Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Le eccellenze delle università italiane

Posted by fidest press agency su martedì, 22 settembre 2009

“L’Università degli Studi di Siena ha rappresentato, tra scandali e spechi universitari, il caso più emblematico di ciò che non dovrebbe essere l’Università italiana. L’Ateneo toscano, oggi in forti difficoltà economiche, deve mostrare un palese cambiamento di rotta, ma non deve però essere abbandonato ad un destino di ridimensionamento. Da studenti, ci auguriamo che il percorso di risanamento non coinvolga direttamente le tasche degli studenti e delle loro famiglie in quanto siamo certi del fatto che un aumento sconsiderato delle rette universitarie non sarebbe sufficiente alla risoluzione del problema. Un disastro finanziario come quello dell’Ateneo senese non può ad oggi non avere ancora trovato dei responsabili, segno di una forte presenza di logiche baronali legate al passato. Siamo per un’Università moderna e trasparente che punti alla qualità della formazione e del merito. La rincorsa all’eccellenza è l’unica via per il rilancio”. È quanto dichiara Andrea Volpi, capogruppo del Centro-Destra al Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari, organismo del Ministero dell’Istruzione, che ha incontrato il Magnifico Rettore Prof. Silvano Focardi insieme ad Antonio Morrone, Consigliere d’Amministrazione dell’Università di Siena e Roberta Spada, Presidente di Azione Universitaria Siena.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: