Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

In ricordo di Gino Giugni

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 ottobre 2009

Dichiarazione dell’on.le Giuliano Cazzola, vice presidente della Commissione Lavoro della Camera ricorda Gino Giugni: “Grande giurista, ex senatore ed ex ministro, socialista, Gino Giugni non è stato solo un riformista, ma anche un riformatore. Fu, infatti, protagonista in prima persona, nei diversi ruoli ricoperti, dei più importanti eventi riguardanti il diritto del lavoro: dallo Statuto dei lavoratori del 1970, alla riforma del tfr, al protocollo sulle relazioni industriali del 1993, fino alla relazione del 1997 che prefigurava quelle linee di riordino del Protocollo che hanno trovato sbocco nell’accordo del 22 gennaio di quest’anno. E’ stato il fondatore del moderno diritto sindacale fin dai primi anni sessanta; capo della scuola di Bari insieme a Federico Mancini e alla sua scuola bolognese ha formato almeno tre generazione di giuslavoristi, oggi tra i migliori del Paese. Uomini come Giugni hanno onorato l’Italia, l’Università e le Istituzioni democratiche. Appartengono quindi all’intera comunità nazionale che oggi gli rende gli onori dovuti ai protagonisti del progresso scientifico e della crescita civile. Di lui resta un solo rimpianto: la malattia che lo aveva colpito, negli ultimi anni, ha privato il Paese di una voce autorevole che avrebbe potuto ispirare ed orientare le trasformazioni di cui ha bisogno il diritto del lavoro”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: