Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Il Mediterraneo pattumiera dei rifiuti

Posted by fidest press agency su martedì, 22 settembre 2009

Gli Indipendentisti di lu Frunti Nazziunali Sicilianu hanno emesso un comunicato a firma del  Giuseppe Scianò Segretario Politico FNS nel quale si rileva che “Dalle cronache giudiziarie e dagli allarmi lanciati qua e là dai Mass-Media, emergono chiaramente l’estrema gravità e la pericolosità del fenomeno della trasformazione del Mediterraneo in discarica di scorie nucleari e di rifiuti tossici, attraverso l’affondamento di “navi a perdere”. Il tutto, – è stato detto, – sarebbe stato da lungo tempo tranquillamente “Gestito” dalla ‘Ndrangheta, dalla Mafia e dalle altre organizzazioni a delinquere di dimensioni internazionali. Sono, così, esposte a malattie e a rischio mortale le vite delle persone e dei Popoli. E dello stesso mare Mediterraneo. Ancora non si è saputo molto in merito alle responsabilità specifiche, essendo in corso le indagini della Magistratura. Ma è lecito ipotizzare che i “committenti” di tali servizi speciali ed i complici possano trovarsi nei vari Stati, anche a livelli istituzionali, oltre che – ovviamente – nel mondo industriale vero e proprio. La Sicilia, che è nel centro del Mediterraneo, non può starsene con le mani in mano, ad aspettare ciò che altri decideranno anche per conto suo. Per accettarne, in un secondo tempo, passivamente, le decisioni”. Ritengono, in proposito, “che il Popolo Siciliano ed il Governo Regionale Siciliano debbano farsi promotori di Proposte e di iniziative fortemente incisive e piu’ coerenti nella lotta contro le eco-mafie, contro le mafie e contro la mafia. ma si devono fare anche sostenitori della impellente esigenza di una vera e propria gestione eco-biologica ed economica, comune e diretta da parte di tutti i popoli “mediterranei”. Dei Popoli, cioè, che si affacciano sul Mediterraneo”. Si osserva, infatti, che “Il Mediterraneo ha, infatti, le caratteristiche, in positivo ed in negativo, di un grande, enorme lago, il cui equilibrio ecologico e biologico, già intaccato, rischia di essere compromesso con estrema facilità e in modo irreversibile. Soprattutto se la gestione del mediterraneo continuerà ad essere affidata alla delinquenza organizzata, agli speculatori ed ai corrotti (“stati-canaglia” e “stati-modello” compresi) di tutto il Mondo. O, peggio, se la gestione del Mediterraneo sarà affidata ai gruppi di potere sovranazionali (e trasversali) che oggi tirano le fila di una globalizzazione selvaggia, sempre più spregiudicata. E niente affatto rispettosa dei diritti dell’umanita’, a cominciare dal diritto alla vita”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: