Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Appena ho 18 anni mi rifaccio

Posted by fidest press agency su martedì, 20 ottobre 2009

Roma  21 Ottobre ore 18.00 dalle 18 alle 20.30 P.zza di Campitelli, 3 Università degli studi Roma tre Sala Capizucchi presentazione di Cristina Sivieri Tagliabue autrice di  “Appena ho 18 anni mi rifaccio” (Bompiani pagg.236) con Laura Moschini – Docente Universita Roma 3 Serena Romano – Presidente CR e l’autrice Dibattito moderato da Valeria Manieri – Radio Radicale. E’ un libro-shock: venti testimonianze di minorenni, appartenenti ad una classe sociale benestante, che hanno scelto di sottoporsi a interventi chirurgici estetici per “ottimizzare” il proprio corpo. Sembrerebbe un libro divertente, ma non lo è; sembrerebbe cronachistico, invece è di analisi e di denuncia di un fenomeno sociologico che investe una fascia di giovani alla ricerca di una propria identità per migliorare il proprio rapporto con il mondo. Andrew, Tosca, Saori, Valeria, Mafalda, Madeleine…si somigliano fra di loro: sono giovani che hanno maturato l’idea della personalizzazione del consumo; hanno coltivato il narcisismo attraverso i modelli dettati dai mass-media; hanno assimilato una sottocultura di massa che esalta e privilegia la forma alla sostanza ,la corporeità alla spiritualità , in un pericoloso gioco e in un disarmonico sdoppiamento tra corpo e psiche. Importante per loro è riconoscersi come individui nell’omologazione; seguire un unico modello precostituito e riconosciuto come ideale nella sua perfezione plastica..e cosi’ seni, pance, piedi,labbra, mento sono diventati oggetti suscettibili di cruente e dolorose modificazioni. Ossessionati dal corpo, che è l’unica cosa su cui oggi hanno potere e che potrebbe dare loro potere, l’omologazione estetica a precisi canoni è diventata per loro un prerequisito indispensabile per inserirsi nella società civile, in tutte le forme di aggregazione.  E allora tutto può essere sopportato: ansia, sofferenza, vergogna, falsità…ma se non si vuole essere perdenti, se si vuole avere visibilità, è necessario “ad ogni costo” uniformarsi. Un bel libro intelligentemente provocatorio, oggettivamente analitico, e che sembra …scritto dai ragazzi stessi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: