Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Europa poco unita nelle cardiopatie

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 settembre 2009

Gli europei non sono tutti uguali quando si parla di salute del cuore. E anche se la mortalità è diminuita, le malattie cardiovascolari restano, nelle nazioni analizzate, la principale causa di decesso, mentre le campagne di prevenzione sono realizzate in modo molto diverso nei vari Stati. Sono i dati di un’inchiesta realizzata dai rappresentanti delle associazioni e fondazioni per il cuore dei diversi Paesi dell’Ue, coordinati dall’European Heart Network (Ehn) e dalla Società europea di cardiologia (Esc), nell’ambito di un programma di ricerca pluriennale finanziato in parte dalla Commissione europea. L’inchiesta è stata presentata ieri a Bruxelles, durante la conferenza Lotta alle malattie cardiovascolari e all’infarto: un programma per un’Europa più sana” (www.euroheart2009.eu). Per quanto riguarda la prevenzione, ogni Paese si muove in modo autonomo, anche per la diversità delle legislazioni vigenti. Tutti i Paesi dichiarano di poter contare su norme di tutela della salute pubblica, in particolare per il controllo del fumo e dell’alimentazione. Solo Danimarca e Grecia dichiarano di non avere una legislazione ad hoc per la prevenzione delle malattie cardiovascolari. “Questi risultati – dichiara Susanne Ligstrup, direttore di Ehn, coordinatore del progetto EuroHeart insieme a Esc – dimostrano che la maggior parte dei Paesi dispone di misure legislative e politiche mirate a migliorare la salute pubblica. E si è data obiettivi di prevenzione. Purtroppo ben pochi Paesi hanno messo in atto un vero e proprio monitoraggio dell’efficacia dei programmi di prevenzione e di comunicazione al pubblico dei risultati ottenuti. Sono inoltre troppo pochi i Paesi che hanno stanziato risorse economiche a sostegno di questi programmi. Non possiamo attribuire la colpa della morte per infarto alla politica, ma certo in alcuni Paesi è piuttosto impressionante la correlazione fra la mancanza di programmi coordinati e pubblici e il numero di morti per infarto, come in Grecia, per esempio”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: