Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 29 dicembre 2009

Mostra video: Tra due pontefici

Posted by fidest press agency su martedì, 29 dicembre 2009

Roma, 30 dicembre 2009 ore 17.00  Piazzale degli Archivi, 32 (EUR) Sala delle Esposizioni, Sede Risorse per Roma SpA, mostra video fotografica di Pier Paolo Cito  Intervengono:  Domenico Kappler, Presidente Risorse per Roma SpA Federico Mollicone, Presidente della Commissione Cultura del Comune di Roma  Andrea De Priamo, Presidente della Commissione Ambiente del Comune di Roma Cinzia Pellegrino, Presidente Associazione Morrighan Ingresso su prenotazione obbligatoria.  Cinquantacinque fotografie per raccontare l’ultimo decennio di storia del soglio pietrino: dalla malattia del carismatico – e già venerabile – Giovanni Paolo II fino ai giorni nostri, passando per il conclave e i primi anni di papato del teologo Benedetto XVI. Da una parte un pontificato che è già nella storia, che ha commosso il mondo, un magistero ecumenico all’insegna del dialogo e della riconciliazione. Dall’altra l’esperienza di Benedetto XVI – già prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede nell’era Wojtyla  – impegnato nel difficile compito di rafforzamento dei pilastri della dottrina cattolica nell’epoca del relativismo culturale e religioso con encicliche fondamentali come “Spe salvi” e “Deus caritas est”.  Pier Paolo Cito Nasce a Brindisi nel 1963. Nel 1991 inizia l’attività di fotografo freelance collaborando con la redazione brindisina di “Quotidiano”. (benedetto XVI, fianco a fianco)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Immagini dalla politica veneziana

Posted by fidest press agency su martedì, 29 dicembre 2009

Si è conclusa la raccolta pubblica di foto Immagini dalla politica veneziana. Oltre 600 le fotografie pervenute che vanno ad aggiungersi a quelle già  raccolte nei mesi precedenti attraverso canali privati e istituzionali per un totale di circa 2.000 scatti. Il progetto della Fondazione Gianni Pellicani, realizzato in collaborazione con l’Archivio della Comunicazione del Comune di Venezia, ha portato alla costruzione del sito,  ad opera di Venis Spa, Immagini dalla politica veneziana inserito nell’Album di Venezia (www.albumdivenezia.it).  Immagini dalla politica veneziana ha come obiettivo la raccolta, l’archiviazione e la pubblicazione di materiale fotografico volto al recupero dei ricordi storici, degli eventi, dei volti e dei luoghi della politica cittadina nel periodo che va dal dopoguerra al 1992. Quindi vuol far emergere i volti, i luoghi, le forme, i modi della vita politica cittadina per portarne alla luce alcuni particolari inconsueti, poco conosciuti se non addirittura dimenticati, a disposizione di tutta la cittadinanza ed anche di coloro che vorranno utilizzare le immagini per ragioni di studio, di ricerca storica o iconografica.  Durante la raccolta pubblica sono affluite foto di semplici cittadini, ma anche fondi fotografici di indubbia importanza come quello di Giovanni Favaretto Fisca (presidente della provincia di Venezia e sindaco di Venezia complessivamente per un ventennio) e Cesco Chinello (onorevole e senatore del PCI negli anni settanta). Ma anche, tra altri ancora, il fondo fotografico del partigiano Romeo Bison.  Visto il successo ottenuto e le continue richieste pervenute, la Fondazione Gianni Pellicani  e il Comune di Venezia, continueranno la raccolta di nuovi scatti. In ogni caso, sia che la documentazione venga trasmessa per via elettronica o consegnata direttamente, il documento originale resterà di esclusiva proprietà del legittimo proprietario, al quale verrà riconsegnata non appena gli operatori incaricati avranno provveduto alla conversione in digitale.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuova tensione terroristica?

Posted by fidest press agency su martedì, 29 dicembre 2009

Il fallito attentato di qualche giorno fa sull’aereo diretto a Detroit ha messo in allarme tutti i servizi segreti e le polizie dell’occidente. Ad avvalorare, maggiormente, questo clima di massima attenzione vi è la rivendicazione firmata da al Qaeda. Lo ha fatto in un comunicato emesso sui forum islamici in internet congiuntamente presenti nello Yemen e in Arabia Saudita, dove sono molto attivi. Si precisa, tra l’altro, che “l’azione eroica del fratello” Umar Farouk Abdulmutallab sebbene non abbia sortito il risultato desiderato ha dimostrato, se non altro, che è possibile beffare la sicurezza americana. La risposta americana non si è fatta attendere con una dichiarazione rilasciata da Barack Obama che dalle Hawaii, dove si trova, ha precisato che gli Usa terranno alta la guardia sia in patria sia all’estero. Obama, inoltre, sottolinea che l’attacco sventato ha ricordato agli americani che i pericoli da fronteggiare sono reali e ciò impone un sensibile rafforzamento delle difese. Gli addetti ai lavori, a loro volta, fanno osservare che vi sono più possibilità di lettura nell’azione sventata sull’aereo che volava sui cieli americani. Si vuole, ad esempio, provocare una ricaduta nell’immaginario collettivo di insicurezza sulle difese per contrastare il terrorismo e che esso può colpire impunemente dove e come gli pare. Lo comprova la confessione rilasciata dal 23enne, ex studente di ingegneria a Londra, che ha tentato di far esplodere un aereo con 278 persone a bordo, secondo il quale vi sono decine di altri come lui, negli Usa, in Gran Bretagna e in Canada, pronti ad entrare in azione. Ciò significa, ad esempio, che i terroristi possono agire con armi improprie e difficilmente individuabili dai metal detector, ma sortire lo stesso effetto provocando un disastro aereo. A questo punto, si fa notare, il terrorismo pur non avendo, nello specifico, raggiunto lo scopo è riuscito a risvegliare nell’immaginario popolare paure e possibili ricadute nei confronti delle comunità islamiche dei paesi occidentali. Ciò può provocare una sorta di caccia alle streghe che finisce con l’esasperare gli animi e provocare un deprecabile effetto domino. Che vi siano tra di noi delle vere e proprie “mine vaganti” pronte ad esplodere e che siano ben camuffate da laboriosi lavoratori, ottimi padri di famiglia, studenti diligenti, ma che sono pronti a diventare dei kamikaze alla prima chiamata e a farlo senza esitare convinti di sposare una causa giusta e benedetta da Allah, mette scompiglio tra la gente e gli stessi inquirenti.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Palermo: anno nuovo, giunta nuova

Posted by fidest press agency su martedì, 29 dicembre 2009

Raffaele Lombardo presidente della Regione siciliana ha mandato a casa una parte dei vecchi assessori e ha firmato il decreto per la nomina di nuovi. Gli incarichi sono andati a Pier Carmelo Russo, segretario generale della Regione, a Mario Centorrino, economista e docente universitario di Messina. Sono stati, invece, riconfermati gli altri quattro tecnici: Massimo Russo, Caterina Chinnici, Gaetano Armao e Marco Venturi. Riconfermati anche gli assessori ‘politici’ Luigi Gentile, Nino Strano, Michele Cimino e Titti Bufardeci, assieme a Lino Leanza e Roberto Di Mauro.Nella sua prima riunione sono state attribuire le deleghe ai rispettivi assessori e che entreranno nella fase operativa all’inizio dell’anno, La spiegazione di questa iniziativa la si trova in un comunicato emesso dalla regione nel quale si precisa, tra l’altro, che l’iniziativa intende rinforzare la compagine “governativa” e dare nuovo impulso all’economia siciliana. Prova ne è la figura di Pier Carmelo Russo considerato uno dei più qualificati esperti della macchina regionale e di Mario Centorrino ritenuto uno dei più qualificati esperti nel contesto economico siciliano.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Un bel casein”

Posted by fidest press agency su martedì, 29 dicembre 2009

Bologna 31 Dicembre alle ore 21, e venerdì 1 Gennaio alle ore 16, al  Teatro Tivoli, via Massarenti 428,  la Compagnia Arrigo Lucchini terrà le consuete recite di Capodanno, presentando lo spettacolo “Un bel casein” di Arrigo Lucchini. Regia di Pier Luigi Foschi.  La trama, molto semplice, vede coinvolte tre coppie in un vorticoso carosello di gelosie, tradimenti e piccoli sotterfugi degni del grande Feydeau. E in mezzo a tutti un capro espiatorio: il signor Ciriaco Guzzaroli! Ma niente paura: tutto si risolverà per il meglio… tranne che per il povero Guzzaroli Prezzo: Intero: 10 Euro – 31 Dicembre 25 Euro http://www.teatrotivoli.it (Un bel casein)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Contemporary Italian Art: The Rome Experience

Posted by fidest press agency su martedì, 29 dicembre 2009

Roma 4 – 23 gennaio 2010 Via Raffaele Cadorna, 28 RossoCinabro.  Roma si pone  tra le città più impegnate nell’arte contemporanea. L’interesse in questo settore è andato crescendo negli ultimi anni soprattutto nella capitale. Pubblico, privato, musei, spazi espositivi di ogni genere, antico e moderno, stratificazioni,  ogni formula è sperimentata per creare interesse e porre l’attenzione ai nuovi linguaggi del contemporaneo.  Fil rouge dell’esposizione non può che essere quello della versatilità,  stili e linguaggi diversi, che passano per le categorie della pittura, mixed media, fotografia e arte digitale. Opere di Apotè, Silvio Balestra, Sissi Bonaso, Luca Braglia, Giuseppe Di Canosa,  Davide Foschi, Silvia Giusti, Nando Ragni, Maria Teresa Sabatiello, Alberto Saka,  Francesco Tabasso. A cura di Cristina Madini   Ingresso libero. Apertura dal lunedì al venerdì  dalle 12 alle 19. Orario continuato (di canosa pera)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Palermo: i primi conciliatori professionali

Posted by fidest press agency su martedì, 29 dicembre 2009

Prestigioso successo a Palermo per avvocati dottori commercialisti e neo-laureati in materie giuridiche ed economiche: più di venti conciliatori che si sono iscritti al corso A.N.P.A.R., dei quali solo 19 hanno superato la prova finale di valutazione ed  hanno ricevuto l’attestato valido per iscriversi attraverso un organismo di conciliazione nel Registro tenuto presso il Ministero della giustizia.  C’è soddisfazione ma anche tanta voglia di continuare a formare conciliatori specializzati su tutto il territorio Siciliano, è quanto affermato dal presidente dell’associazione dott. Giovanni Pecoraro. Il nostro intento, continua Pecoraro, è quello di istituire, in Comuni e quartieri con una media densità abitativa, uffici di conciliazione di prossimità a disposizione della comunità Siciliana. “Ci aspettano giorni di intenso lavoro nei prossimi anni a causa dell’entrata in vigore dell’esperimento obbligatorio nel campo della mediazione civile. Il ruolo di questi neo conciliatori specializzati, è quello di svolgere questa professione come soggetto terzo ed imparziale al fine di assistere le parti nel tentativo di raggiungere un accordo volto a comporre la controversia al di fuori delle procedure giudiziarie, nonchè a formulare una proposta di risoluzione della controversia stessa” – afferma Pecoraro. La difficile ripresa economica passa, anche, attraverso il nuovo istituto giuridico, “non più cause lunghe e costose, ma tempi brevi e senza costi di giustizia”, questo è quanto affermato dal Ministro della giustizia Angelino Alfano. Un fatto positivo commentato con favore dai neo conciliatori che hanno chiesto all’A.N.P.A.R., una più capillare presenza sul territorio di uffici di conciliazione. Di seguito, i loro nomi: Arico’ Gianfranco,  Damiano Elena, Di Franco Marco, Failla Anna, Filippazzo Pietro, Fricano Cornelia Maria, Galiano Ciro, Giambalvo Baldassare, La Rosa Angela Fanny, Mortelliti Maria, Musacchia Tiziana Caterina, Napoli Calogero, Pace Maria Enza Marinella, Pagano Cristiano, Pannizzo Ninfa, Quadra Sergio, Soldo Sergio, Sunseri Antonio, Torina Maria Grazia.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il 2010 inizia con i diritti umani

Posted by fidest press agency su martedì, 29 dicembre 2009

Il Dipartimento per i Diritti Umani della Chiesa di Scientology di Roma, Arte e Cultura per i Diritti Umani e Allinfo inaugurano il 2010 promuovendo la Dichirazione Universale dell’ONU Di fronte allo scenario mondiale di guerre, morte e ingiustizia, e al clima di esasperazione che caratterizza la scena civile italiana degli ultimi giorni, il Dipartimento dei Diritti Umani della Chiesa di Scientology di Roma chiude il 2009 e inaugura il 2010 in favore dei diritti dell’uomo con un concerto dedicato alla Dichiarazione Universale dell’ONU, nella serata di sabato 2 gennaio, a partire dalle ore 17.30.  Attiva sin dalla sua fondazione, nel 1954, in vaste e efficaci inizitive per la tutela e la concreta applicazione dei diritti inviolabili dell’uomo, nella sua sede capitolina di via della Maglianella 375, la Chiesa di Scientology ospita il Gran Concerto per i Diritti Umani 2010 con artisti del calibro di Giorgio Costantini, Belen Thomas, Carlotta, Irose e Miele, che presteranno le loro doti artistiche, introdotti da Dj Dylan,  in un preludio alla proiezione di trenta annunci di pubblica utilità dall’alto contenuto comunicativo, uno per ciascuno degli articoli della Dichirazione Universale, prodotti dal progetto Gioventù Internazionale per i Diritti Umani (www.youthforhumanrights.org). L’intera manifestazione vedrà l’essenziale partecipazione logistica dell’associazione Arte e Cultura per i Diritti Umani, nata sulla scorta di centinaia di ore di lezioni sui diritti dell’uomo agli adolescenti  e un concerto estivo nella città di Fiuggi svoltosi lo scorso 12 settembre. Al progetto si unisce Allinfo.it con il suo vitale contributo sul lato artistico. Portale musicale di lunga esperienza, Allinfo fornirà quell’onda portante di note che ben si armonizza con gli alti contenuti dell’evento. Per comprendere la necessità vitale di iniziative di sensibilizzazione e promozione sui diritti umani basta una veloce ricerca in Internet per trovare che: “…sono state eseguite almeno 1252 condanne a morte in 24 paesi”; “Amnesty International ha evidenziato legislazioni discriminatorie contro le donne in almeno 23 paesi, contro i migranti in almeno 15 paesi e contro le minoranze in almeno 14 paesi”: ” …procedimenti giudiziari iniqui in 54 paesi”. Questi sono dati del 2007 presentati nel Rapporto Annuale di Amnesty International del 2008.  Il dipartimento per  i Diritti Umani della Chiesa di Scientology di Roma, con l’associazione Arte e Cultura per i Diritti Umani e Allinfo, con il contributo tecnico e comunicativo degli annunci di Gioventù Internazionale per i Diritti Umani, hanno unito le loro forze su un campo comune, quello dei diritti umani, per portare pace e tolleranza alle persone con l’augurio di un felice 2010.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Treni in ritardo

Posted by fidest press agency su martedì, 29 dicembre 2009

Non stupiscono i ritardi. I treni già malandati, con le rigide temperature, evidenziano tutti i loro acciacchi ed è sempre meglio un treno in ritardo o cancellato (ad alta velocità o tartaruga da pendolari), che un incidente causato da uno scambio ghiacciato. Ma il capo delle ferrovie italiane, Mauro Moretti, non deve prendersela se la sua cautela non è apprezzata dai viaggiatori, che al contrario tirano fuori l’animale che alberga in ognuno di noi. E’ la logica conseguenza al trattamento da bestie acerebrate che riceve chi entra in una stazione ferroviaria e sale su un treno. Il fatto è che Moretti ha concentrato i suoi sforzi nell’alta velocità e nella tenuta contabile. Due aspetti valutabili in modo differente a seconda dei punti di vista. Alta velocita’ rovina ambientale, costosa, inutile, ecc. oppure essenziale infrastruttura per lo sviluppo del Paese. Anche sui buoni conti presentati da Moretti (utile di 16 milioni di euro nel 2008) si potrebbe ridire: il bilancio di un’azienda deriva da dati oggettivi (ho incassato 100 euro dalla vendita di biglietti), e da stime su una serie di voci: accantonamenti a fondi rischi, ammortamenti, ecc.; queste ultime possono variare in base alle esigenze. Ferrovie dello Stato, poi, e’ un’azienda che agisce in monopolio e che riceve parte piu’ o meno rilevante delle risorse da Stato e Regioni. Un contesto dove i criteri di imputazione di costi e ricavi possono essere ancora piu’ discrezionali. In sostanza, rielaborando i dati con altri criteri, l’entusiasmo con cui Ferrovie dello Stato ha presentato il suo bilancio potrebbe essere smorzato vigorosamente.Ecco la prossima rivoluzione organizzativa di Mauro Moretti: il sistema informativa alla clientela. Ribaltandone la logica, mettendo al centro l’utente. Ma Moretti vorra’ e avra’ la capacita’ di incardinare questo ribaltone? (Domenico Murrone, responsabile editoriale Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Assemblea di condominio

Posted by fidest press agency su martedì, 29 dicembre 2009

E’ uscita la nuova edizione della rubrica “Il Condominio”, pubblicata ogni due settimane sul sito dell’associazione. Il numero odierno presenta, commenta e “rende pratica” la recente sentenza della Cassazione (n.24456 del 19/11/2009) che ha ribadito come devono essere riportati a verbale i quorum deliberativi delle assemblee di condominio. Ogni discussione, in sede di riunione dei condomini si chiude con una votazione. Ai sensi dell’ultimo comma dell’art. 1136 c.c. “Delle deliberazioni dell’assemblea si redige processo verbale da trascriversi in un registro tenuto dall’amministratore”. In sostanza, ogni decisione adottata dall’assise condominiale deve essere trascritta nel cosi’ detto verbale d’assemblea che l’amministratore deve conservare e consegnare al suo successore nel caso di revoca o dimissioni. Nel trascrivere la decisione adottata e’ necessario rispettare alcuni requisiti di carattere formale utili ad evitare contestazioni che possano portare ad una dichiarazione d’invalidita’ della delibera. Con la sentenza n. 24456 del 19 novembre 2009, la Corte di Cassazione specifica, ribadendo il proprio consolidato orientamento, come debbono essere riportati a verbale i quorum deliberativi al fine di considerare legittima la deliberazione. Secondo i giudici e’ necessario che dal verbale sia desumibile, in modo inequivocabile, l’espressione di voto di ogni singolo partecipante alla riunione. Cio’ per due ordini di motivi: a) verificare che siano rispettate le maggioranze richieste dalla legge in relazione allo specifico punto all’ordine del giorno messo ai voti; b) valutare l’eventuale conflitto d’interessi dei votanti. Un esempio. La votazione relativa alla nomina dell’amministratore di condominio. Dal verbale, per permettere le verifiche summenzionate, dovranno risultare sia i nomi dei votanti che i quorum necessari alla nomina del professionista. Cosi’, nei casi di scelta dell’amministratore tra uno dei condomini (il c.d. amministratore interno) e’ evidente che il prescelto non potra’ votare a favore della sua nomina. Se il suo voto incide sulle maggioranze necessarie per quest’atto (ossia 500 millesimi e la maggioranza degli intervenuti all’assemblea) la deliberazione sara’ annullabile e quindi impugnabile. Sicuramente, quindi, e’ insufficiente verbalizzare utilizzando la laconica formula “la maggioranza approva”. Come si dovranno verbalizzare le varie votazioni? I metodi sono sostanzialmente due: a) l’indicazione in relazione ad ogni singola votazione del nominativo dei condomini favorevoli, di quelli contrari e (ma non e’ obbligatorio) dei relativi millesimi. In questo modo sara’ sempre possibile una verifica del rispetto dei quorum deliberativi;
b) l’indicazione dei soli condomini contrari laddove dal contesto generale sia possibile desumere i nomi ed i relativi millesimi dei favorevoli. In tal senso, la Cassazione, con la sentenza succitata che si conforma, richiamandoli ai propri precedenti in materia, ha affermato che “in tema di delibere condominiali, non e’ annullabile la delibera il cui verbale, ancorche’ non riporti l’indicazione nominativa dei condomini che hanno votato a favore, tuttavia contenga, tra l’altro, l’elenco di tutti i condomini presenti, personalmente o per delega, con i relativi millesimi, e nel contempo rechi l’indicazione, nominatim, dei condomini che si sono astenuti e che hanno votato contro e del valore complessivo delle quote millesimali di cui gli uni e gli altri sono portatori, perche’ tali dati consentono di stabilire con sicurezza, per differenza, (quanti e) quali condomini hanno espresso voto favorevole ed il valore dell’edificio da essi rappresentato, nonche’ di verificare che la deliberazione stessa abbia in effetti superato il quorum richiesto dal’art. 1136 c.c.” (sent. 10 agosto 2009 n. 18192). (Alessandro Gallucci, legale Aduc)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Al G8 l’Italia passa la mano

Posted by fidest press agency su martedì, 29 dicembre 2009

Si chiude un anno dove i riflettori della comunità internazionale sono stati puntati sul nostro Paese: l’Italia ha guidato il G8 al Summit del L’Aquila. Un vertice nel quale la comunità internazionale ha confermato gli impegni del passato in tema di aiuti per la lotta alla povertà e ha anche avviato nuovi progetti, in particolare la Food Initiative, che rimette al centro lo sviluppo del settore agricolo per combattere la crisi alimentare e la fame, che ha raggiunto nuovi tristi primati. Ma, spenti i riflettori del Vertice, cosa rimane delle promesse del Governo italiano? Un esempio? L’Italia al G8 aveva preso un solo impegno certo: saldare la rata 2009 di 130 milioni di euro al Fondo Globale per l’Hiv, Tubercolosi e Malaria entro un mese. Siamo ormai alla vigilia del nuovo anno e del pagamento non c’è traccia. Non solo, il Governo aveva promesso di coprire una parte delle nuove risorse per il Fondo necessarie per l’anno in corso, per una quota di circa 20 milioni di euro, e anche in questo caso, non c’è traccia d’impegni certi. Anche in merito al L’Aquila Food Initiative, l’impegno dell’Italia rimane incerto. Infatti, in diverse occasioni è emerso che la quota del nostro Paese del totale dei 20 miliardi di dollari in tre anni sarebbe di 450 milioni di dollari. Però, manca un atto formale che chiarisca la dimensione del contributo italiano e nel frattempo, l’Italia ha maturato dal 2004 un debito di 270 milioni di euro rispetto alla quantità di aiuto alimentare che si era impegnata a garantire ogni anno. Sul fronte dell’Aiuto Pubblico allo Sviluppo (APS), alla vigilia del G8, il Presidente del Consiglio aveva riconosciuto il ritardo italiano, giustificato dalla crisi internazionale, l’alto indebitamento e i vincoli posti a livello europeo. Il Presidente del Consiglio apriva però alla possibilità di un riallineamento dell’aiuto italiano ai livelli degli altri donatori nel triennio 2010-2013, grazie alla disponibilità del Ministro dell’Economia. Nonostante le rassicurazioni, la Finanziaria 2010 non realizza alcuna inversione di tendenza: per il 2010 il rapporto APS/PIL italiano si attesterà intorno allo 0,15%, in flessione dallo 0,17% del 2009 e dallo 0,22% del 2008. A Finanziaria approvata, non sappiamo quali obblighi internazionali in termini di lotta alla povertà globale potrà onorare nel 2010 con le limitate risorse a disposizione. L’Italia, quindi, non solo non raggiungerà l’obiettivo sottoscritto a livello europeo dello 0,51% per il 2010, ma impedirà all’Unione Europea di raggiungere l’obiettivo collettivo dello 0,56%. Viene dunque da chiedersi che fine farà la cooperazione allo sviluppo italiana e che ruolo giocherà in futuro il nostro Paese nel consesso internazionale, spenti i riflettori del Vertice G8 2009.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Marco Paolini 7 opere in dvd

Posted by fidest press agency su martedì, 29 dicembre 2009

Repubblica e l’Espresso propongono una collana di dvd che raccoglie i momenti più forti del teatro di Marco Paolini. E il titolo d’apertura sarà un’esclusiva e un’anteprima: dal 30 dicembre è in edicola “Miserabili. Io e Margaret Thatcher”, la registrazione dello spettacolo allestito il 9 novembre al Porto di Taranto e trasmesso in diretta televisiva su LA7, la rete che da oltre due anni collabora con l’artista veneto diffondendo in prima serata, in chiaro e senza stacchi pubblicitari i suoi lavori. Seguiranno poi, di settimana in settimana, “La macchina del capo”, un lavoro sull’infanzia e sulla primissima adolescenza, che scava senza nostalgia nei ricordi tra la famiglia, la colonia e le avventure nel campetto di pallone; “Il sergente”, ispirato al libro di Rigoni Stern “Il sergente nella neve”, che dall’interno di una cava di pietra bianca sui Colli Berici racconta la ritirata dei soldati italiani dalla Russia nel 1942-43; e ancora l’imperdibile “Vajont”, il testo che racconta frana del ’63 allestito sulla diga sotto il monte Toc, che ha tenuto incollati alla tv milioni di spettatori e che lo ha fatto conoscere al grande pubblico; la collana prosegue con “I TIGI a Gibellina”, sulla strage mai chiarita di Ustica, con il “Bestiario italiano”, una lunga “ballata” sulle tracce dei grandi poeti italiani contemporanei, e infine con “Il milione”, uno spettacolo-film sulla storia di Venezia fatto di immagini e frammenti di scena raccolti su di un palcoscenico galleggiante, con gli spettatori in barca, ma anche tra le dune del deserto.
Marco Paolini, da autore e interprete, pensa ogni spettacolo come un’occasione per dare emozione alla platea, interagendo anche con essa, sia dal vivo che davanti a una telecamera. È per questo che le sue grandi prove si sposano con location diverse, quello che conta è il rapporto con lo spettatore e l’emozione può essere veicolata da un palcoscenico teatrale ma anche da piattaforme galleggianti, da fabbriche dismesse, da cave abbandonate o da scenari costruiti con i container in un porto.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Su Ebay il riciclo dei regali natalizi

Posted by fidest press agency su martedì, 29 dicembre 2009

Secondo un’indagine condotta da TNS Italia per eBay.it, primo sito di ecommerce in Italia, sono ben 13 milioni gli italiani che hanno intenzione di riciclare i regali inutili ricevuti a Natale. Di questi, oltre 5 milioni li venderà su eBay, fenomeno in netta crescita rispetto agli anni passati. I regali meno azzeccati sono quelli donati dagli amici, che guidano la classifica di chi sbaglia regalo (54%), seguiti dai parenti (46%) e dai colleghi (9%).  Qualche particolarità del riciclo “all’italiana”? Il sud Italia ha la percentuale più alta di regali inutili trovati sotto l’albero, oltre che il primato per chi li ricicla di più; al nord ovest sono soprattutto i parenti a sbagliare dono, mentre il centro è il più predisposto a ricavare qualche soldo vendendo i regali non graditi su eBay.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Luxury: fatturato in crescita

Posted by fidest press agency su martedì, 29 dicembre 2009

Un 2009 in controtendenza per la Nardelli Luxury. La corporate specializzata nell’abbinamento moda-gioiello, fondata dai fratelli Domenico e Bruno Nardelli, ha fatto registrare un aumento del 250% del fatturato rispetto al 2008. Una crescita esponenziale malgrado la congiuntura negativa, che fa seguito alla performance dell’anno precedente, in cui il giro d’affari aziendale era già lievitato del 300% rispetto al 2007.  Il successo di Nardelli Luxury e del brand Liu•Jo Luxury è dimostrato dalle cifre. 1.570 punti di vendita nel 2009 contro i 560 del 2008 e i 350 del 2007. Un rete che copre l’intero territorio nazionale. Le prospettive del 2010 sono altrettanto rosee. Il fatturato previsto dovrebbe far registrare una ulteriore crescita di oltre il 70% e con esso aumenterà anche il budget promozionale, con una testimonial di eccezione per il 2010.  “Dal 2010, a partire dalla Fiera di Vicenza di gennaio, rafforzeremo anche il retail”, spiega l’amministratore di Nardelli Luxury Bruno Nardelli. “Puntiamo non tanto a incrementi numerici, ma a qualificare ancor più il servizio alla clientela, perfezionando il visual e l’assistenza ai nostri interlocutori commerciali. Ci interessa fidelizzare anche loro e non solo l’utenza finale. I vantaggi sono tanti, a partire dalla possibilità, grazie a rapporti più consolidati, di pianificare al meglio produzione e vendite”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lotta contro i tumori

Posted by fidest press agency su martedì, 29 dicembre 2009

Uno studio sul moscerino Drosophila melanogaster (conosciuto come moscerino della frutta), ha dimostrato  che la proteina HP1, presente nell’insetto, proteggerebbe da eventuali degenerazioni le estremità cromosomiche ovvero porzioni di DNA situate al termine di ogni cromosoma. Si è scoperto, infatti, che il compito della proteina individuata è essenziale per la formazione stessa di un telomero, capace di proteggere i cromosomi durante la divisione cellulare e di evitare  che la cellula si riproduca in modo scorretto, generando patologie cancerogene ed invecchiamento precoce. Risulta  probabile che i risultati ottenuti  dagli studi sul moscerino della frutta contribuiranno ad una maggiore comprensione dei telomeri umani  (estremità cromosomiche) e forniranno un altro potenziale strumento  nelle terapie contro il cancro. La ricerca è stata pubblicata sulla prestigiosa rivista internazionale “Molecular Cell” ed è stata condotta da due gruppi scientifici de “La Sapienza”, diretti dal prof. Sergio Pimpinelli del dipartimento di Genetica e Biologia molecolare e dal  prof. Carlo Turano del dipartimento di Scienze Biochimiche.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Confiteor

Posted by fidest press agency su martedì, 29 dicembre 2009

Superato e doppiato  “il mezzo del cammin della mia vita” sarebbe maturo il tempo per elaborare bilanci; la mia età mi consente di ricordare bene la veemenza con la quale Pasolini si scagliava contro il “Palazzo”; oggi non c’è più un Palazzo contro cui scagliarsi, il mondo  intero è diventato un Palazzo dentro il quale siamo tutti teleguidati come automi indifferenti. Quale bilancio potrebbe mai venirne fuori? La situazione globale del pianeta Occidente viene nascosta da nubi che si addensano sulle vere metastasi che affliggono una realtà alla deriva, gettata allo sbaraglio dall’incapacità di guardare dentro i fatti, dentro gli uomini, dentro le problematiche che si sviluppano in una spirale involutiva.   Accusiamo il neo-liberismo del vuoto ideologico che sta attanagliando la cultura, la politica, la programmazione, la speranza, mentre in realtà tale neo-liberismo non è altro che l’emblema di una cultura, di una politica, di una programmazione, di una speranza, diventati la nuova ideologia della reality.  La banalità della cultura, della politica, della programmazione, della speranza si rivede nella banalizzazione dell’agire, del pensare, del credere, come se una nuova censura avesse eliminato le domande inerenti le questioni fondamentali dell’esistenza e della convivenza civile.  Le questioni che coinvolgono l’azione e la vita stessa sono state relegate nel Limbo dell’inutile, mentre faziosi “opinions leaders” si accalcano sulla scena per discutere di regolamenti, di metodi, di trucchi, di miraggi lontanissimi e dell’esigenza di “insegnare e imporre la democrazia” agli altri. Per questo mi sono messo a trascrivere le mie esperienze, per tentare uno stimolo da trasmettere; ma si tratta di un confronto impari:  l’abitudine a non pensare, a non riflettere, a non credere, a non sperare, viene presentata come il culmine del nuovo progresso che riduce l’uomo alla stessa stregua delle formiche o delle termiti, impostando l’intera vita senza un perché, sostenuta solo dall’istinto di sopravvivenza.  Mi è stato rimproverato di non essermi “messo in gioco”, ma per mettersi in gioco occorre che ci sia un gioco nel quale mettersi; ma quello che vedo è solo un tavolo di bari, con un cartaro dalla “mano lesta”. Così faccio il solo gioco che so fare: il solitario, l’unico gioco nel quale è da stupidi barare. E’ il Potere che si eleva su tutto e su tutti, indica, di volta in volta, ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, ciò che è vero e ciò che è falso.  Il Potere, quindi, genera chi lo esercita che finisce con il credersi il solo in grado di guidare il gregge; ritorna il mito di Zaratustra che si cala nella realtà dell’Occidente come una magia mediatica.  Anche la scienza non lascia spazio al voler pensare, al voler riflettere, al voler credere, al volere sperare, e ci indica, impietosamente quali molecole stimolino il pensiero, la ragione, la riflessione, la fede, la speranza e l’amore, ma non ci dice PERCHE’ abbiamo pensato, creduto, sperato, amato.  L’aiuto per tornare a credere, a pensare…ad amare non può darcelo nessuno, violentati come siamo dalla pretesa onnipotenza del nuovo pragmatismo, che svuota l’uomo, ma riempie le cantine della Coscienza con gli ultimi ritrovati dell’inutile progresso.  Le parole non esprimono più sentimenti profondi in grado di commuovere, esaltare, illudere (forse), ma in ogni caso vivere.  Non possiamo cercare aiuto nei nuovi mentori del vero, in quegli opinionisti tuttologi condizionati dal conformismo e dal servilismo verso il potere.  Se la vita fosse un tram, chiederei di scendere alla prossima, ma questo tram si ferma solo al capolinea. Avere conquistato e mantenuto la mia libertà è la sola ricchezza che posseggo e la trasmetto ai miei figli, e, oggi, ai miei nipoti, come la più opulenta fortuna, mentre una cascata di anni riduce le tentazioni del futuro, che vengono affidate  ai sogni vissuti, ai ricordi passati e agli affetti presenti ed a queste “Memorie amiche”. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Emergenza idrogeologica in lucchesia

Posted by fidest press agency su martedì, 29 dicembre 2009

“Troppe volte abbiamo fatto affidamento più sulla buona sorte che sulla nostra capacità di gestire la realtà e il suo divenire”: è quanto ha scritto Guido Bertolaso sul sito della Protezione Civile. <Non possiamo che sottoscrivere – commenta Massimo Gargano, Presidente dell’Associazione Nazionale Bonifiche e Irrigazioni – Lo diciamo da tempo: è necessario, ad ogni livello, passare dalla logica dell’emergenza alla logica della prevenzione. Quanto sta accadendo in provincia di Lucca, ne è l’ennesima testimonianza: ancora una volta, le mutate caratteristiche meteorologiche stanno mettendo in ginocchio un territorio che, al pari di gran parte dell’Italia, abbisogna di solleciti interventi per adeguarsi a fenomeni climatici sempre più violenti, concentrati nel tempo e nello spazio.> Le strutture dei Consorzi di bonifica lucchesi stanno operando da giorni assieme a Protezione Civile, militari, Vigili del Fuoco, volontari, Autorità locali per lenire i disagi ed evitare conseguenze ancora più gravi per la popolazione. La rete della Bonifica ha saputo, ancora una volta, allertarsi ed essere in prima fila, come dimostra l’immediata disponibilità di 3 pompe da 1.300 litri al secondo, inviate dal Consorzio di bonifica rodigino Delta Po Adige per contribuire a contrastare un’emergenza aggravata dall’allagamento della centrale idrovora di Vecchiano, capace di 10.000 litri al secondo; con un generatore elettrico d’emergenza, è stata riattivata una delle 4 pompe; la situazione, però, permane critica. <Terminata questa fase drammatica e contati i danni – conclude Gargano – auspichiamo l’avvio di quel piano preventivo di manutenzione straordinaria del territorio che, in provincia di Lucca come nel resto del Paese, è indispensabile per qualsiasi ipotesi di sviluppo economico e sociale.> Massimo Gargano (Presidente A.N.B.I.)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Poco sale col rischio metabolico

Posted by fidest press agency su martedì, 29 dicembre 2009

Ridurre l’assunzione di sale è utile contro un disturbo tanto diffuso quanto pericoloso per il sistema cardiovascolare quale l’ipertensione. Tanto meglio però se l’effetto può risultare maggiore in persone in situazioni di rischio aumentato, per esempio affette da sindrome metabolica, una condizione che a sua volta è sempre più diffusa. Ed è quello che ha verificato una nuova ricerca, condotta in Cina. Siccome la risposta pressoria a regimi iposodici non è uguale in tutte le persone, è importante identificare sottogruppi di popolazione che possono trarre maggior vantaggio da questo tipo d’intervento. Si ritiene che sottostante alla sindrome metabolica ci sia un’insulino-resistenza e questa sembra legarsi a una risposta aumentata al consumo di sale (maggiore ritenzione di sodio ed espansione del fluido extra-cellulare): perciò questi soggetti dovrebbero essere più sensibili alla riduzione del sale, come hanno voluto verificare i ricercatori.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Emicrania e accumulo cerebrale di ferro

Posted by fidest press agency su martedì, 29 dicembre 2009

Uno studio RM condotto su pazienti che soffrono di emicrania ha rivelato un aumento dell’accumulo di ferro in diversi nuclei cerebrali implicati nella processazione del dolore e nella fisiopatologia dell’emicrania. Rimane da accertare se l’accumulo di ferro nella rete antinocicettiva abbia o meno un ruolo causale nello sviluppo dell’emicrania cronica. Dato che la materia grigia periacquetuttale (PAG) viene attivata durante gli attacchi di emicrania, si ipotizza che il danno cellulare da radicali liberi associato all’iperanemia durante gli attacchi di emicrania ripetuti possa portare alla deposizione di ferro, ma i dati raccolti su altri nuclei cerebrali indicano che i danni a carico dell’omeostasi del ferro non sono limitati alla PAG. Rimane poco chiaro se l’incremento della concentrazione di ferro sia solo la risposta fisiologica indotta dall’attivazione ripetuta dei nuclei coinvolti nella processazione centrale del dolore, o se essa possa anche danneggiare secondariamente queste strutture per via della formazione di radicali liberi nello stress ossidativo. In teoria, il danno a carico di questi nuclei potrebbe spiegare la cronicizzazione della malattia in una minoranza di pazienti. Anche altri studi RM recenti hanno indicato problemi nella rete di processazione del dolore, e supportano la teoria secondo cui nei pazienti con emicrania si avrebbe un cambiamento dell’assetto cerebrale. I prossimi studi sui meccanismi dolorifici alla base dell’emicrania non dovrebbero essere limitati solamente alle aree cerebrali, ma dovrebbero invece coprire uno spazio più ampio considerando l’intera rete del dolore. (Cephalalgia 2009; 29: 351-9)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La malattia di Huntington

Posted by fidest press agency su martedì, 29 dicembre 2009

E’ possibile identificare  la presenza di segnali visibili nel sistema nervoso centrale, grazie ad esami di risonanza magnetica nucleare,  prima che i sintomi della malattia di Huntington si manifestino. Queste le ultime novità nel campo della ricerca sui Biomarkers nella malattia di Huntington. Un importante passo avanti verso la prevenzione di tale patologia che emerge dalla pubblicazione di due recenti studi pubblicati su due prestigiose riviste scientifiche: l’americana Neurology, che presenta uno studio nato dalla collaborazione tra gruppi Tedeschi, Inglesi ed Americani, e l’inglese CNS Neuroscience & Therapeutics, studio invece  tutto Italiano.  Quest’ultimo in particolare è stato svolto dall’equipe dei ricercatori di Neurogenetica del Neuromed diretta dal Dr. Ferdinando Squitieri, in collaborazione con l’Unita’ di Medicina Nucleare diretta dal Dr. Andrea Ciarmiello dell’Ospedale di La Spezia. Entrambi gli studi, utilizzano una particolare modalità di approccio con Risonanza Magnetica Nucleare per evidenziare modifiche strutturali cerebrali, per la prima volta con dei software completamente automatizzati senza quindi incorrere in errori di approssimazione dovuti all’operatore. Lo studio americano propone una quantificazione dei volumi di sostanza grigia cerebrale per migliorare la predizione dell’età di insorgenza, mentre lo studio italiano suggerisce i livelli volumetrici del liquor encefalico per raggiungere lo stesso obbiettivo. Inoltre, lo studio Italiano (del Neuromed e dell’Ospedale di La Spezia) dimostra che cambiamenti volumetrici dei diversi compartimenti cerebrali si possono osservare prima dei sintomi e proseguono con intensità e caratteristiche differenti nel corso della malattia. La ricerca spiega molti aspetti della storia naturale della malattia di Huntington e fornisce per la prima volta una spiegazione del motivo per cui l’andamento della progressione non segue un’evoluzione lineare ma si accompagna a peggioramenti improvvisi con successive fasi di stazionarietà.
La malattia di Huntington cos’è. Riguarda la distruzione di una parte specifica del sistema extrapiramidale (per meglio dire il nucleo caudato). Oggi sappiamo che questo sistema fungerebbe da acceleratore del complesso della Dineina. La mutazione che ne deriva limita se non annulla il suo effetto propulsivo. A tutt’oggi non si comprende bene la ragione per la quale l’elevato numero di Glutammine incida su questa deficienza. A sua volta resta sotto osservazione il composto proteico (Brain Derived Neuronic Factor) che ha il compito di mantenere in vita i neuroni evitandone l’apoptosi.  E’ un composto prodotto dalla corteccia cerebrale. Il tutto sembra dipendere dal suo trasferimento dalla corteccia alla zona dello striatum. Questo trasporto assonico se avviene in modo difettoso può provocare, una mutazione dell’Htt,  e determinare, in breve tempo, l’accumulo di materiale proteico e di conseguenza la morte cellulare. L’esordio di questa malattia appare tra i 40 e di 50 anni Non è improbabile, tuttavia, che la malattia possa presentarsi in età diverse. (Morbo di Huntington giovanile, diciamo sui 20 anni). I sintomi nel complesso s’inquadrano in questo stadio clinico: progressiva, alterazioni della personalità irritabilità, turbe della memoria, idee deliranti a carattere persecutorio sino a stati demenziali conclamati, l’andatura si fa barcollante, si denotano irrequietezza e più in generale degli stati depressivi. Il decesso avviene per cause intercorrenti (soprattutto complicanze polmonari). I farmaci esistenti non modificano l’evoluzione della malattia. In Italia è stato adottata la tetrabenazina e degli antagonisti della dopamina (es. aloperidolo) ma i risultati non risultano soddisfacenti.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »