Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

I militari scrivono al Papa

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 dicembre 2009

Girolamo Foti, rappresentante Cocer dell’Esercito, scrive al Papa: Ascoltata la sua ultima predica inerente l’inquinamento dei mass-media, l’informazione manipolata e i programmi diseducativi che promettono felicità e facile successo, sono stato spinto a sottoporre alla Sua attenzione le problematiche di un settore che quegli stessi mass-media trascurano: i soldati che per la propria Patria sacrificano la vita, nel mantenimento della pace e della democrazia nel mondo. Ogni qualvolta un mio collega, in particolare del ruolo truppa che io rappresento, viene barbaramente ucciso, l’Italia piange, e i politici tutti non mancano di apparire ai funerali e mostrare vicinanza umana e spirituale: subito dopo però, puntualmente, si dimenticano dei tagli del 40% alla difesa, andando ad intaccare gli equipaggiamenti, l’addestrmamento professionale, utili a salvare le vite e salvare la propria vita. Tagli che potrebbero causare una cospicua riduzione al personale, con oltre 23 mila giovani di età compresa tra i venticinque e i trenta anni che rischiano di essere disoccupati. E’ giustizia e moralità il fatto che dopo le promesse di un futuro nelle forze armate, dopo aver rischiato la propria vita per il paese, dopo che alcuni di loro da precari sono morti,altri sono ammalati per l’uranio impoverito, persone con una famiglia a carico e bisogni quotidiani da affrontare siano estromessi dal proprio ambito lavorativo? E cosa potrebbero poi fare, dopo questa nefasta ipotesi? Per sconforto e per necessità, coltivando pensieri cattivi, alcuni di essi li vedo arruolati nell’esercito del male delle mafie organizzate, allo stesso modo in cui è successo nella Russia post-sovietica. Ai tanti operai che percepiscono salari miseri si aggiungono i volontari in servizio permanente percettori di uno stipendio tra i più bassi d’Europa; ma di loro non ci si ricorda mai. Mi auguro che lei Santità possa, con il Suo buon cuore, pronunziare una parola di conforto a favore dei professionisti dell’Esercito ovvero i volontari di truppa in servizio permanente e volontari di truppa in ferma provvisoria. Siamo angeli che nessuno considera e protegge; possa questo gregge di Dio essere tutelato e salvato dal proprio Pastore .Un umile servitore delle istituzioni (Girolamo Foti)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: