Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Vecchie e nuove epidemie

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 ottobre 2009

Ancona 24 ottobre 2009 ore 11,00 Mole Vanvitelliana – Ex Lazzaretto La storia dell’umanità è sempre stata attraversata da epidemie che hanno provocato lutti, sofferenze, sconvolgimenti sociali e demografici. Contro le epidemie gli Stati hanno adottato nei secoli misure di sanità pubblica, prima fra tutte la creazione di lazzaretti per l’isolamento dei malati e dei presunti tali.  Ed è proprio presso l’ex Lazzaretto di Ancona, grande baluardo di sanità creato dal famoso architetto Luigi Vanvitelli agli inizi del ‘700, che sarà esposta dal 24 ottobre 2009 al 7 gennaio 2010 una mostra didattica su “Vecchie e Nuove Epidemie: dalla peste nera alla pandemia influenzale”.  Attraverso 65 pannelli, 12 gigantografie ed oltre 100 oggetti, la mostra illustra le caratteristiche delle principali malattie epidemiche che hanno sconvolto l’umanità e le misure di sanità pubblica adottate dagli stati nei secoli passati. La mostra illustra inoltre le caratteristiche cliniche ed epidemiologiche delle principali malattie infettive emergenti, comparse negli ultimi trent’anni, dall’AIDS alla pandemia influenzale da virus suino A/H1N1. Attraverso la conoscenza scientifica, la collaborazione internazionale e l’organizzazione dei sistemi di sanità pubblica, gli stati sono oggi in grado di fronteggiare con successo le nuove emergenze.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: