Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 220

Sanità Lazio e interpellanza Pd

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 dicembre 2009

“Sarà discussa il 17 dicembre l’interpellanza urgente presentata da oltre 40 senatori del Pd, tra cui gli eletti nella Regione Lazio, che chiede al governo di anticipare una quota del gettito fiscale di competenza della Regione e una parte delle quote del Fondo sanitario nazionale connesse all’attuazione degli obiettivi del Piano di rientro dal deficit del sistema sanitario della Regione Lazio”. Ad annunciarlo è il vicepresidente dei senatori del Pd Luigi Zanda – primo firmatario del testo – che oggi, nel corso della conferenza dei capigruppo, ha insistito per la calendarizzazione immediata dell’interpellanza urgente rivolta al Ministro dell’economia e al Ministro della salute. Nell’interpellanza si chiede al governo di “anticipare una quota del gettito fiscale di competenza della Regione Lazio nonché una parte delle quote del Fondo sanitario nazionale, di competenza della regione Lazio, connesse alla attuazione degli obiettivi del Piano di rientro”. Il Pd chiede inoltre che “la somma trasferita” sia “sufficiente per fronteggiare i pagamenti dei crediti sanitari previsti per la fine del corrente anno e per reintegrare le anticipazioni di tesoreria”.  Nel ripercorrere le tappe che, nel tempo, hanno portato alla gestione commissariale e alle enormi difficoltà che attualmente vive la sanità nella Regione Lazio e nel ricordare i piani e le azioni di risanamento messe fino ad oggi in campo, l’interpellanza sottolinea che “per consentire il riallineamento tra competenza e cassa nel segmento sanitario è importante ridurre il ritardo temporale con cui viene trasferito il gettito delle imposte regionali destinate al settore;  sulla base delle stime del dipartimento delle entrate dovrebbe essere trasferita almeno una quota significativa del gettito relativo sia all’anno precedente che a quello in corso (attualmente lo scarto, per il Lazio, è pari a 2,2 miliardi); si tratta – si legge ancora nell’interpellanza – di un ritardo comune anche alle altre Regioni, ma per il Lazio di particolare rilievo per l’importanza del gettito addizionale richiesto per sanare lo squilibrio tra costi e ricavi della sanità. Il ritardo nei trasferimenti obbliga la Regione, e le Asl, al tiraggio della anticipazione straordinaria presso la tesoreria fino al limite massimo, con oneri per interessi di oltre 100 milioni l’anno”. “Dalla relazione svolta dal sub commissario al tavolo di verifica del 10 novembre scorso – si legge ancora nell’interpellanza – emerge un notevole sforzo attuato dalla Regione ma, nonostante questo sforzo, molti obiettivi devono essere ancora pienamente conseguiti”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: