Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 11 settembre 2009

UNICEF per i bambini dello Sri Lanka

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 settembre 2009

New York, “L’UNICEF è estremamente preoccupato e deluso per la decisione del governo dello Sri Lanka di espellere James Elder, capo della comunicazione dell’UNICEF in Sri Lanka.  “L’UNICEF ha sempre sostenuto il principio della difesa imparziale e dell’informazione nell’interesse dei bambini come parte fondamentale del suo mandato a livello mondiale.  “Attraverso James Elder, l’UNICEF si è sempre espresso apertamente contro le sofferenze dei bambini di entrambe le parti nel violento conflitto dell’inizio di quest’anno, chiedendo protezione per i minori. L’UNICEF respinge in modo inequivocabile ogni accusa di parzialità.  “L’UNICEF continuerà a portare avanti il suo mandato in Sri Lanka, e altrove, per difendere e parlare apertamente a favore dell’interesse dei bambini vulnerabili e delle donne”.  http://www.unicef.it

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cosa significa la ricerca in Italia

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 settembre 2009

Dobbiamo chiederci, innanzitutto, quanti sono in Italia gli scienziati ed i ricercatori. Di solito il grosso pubblico è abituato a riconoscerne pochi, quelli più rappresentativi, come i Nobel Carlo Rubbia e Rita Levi Montalcini, gli scienziati Carlo Bernardini, Margherita Hack, Tullio Regge, Giuliano Toraldo di Francia, ecc. Sebbene non disponiamo di un dato statistico certo possiamo, comunque, presumere che essi siano non meno di cinquemila in tutta Italia sparpagliati tra le diverse sedi universitarie ed istituti di ricerca avanzati. Pensiamo all’Istituto elettrotecnico “Galileo Ferrarsi”, la stazione zoologica di Napoli “A. Dohrn”, l’istituto nazionale di alta matematica, l’Agenzia spaziale italiana, l’istituto di geofisica e vulcanologia, l’istituto nazionale di astrofisica ed altri ancora. Ma il discorso non è solo quantitativo, s’intende. Esiste un rapporto eccessivamente dialettico e persino sterile tra ricerca di base e ricerca applicata, mentre ben altra dovrebbe essere la misura di un giudizio concordando sulla constatazione che nel nostro Paese vi è bisogno in pari misura sia di ricerca applicata sia  di base di qualità. Il problema semmai, resta di risorse economiche ed umane disponibili. La fuga dei cervelli dall’Italia impoverisce in misura drammatica il sistema e ci impedisce di crescere e d’essere competitivi in una società che si sta sempre più caratterizzando con la sua componente tecnologica sempre più sofisticata e diffusiva in tutti i comparti delle nostre variegate attività. Occorre, quindi, creare da subito le premesse per incoraggiare la presenza dei ricercatori e degli scienziati in Italia offrendo loro prospettive di lavoro e di mezzi operativi sicuri e duraturi nel tempo. D’altra parte ci sembra di capire che lo stesso Governo è interessato a sviluppare adeguatamente le tre aree disciplinari ritenute a ragione prioritarie: l’informatica e le incoscienze, le bioscienze, la post-genomica e l’alimentare, le nanotecnologie, le tecnologie manostrutturate, i nuovi materiali compositi, le tecnologie a difesa dell’ambiente e il settore energetico con la ricerca di nuove fonti alternative alle attuali.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Congresso Nazionale della Società Italiana di Anatomia Patologica

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 settembre 2009

Firenze, Oncologi e patologi insieme nella lotta contro il tumore del seno. Nascono le nuove linee guida che permetteranno di ridurre ad appena il 5% – dall’attuale tasso del 20-40% – gli errori nella diagnosi di un tipo di cancro particolarmente aggressivo: il tumore al seno HER2 positivo (sigla che indica la proteina prodotta da un gene specifico), che ogni anno in Italia colpisce dalle 8.000 alle 10.000 donne. I principi sono contenuti in un documento sottoscritto dalla Società Italiana di Anatomia Patologica e Citopatologia Diagnostica (SIAPEC-IAP) e dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) e presentato per la prima volta al Congresso Nazionale SIAPEC-IAP, in corso a Firenze fino a domani con la partecipazione di oltre 1500 esperti. “L’attività del nostro gruppo di lavoro – spiega il prof. Vincenzo Adamo, direttore dell’Oncologia Medica e della Scuola di Specializzazione di Oncologia del Policlinico ‘G. Martino’ di Messina – è iniziata tre anni fa e possiamo dire di aver raggiunto un risultato straordinario che ci permetterà di cambiare la storia naturale di questo tumore. Saremo in grado di determinare con la maggiore accuratezza possibile la positività per HER2, che si osserva in circa il 20% dei casi di tumori del seno. Le pazienti che presentano questa espressione biomolecolare potranno infatti beneficiare della terapia con trastuzumab, un anticorpo monoclonale che ha dimostrato di essere efficace contro questo tipo di tumori”. “I nostri obiettivi fondamentali – afferma il prof. Giuseppe Viale, Professore ordinario di Anatomia Patologica all’Università di Milano e direttore della Divisione di Anatomia Patologica dell’Istituto Europeo di Oncologia – sono stati la definizione di requisiti minimi di refertazione, la standardizzazione della refertazione e l’individuazione di percorsi diagnostico-terapeutici integrati. È importante che il patologo si renda conto dell’importanza clinica dei dati che produce, una consapevolezza che storicamente è mancata all’anatomia patologica italiana. Ciò che il patologo scrive nel referto diventa infatti uno dei pilastri fondamentali delle successive scelte terapeutiche”. L’Italia è il primo Paese in Europa, e tra i primi al mondo, ad aver avviato una collaborazione di questo genere tra patologi e oncologi. “I principi indicati nel documento – continua il prof. Gianluigi Taddei, presidente SIAPEC-IAP – saranno applicati subito dopo il Congresso di Firenze. In futuro sarà indispensabile il coinvolgimento anche della figura del chirurgo della mammella. L’attività dei patologi si colloca ‘a metà strada’ fra il lavoro dei chirurghi e quello degli oncologi. Ed è essenziale, perché può permettere, grazie a una corretta diagnosi, di migliorare le prestazioni di entrambi”. “AIOM e SIAPEC-IAP – sottolinea il prof. Francesco Boccardo, Professore ordinario di Oncologia Medica all’Università di Genova e Presidente Nazionale AIOM – hanno ritenuto indispensabile unire le competenze dei propri professionisti per mettere a punto un documento che vuole essere nello stesso tempo la sintesi dello stato dell’arte ed un modello di comportamento che, in questo momento, è il più avanzato nel trattamento post-chirurgico del tumore della mammella”.
Lo stato HER2 è un importante fattore prognostico e predittivo di risposta al trattamento, e la sua determinazione è richiesta su tutte le neoplasie mammarie operate al momento dell’impostazione della terapia. “Poiché la scelta terapeutica finale indicata dagli oncologi – conclude il prof. Oscar Nappi, direttore dell’Unità Operativa Complessa di Anatomia Patologica dell’Ospedale ‘Cardarelli’ di Napoli – sarà condizionata dai parametri prognostici e predittivi, la conoscenza e consapevolezza delle responsabilità diagnostiche da parte del personale medico e tecnico di Anatomia Patologica riveste un ruolo fondamentale e pone in evidenza la necessità di concordare i parametri indispensabili per una refertazione idonea, osservando i criteri di qualità a cui il patologo è tenuto ad attenersi, per garantire un corretto allestimento, lettura e interpretazione del quadro morfologico unito ai marcatori prognostico/predittivi. Il patologo, infatti, è responsabile della congruità dei parametri diagnostici, prognostici e predittivi. Dopo un lavoro laborioso che ha visto coinvolte tutte le anatomie patologiche del territorio nazionale, siamo riusciti a elaborare queste linee guida”.   Le raccomandazioni sono il risultato di una nuova sinergia tra l’oncologia medica e l’anatomia patologica e pongono al centro del dibattito le modalità con cui trattare lesioni neoplastiche che presentano determinate caratteristiche biologiche.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Una legge per il lobbista

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 settembre 2009

Un paio di anni fa un giornalista che gode di tutta la nostra stima, Sergio Te, si rese promotore di un convegno sulle lobby in Italia. Seguimmo i lavori con molto interesse e ci rendemmo conto, ammesso che ce ne fosse stato bisogno, dell’urgenza di provvedervi. Più di recente un altro giornalista, Enzo Riboni, e questa volta sul Corriere Lavoro, è ritornato sull’argomento. Riboni nel suo articolo esordisce ricordandoci che in Italia è un’espressione offensiva dire lobbista: “evoca inconfessabili rapporti tra biechi sostenitori di interessi privati e corruttibili legislatori.” All’estero, ovviamente, è tutt’altra cosa. Negli Usa il lobbista è tutelato dal primo emendamento della costituzione. Lobby è un termine inglese ed indica un “innocuo luogo fisico, il corridoio del Parlamento. In Italia analoga zona è detta Transatlantico.” Riboni, per l’occasione, intervista Massimo Micucci che è presidente di “Reti”, una società di relazioni pubbliche che fa esclusivamente attività di lobbyng. Per Micucci per regolarizzare la posizione del lobbista in Italia non dovremmo parlare di albo, per non trasformare i lobbisti in una nuova corporazione, ma semmai di dotarli di un preciso codice di comportamento. “Basterebbe, dice Micucci, la consulenza preventiva di società che, come Reti, forniscano alle aziende le informazioni e gli strumenti necessari per rappresentare i propri interessi presso le istituzioni.” E si osserva tra l’altro: “ci sono interessi privati che sono un po’ più pubblici degli altri. Si pensi, ad esempio, alle lobby che sostengono cause etiche, dai diritti ai minori alla difesa dell’ambiente, alla protezione degli animali.” Alla fine si avverte la necessità di introdurre anche in Italia un’apposita legge che legittimi il ruolo del lobbista volta a disciplinare “le attività di rappresentanza di interessi presso organismi istituzionali”. Per la cronaca dobbiamo aggiungere che è una donna la decana e la pioniera dei lobbisti italiani: Samaritana Rattazzi. Per sua stessa ammissione una giornalista, al Corriere della Sera, mancata. E vorremmo concludere, questa nota, proprio con le parole della Rattazzi: “sono 18 anni che vengono presentati disegni di legge che non passano mai. Certo anche la legge che imponesse un albo verrebbe rispettata da chi già è trasparente, gli altri potrebbero continuare  a fare lobbyng occulta.” (A.R.)

Posted in Diritti/Human rights, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ottantacinquesima Sagra dell’Uva

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 settembre 2009

Città di Marino dal 3 al 5 ottobre 2009 ottantacinquesima Sagra dell’Uva. Nel cuore della zona vinicola dei Castelli Romani, dal 1925, Marino è l’apprezzato itinerario enogastronomico tra storia, religione, costume e cultura capace di decantare, in maniera unica, il nettare degli dèi. Legata alla tipicità del territorio e immersa nella magica cornice dei Castelli Romani, la Città di Marino, durante la Sagra dell’Uva, è l’insolito palcoscenico che alterna scenografie per dialoghi tra cultura, business, tradizione e religione. Una singolare miscela di garanzia che si versa sullo sfondo di stand gastronomici, solleticando con approfondimenti seducenti ed inebrianti odori. Marino re-interpreta l’antica festa sacra, istituita da Papa Pio V per la vittoria riportata contro i Turchi la prima domenica di ottobre del 1571, e la festa della Madonna del Rosario, sotto la cui protezione era stata posta la spedizione profumandole di uva appena raccolta. Il rito della tradizione e della convivialità è la tappa più attesa tra gli appuntamenti di fine stagione. Intrecciandosi col frutto della vite, la rassegna enogastronomica, incontra il gusto di imprenditori, produttori, consumatori turisti e curiosi colorando Marino di fiori e grappoli d’uva.  Negli spazi di una “tre giorni” che cambia ogni volta la sua immagine, l’evento più atteso resta “il miracolo”. E’ quando l’acqua lascia il posto all’oro di Bacco ed i fuochi d’artificio illuminano il cielo che il vino, ottenuto dalle uve dei vitigni a bacca bianca, Malvasia e Trebbiano, abbandona le botti per sgorgare, con insoliti zampilli dalla secentesca fontana dei Quattro Mori. Sospesa l’erogazione dell’acqua nelle condutture delle fontane cittadine, infatti, secco, amabile o dolce il vino, protagonista indiscusso della festa, colora un “miracoloso” brindisi che riunisce religione, storia, costume, tradizione e cultura. La Kermesse, che gode del primato italiano nel settore, deve al “prodigio” che si rinnova da 85 edizioni, la fama internazionale.  Vestita d’altri tempi per i festeggiamenti di autorevole, quanto gioiosa, attualità storica, la versione ‘09 dell’insolita Kermesse a ritmo di danze, musica e parate offre un calendario fitto di appuntamenti e denso di emozioni. Immancabili effetti scenici ricchi di contenuti, saranno la eco dentro e fuori le passerelle e per la tradizionale sfilata in abiti d’epoca, calcata da celebri testimonial del mondo dello spettacolo, la Sagra dell’Uva promette di infiammare la collezione della nuova stagione “per-bacco”.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Emergenza criminalità

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 settembre 2009

Editoriale fidest. Se andiamo a ritroso nel tempo ci accorgiamo di un particolare che riguarda il comportamento criminale. Un tempo e potremmo fissarlo intorno agli anni 50-70 e soprattutto in Italia, il ladro rubava con destrezza ma non con violenza. Si faceva poco uso delle armi da fuoco e di più dell’arma bianca e di quelle improprie. Si cercava d’evitare il contatto diretto con le vittime designate preferendo certe ore notturne e strade isolate e poco illuminate. Oggi si privilegiano gli scontri diretti con inermi cittadini e con i poliziotti e si compiono rapine spesso a viso scoperto e indirizzandosi non solo verso banche ma anche presso negozi ed abitazioni private. E tutte le volte le armi preferite sono quelle da fuoco e con una potenza a volte dirompente per i suoi effetti lesivi. Esiste spesso una sproporzione tra il fine che si intende perseguire ed i mezzi che si adottano per realizzarlo. Manca in buona sostanza, proprio questo rapporto tra causa ed effetto, la consapevolezza che la giustizia è una cosa seria e che in tal senso va presa da tutti, nessuno escluso. Tutto ciò se non vogliamo una delegiferazione di fatto che sta diventando già inquietante per le sue conseguenze se è vero come è vero che solo il 2% dei ladri d’appartamento è assicurato alla giustizia ed è il 3%, per gli scippatori, il 5% dei ladri d’auto e via di questo passo. Sono tutti numeri piccoli se non piccolissimi a fronte di una criminalità sempre più aggressiva e determinata. Ma è la stessa filiera della giustizia a segnare il passo come lo è il ruolo della magistratura inquirente e giudicante con tempi lungi, anzi lunghissimi, per una sentenza definitiva sia in sede civile sia penale. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Editoriali/Editorials | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La storiografia è una scienza esatta?

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 settembre 2009

In proposito sorgono ragionevoli dubbi. Dobbiamo chiederci, innanzitutto, se è possibile alla storiografia ricostruire in tutti i suoi infiniti molteplici aspetti alcun evento passato. La risposta è indubbiamente negativa. Una tale realistica rappresentazione è praticamente impossibile per quanto copiosi possono essere i materiali messi a disposizione dello storico. Alla fine subentra la logica dell’interpretazione e l’opinione del ricercatore a volte ne rimane influenzante. Questa riflessione noi la facciamo pensando agli eventi del XX secolo. Un secolo di libertà ma anche di grandi servitù da parte degli storici. Pensiamo, ad esempio, per quanto ci riguarda da vicino a tre figure emblematiche della storia italiana contemporanea: Mussolini, Togliatti e Craxi. Molto si è parlato di essi, ma siamo sicuri che di loro abbiamo riconosciuto l’effettivo ruolo storico-politico che li ha caratterizzati nella loro azione di governo per Mussolini, di opposizione per Togliatti e di statista per Craxi? Per costoro come per molti altri personaggi che hanno calcato le scene della vita e l’hanno in un certo qual modo condizionata e di certo non sempre in bene, la storia ancora si bagna di passioni che si riverberano sui figli, sui nipoti e pronipoti che l’hanno vissuta dentro questa stessa bolla storica. Non siamo per un prolungamento della cronaca, ma nemmeno ad un giudizio storico decisamente sereno e distaccato.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Global Crossing

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 settembre 2009

Infinera (NASDAQ: INFN), produttore di infrastrutture per le reti ottiche ad alta velocità, sta lanciando una nuova soluzione sottomarina per portare i benefici dell?integrazone fotonica nel mondo delle reti sottomarine. La nuova soluzione di Infinera è stata progettata per portare maggiore capacità, nuovi servizi e l?elevata velocità di attivazione tipica di Infinera nel mondo delle reti sottomarine. La soluzione sottomarina di Infinera, progettata per essere installata nei terminali terrestri delle reti sottomarine, è già in fase di consegna presso i clienti Infinera ed è già funzionante a pieno ritmo per Global Crossing.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tassisti disonesti e Ncc abusivi a Roma

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 settembre 2009

“Basta con i buonismi, è necessario dare dei segnali forti a chi non rispetta le regole, queste persone danneggiano l’immagine dell’Italia all’estero”. Questo il primo commento del vicesegretario per il Lazio dell’Italia dei Valori Oscar Tortosa alla notizia delle numerose violazioni accertate a Roma e nei suoi principali aeroporti da parte di alcuni tassisti che gonfiavano le tariffe e la scoperta di persone che esercitavano abusivamente l’attività di noleggio con conducente. Prosegue l’esponente del partito guidato da Antonio Di Pietro: “Se ci sono le regole vanno rispettate, se non ci sono bisogna crearle ma soprattutto è necessario fornire esempi e prevedere tra le sanzioni anche quella del ritiro della licenza. Quanto agli abusivi – conclude Tortosa –  devono esserci misure che li colpiscano duramente  per arginare il fenomeno ed evitare che, tra un po’ di tempo, queste stesse persone tornino ad esercitare abusivamente la professione a danno, oltre che dei malcapitati,  di chi opera onestamente nel settore”.

Posted in Diritti/Human rights, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo piano tariffario dell’AMA, la critica di Marinelli

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 settembre 2009

“Questa volta l’AMA non sapeva verso chi indirizzare strali ma adesso ha trovato il turista il quale non solo viene spennato appena sceso dal treno o dall’aereo ma dovrebbe ora vedere tra i vari avvoltoi che svolazzano attorno alla sua persona anche il comune di Roma”. Con queste parole il responsabile per la regione Lazio dell’Italia dei Diritti Vittorio Marinelli esprime tutto il suo malcontento per l’ennesima iniziativa decisamente discutibile operata dall’attuale organo di competenza. A quanto pare le casse dell’AMA non sono mai abbastanza abbienti e così è previsto un nuovo piano tariffario realizzato principalmente però, non per coprire i deficit di entrata del bilancio ma per soccombere all’eccessivo aumento dei costi dovuto all’incremento dell’attività di pulizia della città. Si vuole così stabilire inoltre, la tariffa in base alle persone che compongono il nucleo familiare e dulcis in fundo l’introduzione della tassa di soggiorno che porrà il turista nelle condizioni di dover contribuire alla pulizia e al decoro della città. Marinelli aggiunge:” Meglio farebbe invece questa amministrazione se veramente perseguisse il bene pubblico cosa che invece si esclude. Si inizi a licenziare i vari manager e dirigenti che dimostrano di essere capaci solo nell’arte di far lievitare i propri scandalosi stipendi”. L’esponente del movimento guidato da Antonello De Pierro conclude:” L’unica salvezza quindi per la capitale del mondo, sarebbe che si ricordasse di essa per lo meno l’Europa e nominasse un bel commissario tedesco oppure svedese. In poco tempo il miracolo di una città pulita sarebbe compiuto,senza spennare prima i romani e dopo i turisti”.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La tecnologia può creare comunità

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 settembre 2009

Il tema è come fare ciò, soprattutto senza creare dicotomie. Il virtuale ed il reale non devono essere contrapposti, sono due aspetti complementari del nostro modo di porci. Per conseguire questi risultati occorre dotarsi di discipline autenticamente non dogmatiche e multidisciplinari. Le tecnologie digitali interagiscono con moltissimi aspetti della nostra vita e non possono essere comprese da un “semplice” tecnologo o da un uomo di marketing o da uno psicologo. Esiste una nuova disciplina che alcuni chiamano “human-centered design”, che sta per “design centrato sull’uomo”, e che sarà la nuova frontiera della progettazione di servizi. Non è tanto il vecchio design che introduceva la dimensione estetica o ergonomica, ma è una disciplina articolata che considera anche la dimensione cognitiva. Diciamo che oggi il computer non è ancora uno strumento realizzato a misura d’uomo. La futura progettazione dovrà essere fondata sull’uomo, sulle sue esigenze, tenendo in opportuna considerazione i suoi costi cognitivi e le sue paure. Se ciò non verrà fatto, cresceranno le potenzialità tecnologiche, ma la gente ne userà solo una frazione, per di più con un diffuso sentimento di angoscia. Dobbiamo, quindi, entrare nell’ordine di idee che la tecnologia possa servire ogni individuo in maniera separata.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Florovivaismo: la Puglia a Flormart

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 settembre 2009

Padova dal 10 al 12 settembre quindici aziende pugliesi del settore florovivaistico parteciperanno a Flormart, la più importante vetrina del mercato italiano del comparto. La partecipazione è organizzata da Unioncamere Puglia, nell’ambito del calendario promozionale 2009 ed in partnership con la Regione Puglia – Area Politiche per lo Sviluppo Rurale.  Con oltre 1.200 espositori e 26.000 visitatori, Flormart garantisce massima visibilità alle aziende espositrici con una struttura razionale ed eventi correlati. E’ una mostra facile da vivere e da visitare oltre che una manifestazione dinamica e punto d’incontro per il mercato internazionale. Sono un migliaio le aziende pugliesi del settore florovivaistico, 5mila gli addetti  ed un fatturato complessivo di 150 milioni di euro (fonte Cia, annata agraria 2008). Tre i poli: Terlizzi, nel Barese, Traviano, in Salento e Candela nel Foggiano.  “Il comparto va sostenuto nelle azioni promozionali – spiega il presidente di Unioncamere Puglia Luigi Farace – perché sta risentendo di una forte concorrenza estera che ha portato alla chiusura di molte attività.  Flormart è il più importante appuntamento in Italia e la Puglia, con i suoi tre poli, non poteva mancare, vantando produzioni davvero eccellenti dai garofani alle rose. Di qui il nostro intervento di sostegno economico alle aziende partecipanti”.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Venezia, Catalunya. La Comunità Inconfessabile

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 settembre 2009

Venezia 11 settembre 2009 alle ore 20 nella chiesa di San Giovanni in Bragora a Venezia si terrà il Concerto straordinario in occasione di Venezia, Catalunya. La Comunità Inconfessabile evento collaterale della 53. Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia, organizzato dall’Institut Ramon Llull. In programma l’oratorio Juditha Triumphans di Antonio Vivaldi, protagonisti Gemma Coma Alabert (Juditha), Emanuela Galli (Vagaus), Josè Maria Lo Monaco (Holofernes), Maria Hinojosa (Abra), Marta Infante (Ozias), l’ensemble vocale La Stagione Armonica, maestro del coro Sergio Balestracci, l’Orchestra Academia 1750 e l’Orchestra Historica del Festival di Torroella de Montgrì diretti dal M. Ottavio Dantone. Juditha triumphans, devicta Holofernis barbarie RV 644, oratorio di Antonio Vivaldi, è il solo sopravvissuto dei quattro che risultano essere stati composti dal musicista veneziano. Il libretto fu scritto da Iacopo Cassetti, basato sul biblico Libro di Giuditta. Juditha triumphans fu composto e rappresentato nel 1716 a Venezia all’Ospedale della Pietà. Il lavoro fu commissionato per celebrare la vittoria della Repubblica di Venezia sui Turchi e la riconquista dell’isola di Corfù. Nel luglio del 1716, i Turchi sbarcarono a Corfù e misero sotto assedio l’isola. La popolazione resistette all’occupazione e in agosto Venezia firmò un’alleanza con il Sacro Romano Impero Germanico. Il 18 agosto, sotto il comando del conte Johann Matthias von der Schulenburg, la battaglia decisiva fu vinta e i turchi abbandonarono l’isola.  La presenza della Catalogna tra gli eventi collaterali della 53. Esposizione Internazionale d’Arte nasce dalla volontà di presentare gli artisti catalani non in modo isolato, ma mostrarli integrati nel contesto della loro creazione; non una proposta locale o conservatrice, quindi, ma l’idea di diventare un punto di riferimento per quanto riguarda le nuove prospettive di lavoro dell’arte contemporanea. Il curatore della mostra, è Valentín Roma vincitore del concorso indetto dall’Institut Ramon Llull, produttore e responsabile di tutto il progetto, presentando la proposta dal titolo “La comunità inconfessabile”. Per il bando è stata eletta un’équipe di esperti esterni, selezionati tra i responsabili di alcuni dei musei d’arte contemporanea più riconosciuti d’Europa. La giuria era, infatti, composta da: Manuel Borja-Vilell, direttore del Museo Nazionale Centro d’Arte Reina Sofia (come presidente della giuria) e dai membri Ignasi Aballí, artista invitato alla Mostra Internazionale della Biennale di Venezia 2007. Daniela Ferretti curatrice responsabile del Palazzo Fortuny (Venezia); Marta Gili, direttrice del Jeu de Paume (Parigi); Chus Martínez attualmente curatrice responsabile del MACBA (Barcellona) e in quel momento direttrice del museo Frankfurter Kunstverein (Francoforte); e Vicent Todolí, direttore della Tate Modern (Londra).
Venezia, Catalunya, La Comunità Inconfessabile, è organizzata dall’ Institut Ramon Llull è aperta dal 7 giugno al 22 novembre  2009 (orario: 10 – 18,  lunedì chiuso, ingresso libero) presso il Magazzino del Sale n. 3, alle Zattere (Dorsoduro). Ispirato dall’omonimo libro di Maurice Blanchot, The Unavowable Community (La comunità Inconfessabile) è un progetto che comprende l’Archivo F.X./Pedro G. Romero, l’Archivo Postcapital/Daniel G. Andújar e Sitesize. Analizza le forme d’intervento sociale adottate da pratiche artistiche contemporanee che si svolgono sotto l’insegna del comunitarismo.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I due limiti: dei partiti e degli elettori

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 settembre 2009

La verità è che questo difetto di base sta nel fatto che mostriamo una carenza nella cultura politica da parte della maggioranza dei cittadini. Non siamo in grado, o non ne riconosciamo l’importanza, di dedicare una frazione della nostra esistenza all’osservazione dei fatti e degli eventi politici e trarne da essi, a futura memoria, un utile insegnamento. Giustamente affermava Gandhi: “la vera fonte dei diritti è il dovere. Se avremo assolto i nostri doveri, non dovremo andare lontano a cercare i nostri diritti. Se correremo dietro ai diritti senza aver assolto i doveri, ci sfuggiranno come fuochi fatui. Più li inseguiremo, più voleranno lontano. Lo stesso insegnamento è stato espresso da Khrishna nelle immortali parole: solo l’azione è tua. Lascia stare il frutto. L’azione è il dovere, il frutto è il diritto.” Da ciò possiamo derivarne un magistrale insegnamento allorché ci dichiariamo avulsi dalle cose della politica e poi vorremmo dalla politica un riconoscimento palese dei nostri diritti. Ma cosa facciamo per dare alla politica il nostro contributo d’idee e d’impegno concreto, per educarla alla consapevolezza della sua guida sociale e civile delle comunità nelle quali si erige a rappresentanza? Poco o nulla ed in questo modo ci restano solo i diritti e la sterilità del loro divenire a fronte di una base costruita sulla sabbia.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »