Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

La bomba globale del debito pubblico

Posted by fidest press agency su martedì, 8 settembre 2009

Un nuovo fantasma si aggira nelle stanze dei governi e nelle borse dei maggiori mercati mondiali: il debito pubblico! Nel giro di pochi mesi è cresciuto a dismisura come una classica bolla pronta a esplodere. Si va ad aggiungere alle altre mine vaganti della finanza internazionale che fino ad ora si è sottratta a nuovi e più stringenti regole e controlli. Negli Stati Uniti il debito pubblico nel 2009 aumenterà di 2.000 miliardi, il 22% in più in un anno, arrivando a circa 11.500 miliardi complessivamente. Il PIL americano è intorno ai 14.000 miliardi, ma nei primi sei mesi dell’anno ha perso oltre 200 miliardi a causa della recessione economica che fa chiudere fabbriche, crea disoccupazione e riduce i livelli di vita della gente. L’incidenza del debito pubblico dell’82% sul Pil americano sembra contenuta rispetto al livello italiano del 115%, ma occorre non dimenticare che gli USA vantano anche un debito privato di oltre 14.000 miliardi. Si stima che nel 2009 l’Europa metterà sul mercato obbligazioni per 800 miliardi di euro. in massima parte per coprire i nuovi disavanzi. In Germania il debito pubblico aumenterà di circa 200 miliardi. In Spagna il disavanzo è aumentato di 50 miliardi di euro in 7 messi e si teme che a fine anno possa salire all’8-10% del Pil. In Francia il ministro del bilancio calcola un aumento del debito del 10% nel 2009, pari a circa 130 miliardi di euro. In Inghilterra, con un debito privato pari al 115% del Pil, la stampa denuncia che, a seguito delle nazionalizzazioni della Lloyds Bank e della Royal Bank of Scotland in crisi, il governo, accollandosi i loro titoli tossici, porterebbe il debito pubblico dal 46 al 150% del Pil! In Giappone il debitopubblico è già al 170% del Pil e aumenterà quest’anno di parecchie centinaia di miliardi di dollari. In Italia da gennaio a giugno il debito pubblico è aumentato di 90 miliardi raggiungendo la vetta dei 1752,2 miliardi. E le recenti proiezioni fatte dal FMI sul suo andamento nei paesi industrializzati sono ancora più cupe Non è quindi esagerato parlare di un aumento del debito pubblico globale nel solo 2009 di circa 4.000 miliardi di dollari che dovranno essere coperti da nuovi titoli dello stato. Non siamo dei monetaristi che vedono nel debito pubblico una perniciosa interferenza dello stato negli affari economici. Al contrario, crediamo che esso possa avere un importante effetto di stabilità e di stimolo, ma soltanto se viene usato virtuosamente per sostenere e promuovere i settori dell’economia reale, a cominciare dalle grandi infrastrutture che richiedono investimenti di lungo termine. Allo scoppio della Grande Depressione del 1929 il debito pubblico americano era del 17% del Pil. Salì al 40% nel 1934, al 43% nel 1938 e al 121% nel 1946 per il gigantesco impegno nella mobilitazione militare e nella ricostruzione. Però sosteneva investimenti nella produzione, anche quella bellica, che poi ebbe ricadute positive nei settori dell’economia civile, per cui il debito venne poi progressivamente riassorbito. In questi mesi invece si è creato nuovo debito pubblico, in maggior parte neanche per sostenere le spesi correnti, cosa di per sé già problematica, ma per acquistare titoli tossici dalle banche. Solo una piccola parte è andata ad aiutare in modo concreto l’economia produttiva. A partire dalla situazione patologica americana, molti si chiedono quale sarà l’effetto a medio termine di tanto debito e di tanta liquidità sull’inflazione. Inoltre, si stima che l’anno prossimo gli USA e l’Europa dovranno rifinanziare enormi quantità di Obbligazioni del Tesoro in scadenza, rispettivamente per circa 3.000 miliardi di dollari e per 300 miliardi di euro. Anche l’Italia nei prossimi 12 mesi dovrà rimborsare oltre 320 miliardi di vari titoli di stato in scadenza. E’ difficile non immaginare che simili movimenti non provochino serie turbolenze sui mercati e sui tassi di interesse. Il debito pubblico e i titoli di stato sono strumenti molto delicati e pericolosamente devastanti se usati male. L’emergenza della crisi ha erroneamente spinto molti governi a farne uso in modo sbagliato, cioè quasi esclusivamente per salvare istituti finanziari in bancarotta. L’idea che lo stato sia il creditore di ultima istanza funziona e crea stabilità se non se ne abusa. Il default dell’Argentina avrebbe dovuto insegnare qualcosa! (Mario Lettieri, sottosegretario all’Economia nel governo Prodi Paolo Raimondi, economista)

2 Risposte a “La bomba globale del debito pubblico”

  1. Augusto said

    Voi giornalisti in che mondo vivete? Non sapete a chi dobbiamo tutto questo sconquasso? Siete colpevoli per non fornire al popolo le notizie necessarie a fargli capire che è il sistema monetario che è stato instaurato con la nascita della Banca d’Inghilterra cioè da circa trecento anni e che ora per noi è quello della BCE è sommamente iniquo e ci porta dritti verso la schiavitù totale. Se non ci credete (cosa che io dubito fortemente) cercate su internet la voce signoraggio e, come ho fatto io capirete la truffa che viene perpetrata nei nostri confronti. Il prof. Auriti alcuni anni fa ha denunciato la Banca d’Italia per falso in bilancio, truffa, evasione fiscale e istigazione al suicidio. Il giudice gli ha detto che le prove sono valide ma siccome è stato sempre così non poteva fare nulla. Ora avete sempre intenzione di fare come Ponzio Pilato?
    Voi avete la possibilità di informare correttamente le persone, fatelo se avete gli attributi. Vorrei una risposta.
    Ossequi Augusto

  2. fidest said

    Per sua informazione posso dirle che abbiamo più volte riportato le dichiarazioni dell’on.le Storace sul signoraggio e l’ho fatto senza riserve. Ma sull’argomento non vi è stata una sola voce, tra i miei lettori, a sostegno delle dichiarazioni espresse con molta determinazione dal predetto parlamentare. Eppure dalle nostre statistiche “interne” abbiamo notato che, ad esempio, per conoscere le novità su miss Italia abbiamo avuto in un solo giorno 45 visitatori mentre sul signoraggio abbiamo registrato in una settimana solo due accessi. Se poi parliamo di giornalisti che “tacciono” penso, innanzitutto, che non è corretto prendersela con tutta la categoria anche perché non sono loro a rappresentare il “quarto potere” ma bensì gli editori. Anche qui va fatto una distinzione tra quelli “puri” nel senso che fanno solo gli editori, e quelli che fanno parte a pieno titolo del mondo economico, imprenditoriale e finanziario. D’altra parte anche lei è consapevole che ci troviamo a dover combattere una guerra persa in partenza, sebbene non demordiamo. E’ tanto vero che fin da ora, a dispetto delle statistiche, sono disponibile a parlarne settimanalmente soprattutto se mi darà una mano in tal senso. Le ricordo, a titolo di cronaca che dopo le prime “sparate” di Storace ho cercato di “strappare” i pareri di almeno un centinaio tra parlamentari, grand commis di Stato, banchieri ecc. ma nessuno, dico nessuno, ha voluto trattare l’argomento anzi più di qualcuno ancora oggi mi evita come la “peste”. Come dire? Veritas odium parit. Pensi cosa sta succedendo ad Obama sul fronte dell’assistenza sanitaria per i 42 milioni di americani che non ne beneficiano. Gliene dicono di tutti i colori. Eppure lui è stato chiaro: basterebbe che gli Usa facessero una guerra in meno per trovare i fondi per finanziare l’assistenza sanitaria agli indigenti. Cosa ci resta da dire in proposito? E’ che la verità la conosciamo entrambi molto bene: le nostre risorse sono modeste ma lo diventano ancora di più se la fetta più grossa la prendono chi già ha di suo mentre si assottiglia paurosamente nei confronti di chi l’ha già quasi microscopica. E finché il mondo funziona in questo modo dove qualche centinaio di milioni di persone vive con il superfluo e sull’altra bilancia vi è il resto dell’umanità, e sono miliardi di persone, che rasentano la miseria e la subiscono con rassegnazione la nostra rimane una vox clamans in deserto. Noi continueremo a dispetto di tutto e di tutti a farci sentire ma dobbiamo anche essere pragmatici e riconoscere che parliamo al vento forse perché chi dovrebbe sentirci non ha ancora imparato a ragionare con la propria testa e a saper distinguere la spiga di grano dalla gramigna. Cordialità Riccardo Alfonso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: