Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Rifiuti: distribuiti 50.000 moduli di rimborso Iva

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2009

Roma. Contribuenti.it – Associazione Contribuenti Italiani annuncia che sono stati distribuiti, nel corso di Fisco Tour 2009, i primi 50.000 moduli per l’istanza di rimborso dell’IVA pari al 10% pagata sulla tassa igiene ambientale TIA, meglio nota come tassa sui rifiuti, in soli 7 giorni. Al centro dell’iniziativa legale è l’annosa questione legata alle recente sentenza n. 238/09 della Corte Costituzionale che ha sancito il diritto al rimborso dell’IVA pagata sulla tassa rifiuti in quanto la T.I.A. è una tassa e pertanto sulla stessa non può essere applicata l’I.V.A.. Ad oggi, basando la stima sulle medie tariffarie registrate nell’ultimo rapporto governativo sui rifiuti è possibile dedurre che tra famiglie e imprese la partita sui rimborsi viaggi intorno ai 200 milioni l’anno. Per le famiglie il rimborso è medio è di circa 360 euro, mentre per le imprese ammonta a circa 3.750 euro. Per il presidente di Contribuenti.it Associazione Contribuenti Italiani, Vittorio Carlomagno, il rimborso come sancito dalla Corte Costituzionale va erogato, entro 30 giorni dal ricevimento della istanza di rimborso, in un’unica soluzione. Il modulo per l’istanza di rimborso (mod. IRT), disponibile sul sito http://www.contribuenti.it , deve essere presentato entro le ore 10 del 30 settembre 2009 a “Lo Sportello del Contribuente” della propria città, per non pregiudicare i diritti acquisiti.

Ringraziamo la nostra lettrice Stefania per la segnalazione; per avere il modulo e poterlo direttamente stampare senza alcuna iscrizione/spesa, cliccate qui: Modello rimborso altroconsumo
Di recente abbiamo avuto anche un’altra comunicazione: IVA su TARSU La cassazione ha stabilito che la tassa dei rifiuti è di fatto una tassa e non una tariffa; di conseguenza hanno applicato l’iva su un importo dove non doveva essere applicata in quanto appunto “tassa”. Pertanto tutti gli utenti hanno diritto al rimborso del 10% dei 10 anni retroattivi, inoltre controllando sul sito “federconsumatori” si evince che chi richiede il rimborso (che come al solito arriverà, lentamente ma arriverà) bloccherà di fatto l’iva sulle prossime fatture. Chi non lo fa si troverà a continuare a pagare tutto come prima perché, come capita solo in Italia, gente come anziani o fasce inferiori che non sanno i loro diritti non ne usufruiscono “in automatico”, ma solo se se ne accorgono e fanno richiesta. Pertanto vi allego il modulo che contiene le spiegazioni per la compilazione, anche in formato word se volete compilarlo direttamente a video. Visitate anche questo sito http://www.consulenza-ricorsi.com/tarsu-tassa-rifiuti-ricorso-rimborso-iva/ Abbiamo ora un altro seguito: qui

Ora ci pensa anche il Parlamento a vanificare un diritto: La sentenza della Corte Costituzionale ha stabilito in modo inequivocabile che la Tia, tariffa di igiene ambientale, è una tassa e come tale non vi va applicata alcuna maggiorazione del 10% di Iva. La questione riguarda in prevalenza le regioni del Centro Nord dove in questi ultimi anni si è passati dalla “tassa” rifiuti alla “tariffa”, con un aggravio dell’Iva a carico delle famiglie. Considerato mediamente un costo di 150-200 euro l’anno di tassa rifiuti – dichiara Paolo Landi, Segretario Generale Adiconsum – il credito accumulato dalle famiglie nei confronti dell’erario oscilla fra i 70 e i 150 euro. Complessivamente è stato stimato che l’Iva da restituire alle famiglie è di circa 1 miliardo. Tutte le pressioni esercitate per ottenere la restituzione di quanto pagato e non dovuto dalle famiglie sono state vane. Ancora una volta assistiamo ad un film già visto: quando c’è in ballo la restituzione di crediti a favore delle famiglie (v. telefonia e assicurazioni), il legislatore corre subito ai ripari per annullarli. Un film che rischia di ripetersi ancora oggi, poiché alla Commissione Finanze e alla Commissione Attività Produttive sono stai presentati da parte del deputato PDL e assessore al bilancio del comune di Roma, Maurizio Di Leo, emendamenti per azzerare questo credito nei confronti delle famiglie. Adiconsum – prosegue Paolo Landi – esprime la propria contrarietà a questo emendamento e invita il Parlamento a trovare formule alternative che prevedano comunque la restituzione alle famiglie, anche, ad es., attraverso la compensazione nella Dichiarazione dei redditi.Abbiamo un altro seguito: qui

17 Risposte a “Rifiuti: distribuiti 50.000 moduli di rimborso Iva”

  1. Antonella Bazzoli said

    Salve, in qualità di giornalista mi sembra doveroso comunicarvi che la notizia ampiamente diffusa dai media non è in concreto di grande utilità per il contribuente. Nel sito indicato non si trova infatti il mod. IRT per l’istanza di rimborso. Potete verificare anche voi.
    Un caro saluto
    Antonella Bazzoli

  2. Marco said

    Peccato che nel sito citato selezionando la voce “Moduli per ottenere rimborsi” si ottiene
    un bel “The page cannot be found”
    Qualcuno sa come fare ad effettuare il download del modulo?

    Grazie

    Marco

  3. leonardo said

    Tanto chiasso e poi i modulu IRT non sono disponibili vi siete messi d’accordo per non farli presentare?

  4. Damiano said

    E’ tutto un magna magna…..

  5. Maurizio Amadei said

    Non deve essere obbligatorio fare una class action e versare € 100,00 ai siti come contribuenti.it.
    La legalità e giustizia dovrebbe essere al primo posto sui vs siti,”ingannevoli”, poichè non permettono la stampa del modulo.
    Ma sono convinto che una richiesta generica accompagnata dalla sentenza della Corte C. e inviata al giudice di competenza,(senza presentare copie di pagamenti che verrebbero presentati al momento della richiesta del giudice) abbia lo stesso valore di un modulo prestampato.
    Dr.Maurizio

  6. Piero Chessa said

    Ho constatato l’inadempienza di “contribuenti.it”. Non si scaglia la pietra ritirando poi la mano. Quanto poi alla richiesta di iscrizione biennale da parte del CODACONS trattasi di vero e proprio atto vessatorio. Il rimborso a me spettante è di 139 Euro, vale la pena di spenderne 100 per l’iscrizione?

  7. federico said

    il link funziona, peccato che il file PDF da scaricare è protetto da password e per ottenerla ci si deve iscrivere al sito contribuenti.it, al prezzo di 50 €!!!!

  8. stefania said

    se vi collegate all’indirizzo qui di seguito riportato troverete in fondo alla pagina un modello con tutte le istruzioni dettagliate per presentare l’istanza di rimborso.

    saluti

    http://www.altroconsumo.it/imposte-e-tasse/tassa-rifiuti-chiedete-il-rimborso-dell-iva-s253463.htm

  9. Paolo-pg said

    Verificato, il modulo non c’è se lo si vuole è a pagamento. “Basta” iscriversi a codacons (100 EURI) o a contribuenti (50 EURI) e si ottiene il modulo…… poi il rimborso CHISSA’!!!!!!!!!!!!! Attenti ha l’aria di truffa!

  10. fidest said

    Nel link in fondo all’articolo è presente la pagina di altroconsumo col modulo disponibile per essere scaricato, senza alcuna spesa

  11. Paolo-pg said

    trovato, dopo mille peripezie, grazie!

  12. Federico said

    trovato…
    grazie Stefania!!!

  13. gioy said

    io l’ho saputo solo adesso che è possibile chiedere il rimborso dell’iva, e che la scadenza era il 30 settembre. come posso fare?

  14. fidest said

    Le suggerisco di rivolgersi all’associazione consumatori altro consumo prospettando il suo caso.
    Cordialità Riccardo Alfonso

  15. fidest said

    Rimborso iva rifiuti (irt)
    Fino al 30 gennaio sarà possibile inoltrare nuovamente la domanda via email allo Sportello del Contribuente per non perdere i diritti acquisiti. Le nuove richieste pervenute saranno valutare in ordine cronologico. L’istanza di rimborso del 10% dell”IVA pagata sulla Tariffa Igiene Ambientale (IRT), da presentare in seguito alla sentenza n. 238/09 della Corte Costituzionale ed alla Finanziaria 2010, è on line sul sito internet http://www.contribuenti.it e mira a tutelare ed assistere i contribuenti e gli enti che correttamente non hanno applicato l’Imposta sul Valore Aggiunto nel riscuotere la tassa sui rifiuti. Il modulo IRT potrà essere compilato sia dai cittadini consumatori che dagli enti che, se hanno pagato in questi anni l’IVA sulla TIA, hanno diritto ad avere indietro l’IVA al 10% pagata sugli importi fatturati. Nel caso in cui i con tribuenti italiani dovessero incontrare difficoltà nella compilazione, potranno avvalersi dell’ assistenza del Team IRT presente presso le Direzioni Regionali di Contribuenti.it – Associazione Contribuenti Italiani entro e non oltre il 30 gennaio. Al centro dell’iniziativa legale è l’annosa questione legata alle recente sentenza della Corte Costituzionale che ha sancito il diritto al rimborso dell’IVA pagata sulla tassa rifiuti in quanto la T.I.A. è una tassa e pertanto sulla stessa non può essere applicata l’I.V.A.. Contribuenti.it – Associazione Contribuenti Italiani informa che fino ad ora sono stati distribuiti, durante Fisco Tour, oltre 370 mila moduli per l’istanza di rimborso dell’IVA pari al 10% pagata sulla tassa igiene ambientale TIA, meglio nota come tassa sui rifiuti. Ad oggi, basando la stima sulle medie tariffarie registrate nell’ultimo rapporto governativo sui rifiuti è possibile dedurre che tra famiglie e imprese la partita sui rimborsi viaggi intorno ai 200 milioni l’anno. Per le famiglie il rimborso è medio è di circa 360 euro, mentre per le imprese ammonta a circa 3.750 euro. Per il presidente di Contribuenti.it Associazione Contribuenti Italiani, Vittorio Carlomagno, il rimborso come sancito dalla Corte Costituzionale dovrà erogato, entro 30 giorni dal ricevimento della istanza di rimborso, in un’unica soluzione. Ulteriori informazioni sono presenti sul sito http://www.contribuenti.it.

  16. […] letti Marco Galli: Una voce tante vociRoma-Inter: piano viabilitàRifiuti: distribuiti 50.000 moduli di rimborso IvaAlla Champions League? a Madrid a partire da 100 €Equipollenza titoli di studio […]

  17. I appreciate the content on your internet site.
    Thank you!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: