Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 7 novembre 2009

Modello di servizio Unicredit

Posted by fidest press agency su sabato, 7 novembre 2009

Il gruppo UniCredit riorganizza il proprio modello di servizio sull’intero perimetro europeo, probabile premessa alla creazione in Italia di una banca unica per tutto il territorio nazionale. Falcri Confsal, storico sindacato autonomo del settore del credito, esprime preoccupazione per un progetto riorganizzativo che avrà pesanti ripercussioni dal punto di vista operativo sulle lavoratrici e sui lavoratori del gruppo, nonché per l’ipotesi di un’ulteriore contrazione dei posti di lavoro, in un paese che ha fame di lavoro e di certezze economiche, oltre che di uscita dalla precarizzazione. Falcri Confsal presterà particolare attenzione che il processo riorganizzativo avviato da UniCredit non metta in discussione importanti conquiste ottenute, quali l’organizzazione su base multipolare dei centri di back-office e la prassi consolidata di trasferire le lavorazioni là dove sono le persone, scongiurando in tal modo pericolosi fenomeni di mobilità territoriale e professionale. Nel contempo, Falcri Confsal, sindacato storicamente attento alle autonomie territoriali, vede peraltro con interesse l’ipotesi di un modello di servizio più focalizzato sulle esigenze del territorio, e in tale contesto Falcri Confsal guarda con attenzione all’approntamento di una struttura dedicata al sostegno delle piccole e medie imprese, che costituiscono il tessuto dell’economia del paese. In UniCredit si sta avviando un processo complesso, il cui percorso deve essere avviato con il pieno coinvolgimento del sindacato, secondo quei consolidati schemi che hanno consentito la condivisione di importanti accordi precedenti, ed a questo proposito Falcri Confsal si rende disponibile fin d’ora al confronto con l’azienda e con tutte le altre organizzazioni sindacali.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Influenza stagionale e A: le cifre del vice-ministro

Posted by fidest press agency su sabato, 7 novembre 2009

Abbiamo ascoltato più volte in questi giorni rassicurazioni da parte del vice ministro sulla benignità della pandemia influenzale da virus A/H1N1. Il vice-ministro ci ricorda continuamente che questa pandemia influenzale è dieci volte più benigna dell’influenza stagionale: Nella dichiarazione successiva il vice-ministro si corregge: venti volte più benigna, perché- dice Fazio- l’influenza stagionale porta a morte annualmente 5000 mila cittadini italiani, anzi 8000, addirittura 20.000 nel 2004. E’ evidente che l’ascoltatore attento resti interdetto. Sono realmente 5000 o 8000 i morti per influenza stagionale? Chi li ha calcolati? Esiste un registro in cui queste persone vengono elencate, nome per nome con una cartella clinica a disposizione di ogni medico che voglia documentarsi? Perché se non fosse così, perché fare allarmismo sui rischi dell’influenza stagionale? E se invece fosse veramente così, perché non si è fatto tutto il possibile negli anni scorsi per salvare la vita dei 5000-8000 anziani o malati cronici che, ci è detto , muoiono ogni anno?  Queste persone erano state vaccinate, avevano assunto antivirali? Se sì, perché non hanno funzionato? Se no,perché sono  stati loro somministrati? Dove vanno ricercate le responsabilità? Quanti sono in realtà i morti dell’influenza stagionale? Chi li ha contati? Esiste un registro che li riporta nome per nome? senza la certezza del numero di morti per influenza stagionale non si può fare alcun confronto con l’influenza pandemica Non vi è dubbio che in Italia manchi un buon sistema di sorveglianza epidemiologica. Il CCM istituito il 26 maggio 2004 con la legge 138 e con decreto del Ministro della Salute del 1 luglio 2004 ha deluso ampiamente le aspettative dei Governi e della comunità scientifica o per colpa di chi lo ha diretto fino ad ora o per limiti strutturali nel funzionamento dello stesso, ma uno Stato moderno non può prescindere dal conoscere e studiare i numeri, poiché l’epidemiologia è la base di ogni efficiente sistema di sanità pubblica. (Walter Pasini Direttore Centro Travel Medicine and Global Health)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La rivoluzione d’ottobre

Posted by fidest press agency su sabato, 7 novembre 2009

“Quella di oggi non è una giornata normale. Per molti decenni il 7 novembre è stato celebrato in tanti Paesi del mondo come il giorno d’inizio della <Rivoluzione d’ottobre>  del 1917 (in Russia non era ancora stata applicata la riforma gregoriana del calendario). Quell’evento si festeggiava con una grande ed interminabile manifestazione nella Piazza Rossa di Mosca, dove sfilavano le Forze Armate con tanto di missili, le strutture del partito e quant’altro significasse potenza e prestigio della <patria del socialismo reale>. Sull’enorme palco stavano tutta la gerarchia dell’Urss e i vertici dei <partiti fratelli> di tutto il mondo, compresa in bell’evidenza la delegazione del Pci a cui era riservato un posto d’onore. Quella ricorrenza è finita nel dimenticatoio della storia, al pari dei simboli nefasti dei totalitarismi del XX secolo, mentre tutto il mondo libero si appresta a celebrare, lunedì 9 novembre, il ventennale della caduta del Muro di Berlino, l’evento che segnò la fine del comunismo in Europa e la liberazione di centinaia di milioni di persone  da regimi politici tiranni e da una condizione sociale di miseria e sottosviluppo”. Lo dichiara Giuliano Cazzola, deputato del PdL

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Scuola Popolare di Musica”

Posted by fidest press agency su sabato, 7 novembre 2009

Palermo 8 Novembre alle ore 21.30, Kursaal Kalhesa (Foro Umberto I, 21) cartellone dedicato alla “Scuola Popolare di Musica” con Rita Collura nell’ambito della stagione concertistica del Brass Group del 2009.  La Classe. diretta dalla sassofonista, arrangiatrice e compositrice Rita Collura, è formata da un interessante quintetto di giovani e meritevoli musicisti  che si sono formati all’interno della scuola: Carla Restivo al sassofono, Tommaso Marchese alla chitarra, Gianluca Liberatore al contrabbasso, alla batteria Dario Bellomia e al pianoforte Enrico Moncada, che frequenta la scuola del Brass da 5 anni e faceva già parte della Small Brass Band. Oltre a presentare un repertorio ricco di standard, ogni giovane musicista proporrà anche i suoi brani originali, elaborati all’interno della classe. Scarecrow’s life è un appassionato e dolcissimo jazz-tango di Enrico Moncada, ricco di melodia e ritmo supportata da una raffinata armonia. Suspeso è il brano intimistico di Carla Restivo che, come si evince dal titolo, trasmette ansia, incertezza, indecisione emotiva utilizzando accordi che non definiscono il brano né in tonalità maggiore né in minore. Biancaneve Never Knows è il brano di notevole difficoltà ritmica che ha composto Gianluca Liberatore. Just Me è un brano solare, in stile Steve Wonder, che ci propone il chitarrista  Tommaso Marchese con la sua armonica, strumento che agevola, dal punto di vista della timbrica, la cantabilità della melodia. Altri brani originali sono in lavorazione all’interno del laboratorio che si propone di concludere la produttività e creatività degli allievi con un cd prodotto dalla Fondazione “The Brass Group”.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Omaggio ai Caduti e Dispersi in Russia

Posted by fidest press agency su sabato, 7 novembre 2009

UNIRR.stemmaMADONNA DEL DONParma 8 Novembre Cimitero della Villetta. Il ritrovo organizzato dall’Unirr, è fissato all’ingresso principale per raggiungere insieme la Lapide  posta nel Reparto B (Militari e Caduti) che, alle ore 10,00, verrà benedetta da Don Cagna. Alle ore 11,00 presso l’Oratorio di San Gregorio Magno nel Cimitero della Villetta  Padre Vittorio Schiavetta celebrerà la S.Messa in suffragio di tutti i Caduti e Dispersi.

Il 22 giugno del 1941 le Armate hitleriane irrompono in territorio sovietico ed avanzano rapidamente distruggendo una dopo l’altra imponenti forze russe. Viene allestito in tutta fretta un Corpo di Spedizione composto dalle due Divisioni di Fanteria Torino e Pasubio, dalla Divisione Celere (formata da Bersaglieri e da Cavalleria) e dalla Legione Camicie Nere Tagliamento.  Tale forza, che assume il nome di CSIR, è posta al comando del Generale Giovanni Messe e conta 60.000 uomini, 160 cannoni, 5.500 automezzi, 4.600 quadrupedi e copertura aerea assicurata da 51 caccia, 22 ricognitori e 10 bombardieri. Lo CSIR parte dall’Italia alla fine di luglio 1941.  A partire dal giugno 1942 viene inviato in Russia il 2° Corpo d’Armata con le Divisioni di Fanteria Cosseria, Ravenna e Sforzesca. Tre Legioni di C. Nere (Montebello, Leonessa e Valle Scrivia) sono messe a disposizione dei Comandi di Corpo d’ Armata della Fanteria. Ad agosto sono raggiunte dalle tre Divisioni Alpine Tridentina, Cuneense e Julia e dalla Divisione di Fanteria Vicenza destinata a compiti di occupazione.  Queste nuove Unità, insieme a quelle già presenti in Russia, costituiscono l’ARMIR (Armata Italiana in Russia), al cui comando è posto il Generale Italo Gariboldi. Essa ha una forza di 220.000 uomini, 988 cannoni, circa 420 mortai, 17.000 automezzi, 25.000 quadrupedi e 64 aerei. Il Savoia Cavalleria si distinse particolarmente nella carica di Isbuschenskij. Questo periodo è la “Prima Battaglia Difensiva del Don”. Le perdite furono di 1.100 Caduti e 5.500 feriti. I russi prepararono una seconda offensiva questa volta contro le nostre Divisioni Cosseria e Ravenna, in modo da tagliare in due il fronte dell’ ARMIR. Il 15 dicembre, con un potenziale d’urto sei volte superiore a quello delle nostre Divisioni dilagarono nelle retrovie accerchiando anche le Divisioni Pasubio, Torino, Celere e Sforzesca schierate più ad Est. Inizia quella terribile ritirata che, su un terreno ormai completamente in mano al nemico, le avrebbe in gran parte annientate con una perdita di circa 55.000 uomini tra Caduti e prigionieri. Mentre le Divisioni della Fanteria si stanno ritirando, il Corpo d’Armata Alpino riceve l’ordine di rimanere sulle posizioni a difesa del Don per non essere a sua volta circondato. A difesa del suo fianco destro, ormai completamente scoperto, viene spostata la Divisione Julia che, con immenso sacrificio, resiste per un mese ai martellanti attacchi sovietici. Gli alpini devono conquistarsi con duri combattimenti ogni metro verso la salvezza. Solo una parte dei soldati riuscirà il 26 gennaio a sfondare l’ultimo sbarramento russo a Nikolajevka mentre la Cuneense, la Julia e la Vicenza saranno praticamente distrutte a Valuiki dopo 100 chilometri di ritirata. In questa terza fase altri 40.000 uomini rimarranno nella steppa. Nel marzo del 1943 i resti di quello che era l’ARMIR vengono rimpatriati e si fanno i primi conti delle perdite. La forza complessiva presente all’inizio dell’offensiva russa era di 220.000 uomini e, secondo i dati pubblicati dall’Ufficio Storico dello Stato Maggiore, mancavano all’appello 84.830 uomini. Oggi, dopo approfondite indagini presso ciascun Comune e ciascun Distretto Militare, il numero degli italiani che non hanno fatto ritorno dal fronte russo è di circa 100.000. Tenuto conto che circa 5.000 erano caduti per i fatti d’arme antecedenti al 15 dicembre, le perdite della ritirata sono di 95.000 uomini. I prigionieri furono costretti a marciare per centinaia di chilometri e poi a viaggiare su carri bestiame, in condizioni allucinanti, senza mangiare, senza poter riposare la notte, con temperature siberiane. Coloro che riuscirono a raggiungere i lager di smistamento erano talmente denutriti e debilitati che le epidemie di tifo e dissenteria ne falciarono ben presto la maggior parte. Solo nel 1945/46, 10.000 sopravvissuti furono restituiti dall’Unione Sovietica. Onore delle armi: Il bollettino n. 630 del Comando supremo russo, emesso da Radio Mosca l’8 febbraio 1943, avrebbe recitato: « … soltanto il Corpo d’armata alpino italiano deve ritenersi imbattuto sul suolo di Russia… » (unirr, madonna del don)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

La bella pilotessa Burcu Cetinkaya al Rally d’Azzano

Posted by fidest press agency su sabato, 7 novembre 2009

Burcu CetinkayaAzzano 7 e l’8 Novembre nella provincia di Pordenone Trofeo Rally Terra la pilotessa Turca Burcu Cetinkaya, navigata da Cicek Guney parteciperà  al Rally di ultima prova in calendario  La forte driver Turca, il cui management sportivo è curato dalla United Business Sport & Events, sarà al via al Rally di Azzano alla guida della Peugeot 207 Super 2000 della Twister Corse, gommata Yokohama. Burcu Cetinkaya nel corso del 2009 ha partecipato a numerose gare del Campionato del Mondo Rally con la Ford Fiesta ST. Questa è la seconda gara che Burcu disputerà in Italia, ed è la prima volta che condurrà una Peugeot 207 Super 2000. La sua partecipazione è stata possibile grazie al supporto di alcuni importanti partner pubblicitari, Ansell che conferma il proprio supporto all’equipaggio turco, promuovendo il proprio brand Akuel, marchio leader nella vendita dei preservativi, il cui slogan  è “Save your life”, salvati la vita. Non solo essendo prudenti al volante, ma anche con atteggiamenti social mente sicuri. Per esempio utilizzando i nuovi profilattici delle nuove linee Akuel per i giovani. Gli altri importanti partner dell’operazione sono Rizoma (al debutto sulle quattro ruote) ed i tradizionali partner Secur Pneus, Omp e Beta Utensili. “ Correre in Italia , dichiara la Cetinkaya, è un piacere, ci sono piloti e team fortissimi, è la seconda gara e il mio scopo è accumulare esperienza su una vettura Super 2000, in prospettiva 2010. Devo ringraziare Sergio Terrini, team principal di Twister Corse, perché in  pochissimi giorni mi ha messo a disposizione una vettura che sono certa sarà competitiva. Confido in una buona gara con l’obiettivo di trovare nel minor tempo possibile il giusto feeling con la vettura e con le gomme Yokohama,  sono qui  per fare esperienza”. Molti partner pubblicitari saranno ad Azzano per seguire la gara della Cetinkaya, l’obbiettivo è anche fare bene di fronte a loro per programmare la stagione 2010 nel miglior modo possibile. (Burcu Cetinkaya)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Personale di Lorenzo Mariotti

Posted by fidest press agency su sabato, 7 novembre 2009

mariottiRoma, Chiostro del Bramante, Caffetteria, via della Pace, si è inaugurata la mostra Opere…2008-2009, prima personale di Lorenzo Mariotti. Circa quaranta opere, pitture ad olio su tavola e su tela, dedicate alla celebrazione di Roma, delle sue piazze delle sue campagne, con qualche escursione verso i litorali vicini.  Roma viene raccontata in un percorso che spazia tra le piazze maestose, i luoghi più noti, e le sue campagne, passando e soffermandosi, talvolta, su alcuni piccoli dettagli: un’ancora di Palazzo Marina, una porta di Palazzo Zuccari, la fontana di Palazzo Taverna. E poi il mare. “Il suo è un mare (…) addomesticato dall’uomo, velistico e militare. Ma, tra una virata e l’altra, ci si sorprende di fronte alla resa delle “umane gesta” la “natura” conquista la scena, nel ruolo che più le si adatta: spettatrice indifferente, continuamente violata eppure mai tangibile.” Nelle opere di Lorenzo Mariotti si ravvisa la grande passione che l’artista ha per il mare che da sempre ha accompagnato la sua formazione e la sua vita.  L’opera di Lorenzo Mariotti viene definita da Letizia Muratori che ha curato il testo in catalogo “pittura della ragione, mai ragionevole”  in cui “la luce è (…) ritmo, motore che combatte l’eterna inerzia della materia. Si direbbe che l’elemento centrale di questo “delirio” tecnico sia proprio il dare un senso, cercare una giusta luce.” (mariotti)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Premio Letterario Internazionale

Posted by fidest press agency su sabato, 7 novembre 2009

Quaglietta fotoPalermo 8 novembre, a partire dalle 15:45, presso i saloni del Central Palace Hotel Il poeta Dante Quaglietta sarà premiato, in occasione della V° edizione del Premio Letterario Internazionale “Associazione Chiese Storiche” 2009. L’importante riconoscimento è stato ottenuto grazie alla poetica contenuta nella sua raccolta di poesie dal titolo “I fiori del giardino segreto”, edite nel 2008. Dopo Terni, ecco Palermo, a confermare la bontà della scrittura poetica del pescarese Dante Quaglietta. http://www.associazionechiesestoriche.it/home.htm (quaglietta)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Grande successo di pubblico al circo Massimo

Posted by fidest press agency su sabato, 7 novembre 2009

alzabandierataglio nastroRoma. Alla presenza del sindaco di Roma, Gianni Alemanno e del comandante militare della capitale, generale Domenico Rossi, si è inaugurata la mostra di mezzi e materiali delle forze armate, dei carabinieri e della guardia di finanza al circo Massimo. Oltre alla numerosa cittadinanza, l’esposizione ha ospitato centinaia di studenti di Roma e del Lazio delle scuole medie superiori ed inferiori. La mostra sarà aperta al pubblico anche oggi e domani  Riproduciamo due fotografie simbolo del suggestivo evento: l’alzabandiera e il taglio del nastro da parte del sindaco di Roma affiancato dal generale Domenico Rossi. Già fin dalle prime battute e nonostante l’inclemenza del tempo i romani non hanno fatto mancare la loro affettuosa presenza a dimostrazione del forte legame che unisce il popolo di Roma a tutti i corpi militari che con il loro esempio e la loro dedizione al servizio della Patria hanno mostrato sempre di ben meritare. Noi ci associamo ricordando quanti, e anche la storia recentissima ce lo ricorda, hanno pagato con la vita il loro impegno civile e militare in Italia e nel mondo.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nasce Como venture

Posted by fidest press agency su sabato, 7 novembre 2009

E’ stato firmato a Villa del Grumello l’atto costitutivo della società Como Venture Srl, promossa da Camera di Commercio di Como tramite Sviluppo Como con l’obiettivo di dare sostegno allo sviluppo dell’economia della provincia di Como, e in particolare per investire in nuove attività imprenditoriali, con la partecipazione di un qualificato gruppo di imprenditori comaschi. E’ la prima volta che a Como un’iniziativa promossa da un ente pubblico, in questo caso la Camera di Commercio, trova un così qualificato ed ampio consenso nell’imprenditoria locale, che di fatto si assume un ruolo attivo e di responsabilità. Il sistema economico comasco può già contare su notevoli ed importanti risorse sia sotto il profilo del capitale umano (università, centri di ricerca e imprenditoria), sia sotto il profilo del capitale fisico (il nuovo parco Scientifico Tecnologico – ComoNExT), ma è assolutamente necessario sostenere le nuove idee d’impresa e i giovani imprenditori anche con capitale di rischio, in particolare per il sostegno a progetti  focalizzati sulle nuove tecnologie. Como Venture potrà avvalersi anche di un accordo di partenariato con TTVenture, l’unico fondo chiuso italiano dedicato esclusivamente al trasferimento tecnologico. Sviluppo Como, come promotore della nuova iniziativa e socio di riferimento con un investimento di un milione di euro, ha trovato il consenso di 27 tra i migliori imprenditori  del territorio. Le risorse disponibili ammontano a 5 milioni di euro, da investire nel capitale di società innovative specializzate nei campi più avanzati.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Test antidroga parlamentari: “chisenefrega”

Posted by fidest press agency su sabato, 7 novembre 2009

Intervento della senatrice Donatella Poretti, Radicali-Pd L’iniziativa di Carlo Giovanardi sembra riscuotere il successo che si merita. Una classe politica screditata che fa strage dello Stato di diritto e della legalità cerca ansiosamente di recuperare una parvenza di dignità davanti ai cittadini. Ma davvero presentandosi con un bel attestato di “urina senza droga” qualcuno immagina di rendere appetibile questa partitocrazia? O è solo una inutile operazione demagogica al servizio di un moralismo ipocrita e bigotto? Chisenefrega se il sen. tizio o l’on. caio non si sono fatti una striscia di coca o una canna se poi in Parlamento sono straniati dalla realtà che li circonda!  Risultare positivi o negativi a quel test antidroga non comporterà nessuna conseguenza penale e/o amministrativa, neppure il test alcolemico potrebbe far decadere un parlamentare o un ministro. Il contrario di quanto accadrebbe al posto di lavoro di un autista di autobus beccato positivo perchè due sere prima si e’ fatto una canna con gli amici. E allora a che serve? Qualcuno mai pensera’ che la classe politica e’ migliore del resto della societa’? L’operazione di rifarsi il trucco potra’ appassionare qualche cronista di politica parlamentare, ma non certo i cittadini italiani che forse si aspettano qualcosa di più di un trucco dalle istituzioni.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rinvio cantieri autostradali

Posted by fidest press agency su sabato, 7 novembre 2009

Unico cantiere attivo durante questo fine settimana, sulla rete autostradale di Autovie Venete, quello sulla A57 tangenziale di Mestre nel tratto compreso tra il bivio con la A27 e Quarto d’Altino, per consentire i lavori di realizzazione delle barriere fonoassorbenti in comune di Marcon. Verranno pertanto chiuse le corsie di emergenza e marcia in entrambe le direzioni. Viste le previsioni di maltempo durante l’intero weekend i lavori di pavimentazione previsti tra Villotta e Cimpello, sulla A28 Portogruaro Conegliano, sono stati spostati alla prossima settimana.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo incidente mortale sulla Statale 18 nel Cilento

Posted by fidest press agency su sabato, 7 novembre 2009

“È una situazione insostenibile, è una strada a scorrimento veloce molto pericolosa, soprannominata la strada della morte, ma nessuno si muove per la sua messa in sicurezza. L’appello al ministero delle Infrastrutture e Trasporti è caduto nel vuoto. L’assessore ai Lavori pubblici ed Urbanistica della provincia di Salerno, Marcello Feola, tempo fa  aveva promesso un intervento immediato e deciso, ma ad oggi non è successo ancora nulla, e nel frattempo molti giovani continuano a perdere la vita”. Le denuncia del responsabile per la provincia di Salerno dell’Italia dei Diritti, Aniello D’Angelo, arriva dopo l’ennesimo schianto mortale sulla variante alla Statale 18, avvenuto questa mattina nel tratto compreso fra Vallo della Lucania e Vallo Scalo, nel Cilento. A perdere la vita sono madre e figlia, rispettivamente di 53 e 22 anni. “Rinnovo l’invito al ministro Altero Matteoli, all’assessore Marcello Feola e a tutte le istituzioni interessate dalla strada della morte, con la speranza che anche questa volta non cada nel vuoto – conclude l’esponente del movimento guidato da Antonello De Pierro – in caso contrario, avanzerò la proposta choc di vietare il transito degli autoveicoli nei tratti più pericolosi della strada. Basta con le morti evitabili.”

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Copenhagen per il clima

Posted by fidest press agency su sabato, 7 novembre 2009

I leader dell’Unione Europea non possono più aspettare gli Usa se intendono raggiungere un accordo ambizioso a Copenhagen. Continuare ad attendere una svolta degli Usa, infatti, significa rischiare di perdere l’occasione per siglare un accordo equo sul clima dopo due anni di lavoro. Così Oxfam International e Ucodep commentano l’esito dei negoziati Onu sul clima di Barcellona, gli ultimi prima del vertice decisivo di Copenhagen. “In questo momento, la lunga ombra degli Usa aleggia sui negoziati. I paesi ricchi stanno chiaramente usando gli Stati Uniti come una scusa per mettere i loro interessi nazionali prima delle sofferenze di milioni di persone. Persone che, a causa dei cambiamenti climatici, perdono la vita, soffrono la fame, perdono la casa e vivono in condizioni non dignitose”, dichiara Elisa Bacciotti, portavoce di Ucodep e Oxfam International. “E’ deludente vedere quanto sta accadendo a un blocco di paesi come l’Ue. L’Europa è stata in prima linea nella lotta contro i cambiamenti climatici e ha investito significativamente per preparare la strada a un accordo globale senza precedenti. Ora, tutti questi sforzi sono presi in ostaggio dalle politiche interne degli Usa”, conclude la Bacciotti.    Durante i colloqui di Barcellona, i paesi industrializzati non sono riusciti a trovare un accordo sul taglio delle emissioni di CO2, né a mettere sul tavolo impegni sicuri sulle risorse finanziarie per il clima. Non c’è stato inoltre nessun miglioramento su una questione cruciale: il rischio che i fondi per combattere i cambiamenti climatici siano prelevati dall’aiuto pubblico allo sviluppo. Secondo Oxfam e Ucodep, cresce perciò la preoccupazione che per affrontare la sfida del clima siano deviati fondi destinati a costruire scuole e ospedali nei paesi poveri. Uno scambio inaccettabile, che si può evitare in un solo modo: i fondi per il clima devono essere addizionali.  A Barcellona, le nazioni africane hanno bloccato i colloqui per l’assenza di una seria discussione sul problema centrale della riduzione delle emissioni dei paesi ricchi. Una mossa che ha dimostrato in modo chiaro che questi paesi non accetteranno un accordo debole, che non avrebbe alcun significato per le persone che vivono in prima linea i cambiamenti climatici.  Nonostante le battute d’arresto, i negoziati tecnici a Barcellona hanno fatto registrare anche progressi in alcune aree: la possibilità di raccogliere nuovi fondi per aiutare i paesi poveri a fronteggiare i cambiamenti climatici dai controlli sulle emissioni dell’aviazione internazionale e della navigazione commerciale; gli impegni dei governi per ridurre la deforestazione; un maggiore riconoscimento della necessità che i paesi poveri decidano quello di cui hanno bisogno per adattarsi ai cambiamenti climatici.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scalata la statua di Colombo a Barcellona

Posted by fidest press agency su sabato, 7 novembre 2009

Barcellona. Lo hanno fatto gli attivisti di Greenpeace apponendovi uno striscione con su scritto: “Caos climatico, di chi e’ la colpa?”  La statua commemora la scoperta del nuovo mondo da parte dell’esploratore genovese. Oggi, tuttavia, Colombo sta puntando al Paese che ha la maggiore responsabilità del riscaldamento globale, e che storicamente ha fatto di tutto per bloccare i negoziati. Questo comportamento è continuato anche nell’ultima settimana di negoziati in vista di Copenhagen: ancora una volta gli Stati Uniti si rifiutano di prendere impegni concreti per garantire il successo di un accordo ‘salva-clima’ legalmente vincolante. Alla fine dell’ultima sessione negoziale prima dell’apertura del vertice di Copenhagen a dicembre, Greenpeace identifica dunque nel Presidente Obama il capo di Stato che più di altri ha fallito a dimostrare una vera leadership nell’affrontare il problema dei cambiamenti climatici e a favorire i progressi verso un accordo di successo.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Evoluzionismo Il tramonto di una ipotesi

Posted by fidest press agency su sabato, 7 novembre 2009

A cura di Roberto De Mattei. In occasione del bicentenario della nascita di Darwin e a centocinquant’anni dalla prima pubblicazione dell’Origine delle specie, alcuni autorevoli studiosi di diverse appartenenze culturali e disciplinari si sono confrontati sulla fortuna delle teorie darwiniane, mettendone in luce le diverse criticità. Il volume raccoglie gli atti di un convegno svoltosi di recente a Roma per iniziativa della Vice Presidenza del Consiglio Nazionale delle Ricerche. Da queste pagine l’evoluzionismo emerge come una teoria scientifica e filosofica, due aspetti che si sostengono a vicenda, incapace però di rispondere ad alcune questioni basilari riguardanti l’origine della vita e il mistero dell’esistenza umana. L’evoluzionismo appare inoltre come una “cosmogonia” che pretende di descrivere la storia del mondo partendo da postulati scientifici inverificabili, una dottrina spesso imposta come un “dogma”, che invece dovrebbe essere sottoposta al rigoroso vaglio della critica nazionale e scientifica, attraverso un libero confronto tra gli studiosi. Cantagalli 2009 288 pagine euro 22,00

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Antiossidanti contro l’invecchiamento

Posted by fidest press agency su sabato, 7 novembre 2009

L’Osservatorio AIIPA (Associazione Italiana Industrie prodotti Alimentari – Area Integratori Alimentari) segnala che secondo uno studio pubblicato sull’International Journal of Cosmetic Science l’assunzione giornaliera di una combinazione di minerali e antiossidanti ha un ruolo positivo nel processo di invecchiamento dell’epidermide. Lo studio ha coinvolto 60 donne per 12 settimane, randomizzate ad assumere, una volta al giorno, un integratore a base di antiossidanti tra cui la vitamina E, lo zinco e selenio, il coenzima Q10 e glicosaminoglicani oppure un placebo. Dopo le 12 settimane nel gruppo a cui era stato somministrato l’integratore, si riscontrava una significativa diminuzione della ruvidità della pelle e delle piccole rughe, mentre nel gruppo placebo non c’era stata alcuna variazione. Secondo i ricercatori, all’inizio del trattamento, la profondità delle rughe e la ruvidità della pelle erano simili in entrambi i gruppi, ma alla fine delle 4 settimane le differenze erano evidenti. I ricercatori ipotizzano un ruolo positivo del coenzima Q10 nel contrastare il danno ossidativo, la degenerazione del DNA e la distruzione delle fibre di collagene. Anche la vitamina E avrebbe aiutato a ridurre il degrado del collagene, mentre lo zinco e il selenio avrebbero supportato l’enzima antiossidante delle stesse cellule. Infine, i livelli di glicosaminoglicani, molecole di grande importanza biologica in quanto trattengono l’acqua nei tessuti, ma che tendono a diminuire con l’età, venivano ripristinati con l’assunzione orale, aiutando così a migliorare l’aspetto della pelle.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Volontariato in ospedale

Posted by fidest press agency su sabato, 7 novembre 2009

Sovigliana di Vinci 11 novembre 2009, dalle ore 15 alle ore 17.30, nell’aula magna dell’Agenzia, in via Oberdan iniziativa formativa sul volontariato ospedaliero. Saranno esposti i temi sui quali verterà l’incontro di orientamento organizzato dall’Agenzia per la formazione dell’Asl 11 per gli studenti dei corsi di laurea delle professioni sanitarie. I laureandi delle professioni sanitarie apprenderanno quali strategie e sinergie vengono realizzate per migliorare e integrare le risposte socio-assistenziali che vengono fornite alle persone con problemi di salute e alle loro famiglie. L’incontro verrà introdotto da Eugenio Porfido, direttore generale dell’Asl 11, cui seguirà l’intervento sulle professioni sanitarie e i valori sociali del volontariato ospedaliero di Danilo Massai, direttore dell’Agenzia per la formazione. Si parlerà anche della missione e dei servizi offerti dall’Auser con Daniela Tinghi presidente dell’Auser-Filo d’Argento di Empoli, ma anche della missione dell’Avo nell’ospedale a fianco dei malati grazie all’intervento di Paolo Doveri e Vittoria Pazzagli, rispettivamente presidente e vice presidente dell’Avo di Empoli.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il ministero dei presbiteri

Posted by fidest press agency su sabato, 7 novembre 2009

Ariccia (Roma) fino all’8 novembre 2009 Casa “Divin Maestro” (Statale 218 Km 11).  Seminario teologico internazionale promosso dall’Istituto Universitario Sophia (Loppiano – Firenze) e dal Movimento sacerdotale del Movimento dei Focolari Interverranno 45 studiosi provenienti da 19 nazioni. Tra i relatori, il Prof. Piero Coda, preside dell’Istituto Universitario Sophia; il Prof. Carlos Andrade cmf, docente teologia dogmatica Facoltà di S. Damaso di Madrid; il Prof. Brendan Leahy, ordinario teologia dogmatica Pont. Università Maynooth (Irlanda), il Dott. Hubertus Blaumeiser, responsabile Centro sacerdotale del Movimento dei focolari, consultore Congregazione per l’educazione cattolica; il Prof. Fabio Ciardi omi, docente teologia della vita consacrata Istituto Claretianum (Roma) e il Dott. Christian Hennecke, rettore seminario e coordinatore Servizi pastorali diocesi Hildesheim (Germania). Durante le sessioni di dialogo, le prospettive teologiche, spirituali e pastorali proposte saranno integrate dalle riflessioni di altri partecipanti, tra cui il teologo anglicano Callam Slipper che offrirà un contributo a sfondo ecumenico. La mattina della domenica 8 novembre, interverrà Don Giancarlo Faletti, copresidente del Movimento dei Focolari, con una meditazione su “Pensieri di Chiara Lubich sul sacerdozio”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Acqua: Pubblica o privata?

Posted by fidest press agency su sabato, 7 novembre 2009

E’ in discussione al Senato, la conversione del decreto legge del Governo (n.135/09) sulla privatizzazione dei servizi pubblici locali. Il provvedimento prevede l’affidamento del servizio idrico a societa’ private o a partecipazione mista pubblica e privata con capitale privato non inferiore al 40%. Si è parlato di privatizzazione dell’acqua ma non è proprio così. Si avranno, quindi, società private o a partecipazione mista, che gestiranno il servizio idrico, non la proprieta’ dell’acqua.  Che l’acqua sia un “bene” e’ evidente, occorre sovrapporre il “diritto”. In Italia si svolge un’analoga discussione che parte dal “bene” alla gestione. Il  principio di considerare l’acqua un bene comune e’ ampiamente condiviso. Dobbiamo porci il problema se una gestione pubblica sia efficiente per gestire questo bene comune. La cosiddetta legge Galli (n.36/94) nasceva con l’obiettivo di smantellare una vecchia logica clientelare di gestione degli acquedotti che erano diventati carrozzoni partitocratrici clientelari. Negli anni e’ stata applicata con modalita’ che hanno tradito in parte l’obiettivo. La protesta, che nasce in alcune parti d’Italia, riguarda il fatto che dove c’e’ stata una forte privatizzazione si e’ avuto un aumento delle bollette e scarsi investimenti. In pratica  c’e’ stata una privatizzazione all’italiana. Il massimo vantaggio per il privato e il minimo per il consumatore e l’utenza. C’e’ chi sostiene che  l’acqua deve essere gestita solo da aziende totalmente pubbliche e che deve essere eliminata la possibilità di ricorso anche alle Spa pubbliche. E’ evidente che le liberalizzazioni fanno bene all’economia e aumentano il benessere dei cittadini-consumatori. Cio’ e’ confermato proprio dall’Antitrust che ha rilevato come nelle regioni piu’ aperte alla concorrenza l’aumento dei prezzi e’ stato inferiore a quelle che hanno una regolamentazione più rigida. Il modello della proprieta’ pubblica della risorsa e della gestione privata, che consenta di avere la priorita’ del servizio sul profitto, non ha avuto grande successo. Dobbiamo quindi ripensare il modello di gestione e soprattutto dobbiamo ripensarne agli usi. L’81% viene utilizzata per usi irrigui (agricoltura), industriali ed energetici  e solo la parte restante per usi civili, dei quali pochissimi per uso potabile. Anche i prezzi devono essere bassi per l’uso civile e piu’ alti per le restanti attività. Posto che l’uso dell’acqua deve essere garantito, resta il problema del “come fare” e, contestualmente, assicurare efficienza. Abbiamo assistito a carrozzoni che hanno fatto la fortuna di alcuni e, guarda caso, il disastro dei bilanci della collettivita’, che si pagano in termini di aumento della spesa pubblica. Per il decreto legge gli affidamenti “in house” dovranno terminare entro il 2011. A nostro parere doveva attivarsi il sistema concorrenziale dal quale ottenere il massimo dei servizi e il minimo dei costi. Pubblico, privato o misto dovrebbero concorrere in competizione. Purtroppo mancano nel nostro Paese  le vere liberalizzazioni. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Confronti/Your opinions, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »