Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Allarme aziende in sofferenza

Posted by fidest press agency su sabato, 8 agosto 2009

Minighin.Vignandel.L’“avviso comune”, siglato il 3 agosto scorso a Milano da ABI (Associazione Bancaria Italiana) e organizzazioni imprenditoriali per la sospensione dei debiti delle PMI verso il sistema creditizio soddisfa Cofidi Veneziano – la struttura di garanzia fidi di maggior peso nel territorio provinciale, con oltre 9.000 aziende artigiane e PMI associate – e Confartigianato Provinciale di Venezia. Nonostante questo, però, servono garanzie sull’applicazione del provvedimento e una fitta concertazione tra governo, confidi e istituti di credito per adottare una serie di misure cautelative a sostegno delle imprese. “L’intesa sottoscritta tra ABI e sistema imprenditoriale, che va ad aggiungersi all’accordo siglato tra gli enti regionali e i confidi, segna sicuramente un importante passo in avanti nel sostegno alle PMI, che mai come in questo periodo si trovano sull’orlo del baratro a causa della crisi economica in atto – spiega il direttore di Cofidi Veneziano Mauro Vignandel -. Però si tratta solo il primo passo, perché adesso serve una applicazione puntuale dei punti dell’intesa, concertata tra confidi, banche e imprese, che devono riunirsi attorno a un tavolo”. L’“avviso comune”, oggetto dell’accordo tra ABI e imprenditori, prevede nello specifico la sospensione dei debiti delle piccole e medie imprese verso il sistema creditizio, con l’interruzione per 12 mesi del pagamento della quota capitale delle rate di mutuo, del pagamento della quota capitale implicita nei cambi di leasing immobiliare e mobiliare e l’allungamento a 270 giorni delle scadenze del credito a breve termine. Questo per sostenere le esigenze di cassa con riferimento alle operazioni di anticipazione su crediti certi ed esigibili. Ma è proprio sull’aspetto burocratico dell’accordo che il segretario di Confartigianato Provinciale Venezia Giorgio Minighin rileva una serie di aspetti che vanno discussi e modificati: “Chiediamo che non siano solo le aziende a dover cambiare per far fronte alla crisi – sottolinea -, ma anche il sistema-Stato, che deve intervenire al sostegno delle PMI con misure ad hoc”. Proprio per questo, a breve Confartigianato Provinciale di Venezia e Cofidi Veneziano chiederanno un incontro con il ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione Renato Brunetta. “Brunetta è veneziano e ha a cuore le sorti della propria città e provincia d’origine – conclude Minighin -. Confidiamo pertanto nella sua sensibilità per un incontro urgente in cui venga messa sul piatto la questione della burocrazia a carico delle imprese”. (minighin, vignadel)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: