Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Il Dio dell’Europa di Philip Jenkins

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 ottobre 2009

Il Cristianesimo e l’Islam in un continente che cambia.  E’ libreria da ottobre per EMI l’attesa traduzione italiana di “God’s Continent: Christianity, Islam and Europe’s Religious Crisis” di Philip Jenkins. Uno studio sociologico e antropologico sulla nuova immagine dell’Europa, permeata da radici cristiane ma influenzata dalle nuove comunità religiose. Negli ultimi quarant’anni l’aspetto religioso dell’Europa è cambiato rapidamente verso direzioni che un tempo sarebbero sembrate inconcepibili: chi, nel 1968, poteva prevedere che nazioni come la Spagna e l’Italia avrebbero adottato leggi progressiste in materia di sessualità e divorzio, di aborto e omosessualità? Chi avrebbe mai immaginato un cambiamento così rapido in un bastione della fede come l’Irlanda? Ma soprattutto, chi avrebbe mai potuto immaginare una così forte presenza islamica a Roma o a Londra, a Parigi o a Madrid? In qualche modo l’Europa è cambiata irreversibilmente. Ma dire che l’Europa sta cambiando non significa accettare le visioni catastrofiche della rovina del cristianesimo o del trionfo di un islamismo estremo. Il cristianesimo sta cambiando, non sta morendo. Allo stesso tempo la comunità islamica sta vivendo le medesime pressioni sociali: le chiese si stanno adattando ad una società in cui non vi è più una diffusa accettazione del pensiero cristiano e i musulmani stanno ripensando i tradizionali valori di genere e sessualità, così come le nozioni di autorità e obbedienza.  Nei prossimi decenni, ipotizza Jenkins, si assisterà al sorgere di nuove forme di fede e di pratica religiosa. Avremo le pratiche nate dall’interazione fra i vecchi e i nuovi cristiani d’Europa e dall’altro lato lo sviluppo di un nuovo modello islamico europeo che forse, piuttosto che essere redarguito dall’islam radicale, si diffonderà in tutto il mondo musulmano. Viviamo in un’epoca d’interazioni impreviste, dove la paura del diverso deve lasciare il passo all’apertura. In quest’ottica la casa editrice ha deciso di modificare il titolo originale cambiando il termine “crisis” con il concetto più positivo di “cambiamento”, per sottolineare la valenza positiva dell’incontro tra le culture, strumento di riflessione, dialogo e rinascita della fede.
Philip Jenkins, è professore di Scienze umanistiche presso Pennsylvania State University (PSU) dal 2007. Esperto delle interazioni tra religioni e criminalità ha tenuto, presso lo stesso ateneo, la cattedra di Storia e studi religiosi ed è stato professore ordinario di giustizia penale. Ha pubblicato più di venti libri venduti in tutto il mondo, tra gli ultimi tradotti in italiano ricordiamo: I nuovi volti del Cristianesimo, editore Vita e Pensiero, 2008, La terza Chiesa, il cristianesimo nel XXI secolo, Fazi editore, 2004.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: