Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 35 n°30

Il messaggio dell’Arcivescovo

Posted by fidest press agency su sabato, 2 gennaio 2010

Palermo  “Volontà di sintonia tra le istituzioni ecclesiali e quelle amministrative, entrambe chiamate ad attenzionare l’uomo, a servirlo nelle sue legittime aspirazioni, a servirne la realizzazione dei suoi progetti nel rispetto delle sua incancellabile dignità, sintesi stupenda di doni e di responsabilità proveniente dal disegno di Dio Creatore e Padre”. Sono state le parole pronunciate stamani, dall’Arcivescovo mons. Paolo Romeo, nel corso della consueta celebrazione Eucaristica di inizio d’anno a palazzo delle Aquile. “Solo entro questa collaborazione – ha aggiunto il Presule – che auspichiamo essere sempre più feconda, pur nel rispetto delle specificità dei diversi ambiti, potremo guardare al futuro. Potremo – più e meglio – aiutare la nostra Città a guardare all’orizzonte, a scorgere nella speranza un avvenire più umano e più giusto”. Alla celebrazione, animata dalla corale della Polizia Municipale, diretta dalla maestra Serafina Sandovalli, hanno preso parte il sindaco Diego Cammarata, alcuni assessori e un gruppo di cittadini. Mons. Romeo ha inoltre, ricordato la visita che il Santo Padre Benedetto XVI, farà in Città, il prossimo 3 ottobre, quando incontrerà i giovani e le famiglie siciliane e il contenuto del suo messaggio per la XLIII Giornata Mondiale della Pace sul tema: “Se vuoi coltivare la pace, custodisci il creato”.  L’Arcivescovo ha anche posto l’accento sul tema del degrado ambientale che: “Chiama in causa i comportamenti di ognuno di noi, gli stili di vita e i modelli di consumo e di produzione attualmente dominanti, spesso insostenibili dal punto di vista sociale, ambientale e finanche economico. Si rende ormai indispensabile un effettivo cambiamento di mentalità che induca tutti ad adottare nuovi stili di vita nei quali la ricerca del vero, del bello e del buono e la comunione con gli altri uomini per una crescita comune siano gli elementi che determinano le scelte dei consumi, dei risparmi e degli investimenti. Tutti siamo responsabili della protezione e della cura del creato”. Infine l’Arcivescovo ha richiamato ad essere “Attenti – come Maria – a custodire i segni che il Signore ci dona, e attenti a comprenderli crescendo, lungo tutto quest’anno, nel moltiplicare gli sforzi perché la nostra convivenza sia improntata al rispetto, alla solidarietà, alla giustizia e alla promozione della dignità dell’uomo”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: