Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Caro scuola

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 agosto 2009

Una tassa occulta pesa sul diritto allo studio per circa 100-150 euro ed è il c.d. “contributo volontario” che le scuole richiedono all’atto dell’iscrizione dello studente, ma che volontario non è. La legge precisa che si tratta di “una erogazione liberale a favore degli istituti scolastici di ogni ordine e grado e che deve essere finalizzata all’innovazione tecnologica e all’edilizia scolastica e all’ampliamento dell’offerta formativa”. Il contributo volontario non può pertanto essere considerato obbligatorio ai fini dell’iscrizione alla scuola pubblica, ma le scuole lo richiedono comunque.  Il Ministero ha stabilito dei tetti di spesa per i libri di testo della scuola dell’obbligo e per le medie superiori. Le cifre sono rimaste invariate rispetto all’anno precedente.  Le scuole aggirano, però, tale vincolo con i c.d. testi “consigliati” che, anche in questo caso di fatto, sono acquisiti obbligati. Lo scorso anno circa il 30% ha sforato il tetto, mediamente per un +10-15% rispetto a quanto stabilito dal Ministero. Anche quest’anno si sta ripetendo la stessa situazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: