Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Nuova condanna per il Nobel per la pace Aung San Suu Kyi

Posted by fidest press agency su giovedì, 13 agosto 2009

La condanna della voce critica del regime birmano Aung San Suu Kyi ad altri 18 mesi di arresti domiciliari, per l’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) rappresenta la fine di ogni speranza per una possibile apertura democratica della Birmania. In questo modo anche le elezioni previste per l’inizio del 2010 perdono di ogni legittimità. La Giunta militare ha cercato sistematicamente ogni pretesto per eliminare dalla scena politica ogni personaggio scomodo al regime in vista delle elezioni.Il fatto che Aung San Suu Kyi almeno non sia stata costretta ai lavori forzati è da ricondurre certamente al fatto che sono state numerose le proteste internazionali contro l’ingiusto processo che ha dovuto subire. Questa sentenza dimostra comunque che anche questa giunta non può semplicemente ignorare le diverse proteste internazionali. Il Premio Nobel per la pace, dopo un processo ingiusto subito a causa della presunta violazione delle leggi sulla sicurezza, è stata condannata a tre anni di lavoro forzato. Ma la pena è stata subito convertita ancora in tribunale ad una condanna di 18 mesi agli arresti domiciliari. Aung San Suu Kyi ha trascorso quasi 14 anni degli ultimi 20 anni tra gli arresti domiciliari e il carcere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: