Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

I consumatori preferiscono i prodotti italiani

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2009

Una ricerca ISPO per il Consorzio Melinda conferma che anche in tempo di crisi vince la qualità e il prodotto italiano riscuote maggior fiducia dai consumatori, in particolare se si tratta di alimentari e soprattutto di frutta e verdura. Il Nord più attento all’italianità, il Centro alla qualità e il Sud che la frutta sia di stagione Melinda si conferma la mela più amata dagli italiani. Compie 20 anni la prima e unica mela dop italiana. Dal 1989 infatti, le 5.200 famiglie di frutticoltori della Val di Non (Trentino), riuniti in 16 Cooperative, hanno dato vita al Consorzio Melinda. Per festeggiare l’avvenimento, è stata inaugurata oggi a Clès una Mostra fotografica sulla coltivazione di mele in Val di Non e la storia del Consorzio, e si è tenuto un incontro pubblico con la partecipazione di Renato Mannheimer (Presidente ISPO) che ha presentato un’indagine su La qualità e le scelte dei consumatori in tempo di crisi. Tra i partecipanti anche il giornalistaLuciano Onder e personalità istituzionali locali tra le quali Gianfranco Zanon (Presidente del Comprensorio Val di Non), Tiziano Mellarini (Assessore all’agricoltura, foreste, turismo e promozione della provincia di Trento) e Lorenzo Dellai (Presidente della Provincia autonoma di Trento). I comportamenti cambiano di Regione in Regione Se il 59% degli italiani dichiara attenzione alla qualità anche in tempo di crisi, sono i consumatori del Centroa tenere alta la media (64%) superando quelli del NordOvest, Sud e Isole (58%) e quelli del NordEst (56%). Per i consumatori del Nord Italia è l’attenzione alla provenienza italiana della frutta e della verdura la tendenza maggiormente diffusa (59% sia al Nord Est sia al Nord Ovest) rispetto alla media nazionale (55%) e alle regioni del Centro (50%) e del Sud (53%). Acquistare frutta di stagione è invece una tendenza che segue un crescendo da Nord a Sud. Infatti, se la media italiana è del 71%, il Nord è sotto la media (67%), mentre aumenta nelle regioni del Centro (73%) e del Sud-Isole (75%).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: