Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Rinforzare i diritti dei rifugiati

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 dicembre 2009

Bruxelles – L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) esprime soddisfazione per l’adozione del programma di Stoccolma mirato a definire le priorità dell’Unione Europea sull’asilo e sulle altre questioni riguardanti Giustizia e Affari Interni per il periodo 2010-2014. Allo stesso tempo l’UNHCR esorta l’UE affinché si assicuri che gli obiettivi relativi alla gestione del fenomeno migratorio non mettano in secondo piano i principi di protezione per i rifugiati. L’UNHCR accoglie con favore il principio, ribadito dall’UE, in base al quale il Sistema Comune di Asilo Europeo dovrà affondare le sue fondamenta nella piena e comprensiva applicazione della Convenzione di Ginevra sui Rifugiati del 1951 e sugli altri Trattati pertinenti. Come ulteriore segnale di impegno per il rafforzamento dei diritti dei rifugiati nella legislazione europea, il Programma di Stoccolma esprime anche l’intenzione dell’UE di accedere alla Convenzione di Ginevra sui Rifugiati del 1951, in seguito ad uno studio che sarà effettuato nel 2010 dalla Commissione Europea. A proposito della cooperazione sul piano pratico, l’UNHCR incoraggia gli stati membri dell’UE a dare il loro incondizionato appoggio all’Ufficio di Supporto Europeo in materia di Asilo (European Asylum Support Office – EASO) nell’ambito del suo compito di migliorare la coerenza e la qualità delle procedure di asilo. L’UNHCR ha dato la propria disponibilità a collaborare con l’EASO e a mettere a disposizione le proprie competenze anche nell’ambito dell’Office’s Management Board.Tra i vari passi concreti da effettuare nell’ambito del Programma, l’UE considererà la possibilità di creare una struttura di “trasferimento di protezione” all’interno dell’UE. L’UNHCR si augura che un accordo in tale senso possa permettere ai rifugiati e alle altre persone a cui sia riconosciuto il diritto alla protezione internazionale di godere di maggiore libertà di movimento nell’UE, proprio come avviene per gli altri individui  non-europei presenti legalmente in Europa. Questo sarebbe un importante obiettivo per assicurare un giusto trattamento alle persone soggette alla protezione internazionale. Per quanto concerne i “nuovi approcci” riguardanti l’accesso all’asilo nei paesi a maggior transito, tendenzialmente quelli che si trovano lungo il confine meridionale e orientale dell’UE, l’UNHCR vuole riportare l’attenzione sul fatto che spesso in tali paesi di transito le condizioni sono attualmente inadeguate ad assicurare il rispetto dei diritti fondamentali dei richiedenti asilo e dei rifugiati. È necessario ancora molto lavoro per arrivare a delle soluzioni durature per i rifugiati e per tutti coloro che hanno diritto alla protezione nei paesi vicini all’UE.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: