Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Lettera aperta di un militare ai parlamentari

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 settembre 2009

“Egregi onorevoli, oggi si tratta nuovamente di un provvedimento per il riordino dei ruoli che poteva essere già posto in essere nel 2003 il quale riguardava un progetto di legge per la tutela dei ruoli non dirigenti e non direttivi, provvedimento che allora venne affondato per motivi futili. Ora siamo di fronte ad un problema ancora più annoso, infatti la carriera del ruolo volontari si conclude con 16 anni di servizio a 35 anni di età circa e, da questo momento in poi si blocca non solo la carriera da cui scaturisce malessere e demotivazione all’interno del ruolo e quindi mortificando il personale in un grado, ma ancor peggio si blocca anche la progressione economica per i prossimi 30 anni di vita militare. Pertanto in considerazione delle ultime risorse allocate per gli aumenti contrattuali che portano nelle casse di un 1° caporale maggiore la vitale somma di 30 € mensili, allora ci sa tanto che il riordino dei ruoli è necessario al fine di salvaguardare la dignità del ruolo e garantire una progressione economica al personale volontario. Appare ridicolo non valutare detta esiguità di risorse che in particolar modo indeboliscono ulteriormente la fascia dei volontari e  dei sergenti. Infatti questa analisi ci lascia perplessi e apre delle riflessioni profonde, tant’è che riteniamo sia una grossa responsabilità politica decidere di dare un aumento contrattuale così esiguo, non vorremmo pensare che ci sia una strategia ben precisa di tenere un volontario con una remunerazione economica bassa, perché lo stesso per poter garantire una vita più dignitosa alla propria famiglia, di una casa e di un futuro per i propri figli, si decida di partire nei teatri operativi. Oggi la categoria volontari e sergenti piangono il tributo più alto di sangue nei teatri operativi, infatti da Tenente e da Maresciallo Ordinario in su non è mai deceduto nessuno in operazione. Questo non vuol dire che siamo gelosi di questo primato, ma se ci viene chiesto un sacrificio così alto, allo stesso tempo ci deve essere dedicata dal mondo politico, che è colui che delinea il nostro impiego e che è colui che dispone anche della nostra vita,  un’attenzione particolare e cioè salvaguardare quel ruolo che dimostra al mondo intero la maturità dell’Italia. In questo momento riteniamo opportuno pertanto chiedere a gran voce al mondo politico di avviare il riordino dei ruoli così come auspicato al fine di dare la giusta dignità e dedicare la giusta attenzione al ruolo volontari utilizzando le risorse a suo tempo allocate.    (dr. Leonardo Bitti   Delegato Cocer Esercito)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: