Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 19

Il MovimentoSud e l’on.le Turco

Posted by fidest press agency su sabato, 2 gennaio 2010

Editoriale fidest. Giorni fa ci è pervenuta una copia di una lettera scritta dal Dr. Giovanni Menni, Vice Presidente del movimentoSUD dei diritti, all’on.le Maurizio Turco del Pd-radicali. Il parlamentare in questione è stato scelto per la sua notoria sensibilità per i problemi che riguardano il mondo dei militari. Gli sono state poste, in proposito, dieci domande e con una nota in calce nella quale l’estensore dei quesiti si è detto certo  “che sarà anche scrupolosamente attento ad argomenti quali: i salari più bassi d’Europa per i militari, il diritto alla casa demaniale per i gradi più bassi, il riordino delle carriere promesso da diverse legislature, i tagli alla difesa che potrebbero causare la perdita di 23 mila posti di lavoro e il sottoimpiego dei militari di truppa”. D’altra parte chi conosce l’on.le Turco sa bene che è un parlamentare che non ha peli sulla lingua tanto che non si è fatto scrupolo d’affermare che “questa aula si rende complice di un atto palesemente incostituzionale riguardo la proroga della rappresentanza militare al giugno del 2011, così limitando a circa 400.000 cittadini italiani con le stellette di rinnovare il regolare mandato nel giugno 2010.” Posta in tal modo la questione ci consenta l’on.le Turco di meravigliarci, noi per lui, sul come si possa giudicare tanto severamente una proroga che se proprio fosse, e noi riteniamo che non lo sia, un peccato è, decisamente, tra i più veniali rispetto a molti e più gravi e più seri che il parlamento ha legiferato tanto che è dovuta, più volte intervenire la Corte Costituzionale per porvi riparo. Noi pensiamo che proprio per il rispetto che nutriamo per le istituzioni e nello specifico il Parlamento, quale autentica espressione della volontà popolare, è importante che le esternazioni, che finiscono con l’essere catturate dai media, hanno bisogno di un’attenta lettura per evitare malintesi e offrire all’opinione pubblica errate interpretazioni o enfatizzazioni di fatti e circostanze che generano più fumus che arrosto. E l’arrosto, egregio onorevole, sta proprio nel disagio della categoria, le sue frustrazioni che non si risolvono di certo con le elezioni dei delegati ma dalla volontà del Parlamento di porvi riparo con provvedimenti adeguati e con la tempestività che il caso richiede. (Riccardo Alfonso fidest@gmail.com)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: