Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

I Meridionali: da emigranti a protagonisti

Posted by fidest press agency su giovedì, 13 agosto 2009

Dopo la seconda guerra mondiale i governanti italiani  fecero fortuna loro e di loro amici con emigrazione ed  illusioni (CasMez, Isveimer ecc. ): l’esodo di giovani infiacchì ancor più il già fiacco Mezzogiorno, ridotto  alla mercé della funesta raccomandazione e della vergognosa protezione, gestite abilmente dagli  “amici del popolo”, abili distruttori di  coscienze e di professionalità, i quali valorizzando ignoranza alimentano impreparazione, inefficienza e degrado.  Il Meridione  lascia ad altri studi, ricerche, impegno sociale e produzione diventando mercato quasi solo dei prodotti altrui.  Due Italie: una vogliosa di fare per non sganciarsi dalla storia e l’altra  costretta a subire la storia. Fiorirono così nel Nord case editrici  per dare ad ognuno le conoscenze per essere all’altezza della situazione e migliorarsi in tutti i settori, dall’agricoltura all’industria, all’artigianato, al commercio, allo sport, e nel Sud non solo non si scrivevano libri di tal genere né si leggevano, ma addirittura non si conoscevano! Cittadino nel Nord seguito ed istruito e nel Sud alla ricerca di un titolo di studio da presentare a mamma raccomandazione,  per il sospirato posto fisso!  Nel Nord la Bocconi per accrescere la professionalità e nel Sud tutt’al più corsi di formazione:  costante  azione di politici, che si vantano persino di aver utilizzato la raccomandazione per sistemare amici! Nel Sud quasi mai posizioni primarie, ma quasi sempre funzioni in sottordine, come se in ogni meridionale al massimo ci sia un  Pier delle Vigne, cioè al massimo un ottimo esecutore, ma mai un progettista! Politici in concreto  privi di ideali e di idee e però dotati di uno spiccato attaccamento al potere, per conservare il quale sono arrivati a sovvenzionare l’emigrazione  con un tanto al mese a chi decide di abbandonare il Sud!   Spopolamento: grande  saggezza politica e non genocidio per traslazione! Ridotto piuttosto male, il Sud può ancora farcela e da solo.  ( Da Pensieri e ponderazioni 1 di Nunziante Minichiello)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: