Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 220

Autovetture e nuovi carburanti

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 gennaio 2010

E’ la maggiore incognita, non tanto sulla sua entità complessiva, che dovrebbe mantenersi invariata ai livelli attuali (circa 30 milioni di unità). Quanto sulla sua composizione: oltre a notevoli spostamenti nel concorso delle autovetture alimentate con carburanti tradizionali (benzina, gasolio, gpi e metano) potrebbe infatti manifestarsi una sensibile incidenza di autovetture con tecnologie motoristiche di nuova generazione: ibride, elettriche, ad idrogeno e particolarmente quelle a celle a combustibile. Una incidenza, peraltro, soggetta a forti oscillazioni previsive per le incertezze inerenti al progresso tecnologico ed agli sforzi di contenimento dei costi. Complessivamente è ipotizzabile, con approssimazione, un declino delle vetture a benzina (da 23,4 a 17,8 milioni) ed un aumento di quelle tradizionali a maggior efficienza (quali quelle a gasolio che saliranno da 5 a 8,25 milioni) e quelle ambientalmente più compatibili (il gpl dovrebbe crescere da 1,2 a 1,4 milioni mentre per il metano le previsioni sono più incerte: da 300mila dovrebbe passare ad 1-2 milioni. Sullo sviluppo di autovetture alimentate da nuovi propellenti si possono fare stime ad ampia divaricazione, comprese tra 1, 2 e 3 bmilioni dei unità, con una crescita particolarmente sostenuta per le auto a “fuel cells”, che ad oggi sembrano essere tecnologicamente quelle più promettenti. Per concludere possiamo dire che tra le vetture alimentate con carburanti tradizionali ecologici e quelle funzionanti con nuovi propellenti, si potrebbe raggiungere una cifra di circa 6 milioni di unità, rispetto agli attuali 1,5 milioni costituiti solo da vetture a gpl e metano. Ciò di cui dobbiamo convincerci è che sia giunto il momento di fare una seria riflessione sulla necessità di rinnovare il parco auto associandolo alla necessità di progettare mezzi di locomozione meno dipendenti dal petrolio e dai suoi derivati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: