Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 7 settembre 2009

Il mistero che ci circonda e le certezze che ci sfuggono

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2009

(Edizioni fidest: racconti brevi di Riccardo Alfonso) Un al di là che non è morte, non è il nulla, ma l’inizio, da una fine. Il resto è strettamente personale. Egli ha guardato dentro la mia vita, è andato oltre il presente e mi ha parlato degli anni che ancora avrei dovuto vivere prima che si compiesse la naturale conclusione. Anni per i quali il mio unico destino era quello dello “osservatore.” Guardare e riferire. Ma a chi? Qui sta il vero aspetto della questione. Il nonno della mia storia infinita ha guardato ed ha riferito ai suoi nipoti e a quelli degli altri nonni, fatti e circostanze ammantate di storie ora piacevoli ed ora mescolate a dosi di fantasia come si conviene, ad esempio, ad un bimbo che deve prendere una purga amara e stomachevole come l’olio di ricino e gli si promette in premio una cioccolata, o un dolce. Il vecchio ha “osservato” ed ha riferito, quindi, a quelle che saranno le future generazioni. Ma vi è anche un altro modo di riferire più spirituale ed intimo. Pensiamo a chi ha commesso un peccato e si confessa o è la sua anima che si confessa con se stessa e gli effetti si evidenziano con il rimorso. Vi sono anche altri due modi d’utilizzare il ruolo dell’osservatore. Nel primo caso è colui che funge da residente in un dato luogo e s’imbatte in un viaggiatore che si rivolge a lui per chiedergli alcune informazioni sul posto dove si trova e quale strada debba percorrere per raggiungere la sua meta. Nel secondo, l’osservatore, da morto, lascia una sorta di “scatola nera” nella quale sono riassunte le notizie più importanti da affidare a chi s’impegna al recupero dell’oggetto. Questo “dialogo” verso un qualcosa che noi non riusciamo a definire razionalmente e che solo in particolari circostanze ne ammettiamo la possibilità, come il caso di Gesù che si rivolse al Padre nell’intento di respingere l’amaro contenuto del calice che gli era stato offerto o di bimbi che si intrattengono con una “misteriosa signora” a Lourdes o a Fatima, non è facile d’accettare. Eppure non vi è secolo, dalle origini dell’essere umano ad oggi, che non si riportano notizie di persone che parlano o incon-trano o sono folgorate da segni evidenti (pensiamo alle stimmate) da “entità” che non appartengono al nostro mondo e che per professione di fede noi definiamo santi, angeli, beati. La stessa mitologia greca ci ha abituato a convivere con divinità che comparivano e scomparivano o cambiavano forma di continuo. Vi sono persino particolari forme di pazzia che lasciano intravedere individui in realtà inesistenti ma che la mente “costruisce” con dovizia di particolari. Possiamo dire, in buona sostanza, che è tanta l’insicurezza che noi abbiamo sulla ragione ultima che ci fa vivere e morire, che spesso confondiamo il reale dal fantastico ed in tal modo corriamo il rischio di cancellare i segni autentici da quelle fasulli e devianti. D’altra parte non è facile accettare quanto di cattivo e di perverso è in noi allorché siamo gli artefici di tanti mali, mentre su un diverso versante la scienza incomincia ad indicarci percorsi di tutt’altra natura come corpi celesti che viaggiano alla velocità della luce o la superano, dove persino dei fenomeni esoterici possono trovare una spiegazione logica ed essere inquadrati in facoltà paranormali di cui taluni soggetti sono dotati sia pure inconsapevolmente. E’ che della vita sappiamo ancora pochissimo e di ciò che ci attende, ammesso che vi sia un dopo, di là della vita ancora meno. Ma l’osservatore non può dubitare che vi sia qualcuno ad attenderci per traghettarci sull’altra sponda e che vi sia qualcuno ad attendere da noi un messaggio più aperto alla fede, alla giustizia e alla solidarietà per permetterci di riscattare le nostre debolezze e a rigenerare quel gesto d’amore che sembra essersi smarrito nella notte dei tempi.

Posted in Fidest - interviste/by Fidest | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Apertura serale del Colosseo

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2009

DSC02194Roma  8 settembre ore 20,30 riprendono le aperture serali del Colosseo.  Sarà possibile usufruire di un numero maggiore di turni per i visitatori in lingua italiana, i quali troveranno un archeologo ad accompagnarli in un affascinante percorso culturale.  Le aperture serali dell’Anfiteatro Flavio – inserito nel fitto programma di appuntamenti di Archeologia d’Estate ideato dalla Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Roma – sono state avviate quest’estate in fase sperimentale. Il successo dell’iniziativa ha indotto la soprintendenza a prevedere l’apertura serale del monumento in maniera definitiva a partire dal prossimo anno. La stampa è invitata alla visita del monumento alle 20.30  Al fondatore del Colosseo è dedicata la mostra Divus Vespasianus. Il bimillenario dei Flavi. La figura dell’imperatore Vespasiano, homo novus, non aristocratico, che attua una politica di riforme popolare e innovativa nella capitale e nelle province dell’Impero, apre il percorso di visita ad introdurre la storia di Roma prima e dopo la costruzione dell’anfiteatro. Una mongolfiera che brilla sull’arena e illumina i sotterranei, le gallerie e le arcate del Colosseo scavando nel buio della notte regala al monumento un fascino straordinario e nuovo. Un’occasione unica soprattutto per i romani per riscoprire il monumento simbolo della città lontani dal frastuono cui sono abituati a vederlo di giorno.

Posted in Roma/about Rome, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Capri trendwatching festival

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2009

foto_wilhelm_von_gloeden. cainoCapri e Anacapri – 15, 16 e 17 ottobre 2009 Come saranno gli stili di vita del futuro? Quanto di quello che sta accadendo oggi nel mondo della moda, del design, della progettazione degli spazi urbani, della tecnologia muterà le nostre abitudini di vita e di consumo? A queste e a molte altre domande cercheranno di rispondere imprenditori, architetti, fashion designer, artisti, intellettuali e trend forecaster nel corso della prima edizione del Capri Trendwatching Festival, che si terrà a Capri dal 15 al 17 ottobre 2009. Patrocinato dalla Fondazione Capri, il Festival quest’anno sarà dedicato alle tendenze emergenti negli stili di vita e si articolerà in tavole rotonde, incontri e lectures. Fra i temi trattati: “Supergreen”, ovvero come il “pensiero verde” e il concetto di sostenibilità stanno ridefinendo i comportamenti e gli stili di vita; “Daily Aesthetics”- il gusto e l’estetica come pratiche giornaliere inducono una contaminazione ricorsiva tra arte, fashion, design e merci, capace di ricomprendere culture alte e basse- e “Urban Signs”, una panoramica sui segni e comportamenti creativi di fruizione attiva delle città che stanno risignificando gli spazi urbani quali nuovi luoghi di espressione sociale. L’osservatorio si basa sulle segnalazioni di una rete internazionale di “osservatori” (“urbanwatchers”) che hanno condotto una ricerca sul campo in 21 città-chiave del mondo: Amsterdam, Anversa, Bangalore, Beijing, Beirut, Berlino, Bogotà, Buenos Aires, Londra, Johannesburg, Madrid, Milano, Mosca, Napoli, New York, Parigi, Santiago del Cile, Seoul, Shanghai, Stoccolma, Tokyo.
Fondazione Capri. Costituita nel marzo 2009, la Fondazione si propone come obiettivi principali: la tutela e la valorizzazione del patrimonio storico, artistico e paesaggistico del territorio; la produzione e la diffusione della cultura sul territorio caprese e la formazione ed il sostegno delle eccellenze locali nelle diverse discipline.La volontà dei propri Fondatori, imprenditori, albergatori, commercianti e professionisti di Capri ed Anacapri, presieduti da Gianfranco Morgano e da Antonio Cacace, con la partecipazione della Città di Capri e della Città di Anacapri e con il contributo della Regione Campania, si rivolge in modo particolare al territorio, alla popolazione, come soggetti attivi nello svolgimento delle sue programmazioni, ma con obiettivi di visibilità nazionali e internazionali.
Elena Marinoni. Curatrice del Capri Trendwatching Festival e dell’osservatorio “Tomorrow Now” che ne è  alla base. Ricercatrice, fonda nel 2001, insieme a Patrizia Martello e Alessia Zampano, Memi, Laboratorio di Trendwatching Internazionale che si occupa di rilevare le discontinuità del gusto e le tendenze espressive emergenti nell’immaginario contemporaneo attraverso una metodologia di ricerca iperqualitativa di matrice etnografica.(foto)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Photo finish at lake Lucerne

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2009

DT_090905_RBCDSCH_BLAC_9905Russia’s Artem Silchenko claimed his second victory at the Red Bull Cliff Diving World Series 2009 in Switzerland. A flotilla of hundreds of small rubber boats, surfboards and home-made rafts crowded onto Lake Lucerne on Saturday afternoon as 5,000 people flocked to watch the closest result in the series so far – in the end, just 1.95 points separated first and third place. In the penultimate round, victory went to Artem Silchenko, who defeated the winner of the previous round (Hamburg), Gary Hunt and nine times world champion Orlando Duque. With just nine points between them, Duque and Hunt are still battling for the overall title.  Silchenko’s second dive scored the only nine that the judges awarded throughout the whole competition. “It’s great to be back on the podium with another first place after my victory in Turkey. I trained so hard every day and belief in my capacities. In fact I am pretty sure that I have now reached my best shape. I can’t wait to get to Greece, where I will fight again for victory and finish the World Series as well as possible.” Another 25-year-old finished second – Englishman Gary Hunt took his seventh podium in as many competitions just 1.20pts behind Silchenko and a week after his spectacular maiden win in Hamburg. Third-placed Orlando Duque was only 0,75pts behind.  The only fresh water stop of the series was staged in a classic alpine setting in the tiny village of Sisikon. Surrounded by the towering Swiss Alps, some of whose peaks are already covered with snow after heavy rainfalls during the night, the 26m-high diving platform was fixed on the same solid rock face that Swiss folk hero William Tell is said to used as a means of escape some 700 years ago.  After seven rounds the fight for the overall title has never been tighter: current leader Duque’s 22-point lead has been steadily narrowed down by Hunt. Today’s result brings the margin down to nine points. The Englishman is now the only diver still in the contention for the first Red Bull Cliff Diving World Series championship besides the Colombian, who has been leading since the third stop in Dubrovnik, July 11.  The grand final will be held in the cradle of competitive sports when the series moves to Athens in Greece for the last round on September 20, 2009. (RBCDSCH_BLAC)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

XVIII Rassegna Incontri d’Arte

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2009

DorigoPontassieve (Firenze) 12 settembre dalle 17.00 alle 22.00  Via di Grignano 26  La Barbagianna: una casa per l’arte contemporanea  a cura di Alessandra Borsetti Venier Intervento critico di Sonia Zampini Presentazione della nuova collana di libri-opera “Voyelles, omaggio a Rimbaud” Presentazione del primo libro-opera A-NERA, Morgana Edizioni, 2009 Autori: Gianni Dorigo, Liliana Ugolini, Roberto R. Corsi  Lettura a due voci di Liliana Ugolini e Vincenzo Lauria  Proiezione del film La Cosa da un altro Mondo (The Thing from another World) del 1951, regia di Howard Hawks La mostra resterà aperta fino al 31 ottobre 2009 Per questa mostra Gianni Dorigo ha creato un percorso tutto dedicato al suo amore per il cinema, cui ha voluto offrire un appassionato omaggio con gli strumenti che gli sono propri, coniugando gestualità informali, contaminazioni New-Dada e allusioni alla Pop-Art. Sono esposte oltre sessanta opere prodotte dal 1999 a oggi, alcune delle quali inedite. Si tratta di collages dipinti, realizzati scomponendo il singolo manifesto per poi ricomporne liberamente i vari frammenti secondo molteplici possibilità combinatorie, senza però tradire l’icona di partenza costituita dal film cui il manifesto appartiene. Un viaggio per immagini con una forte componente narrativa per una ricatalogazione tutta personale del cinema attraverso un allestimento nei vari generi espressi con i linguaggi culturali dei paesi di provenienza. http://www.artestudio53.it/arte/ (dorigo)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Chris Sharma il Salewa rock award 2009

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2009

salewaNella splendida cornice del Casinò Municipale di Arco di Trento è stato annunciato i il vincitore del SALEWA Rock Award, quello che ormai da tutti è considerato l’Oscar dell’arrampicata. Ad aggiudicarsi la quarta edizione del premio è stato l’americano Chris Sharma, alla sua terza nomination. Talento da vendere e grande carisma per questo atleta californiano: il suo regno spazia dal boulder alle competizioni, dalle vie in falesia al deep water.  La vittoria dell’atleta americano è stata decretata da una giuria internazionale composta dalle redazioni di 19 riviste specializzate tra le più importanti del mondo, e il criterio scelto è basato sulla valutazione delle performance che l’atleta ha ottenuto nel corso della passata stagione, quindi nel periodo da luglio 2008 a giugno 2009. Ma non solo, perchè i giurati possono esprimere un giudizio anche per quanto il climber ha saputo influenzare lo “stile” e l’etica dell’arrampicata sportiva.  Key Rush, brillante presentatrice della serata, ha parlato al numeroso pubblico di Sharma come di un ragazzo che affronta la vita di tutti i giorni in modo tranquillo e rilassato, tanto che i suoi amici gli hanno attribuito il soprannome di Chris “calma”.  Inoltre, nel corso dell’evento sono stati presentati ufficialmente il logo e il filmato dell’IFSC World Climbing Championship, il campionato mondiale di arrampicata che si svolgerà ad Arco nel luglio 2011 e di cui SALEWA sarà partner.
SALEWA è il marchio leader in Europa per l’attrezzatura e l’abbigliamento da montagna. Un vero “multispecialista” nell’outdoor: oltre settant’anni di tradizione ed esperienza sono fonte continua d’ispirazione e rappresentano la base per raggiungere obiettivi sempre più ambiziosi. Il gruppo SALEWA, che conta 700 dipendenti, è gestito con elevata professionalità da una conduzione familiare. http://www.salewa.it (salewa)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Piano d’emergenza scuola

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2009

Roma – Lazio “No alla truffa dei contratti di disponibilità – dichiara Barbara Battista della CUB Scuola – l’elemosina e i ricatti ai lavoratori non risolvono il caos che si sta palesando nella scuola e la grave crisi sociale, conseguenti ai tagli che il Governo sta operando.” “La CUB Scuola chiede che la Regione Lazio, a cui tocca la gestione dei tagli del Governo nella nostra regione, apra immediatamente un tavolo interistituzionale – continua Barbara Battista – che discuta e risolva tutta la vertenza scuola con urgenza, in considerazione che il 14 settembre le scuole apriranno senza alcuna certezza in merito ai docenti e al personale ATA.” “Il drammatico ritardo con cui l’USP di Roma sta affrontando il problema – conclude Barbara Battista – impone le dimissioni del Dirigente dott.Minichiello ed il varo di un Piano d’emergenza che veda in primo luogo la salvaguardia e la continuità per i lavoratori colpiti. La nostra solidarietà ai lavoratori che da ieri sono a protestare negli uffici USP di Roma.”

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I conti dell’INPS

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2009

Roma “Il buon andamento dei conti dell’Inps, nonostante la forte incidenza della crisi sugli ammortizzatori sociali, è la prova che il sistema ha tenuto, grazie anche ai provvedimenti e agli stanziamenti di risorse predisposte dal Governo. Quanto alla netta riduzione del numero dei trattamenti di anzianità (la peste bubbonica del nostro ordinamento previdenziale), il merito va tutto all’entrata in vigore, finalmente, di requisiti più severi. Le cose sarebbero state ancora migliori se il Governo Prodi non avesse addolcito lo <scalone> appesantendo il sistema di 7,5milardi in un decennio”. Lo afferma l’on. Giuliano Cazzola, deputato del PDL e Vice Presidente della Commissione Lavoro della Camera.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sul futuro di Parma sportiva

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2009

Parma 11 e il 12 settembre al Ridotto del Teatro Regio.  Due giorni di incontro, di confronto e di dialogo sul futuro dello sport a Parma. Affrontando i problemi, condividendo gli obiettivi fondamentali, raccogliendo i suggerimenti in materia di sport provenienti dalle circa 500 società sportive attive oggi a Parma.  Sono gli “Stati Generali dello Sport”, in programma a Parma i giorni 11 e 12 settembre al Ridotto del Teatro Regio. Organizzati dall’assessorato allo Sport in collaborazione con la Fondazione Sport Parma, gli “Stati Generali dello Sport” vedranno la presenza di Sindaco e numerosi Assessori e di tutti i principali rappresentanti del mondo sportivo parmigiano.  Partendo da un’attenta analisi del movimento sportivo cittadino saranno affrontate tutte le principali questioni legate all’impatto che lo sport e la pratica sportiva hanno sul territorio, presupposto per delineare le prospettive per lo sport a Parma e per un reale coinvolgimento delle tante società sportive che operano sul territorio comunale, dei quartieri e dei numerosi cittadini che praticano sport senza necessariamente fare riferimento a organizzazioni e società sportive. Venerdì 11 settembre si affronterà il tema della gestione degli impianti esistenti e dei nuovi centri sportivi, dalle cittadelle dello sport (atletica, baseball, rugby) agli impianti di base e di quartiere, dalle manutenzioni ordinarie e straordinarie alla collaborazione pubblico-privato.  Sabato 12 settembre si entrerà nel vivo delle politiche per lo sport: sono previsti interventi sulla valorizzazione dell’associazionismo sportivo, lo sport nella scuola, lo sport agonistico di base, lo sport diversamente abile e la pratica sportiva libera.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I nodi gordiani dell’Italia

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2009

Editoriale fidest. L’Italia vuole crescere ma senza lasciare alle spalle problemi irrisolti che possono diventare nel tempo un insostenibile peso ed una condizione inibente per ogni progetto di sviluppo armonico e generalizzato. La classe politica italiana è oggi chiamata a risolvere questo nodo che congiunge il filo del futuro con i legacci del passato. Scioglierlo non basta. Bisogna crescere pensando ad ideare qualcosa di nuovo che sappia dare una svolta decisa al nostro sistema sociale e civile. Non parliamo, ovviamente, di una rivoluzione nei termini classici della parola. Ma ci riferiamo ad un impegno corale nell’individuare e nel sostenere la causa della collettività a fronte di interessi particolari e settoriali che cercano di distrarci come un banco di nebbia che frapponendosi tra noi e la giusta strada finiscano con il farci debordare. Pensiamo alla riforma della giustizia ancora avvolta da spire demagogiche mentre i cittadini la vorrebbero semplicemente più presente, più immediata, più coinvolgente con la realtà del Paese. Pensiamo all’assistenza sanitaria contornata da procedure che l’appesantiscono e la rendono improduttiva. Pensiamo alla scuola che accorcia i suoi corsi d’insegnamento a livello universitario con la laurea breve e poi costringe i nostri figli a frequentare i master (ce ne sono oltre mille in Italia per le più disparate specializzazioni) e a caricare le famiglie, già esangue per altri versi, di oneri aggiuntivi per l’istruzione e legandola alla necessità di doverla acquisire per permettere ai discenti di sperare in un impiego. E persino il lavoro, cosiddetto fisso, sta diventando un premio da lotteria in luogo di un diritto comune a tutti. E questo cahier de dolence potrebbe continuare all’infinito per una società che sembra voglia fare di tutto per non farsi amare e per dividere più che unire. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Editoriali/Editorials | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Mostra del Cinema e la Polizia di Stato

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2009

Venezia – “Rendiamo pubblico merito al Sindaco Cacciari per le dichiarazioni odierne, le quali ristabiliscono il giusto merito ai servizi d’ordine e sicurezza organizzati dalla Questura di Venezia in occasione della Mostra del Cinema”, dichiara il Segretario Generale del Coisp Franco Maccari.  La delicatezza dei meccanismi di gestione dell’ordine pubblico, al di là delle prese di posizione che “a prescindere” dai fatti tendono a colpevolizzare sempre e comunque solo le Forze dell’Ordine, sono ben noti al massimo rappresentante del Comune di Venezia, con il quale si debbono condividere molti oneri ed i silenziosi onori che permettono alla Città di ospitare eventi di altissimo livello internazionale, nonostante la costante presenza dalla minaccia anche di azioni terroristiche, prosegue Maccari.  La ricerca di visibilità  travestita da “precariato culturale” serve ai soliti quattro gatti per giustificare le azioni di illegalità, che vanno dall’occupazione abusiva dello spazio demaniale, alla somministrazione abusiva di cibi, bevande, alcolici eccetera. Quindi quale metodo migliore che accusare la Polizia per guadagnare qualche articolo di giornale?, continua Maccari.   La Polizia di Venezia non solo garantisce a tutti, anche a questi “quattro sfigati” di manifestare, ma riesce anche ad evitare che le prepotenze di pochi impedisca la libertà di godere della Mostra del Cinema a molti, moltissimi altri, prosegue Maccari.  Se qualche politico ritiene che la Mostra del Cinema debba sottostare alle pretese di “quattro campeggiatori abusivi”, abbia il coraggio di dichiararlo pubblicamente, od eviti di attaccare chi viene chiamato a garantire la sicurezza dell’evento, conclude Maccari

.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Africa del Sinodo dei Vescovi

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2009

Città del Vaticano (Agenzia Fides) – “La Chiesa in Africa a servizio della riconciliazione, della giustizia e della pace. «Voi siete il sale della terra … Voi siete la luce del mondo» (Mt 5, 13.14)”. Con questo tema Benedetto XVI ha indetto la Seconda Assemblea Speciale per l’Africa del Sinodo dei Vescovi, che si terrà dal 4 al 25 ottobre 2009. L’Agenzia Fides intende accompagnare il cammino della Chiesa verso questa importante assise con una serie di Dossier che riguardano il continente africano. Il primo dossier, è stato pubblicato il 5 settembre e vuole presentare una lettura socio-economica del continente fatta dalla Commissione che ha preparato l’Instrumentum laboris per il Sinodo e da alcune grandi organizzazioni e istituzioni del continente africano, che esprimono la volontà degli africani di “prendere in mano” la propria storia e camminare con le proprie forze.  Questo il Sommario del dossier Fides: Introduzione; Il magistero di Papa Benedetto XVI e dei Vescovi africani; La situazione socio-economica vista dalla Chiesa africana; L’identità e la mission del gruppo della Banca Africana per lo Sviluppo; L’analisi della situazione socio-economica secondo la Banca Africana; Alcuni dati sull’economia africana; Conclusioni. (S.L.) (Agenzia Fides – 2009-09-05 Città del Vaticano)

Posted in Confronti/Your opinions, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I consumatori preferiscono i prodotti italiani

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2009

Una ricerca ISPO per il Consorzio Melinda conferma che anche in tempo di crisi vince la qualità e il prodotto italiano riscuote maggior fiducia dai consumatori, in particolare se si tratta di alimentari e soprattutto di frutta e verdura. Il Nord più attento all’italianità, il Centro alla qualità e il Sud che la frutta sia di stagione Melinda si conferma la mela più amata dagli italiani. Compie 20 anni la prima e unica mela dop italiana. Dal 1989 infatti, le 5.200 famiglie di frutticoltori della Val di Non (Trentino), riuniti in 16 Cooperative, hanno dato vita al Consorzio Melinda. Per festeggiare l’avvenimento, è stata inaugurata oggi a Clès una Mostra fotografica sulla coltivazione di mele in Val di Non e la storia del Consorzio, e si è tenuto un incontro pubblico con la partecipazione di Renato Mannheimer (Presidente ISPO) che ha presentato un’indagine su La qualità e le scelte dei consumatori in tempo di crisi. Tra i partecipanti anche il giornalistaLuciano Onder e personalità istituzionali locali tra le quali Gianfranco Zanon (Presidente del Comprensorio Val di Non), Tiziano Mellarini (Assessore all’agricoltura, foreste, turismo e promozione della provincia di Trento) e Lorenzo Dellai (Presidente della Provincia autonoma di Trento). I comportamenti cambiano di Regione in Regione Se il 59% degli italiani dichiara attenzione alla qualità anche in tempo di crisi, sono i consumatori del Centroa tenere alta la media (64%) superando quelli del NordOvest, Sud e Isole (58%) e quelli del NordEst (56%). Per i consumatori del Nord Italia è l’attenzione alla provenienza italiana della frutta e della verdura la tendenza maggiormente diffusa (59% sia al Nord Est sia al Nord Ovest) rispetto alla media nazionale (55%) e alle regioni del Centro (50%) e del Sud (53%). Acquistare frutta di stagione è invece una tendenza che segue un crescendo da Nord a Sud. Infatti, se la media italiana è del 71%, il Nord è sotto la media (67%), mentre aumenta nelle regioni del Centro (73%) e del Sud-Isole (75%).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

ll Papa ai cristiani: “Impegno sociale”

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2009

Con Paolo VI il magistero sociale della Chiesa transitò dalla elaborazione teorica alla formulazione pratica. Cominciò a elaborarsi il concetto di un “cristianesimo sociale” attento, molto attento alle problematiche umane dell’uomo. Intellettuali laici compresero che anche le elaborazioni ideologiche non confessionali, dovevano fare i conti con la nuova e moderna visione prospettata dalle parole e dalle azioni di Paolo VI. Il termine “laico”, che aveva sempre più assunto forme anticlericani, si spostò sull’asse non-confessionale, ma intrinsecamente umanistico. Voci vecchie e antistoriche coniarono per Paolo VI il soprannome di ‘Papa comunista’, perché aveva voluto andare oltre l’interpretazione di un Vangelo consolatorio e aveva voluto calare nell’attualità il Verbo della universalità e della uguaglianza di tutti gli uomini non solo davanti a Dio, (sarebbe stato un discorso limitato al mondo dei credenti), ma identificando tale uguaglianza nell’intima natura dell’uomo, senza distinzioni di razza, cultura, qualità della vita, sviluppo tecnologico o religione: un discorso cattolico e, quindi, universale. Ma quelli furono i tempi di Giovanni Battista Enrico Antonio Maria Montini e Jacques Maritain; i tempi attuali sono quelli di Joseph Alois Ratzinger e Marcello Pera; cos’altro potremmo attenderci se non l’attuale stato confusionale? (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I cosmetici per la cura dei bambini

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2009

La pelle dei bambini è apparentemente perfetta: molto morbida, liscia ed elastica. E’, però, altrettanto delicata, sottile e indifesa, per questo necessita di cure e attenzioni specifiche, in particolare quella dei neonati, che ha sviluppato solo parzialmente il cosiddetto “film idrolipidico”, la barriera protettiva invisibile formata da acqua e particelle di grasso, destinata a rafforzarsi man mano che il bambino cresce. Per le sue caratteristiche la pelle dei più piccoli è facilmente soggetta ad arrossamenti e irritazioni e la detersione, oltre che frequente e accurata, deve essere effettuata con prodotti specifici che non ne alterino il naturale equilibrio: saponi o detergenti aggressivi, o peggio profumi e acqua di colonia sono causa di arrossamenti e screpolature. I bio-ecocosmetici, naturali e delicati, sono in perfetta sintonia con le esigenze dei bambini e non contengono petrolati, parabeni, sodium lauryl e laureth sulphate. I bio-ecocosmetici sono realizzati con prodotti da agricoltura biologica, senza quindi l’impiego di Ogm (organismi geneticamente modificati) e altre sostanze chimiche di sintesi e di derivati di origine petrolifera. E in più rispettano l’ambiente.  Sono ormai 2.774 i prodotti di bellezza certificati da Icea, 818 in più rispetto ad un anno fa (+42%). La parte del leone la fanno le creme viso (397), creme corpo (301), prodotti per i capelli (210), bagnodoccia (172) e saponi (179). Molte sono anche le materie prime (838) e poi latte/tonico viso (113), oli corpo (123), scrub/maschere (100), per uomo (31), solari (42), make up (74), igiene orale (39), deodoranti e profumi (35). “I bio-ecocosmetici offrono un’opportunità in più al crescente numero di consumatori interessati ai prodotti bio-ecologici – prosegue Spadoni – Questi prodotti di bellezza fanno bene a chi li usa e all’ambiente perché vengono realizzati con processi il più possibile ecologici”. L’elenco completo delle aziende e dei cosmetici certificati, con relative composizioni, è consultabile sul sito Icea, http://www.icea.info seguente link: http://www.icea.info/Default.aspx?tabid=208
La certificazione Icea è basata su un sistema di criteri (standard), elaborato da un gruppo di produttori e di centri universitari di ricerca con il coordinamento di Icea. Dal 2007 Icea, primo nel mondo, per uno standard volontario sui cosmetici, ha ottenuto da IOAS l’accreditamento internazionale ISO/IEC 65:1996.  I criteri utilizzati escludono, ad esempio, sulla base dei più recenti studi di tossicità, ben 4.500 sostanze comprese tra le oltre 8.000 che la legge consente di usare nella preparazione dei cosmetici convenzionali. Il rispetto dello standard è basato su ispezioni periodiche delle aziende certificate e su analisi di laboratorio dei prodotti. Questi controlli, in accordo con IOAS (International Organic Accreditation Service) sono più frequenti di quelli cui sono sottoposti i cosmetici convenzionali.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La giustizia una misura che non esiste

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2009

La Società civile ha dettato diverse norme di tutela, per garantire un rapporto di convivenza, che non spinga gli uni contro gli altri in una lotta continua di sopraffazioni e violenze. E’ un giusto criterio di equità che è affidato ad una serie di norme che noi definiamo leggi e le lasciamo legiferare, per crearne di nuove o per modificare le esistenti, ad una assemblea di rappresentanti del popolo che chiamiamo Parlamento. Dobbiamo, presumere, a questo punto  di trovarci al cospetto di una società perfetta o in continuo stato di perfezionamento, ma non è così, purtroppo. Non esiste, in pratica, alcuna garanzia per l’essere umano che dentro una società costituita da tante e varie regole di comportamento civile e democratico si possa vivere in pace e in serenità. Pensiamo, ad esempio, a quei campioni di Paese che, per definizione, si possono classificare “democratici” come negli Usa e nella stessa Gran Bretagna, Da essi vi sono tanti, probabilmente, troppi segnali non confortanti. Eppure dentro le loro impalcature si regge un maldestro sistema fatto di poche o nulle garanzie per i non abbienti, con un welfare ai limiti della sopravvivenza e con aree consistenti di povertà e di emarginazione. La giustizia, non dimentichiamo, si regge su piedi che hanno i loro punti appoggio non solo nelle aule dei tribunali ma anche nel sociale, nel rispetto dei diritti civili, nel garantire la salute e il lavoro a tutti. Sono tutte premesse che evitano di ricacciare l’essere umano nel vortice delle sopraffazioni private e pubbliche e che generano propositi di rivolta e di disobbedienza civile o di sfiducia nelle istituzioni. (A.R.)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

10 domande al Gen. C.A. Domenico Rossi

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2009

Il generale è il Presidente del Co.Ce.R Interforze.  Abbiamo realizzato dieci precise domande messe a punto  da un pool di persone che hanno in comune con il Generale l’amore per l’Esercito e la voglia di farlo crescere sempre più nella stima e nella considerazione dell’opinione pubblica. Essi sono Girolamo Foti, Giovanni Menni, Rosi Gambino, Marco Federici e le 600 opinioni raccolte su facebook e in collaborazione con -MoviMiles – Redazione di Rotocalco MilitareTeleregina la tv dei valori. Partiamo da una premessa. Tre anni sono trascorsi dell’elezione dell’attuale rappresentanza militare; ci siamo dunque chiesti quali siano state le posizioni e i risultati ottenuti a favore del personale, e da qui sono sortite le dieci domande che rigiriamo al Presidente del Co.Ce.R Gen.C.A. Domenico Rossi. Le sue risposte ci consentono di garantire un’informazione chiara e corretta a tutti gli appartenenti del comparto difesa e sicurezza. Ne hanno bisogno, egregio generale, e non solo loro, se ci permette. Spesso i media sono accusati di diffondere notizie non esatte o poco chiare. Ora è il momento di stabilire un contatto che consenta loro di sgomberare il terreno da qualsiasi equivoco. Lo può fare solo lei con l’autorità e la competenza di un generale la cui posizione forse è considerata per taluni scomoda ma per noi si trova sulla cima più alta di una montagna rispetto a chi vive a valle per guardare più in profondità. Non ci tolga, egregio generale, questa sua preziosa visione d’insieme. Ecco le dieci domande:
1.    Gentile signor Presidente Ci faccia un analisi chiara e dettagliata o meglio un confronto tra il governo Prodi e il governo Berlusconi, quali sono stati i risultati ottenuti e le promesse non mantenute di entrambi i governi?
2.    E’ soddisfatto dei risultati ottenuti?
3.    Avete introdotto la terza fascia sugli assegni di funzione, riducendo il gap che c’era tra il ruolo sergenti e il ruolo vsp, ma non quello esistente per i 17 anni di servizio tra il ruolo sergenti e vsp. A molti sembra che ciò abbia favorito i ruoli più alti e l’anzianità di servizio. Ci faccia un analisi sugli assegni di funzione e ci dica se questo Cocer si sta adoperando per ridurre  il gap tra i vsp e i sergenti nella prima fascia  .
4.    Il contratto é ricco di contenuti ma povero di fondi: togliendo dalla busta paga la vacanza contrattuale di circa 11 euro netti al mese e sostituita con l’aumento del contratto di circa 16 euro netti alla fine in più i militari si ritroveranno 5 euro al mese. Smentisce, oppure è d’accordo con la nostra analisi? Le ricordo che questo contratto è stato aspramente criticato anche da diversi forum, siti internet, delegati coir, ma anche delegati cocer perché ha favorito i ruoli più alti e l’anzianità di servizio a spese del ruolo sergenti e del ruolo vsp. Sono tutti in malafede?
5.    Questo Cocer ci sembra abbastanza morbido nei confronti dell’attuale governo: il ministro Brunetta che annuncia la mobilitazione di 30 mila marescialli da spostare ai tribunali, i grossi tagli alla difesa, il futuro incerto dei volontari. Si trova d’accordo con questa affermazione?
6.    Ci faccia un analisi sui fattori negativi che determinano i tagli alla difesa e quali sono le possibli soluzioni a suo parere da adottare per salvare quanto meno i 23 mila volontari dalla disoccupazione e che cosa sta facendo in merito il Cocer. Si rischia, oltretutto, una diminuzione dello standard di sicurezza e addestramento, nonché lo svilimento della professionalità della nostra forza armata.
7.    Perché questo Co.Ce.R ha votato a favore della distribuzione del fesi privilegiando le aree centrali, creando differenze all’interno del personale? In alcuni siti abbiamo letto che l’addetto alle fotocopie del palazzo romano prenderebbe di più rispetto al soldato operativo che si prepara per l’Afghanisthan
8.    Il tormentato riordino delle carriere arriva oppure no ? Quali sono le posizioni del Co.Ce.R ?
9.    Secondo lei la rappresentanza militare é ancora utile? cosa risponde alle richieste che pervengono dalla maggior parte dei militari che vogliono il sindacato militare allo stesso livello dei colleghi tedeschi , in quanto, leggendo sui blog e sui forum, molti sono convinti che questa rappresentanza favorisca esclusivamente i ruoli dirigenti .
10.  Ancora oggi la base vive con stipendi alle soglie della povertà. Non sarebbe un gesto nobile se tutti i dirigenti che percepiscono automatismi e indennità e anche il fesi, congelassero i propri aumenti per un anno, adottando una procedura nuova come quella di fare aumenti inversamente proporzionali?    Ma a questo punto mi consenta un’ultima domanda: perché, mi chiedo, un volontario in servizio permanente, un sergente con uno stipendio allo soglie della povertà ha difficoltà ad ottenere una casa demaniale rispetto ad altri ruoli che percepiscono uno stipendio superiore? E soprattutto: é vero che a Roma ci sono alloggi militari occupati abusivamente? Perché non si adottato il pugno duro per liberarli? Cordiali saluti Riccardo Alfonso  (Direttore dell’agenzia giornalistica Fidest)

Posted in Confronti/Your opinions, Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bando per fornitori e famiglie

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2009

L’Amministrazione comunale di Parma promuove un servizio sperimentale di “Tagesmutter”, in tedesco, “mamme di giorno”. Si tratta di operatrici adeguatamente formate per accudire uno o più bambini e ragazzi, da 0 a 14 anni, presso il proprio domicilio o in un altro luogo adatto a offrire cure familiari.  È un servizio complementare a quelli tradizionali, in grado di fornire risposte flessibili e differenziate alle sempre più diversificate esigenze dei genitori. Le Tagesmutter lavorano in stretto e continuo collegamento con organizzazioni profit e no profit che ne coadiuvano il lavoro. Esperienze analoghe alle Tagesmutter esistevano già sul territorio comunale, ad opera di cooperative e associazioni: il Comune di Parma, e in particolare l’assessorato al Welfare in collaborazione con l’associazione nazionale DoMuS per la promozione, organizzazione e sviluppo dei servizi alle famiglie, vuole ora riconoscere, strutturare e regolamentare il servizio attraverso una serie di azioni mirate.  A cura del Comune, sempre in collaborazione con l’associazione nazionale DoMuS, saranno anche i corsi di formazione previsti dal progetto sia per gli enti gestori che per le operatrici. Tempi e modalità dei corsi saranno pubblicati sul sito internet del Comune http://www.comune.parma.it.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Obama: attacchi da destra e sinistra

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2009

“Chi vuole essere il prossimo a mettersi a strillare?” Ecco cosa ha detto Barney Frank, deputato liberal del Massachusetts in un town hall di qualche settimana fa, un incontro aperto al pubblico per discutere la riforma sanitaria. La stampa ha ovviamente infuocato queste forti reazioni di piccole minoranze suggerendo che vi è molta opposizione alla riforma sanitaria. In alcuni casi la stampa, specialmente la televisione, ha persino “celebrato” quei pochi individui che si sono presentati ad alcuni town hall con armi da fuoco. Alcuni sono stati anche intervistati da giornalisti televisivi. Poco è emerso da queste interviste eccetto il fatto che se uno vuole andare in televisione basta presentarsi a un town hall meeting con un mitra.  Obama in sostanza sta spendendo il suo “capitale” politico per mettere a posto la situazione critica della sanità. Il problema per lui è che non solo deve difendersi dagli attacchi della destra ma anche da quelli della sinistra. L’appoggio della sinistra al presidente è anch’esso diminuito dal 94 all’83 per cento. Ciò si spiega principalmente con le incertezze di Obama sull’opzione pubblica della sanità. L’estrema sinistra preferirebbe un sistema sanitario single-payer in cui le assicurazioni private sarebbero tagliate fuori come avviene in grande misura in Canada ed in molti altri paesi industrializzati. Obama sa che quest’idea sarebbe troppo radicale per gli americani ed ha offerto il compromesso dell’opzione pubblica che sarebbe un passo avanti verso il sistema single payer. L’opzione pubblica è però inaccettabile alla destra perché creerebbe concorrenza alle assicurazioni private. Come si sa, queste aziende guadagnano attualmente un sacco di quattrini e sono le alleate naturali del Partito Repubblicano. Obama si trova dunque attaccato sia dalla destra che vuole l’inerzia e dalla sinistra che vorrebbe il sistema single-payer. Ciononostante il presidente ha ancora abbastanza capitale politico per implementare il suo programma di moderato. Se l’economia continua a mostrare segni di ripresa Obama si conquisterà ulteriore capitale politico additando allo stimolo come ragione del miglioramento. In questo momento Obama ha però bisogno di alleati politici come Frank il quale grida più forte della gente che non sa nemmeno che Medicare funziona ed è un programma del governo. ( sintesi da un aritocolo di Domenico Maceri)Domenico Maceri, PhD della Università della California a Santa Barbara, è docente di lingue a Allan Hancock College, Santa Maria, California, USA. I suoi contributi sono stati pubblicati da molti giornali ed alcuni hanno vinto premi dalla National Association of Hispanic Publications.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il potere agli individui

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2009

La maggiore insidia per la collettività deriva dal rischio di una instaurazione di un rapporto di tipo clientelare come unica risorsa per uscire dall’individualismo e dall’isolamento. Questo pericolo è messo in evidenza da Pasquino il quale, in proposito, afferma: “tutte le relazioni clientelari minano alle radici la possibilità che l’eletto (o eligendo) e i suoi potenziali elettori abbiano, acquisiscano, mostrino qualsiasi senso civico e dello stato e qualsiasi senso di partecipazione ad un’impresa collettiva, solidale di cambiamento e di miglioramento… Inoltre il clientelismo indebolisce, ovvero, meglio, impedisce l’affermazione di organizzazioni politiche, come i partiti, fondate su solidarietà, progetti, assunzione collettiva di responsabilità, impegno orientato al futuro, e non su scambi personalistici e di immediato godimento. Dove il clientelismo è forte e radicato i partiti, sono, di conseguenza e inevitabilmente, organizzazioni deboli, permeabili, personalistiche, e tali rimangono, oppure sono partiti attraversati da correnti, più o meno durature, che incapsulano settori di elettorato e stabiliscono legami diretti con gruppi potenti…. E in effetti, non soltanto i sondaggi italiani, ma più in generale, le riflessioni letterarie, cinematografiche, etnografiche, accademiche di vari periodi concordavano nella generale identificazione di una cultura politica e civica di massa arretrata, con venature di qualunquismo autoritario, con forti propensioni familistiche, che aveva radici profonde e diffuse” (G.Pasquino, Il sistema politico italiano, Bonomia University Press, Bologna).

Posted in Spazio aperto/open space, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »