domenica, 2 agosto 2009

Editoriale fidest. Non manca occasione per mettere in cantiere un nuovo partito. Nel giro degli ultimi mesi, tanto per restare agli annunci autorevoli, vi è stato il governatore della Sicilia Lombardo con il suo Partito del Sud, l’hanno seguito a ruota alcuni militari o ex, non si sa bene, con il partito che si richiama agli uomini con le stellette ma aperto ai simpatizzanti “borghesi”. Ora è la volta di Grillo. Altri annunci similari, ma di basso profilo, li hanno contornati, mentre sappiamo bene che dividersi non rende, anzi. Lo sa bene  la sinistra italiana che si è ritrovata con un complessivo 7% ma essendosi presentata divisa ha perso la possibilità di far eleggere almeno cinque suoi esponenti alle europee. Grillo, di certo, fa quel che può per concentrare su di se i fasci delle luci della ribalta e per quanto non riscuota, in certi ambienti, molte simpatie ha saputo affrontare i reali problemi del paese e anche denunciarne la deriva, ma da qui a un partito ce ne corre. Ha cercato, ovviamente, di candidarsi nel Pd ma l’hanno rimandato al mittente in malo modo. Ci rendiamo conto della sua amarezza e, in un certo senso, la sua rabbia dettata dall’impotenza di dare concretezza al suo messaggio. L’unico partito che l’ha seguito è stato l’Idv di Antonio di Pietro ma, evidentemente, quella casacca gli sta troppo stretta. Egli ambisce ai grandi numeri e non gli diamo torto. Ma egli, più di noi, sa che la democrazia italiana è “ingessata”: Berlusconi potrà perdere due o anche tre punti percentuali e probabilmente qualche suo alleato li recupererebbe. Non migliore fortuna potrà avere il Pd con l’attuale 22% mentre in queste tornate “elettorali” per la segreteria del partito abbiamo Franceschini e Bersani due brave persone ma lontane dal carisma di un leader e per di più espressioni di divisioni all’interno del partito e non di unione. E gli altri? Sono condannati o a fare il Pierino di turno o a gestire “pazientemente”, e senza altre speranze, le loro percentuali del 5% per l’Udc di Casini e del 9% dell’Idv di Di Pietro. Il vero miracolo lo avremmo avuto se tutte le opposizioni dalla destra alla sinistra rinunciassero a fare da sponda alle loro “collocazioni geometriche” e decidessero di dirci seriamente con chi vogliono stare e i loro leader facessero un passo indietro per mettere alla loro guida, in mancanza di un leader carismatico, un uomo di buona volontà pulito e senza “grilli” per la testa o, pardon, di tenersene almeno uno per “futura memoria”. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Editoriali/Editorials | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Beppe Grillo annuncia un nuovo partito

Posted by fidest press agency su domenica, 2 agosto 2009

In autunno nascerà un nuovo Movimento di Liberazione Nazionale, un soggetto politico a Cinque Stelle espressione dei cittadini.” è di quelli destinati a vivacizzare il dibattito politico durante l’estate. Certamente dovrà entrare nel dibattito di Italia dei Valori, movimento che più di ogni altro è stato accostato nell’ultimo anno alle iniziative di Grillo, che per qualcuno è l’espressione della “antipolitica”.  Cosa rappresenta il partito di Grillo per Italia dei Valori? Una minaccia? Una nuova opportunità? Osservo anzitutto che la decisione di lanciare una nuova formazione politica significa che Grillo, che su alcune questioni ha in questi anni appoggiato le nostre battaglie, non si senta sufficientemente rappresentato da Di Pietro. Se così non fosse basterebbe che egli accettasse l’inserimento di suoi esponenti nelle nostre liste. Dunque questo sembra il motivo più probabile. Secondariamente ricordo che un Paese si può cambiare in due modi: con la ghigliottina o con il riformismo. Italia dei Valori ha scelto senza riserve questa seconda strada e, sia pure con qualche concessione alla demagogia, ha sempre individuato linee d’azione programmatica praticabili e nella direzione della “politica del fare”. Il nuovo partito di Grillo quale indirizzo assumerà? Guardando a tante proposte, altamente demagogiche, che appaiono sul suo blog vi è il rischio concreto di slogan privi di possibilità di essere tradotti in pratica, nelle attuali condizioni di agibilità del Parlamento. Ed allora il risultato finale potrebbe essere il più grande favore fatto al berlusconismo, allontanando la prospettiva di un suo superamento. In terzo luogo il Movimento di Liberazione Nazionale, se assumerà la missione di quel Comitato di Liberazione Nazionale che fu alla base della liberazione dal fascismo, dovrà essere aperto a tutti coloro che la condividono, ma ciò presuppone la scelta riformista ed una condivisione di azioni, che non potranno essere in tutto sovrapponibili alle proposte di Grillo. In tal caso credo che Idv sarà disponibile ad aprire una approfondita discussione coinvolgendo anche altre realtà presenti nelle nostre istituzioni. In ogni caso per Italia dei Valori sarà il momento di dimostrarsi partito “vero”, capace di rappresentare chi crede in certi valori, e di cui Grillo è solo una parte. Mi auguro dunque che prosegua sulla strada di un programma concreto, realizzabile, non demagogico, corroborato dalla sua sostenibilità in termini di finanza pubblica. Potrebbe esserci qualche dolorosa perdita a livello di classe dirigente, ma ci sarà anche più chiarezza nella linea politica. (antonio borghesi)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Errori sanitari ad Agrigento

Posted by fidest press agency su domenica, 2 agosto 2009

Lunedì 3 agosto una delegazione della Commissione di inchiesta sugli errori sanitari e disavanzi sanitari regionali si recherà ad Agrigento per accertare le condizioni dell’ospedale San Giovanni di Dio e valutare le conseguenze di un eventuale sgombero sulla salute dei pazienti ricoverati e sul diritto alla salute dei cittadini agrigentini.  La mattina, a partire dalle 11 circa, si svolgeranno presso la prefettura di Agrigento le audizioni di Massimo Russo, Assessore regionale alla sanità, Mario Leto, Commissario straordinario dell’azienda ospedaliera San Giovanni di Dio, Umberto Postiglione, prefetto di Agrigento.  Dopo la visita ai locali del nosocomio, è prevista una conferenza stampa alle ore 16 presso i locali dell’ospedale San Giovanni di Dio.  La delegazione della commissione sarà composta dagli onorevoli Leoluca Orlando (presidente, IDV), Matteo Brigandì (vicepresidente, LNP), Giovanni Mario Burtone (vicepresidente, PD), Lucio Barani (Pdl), Marco Calgaro (PD), Melania De Nichilo Rizzoli (Pdl), Maria Grazia Laganà Fortugno (PD), Antonino Minardo (Pdl), Laura Molteni (LNP).

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

La politica va in vacanza

Posted by fidest press agency su domenica, 2 agosto 2009

Siamo alle ultime battute. Ne avremo da raccontare sotto l’ombrellone o sulla sdraio d’alta montagna per fare nuove amicizie, per trovare quelle vecchie delle precedenti vacanze, per dialogare con la suocera o tra un’occhiata e l’altra, mentre i nipotini si ricorrono sulla spiaggia o si tuffano davanti a un cavallone, seguire lo sculettare della vicina, giovane e bella. Sono le battute di simpatia e di antipatia che riversiamo sugli uomini e le donne che più delle altri ci hanno colpito. Certe figure, bene o male, restano impresse ma di certo questo governo ci ha regalato come ministro delle donne “fascinose” e se lo avessero lasciato fare il nostro “berlusca” avrebbe conquistato anche Bruxelles con le sue “veline” parlamentari europee. Peccato. Poi passiamo inevitabilmente, in specie per chi abita a Roma agli incontri “ravvicinati” con i personaggi della politica e dello spettacolo. Io, dice una signora, vado dallo stesso parrucchiere della Melato. “E’ simpatica ma un po’ sulle sue”. Io, gli fa eco il marito, ho incontrato a piazza Monte Citorio il ministro Tremonti. Sembrava un trasognato con gli occhi fissi sul vuoto e affiancato da due stangoni che gli facevano da guardia del corpo. Io, lo rincalza una signora, ho mio marito giornalista e un giorno l’ho accompagnato a una conferenza stampa di Berlusconi. Era lì a due metri da me, come io e lei, rivolgendosi al vicino di sdraio nell’ombrellone attiguo, e mi guardava fisso. Che simpaticone. Feci un sobbalzo. Guardai bene la donna, una sessantenne giù di lì e mi trattenni a stento dal prendere il telefonino per collegarmi in redazione: “che il nostro cavaliere abbia cambiato gusti? Si è stancato delle minorenni? A lui piacciono tanto. Lo fanno sentire “paterno”, ma anche “giovane”. Poi mi acqueto. Quel raduno sotto il sole cocente riusciva a darmi un’immagine della politica tutta in “rosa”, fatta di belli e di brutti ma quel che più conta fanno parlare di sé. Le loro gesta, i loro gusti, le loro tendenze, fuori dagli aridi calcoli contabili della politica diventano i più gettonati e probabilmente pensano che sia l’unico modo per essere votati. Non possiamo, di certo fidarci, di quel signore occhialuto che tutte le mattine si rifornisce di giornali e di libri e per ore sta lì seduto a leggere. Ma è l’on.le… ma chi lo fila? Chi lo riconosce? Figurati è dell’opposizione. (R.A.)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le stragi di mafia verso l’archiviazione?

Posted by fidest press agency su domenica, 2 agosto 2009

Il tutto sembra originato da una decisione del CSM che ha avanzato l’esigenza di annullare i trasferimenti presso le procure (compresa Caltanissetta) di quei magistrati che avessero nel loro curriculum attività antimafia. Qui parliamo di ben 50 magistrati provenienti da tutte le parti d’Italia. Nello stesso tempo Ciancimino junior, testimone chiave, dell’indagine svolta a Caltanissetta sulle stragi mafiose, ha deciso di non collaborare più con la magistratura ed avvalersi della facoltà di non rispondere. Ora ci chiediamo: E’ solo una circostanza casuale o si stanno maturando fatti che non permettono ai magistrati inquirenti di svolgere serenamente il loro lavoro e ai testimoni d’essere garantita la loro incolumità? D’altra parte la posta in gioco è molto alta e parliamo di miliardi di euro di appalti e, in una regione dove la componente mafiosa è molto forte, non è facile pensare che si lascino sfuggire questa ghiotta occasione. Un altro segnale potrebbe provenire dal rientro dei capitali dall’estero per costituire società e la stessa banca del Sud di cui ha fatto riferimento il ministro Tremonti per la gestione dei fondi comunitari. In pratica questa banca potrebbe anche essere un modo per “ripulire” il denaro sporco e condizionare gli appaltatori con la leva delle concessioni creditizie. Forse è finito il tempo delle “stragi” ed è incominciato quello della “diplomazia mafiosa” che si serve dei colletti bianchi  e delle alleanze d’alto livello con più successo rispetto al passato. Certo è che la situazione si sta evolvendo e non nel senso della chiarezza. Abbiamo in pratica acque limpide ma stagnanti su un fondo fangoso e basta poco per intorbidarle. (R.A.)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

I siti del “pianeta militare”

Posted by fidest press agency su domenica, 2 agosto 2009

Vincenzo Marzano ci ha inviato, per conoscenza, una lettera indirizzata al Ministro della Difesa per sapere se il ministro non ritenga opportuno fare chiarezza “sulla massa di notizie che vengono diffuse su internet dai siti http://www.pianetacobar.eu,  http://www.alessandrorumore.com,  http://www.dirittierovesci.it e http://www.forzearmate.org e altri che riportano al loro interno informazioni relative alle attività svolte dagli organismi della rappresentanza militare o dei singoli delegati che non sembrerebbero essere conformi alle norme regolamentari stabilite per la loro diffusione all’esterno delle Forze armate”. Ciò, si fa notare, travalica la legittima informazione in quanto di sovente si entra nel merito e si finisce, dato il carattere pubblico dello strumento informativo, con il creare una immagine, ai non “addetti ai lavori”, deformata sulla vita e sull’attività dei militari. Non solo. Qualche sito riporta persino il logo dell’arma dei carabinieri e, in pratica, lascia supporre che la rappresenti ufficialmente mentre in effetti è gestita “privatamente” da militari in servizio. Non spetta a noi di certo entrare nel merito di quanto sta accadendo e meno che mai considerarne la legittimità o meno. Lasciamo pure al Ministro quella che potrebbe essere considerata una “patata bollente” messa nelle sue mani in quanto, a nostro avviso, tutto ciò accade perché manca una qualche forma di rappresentanza militare di tipo sindacale come lo è in polizia. Se così fosse le iniziative sarebbero state agevolmente riconoscibili dai media come atti volti ad affrontare le migliori condizioni di lavoro e di tutela professionale nell’esercizio dei propri compiti. Diciamo che il Cocer è identificabile come un primo passo per una migliore e più incisiva forma di partecipazione collettiva per la gestione della vita militare che oggi presenta complessità e impegni maggiori e più sensibili rispetto al passato. Non possiamo del resto fingere che nulla stia accadendo, ma riteniamo proprio per il moltiplicarsi di iniziative che stanno diventando fuori controllo e che inducono, tra l’altro, a facili confusioni anche all’interno del mondo militare, che sia giunto il momento di prendere, come si sul dire, il toro per le corna e fare delle scelte che sappiano contemperare le legittime forme d’informazione da quelle stimolate da altri interessi che nulla hanno a che vedere con la vita militare. (R.A.)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dl. Crisi: mozione 74 senatori pd

Posted by fidest press agency su domenica, 2 agosto 2009

“Nel giorno dell’approvazione del Dl anticrisi, inadeguato e inefficace, 74 senatori del Pd hanno presentato una mozione che impegna il governo ‘ad adottare provvedimenti urgenti per garantire le immediate modifiche delle norme attuali che regolano i vincoli del Patto di stabilità per i Comuni e le Province’ e ‘a creare una ‘corsia preferenziale’ in deroga al Patto di stabilità per l’utilizzo dei fondi residui passivi per la spesa in conto capitale, già disponibili dagli Enti, da impegnare nella manutenzione di luoghi pubblici quali scuole, reti idriche, edilizia residenziale pubblica”. Lo annuncia il senatore del Pd Raffaele Ranucci, primo firmatario della mozione sottoscritta, fra gli altri, da Anna Finocchiaro, Luigi Zanda, Nicola Latorre, Filippo Bubbico, Giuliano Barbolini, Massimo Livi Bacci, Silvio Sircana, Tiziano Treu, Giorgio Tonini, Enzo Bianco, Enrico Morando, Achille Passoni, Umberto Veronesi, Emanuela Baio, Vanino Chiti, Paolo Nerozzi, Stefano Ceccanti, Gianenrico Carofiglio, Achille Serra e Francesco Rutelli.  “In questo momento – spiega Ranucci – la drammatica crisi finanziaria sta serrando l’economia del nostro Paese con un forte impatto negativo sull’economia reale, sui posti di lavoro, sulle famiglie, sulle imprese. Molti Comuni e numerose province hanno a disposizione risorse economiche libere ed utilizzabili per finanziare opere già progettate, cantierabili o già cantierate, ma ferme a causa dei vincoli posti dal Patto di stabilità. Tali vincoli non consentono ai Comuni e alle Province di poter legittimamente utilizzare le risorse proprie (avanzo di amministrazione, oneri di urbanizzazione riscossi, entrate da alienazioni patrimoniali dell’Ente ecc.) per effettuare gli investimenti necessari economico/infrastrutturali sul territorio;le ultime manovre governative hanno sottoposto i Comuni e le province a tagli, vincoli e restrizioni senza le adeguate compensazioni, minando completamente l’autonomia finanziaria, dimostrando disinteresse per le già disagiate comunità locali”.  “Nei mesi scorsi l’Anci – si legge nella mozione – ha rivolto un appello al Governo con il quale si chiedevano una serie di interventi urgenti per consentire, in deroga al Patto di stabilità interno, l’utilizzo immediato dei residui passivi per la spesa in conto capitale, l’utilizzo degli avanzi di amministrazione per la spesa in conto capitale, l’utilizzo dei proventi derivanti dalla vendita del patrimonio per finanziare la spesa per investimenti, la garanzia per la stabilità delle entrate comunali attraverso la compensazione dei tagli ai trasferimenti e la mancata integrale copertura degli interventi sull’Ici; un allentamento del Patto di stabilità per i Comuni permetterebbe di mettere in moto opere medio piccole, grazie alle quali verrebbe alimentata la piccola e media impresa italiana, in particolare nel settore dell’edilizia e del suo indotto, con immediati effetti benefici sul piano occupazionale evitando il ricorso agli ammortizzatori sociali; nella Regione Lazio, i residui passivi in conto capitale 2007 ammontano ad un totale di circa 1,5 miliardi e, se ‘liberati’, darebbero un sostanziale contributo alla ripresa dell’economia di questa Regione. In Italia il Governo ha recuperato molti stanziamenti distraendoli in molti casi dalle destinazioni originarie (si pensi ai fondi FAS) per realizzare grandi infrastrutture la cui effettiva utilizzazione produrrà effetti forse e solo nel lungo periodo”.”Le previsioni economiche per il prossimo futuro – conclude Ranucci – registrano un progressivo peggioramento e le azioni del Governo risultano praticamente inefficaci. Pertanto chiediamo una deroga mirata al Patto che consentirebbe la realizzazione e ultimazione di quegli interventi infrastrutturali che possono essere finanziati con risorse già nella disponibilità degli Enti, con un forte impatto sul tessuto economico locale e territoriale”.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

José Luis Serzo. La vida es sueño

Posted by fidest press agency su domenica, 2 agosto 2009

la revolucionariaTorino 25 settembre 2009 – 30 ottobre 2009 h 18,00, – 21,00 via dei Mille 40/a Marena Rooms Gallery A cura di Monica Trigona  La vita è sogno (“La vida es sueño”) è un dramma filosofico – teologico scritto nel 1635 da Pedro Calderón de La Barca, ma è anche un’affermazione che bene si adatta al mondo immaginifico di José Luis Serzo. José  Luis, nativo di Albacete, capoluogo dell’omonima provincia, è considerato oggi uno dei giovani più promettenti dell’arte contemporanea spagnola, che esplica attraverso l’utilizzo di tecniche variegate: passa con disinvoltura dalla pittura alla scultura, dall’installazione al video. La sua capacità di “fare mondi”, per mutuare la locuzione che Daniel Birnbaum ha voluto come imperativo della sua biennale veneziana, è favorita da un animo idealista e sognatore che brama scenari  zuccherati e utopici dove può prendere parte tutto l’inventario espressivo dell’arte contemporanea. Il colore ha grandissima importanza nelle composizioni di Jose Luis: risplende in bagliori smaltati e sfuma in ombre dorate. Le composizioni sono complesse, ricche di particolari, inglobano elementi eterogenei per creare un clima frivolo e allo stesso tempo sensuale. Le opere grafiche in bianco e nero di Luis Serzo richiamano alla mente la caricatura veneta settecentesca, alquanto legata al mondo del teatro e i cui protagonisti erano ben identificati nella loro identità personale. Dato certo e quanto mai inconfutabile è che la dimensione della sua arte è il sogno e che essa vive di accostamenti inusuali e apparentemente inspiegabili, affrontati con uno spirito ironico. Sebbene ci troviamo di fronte a lavori che affascinano e fanno sognare anche lo spettatore più scettico, non bisogna tralasciare il rigore artistico con cui essi sono stati prodotti da questo affabulatore contemporaneo “porque Serzo es un contador de historias pero también, y antes que nada, un buen pintor”, come scrive giustamente Javier Hontoria. (la revolucionaria)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Promuovi Italia: Maria Concetta Patti Presidente

Posted by fidest press agency su domenica, 2 agosto 2009

Patti.E’ Maria Concetta Patti il nuovo Presidente di Promuovi Italia, agenzia tecnica del Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo. Amministratore Delegato del gruppo Valtur e Presidente Federviaggio – Confturismo, Maria Concetta Patti è stata nominata dal Presidente Enit Matteo Marzotto. “Sono onorata della carica di Presidente di Promuovi Italia – ha commentato Maria Concetta Patti. E’ un’occasione importante per il nostro Paese, per lo sviluppo della filiera del turismo. Sarà mio compito promuovere l’occupazione e dare supporto a tutti i progetti mirati a riportare l’Italia nei primi posti della classifica dei paesi più visitati al mondo”. Entrano a far parte del CdA di Promuovi Italia, come Vice Presidente Mauro Di Dalmazio, Assessore al Turismo della Regione Abruzzo e Coordinatore Nazionale degli Assessori Regionali al Turismo, e Guido Viganò come Consigliere. Confermato il Direttore Generale Francesco Montera. Il Consiglio ha contestualmente convocato l’assemblea straordinaria per la revisione dello statuto, nell’ottica di consentire a Promuovi Italia di operare con la massima efficacia ed efficienza. Il Ministro del Turismo, on. Michela Vittoria Brambilla, ha espresso soddisfazione per le nuove nomine e ha formulato i suoi auguri al Presidente Patti ed ai Consiglieri Di Dalmazio e Viganò. (patti)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Adriano Stefanelli, il calzolaio “ecumenico”

Posted by fidest press agency su domenica, 2 agosto 2009

patriarcaAnche a Bartolomeo I piace il made in Italy. Il calzolaio più famoso del mondo gli ha confezionato un paio di morbide calzature nere, a seguito di una specifica richiesta giunta nei mesi scorsi. Adriano Stefanelli, pugliese di nascita ma novarese d’azione, ha confezionato un paio delle sue preziose ed ambite pantofoline per il patriarca più influente della terra.  In quanto a spirito ecumenico, il calzolaio non è nuovo a iniziative particolari: in passato aveva confezionato le cosiddette scarpe dell’Unione, calzature simboliche riportanti l’egida del vaticano e quella della chiesa di Mosca. “Le scarpe – ricorda l’artigiano – erano dedicate a Papa Woityla e al patriarca russo Alessio II. Entrambi apprezzarono molto e mi ringraziarono con lettere cordiali e affettuose”. Questa volta, dunque, Stefanelli è voluto arrivare più in alto e le scarpe le ha confezionate per il Patriarca più importante e autorevole della terra. Pare che le scarpe rosse di Benetto XVI abbiano attirato l’attenzione di Bartolomeo I lo scorso 6 marzo, durante un’udienza in Vaticano. E così, di lì a poco, anche il patriarca ecumenico si è ritrovato con un nuovo paio di scarpe ai piedi. “Le calzature – racconta Stefanelli – sono identiche a quelle che realizzai per il patriarca russo. Le ho fatte di colore nero, comode ed eleganti come sempre. Poi – continua Stefanelli- le ho spedite. Ero stato invitato a recarmi personalmente presso il patriarcato di Venezia per la consegna, ma il lavoro purtroppo non mi ha permesso di muovermi”. E forse le scarpe, un poco “ecumeniche” lo sono davvero. Proprio la settimana scorsa, a Lione, Bartolomeo I ha proposto che la Chiesa Cattolica entri a far parte della Conferenza delle Chiese Europee (KEK). “Una Conferenza di tutte le Chiese europee – ha detto Bartolomeo –  può ristabilire la comunione ecclesiale e aiutare l’uomo contemporaneo ad affrontare una serie di problemi complessi. S enza i valori spirituali cristiani, il futuro dell’Europa è oscuro”. (patriarca)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Quello che non ha capito il governatore della Sicilia Lombardo

Posted by fidest press agency su domenica, 2 agosto 2009

E’ lo stesso governatore della Sicilia che conferma il suo stesso errore, quando afferma che ci sarebbero due Italie, una europea e una africana  per la quali auspicherebbe una reciproca integrazione. L’errore sta nella valutazione geografica delle differenze, mentre si tratta, innanzitutto di differenze culturali. Al nord la cultura pragmatica che sfocia nell’individualismo egoista e razzista, nel meridione la cultura umanistica che promuove la solidarietà globalizzata, ben conoscendo la propria storia che è quella multirazziale e mediterranea. Che il Nord nutra prospettive di inserimento nel cuore dell’Europa, è una speranza che si tramuterà in condanna, quando si accorgeranno di non poter competere con le nazioni più intelligenti d’Europa che dell’isolazionismo non hanno fatto una bandiera. Il Nord leghista perderà sempre più competitività perché non potrà disporre di manodopera; si affiderà alla delocalizzazione produttiva e  dalla delocalizzazione riceverà la più agguerrita concorrenza. Il Meridione non è quella seconda Italia chiamata da Lombardo “africana”; è l’Italia mediterranea, inserita geograficamente, storicamente e culturalmente nel Mediterraneo, che non è il Mare che divide  tre  Continenti, bensì il trait-d’union che avvicina Europa, Asia e Africa. L’Italia è ben poco presente nell’attenzione verso una realtà che non viene tenuta nella dovuta considerazione; intendo parlare della Comunità Mediterranea, prima ancora di parlare della Unione Europea. Non intendo sostenere che una Comunità Mediterranea debba sostituire, in prospettiva, l’ipotesi della nascita degli Stati Uniti d’Europa, desidero affermare che l’Unione Europea non può essere, da noi italiani e, principalmente, da noi siciliani e da tutti i meridionali, concepita e non può rivelarsi utile ai nostri interessi e ai nostri destini sociali ed economici e, quindi, politici e civili, se non integrata da una Comunità Mediterranea, che ci consenta di esercitare il ruolo primario di grande ponte verso tutti i popoli rivieraschi dell’Africa del Nord o, per meglio identificarli, dell’Eurafrica Mediterranea. Non si possono lasciare vuoti in politica e, men che meno, in politica estera, senza che qualcuno li riempia; esiste un vuoto italiano in Africa Settentrionale e, ovviamente, qualcuno lo sta riempiendo. Se vi fosse una presenza italiana, forte sia in termini civili che economici e sociali, nel bacino del Mediterraneo, ogni altra presenza o collaborerebbe con la nostra o, quanto meno, sarebbe condizionata in tutto o in parte dalla nostra presenza, innanzitutto in termini di civile convivenza fra i popoli. I governi che si sono succeduti in Italia negli ultimi decenni non hanno realizzato alcun programma a medio-lungo termine indirizzato al progetto di penetrazione, con il fine di promuovere l’integrazione, verso i paesi del Nord-Africa; le poche attività che si registrano sono frutto di iniziative private, non sostenute né incoraggiate dalle strutture istituzionali. La presenza, sia pur significativa, dell’ICE non basta a stimolare interventi e/o rapporti di qualsiasi genere, così un mercato in piena evoluzione viene trascurato, lasciando le iniziative ad altre nazioni della UE, in primo luogo alla Francia, favorita in partenza dalla comunione linguistica. Le attività della Francia e delle altre nazioni che si stanno muovendo verso quei mercati non sono indirizzate a promuovere e stimolare l’integrazione, bensì sono mirate allo sfruttamento e all’utilizzazione del loro potenziale economico secondo interessi unilaterali.  L’esempio dell’Algeria è illuminante: potrebbe essere la nazione in assoluto più ricca del Nord-Africa e del Mediterraneo  (petrolio, gas naturale, pesca, agricoltura, turismo), al contrario è una delle meno sviluppate, con un costo elevatissimo della vita, salari medi bassissimi, concentrazione della ricchezza nelle mani di pochi algerini, associati con i potentati francesi. Queste discrasie, in Algeria, provocano la reazione in difesa delle classi più deboli, sviluppando tragici fenomeni di intolleranza integralista. Questa situazione, legata anche alla instabilità politico-amministrativa, scoraggia ogni tipo di intervento, ….tranne quello francese. L’Italia ha dimostrato di non nutrire grandi interessi verso quest’area, che comprende oltre 800 milioni di abitanti  (Tunisia, Algeria, Marocco, Libia, Egitto, Giordania, Siria, Kurdistan, Yemen, Senegal, Niger, Nigeria, Costa d’Avorio, Paesi Arabi e del Golfo e del Vicino Oriente) con nazioni fortemente in via di sviluppo; sono state realizzate numerosissime “tavole rotonde” (anche troppe), con grande dispendio di parole, peraltro sempre le stesse, con programmi mai concretizzati, mentre altre nazioni (specie la Francia e il Belgio) si stanno organizzando in maniera molto concreta, collocando, nelle nazioni commercialmente più attive, propri uffici in grado di fornire assistenza agli operatori interessati a tali aree. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il più potente supercomputer universitario del Regno Unito

Posted by fidest press agency su domenica, 2 agosto 2009

La ricerca universitaria presso la University of Southampton – una delle più affermate al mondo – riceverà un’ulteriore spinta al suo sviluppo grazie a un investimento di diversi milioni di sterline nell’acquisto di un nuovo Supercomputer, costruito usando la tecnologia dei server iDataPlex di IBM e capace di oltre 74 trilioni di calcoli al secondo.  Il nuovo supercomputer, che contiene più di 2000 processori, sarà utilizzato da ricercatori ad altissima specializzazione di tutta l’Università per eseguire elaborazioni complesse in campi che spaziano dalla ricerca sul cancro ai cambiamenti climatici. Sarà il primo IBM System iDataPlex in un’università del Regno Unito e uno dei 100 supercomputer più potenti al mondo, secondo la classifica dei Top 500 di giugno 2009 (disponibile all’indirizzo internet http://www.top500.org).  Il computer – disegnato appositamente per il cliente da OCF plc (www.ocf.co.uk), integratore di storage e computer ad alte prestazioni, che provvederà anche alla sua costruzione, rapida implementazione e configurazione – ha una capacità equivalente di circa 4.000 computer da ufficio standard, che operino simultaneamente.  Sarà di grande aiuto ai ricercatori medici dell’università, come commenta il docente di genetica Andrew Collins: “Abbiamo bisogno di livelli estremamente elevati di potenza di elaborazione, per il nostro lavoro di mappatura dei geni delle malattie implicati nel cancro al seno, IBD e glaucoma. Con il ritmo annuale di aumento nel volume di dati genetici, il lavoro di analisi richiede le strutture più sofisticate.”  Uno dei gruppi di engineering chiave della ricerca che userà il computer sarà lo University Technology Centre for Computational Engineering, dove il direttore Professor Andy Keane e il suo staff sfrutteranno la potenza del sistema per migliorare il design di motori per aerei. Il supercomputer  Una volta operativo, sarà il più potente HPC universitario in tutto il Regno Unito.  Sarà una risorsa condivisa da tutti i dipartimenti dell’università, ma con un particolare focus su scienza e engineering. La costruzione di un HPC unico e condiviso sta prendendo piede nel mondo universitario e inverte il trend storico di installazioni di piccole dimensioni a livello di dipartimento. La costruzione di un unico sistema ha dimostrato di essere più efficiente dal punto di vista dei costi.  L’hardware include:  IBM System x™ iDataPlex™ server – il primo del suo genere nel settore pubblico nel Regno Unito.    La forma innovativa, di tipo half-depth, riduce il flusso di aria necessario nei suoi componenti, diminuendo l’alimentazione richiesta per il raffreddamento mentre, allo stesso tempo, raddoppia il numero di server nell’unità di spazio in uno standard 42u rack.  Il Rear door di un iDataPlex dispone di un heat exchanger integrato che usa l’acqua per raffreddare il calore espulso prima che venga immessa nel data center, rendendo il tutto ancora più rispettoso dell’ambiente rispetto all’utilizzo del solo condizionamento ad aria.  L’equivalente di 26 normal racks; 1000 nodes; 2000 processori (4 core CPUs) = 8000 cores; 100 TB di capacità storage con utilizzo di IBM DS4700  L’uso della Cluster Resources Adaptive HPC Suite per fornire, a richiesta, un carico di lavoro misto tra Linux e Windows.
La University of Southampton è una delle principali nel Regno Unito, con una reputazione a livello mondiale grazie al livello della sua ricerca in diversi settori, quali engineering, scienza, scienze sociali, salute e scienze umane.    Con oltre 22.000 studenti, circa 5.000 persone nello staff, e un giro d’affari annuale di oltre £370 milioni, la University of Southampton è riconosciuta come una delle principali istituzioni nei campi della engineering, computer science e medicina. Combina l’eccellenza accademica con un approccio innovativo e imprenditoriale alla ricerca, con un approccio che impegna e sfida gli studenti e lo staff all’approfondimento della conoscenza. L’università ospita anche una serie di centri di ricerca di livello mondiale, inclusi il National Oceanography Centre, Southampton, l’Institute of Sound and Vibration Research, l’ Optoelectronics Research Centre, il Web Science Research Initiative, il Centre for the Developmental Origins of Health and Disease e il Southampton Statistical Sciences Research Institute.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Corso di perfezionamento in diritto del lavoro

Posted by fidest press agency su domenica, 2 agosto 2009

Il Dipartimento di Studi Giuridici dell’Università di Pavia, si propone di attivare per l’anno accademico 2009/2010 presso la Facoltà di Giurisprudenza il Corso di Perfezionamento in “Diritto del lavoro”.Il Corso intende costituire un valido strumento di approfondimento di alcuni snodi fondamentali della disciplina del lavoro privato e pubblico. Esso si rivolge in particolare ai professionisti (avvocati, consulenti del lavoro, commercialisti) e ai lavoratori del settore privato e pubblico (come sindacalisti, direttori del personale, addetti alla gestione delle risorse umane e alle relazioni industriali, funzionari pubblici, purché abbiano conseguito uno dei titoli indicati) che, in forza del loro ruolo, hanno necessità di mantenersi costantemente informati ed aggiornati circa i mutamenti e le trasformazioni che interessano la legislazione lavoristica, in un periodo di forte transizione ed innovazione dell’organizzazione del lavoro e delle sue regole. Il Corso si propone altresì di far acquisire agli studenti neo-laureati specifiche competenze tecniche e istituzionali, utili per un più efficace inserimento nel mercato del lavoro. Esso può inoltre rappresentare un valido supporto in vista della preparazione a concorsi pubblici. L’approccio didattico è attento ai profili applicativi degli istituti esaminati, alle prassi e agli orientamenti giurisprudenziali.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La facoltà di farmacia Unicam

Posted by fidest press agency su domenica, 2 agosto 2009

Camerino, Ancora ottime notizie per Unicam dall’Indagine del Consorzio AlmaLaurea sul Profilo dei Laureati italiani: il 96,8% dei laureati della Facoltà di Farmacia dell’Università di Camerino infatti si dichiara soddisfatto o decisamente soddisfatto del proprio percorso formativo. Si tratta della percentuale più alta tra tutti gli Atenei italiani oggetto dell’indagine Alma Laurea che hanno la Facoltà di Farmacia.  Giudizi decisamente positivi sono anche stati espressi in merito ai rapporti con i docenti ed alla sostenibilità del carico di studio degli insegnamenti.  L’83,7% dei laureati Unicam della Facoltà di Farmacia, poi, si dichiara disposto a ripetere l’esperienza di studio appena compiuta, nello stesso percorso di studio e sempre presso l’Ateneo camerte.  “Siamo veramente soddisfatti – afferma la professoressa Gloria Cristalli, Preside della Facoltà di Farmacia di Unicam – per questo risultato, che conferma la qualità della didattica, della ricerca della nostra Facoltà e dei servizi agli studenti.  Si tratta anche di una conferma del valore del lavoro svolto nella progettazione dell’offerta formativa della Facoltà che per il prossimo anno accademico confermerà l’attivazione dei corsi di laurea magistrale a ciclo unico in Farmacia ed in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche ed il corso di laurea in Informazione scientifica sul farmaco e sui prodotti della salute”. “Vorrei inoltre sottolineare – prosegue la professoressa Cristalli – che, come emerge dai dati dell’indagine Almalaurea 2008 sulla condizione occupazionale dei laureati, ben l’85,5% (tasso di occupazione secondo la definizione ISTAT) dei laureati Unicam in Farmacia è già occupato ad un anno dalla laurea”.  Il ‘Profilo dei laureati’ è il Rapporto del Consorzio AlmaLaurea che traccia la radiografia del capitale umano uscito dalle università e costituisce un punto di riferimento per tutti coloro che guardano con interesse il sistema di istruzione superiore del Paese nei suoi diversi aspetti. L’indagine ha coinvolto 187.000 laureati che hanno concluso gli studi nel 2008 in uno dei 49 Atenei presenti da almeno un anno in Alma Laurea.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ferrovie Lazio: “se sei disabile non puoi viaggiare”

Posted by fidest press agency su domenica, 2 agosto 2009

“La riqualificazione delle ferrovie decisa dalla regione Lazio era necessaria – dichiara Maria Antonietta Grosso consigliere regionale del gruppo PRC PdCI e Socialismo2000 – e presto le nostre stazioni saranno dotate di colonnine Sos, impianti di illuminazione idonei, attività commerciali  e pannelli fotovoltaici o solari. Si dimentica ancora una volta, comunque, che le nostre stazioni sono una delle più grandi “barriere architettoniche” esistenti per coloro che sono disabili. Attualmente – precisa Grosso – se devi viaggiare sulle rotaie e sei un disabile su una sedia a rotelle devi informarti di quali treni sono attrezzati, in quali orari passano e in quale stazioni si può scendere perché non tutte sono attrezzate per garantire l’autonomia di chi è su una carrozzella. Quando poi vi sono stazioni che hanno previsto tale problema – aggiunge ancora Grosso – come, ad esempio, quella di Latina, scopri che da lungo tempo il servizio è sospeso e richiede lavori di manutenzione costringendo il malcapitato ad essere sollevato per scendere dal treno e ad attraversare i binari per l’impraticabilità dei sottopassaggi. Le nostre stazioni non saranno più belle ed accoglienti – conclude il consigliere regionale – con il restyling proposto ma lo saranno e saranno più vivibili se terranno conto di tanti cittadini che vivendo una condizione di disabilità non devono essere esclusi dal viaggiare in treno. Mi auguro, come sembra sia previsto per la metropolitana C, rimanendo difficoltà per la A e la B, che rendere praticabili le nostre stazioni consideri anche i cittadini con disabilità, farlo è una priorità imprescindibile”.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Orari del Museo Nazionale del Cinema

Posted by fidest press agency su domenica, 2 agosto 2009

Torino. Il Museo Nazionale del Cinema via Montebello 22 sarà regolarmente aperto per tutto il mese di agosto, compreso il giorno di Ferragosto (con orario 9-23) e con l’apertura straordinaria di lunedì 17 agosto (con orario 9-20).  Il Museo Nazionale del Cinema aderisce all’iniziativa Ferragosto a Porte Aperte, proponendo l’ingresso ridotto al solo museo a € 5.00 per il 15 agosto.  Fino al 30 agosto 2009 è possibile visitare 2 mostre in contemporanea, comprese nel biglietto d’ingresso del Museo.  La cancellata esterna della Mole Antonelliana ospita la mostra C’era una volta. Il museo nazionale del cinema a palazzo Chiablese (1958-1984), un omaggio alla prima sede espositiva del Museo del Cinema, comprendente 30 immagini di grande formato che ripercorrono i momenti più significativi della storia del museo fondato da Maria Adriana Prolo.  Con il completamento dei lavori di ristrutturazione di Palazzo Chiablese infatti, voluti dalla Sovrintendenza per i Beni Architettonici del Piemonte in vista dell’ostensione della Sindone del 2010, il Museo Nazionale del Cinema lascia definitivamente la sede storica che l’aveva ospitato per tanti anni (dal 1958 al 1984), mentre le collezioni che vi erano depositate sono state trasferite in un nuovo, adeguato locale.   L’Aula del Tempio, cuore del Museo, ospita invece la mostra Cannes cinéma. 50 anni di festival nella collezione Traverso, 90 foto di grande formato scattate dalla famiglia di fotografi più famosa sulla Croisette.  Originari di Tenda, la famiglia Traverso arriva a Cannes nel 1850 e dopo la prima guerra mondiale Auguste Traverso decide di trasformare la sua passione per la fotografia in un lavoro vero e proprio. Dal 1946 i Traverso – oltre a documentare la vita della città e i suoi eventi più importanti – diventano i principali testimoni del Festival di Cannes. Le quattro generazioni di fotografi che si sono succedute hanno saputo immortalare divi e divine di ieri e di oggi, in istanti irripetibili sia pubblici che privati.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giustizia in vacanza ad agosto

Posted by fidest press agency su domenica, 2 agosto 2009

Intervento della senatrice Donatella Poretti, parlamentare Radicali – Pd: “La sospensione dei termini processuali nel periodo feriale va dal 1 agosto al 15 settembre, un periodo in cui la giustizia civile e’ sospesa e tutte le udienze e gli atti sono rinviati. Sembra paradossale visto che nel nostro Paese la giustizia, soprattutto civile, e’ intasata al limite della “sopravvivenza” stessa del funzionamento dell’intero sistema. La carenza di personale, il gravissimo malfunzionamento delle cancellerie, i ritardi paradossali nell’esame della cause -che possono slittare anche di cinque anni (!), pena la stessa sopravvivenza degli interessati, soprattutto se anziani- l’accumulo del lavoro per i magistrati, impossibile da smaltire in tempi ragionevoli, rendono la gestione della giustizia estremamente difficoltosa per gli addetti ai lavori e frustrante per i cittadini che si trovano quotidianamente ad esserne vittime. Tant’e’ che le sentenze definitive si hanno dopo un periodo non inferiore di 5-10 anni e parlare di giustizia denegata e grande dispendio economico, non mi sembra tanto fuoriluogo. Un problema che e’ anche sentito nella societa’ civile, tant’e’ che associazioni come l’Aduc (associazione per i diritti degli utenti e consumatori) sono anni che, inascoltata pone il problema del superamento di questo gap (1). Non solo, ma anche il ministero della Giustizia ne e’ consapevole, tant’e’ che la riduzione da 45 a 30 giorni fu inserita nel pacchetto Finanziaria 2009 (Ddl 1441/08, art. 62) ma poi stralciata. Un mese di sola vacanza sarebbe comunque una boccata di ossigeno per recuperare la funzionalita’ del servizio, ma sembra che il Governo si limiti paradossalmente a prendere atto di una situazione inaccettabile e irrisolvibile. Per questo, insieme al senatore Marco Perduca, ho presentato un’interrogazione al ministero della Giustizia per sapere se ritenga opportuno adottare tutte le misure necessarie in merito, nella consapevolezza che la riduzione ad un mese del tempo di chiusura dei tribunali rappresenterebbe, per il sistema giustizia, non certo la panacea di tutti i mali, ma una risposta razionale a ritardi ed inefficienze”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo canale televisivo internazionale

Posted by fidest press agency su domenica, 2 agosto 2009

Lussemburgo, Ses Astra, una società di SES (Euronext di Parigi e Luxembourg Stock Exchange: SESG), annuncia di aver lanciato sulla propria posizione orbitale a 19.2° Est Yes Italia, il nuovo canale televisivo internazionale interamente prodotto e distribuito da NewCo Rai International. Il canale tematico si propone come una nuova iniziativa televisiva che punta sul turismo e il Made in Italy, dedicata alla promozione e valorizzazione del patrimonio storico, artistico, culturale del nostro Paese. Una programmazione 24/7 per un’audience di “turispettatori”, italiani e stranieri, amanti dell’Italia e dello stile di vita italiano. Si tratta di una iniziativa di collaborazione tra RAI e SES ASTRA che prevede una fase di testing di 3 mesi che fa parte di un più ampio piano di cooperazione tra le due aziende per identificare e sviluppare nuove opportunità per RAI e una più ampia scelta per gli utenti satellitari europei.  Yes Italia è trasmesso attraverso il satellite ASTRA 1H con i seguenti parametri: Standard DVB-S / MPEG2; Orbital position 19.2° E; Polarisation V, Transponder 1.092, Frequency 12.246 MHz. Ad oggi, SES ASTRA raggiunge 1,9 milioni di case in Italia e 95 milioni di case in Europa attraverso la propria posizione orbitale a 19.2° Est e offre oltre 330 canali internazionali free-to-air, tra cui 270 esclusivamente su ASTRA. Grazie al nuovo hotspot 23.5° Est, SES ASTRA aggiungerà nuova capacità e scelta di programmi per il mercato italiano. http://www.ses-astra.com
SES ASTRA è il sistema satellitare Direct-to-Home (DTH) leader in Europa. La flotta di satelliti attualmente comprende 14 satelliti ASTRA e due satelliti SIRIUS. Il sistema di satelliti nella sua globalità offre servizi a più di 122 milioni di case via DTH e via cavo, e trasmette più di 2.500 canali televisivi e radiofonici analogici e digitali. Inoltre, SES ASTRA, offre servizi multimedia via satellite, connessione Internet e servizi di telecomunicazione a grandi aziende ed enti governativi. Con circa 80 canali in alta definizione (HD) oggi disponibili via satellite, ASTRA  e SIRIUS rappresentano la più importante piattaforma di broadcasting HDTV in Europa. Le posizioni orbitali di ASTRA e SIRIUS sono 19.2° Est, 28.2° Est, 23.5° Est, 5° Est e 31.5° Est. http://www.ses.com

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: Certificati anagrafici on line

Posted by fidest press agency su domenica, 2 agosto 2009

«Dal prossimo ottobre i cittadini romani potranno richiedere e stampare i certificati anagrafici direttamente da casa». Lo dichiara in una nota l’assessore ai Servizi tecnologici e Reti informatiche, Enrico Cavallari, a margine della firma del Protocollo d’intesa tra il Comune di Roma e il Ministero dell’Interno sul “timbro digitale” per l’autenticazione delle certificazioni anagrafiche e di stato civile.  “Attraverso il timbro digitale siamo finalmente in grado di poter dare un servizio assolutamente innovativo ai nostri cittadini che permetterà loro di venire in possesso di documentazione autentica accedendo semplicemente al portale del Campidoglio senza doversi recare allo sportello anagrafico», commenta Cavallari, che aggiunge: «Quello di oggi segna il primo passo verso una rivoluzione tecnologica che ci condurrà a portare sempre più servizi a domicilio dei romani in linea con il piano di e-government 2012: lo scopo è quello di far in modo che siano i documenti a spostarsi, non le persone. Oltre ad eliminare le code agli sportelli, la novità avrà infatti un impatto notevole sulla quotidianità permettendo ai cittadini di recuperare tempo ed evitare i disagi dovuti allo spostamento. L’implementazione dei servizi erogati on-line – conclude Cavallari – servirà inoltre a impiegare le risorse umane degli anagrafici in altre mansioni con l’obiettivo di rendere la macchina capitolina sempre più efficiente».

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »