Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Leo Gullotta legge La Caduta di Albert Camus

Posted by fidest press agency su domenica, 4 ottobre 2009

Roma 5 Ottobre 2009 Via delle Fornaci 37 Teatro Ghione  Riduzione teatrale e Regia: Roberto Levante Leo Gullotta legge ‘La caduta’ di Albert Camus. L’opera, pubblicata nel 1956, è stata presentata per la prima volta in Italia quest’anno, grazie alla riduzione teatrale, in un atto unico, e alla regia di Roberto Levante. Per la formazione di uno spirito, l’incontro con un libro può essere determinate quanto l’incontro con un uomo. Incontrai per la prima volta Camus a diciotto anni, leggendo il romanzo “Lo Straniero”. In quella estate capii che leggere non era soltanto distrarsi, ma studiare la vita per essere capace di viverla. A diciotto anni, non ero molto distante dal protagonista Merseault. Mi animava una passione per la verità, che in seguito crebbe e che tuttora mi porta alla rivolta morale contro ogni sorta di menzogna, opportunismo e prevaricazione. Ricordare il momento più felice e sereno del nostro passato e ripartire da li, per riprendersi in mano la vita. A volte, nel suo percorso, può spegnerci un po’. Io ho imparato che c’è una luce alle nostre spalle. Dobbiamo spezzare le catene e guardarla in faccia, perché il nostro compito è di darle un nome. Sono persuaso che l’opera “La caduta” abbia un grande valore per un teatro Europeo. L’autore, attraverso larga parte della sua produzione, propose come necessaria una reintegrazione culturale dell’Europa, divisa tra il pensiero mediterraneo e le civiltà del Nord. Nativo di Mondovi, nell’Algeria francese, assunse presto il ruolo di scrittore universalista, benché la sua cultura di base appartenesse ad un colonialismo che i critici letterali non vollero considerare. Albert Camus fu profondamente europeo e consapevole del tragico esistente tra la realtà occidentale e il mondo non occidentale .Rappresentò, nella sua narrazione, lo stadio d’assedio dell’Europa, il sentimento politico e morale della sua generazione, l’indagine sul dolore umano.(Roberto Levante in sintesi)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: