Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 55

Best practice ITIL

Posted by fidest press agency su domenica, 22 novembre 2009

Milano. Il caso più eclatante è forse quello di Banca d’Italia, che grazie all’adesione agli standard informatici e alle best practices ITIL ha avuto un ruolo determinante nell’ambito del progetto europeo voluto dalla BCE che raccoglie in un’unica piattaforma 22 comunità bancarie (3.800 partecipanti indiretti, per un totale di 11.000 istituzioni raggiungibili) ora in grado di scambiarsi pagamenti, informazioni e documenti senza intermediazioni e senza smarrimenti, come invece accadeva prima.  Ma anche realtà più piccole e con intenti diversi possono trarre grande beneficio dall’ottimizzare i processi e le risorse dell’IT: come la Regione Toscana, che non si limita a erogare servizi di pagamento e di modulistica sul proprio sito, ma ha reso trasparente l’attività del Consiglio, permettendo ai circa 3.700.000 cittadini toscani di partecipare tramite social network, wiki e blog alle decisioni che vengono prese. O una importante realtà italiana come i Baglioni Hotels (15 hotel di lusso supportati da un piccolo IT di 6 persone) che hanno deciso di applicare ITIL, grazie al quale possono anche gestire emergenze come quelle affrontate durante la visita dei Reali di Giordania.   Sono alcuni dei casi di successo – insieme ad Avvocatura dello Stato, ING Direct, RAI, Lombardia Informatica e INVA Valle d’Aosta, Sky, Vodafone, SSC di Telecom Italia – che ieri hanno portato la loro testimonianza alla conferenza annuale di itSMF (www.itsmf.it), all’Atahotel Executive a Milano, dal titolo “L’esperienza, la sfida, l’innovazione nella gestione dei servizi IT”, sponsorizzata da Axios Systems, Avocent, Beta 80 Group, Quint, Reply, Bmc Software, CA, Compuware, Icons, Engineering, HP, IBM, Intarget, Pat e patrocinata da Assintel. E in un momento di crisi come quello che stiamo passando – con una domanda IT che ci si aspetta in calo anche nei prossimi mesi e un mercato in regressione, come ha ribadito Giorgio Rapari, presidente di Assintel – non è cosa da poco. Anche per questo itSMF intende rilanciarsi e diventare più concreta, più incisiva, più vicina ai soci, ha spiegato il neoletto presidente Alessio Cuppari. Tra le nuove iniziative, un osservatorio permanente sulla diffusione delle best practice ITIL tra le aziende italiane.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: