Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Il dramma della postmodernità in scena

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 gennaio 2010

Roma  Dal 19 al 21 gennaio alla Cometa Off Via Luca Della Robbia, 47 la compagnia teatrale Gli Incauti propone in doppia serata gli spettacoli “FIL – Felicità Interna Lorda” (ore 20.45) e “Ma come mi aggiro in mezzo alla folla” (ore 22.30), di Benedetto Sicca per la regia di Simone Toni   Un doppio spettacolo teatrale dedicato alla condizione umana nel mondo postmoderno, allo sgretolamento dei valori in una realtà fatta di indifferenza ed egocentrismo, dove i protagonisti si interrogano su quale sia – in fondo – il vero significato di “felicità”. Un’iniziativa che nasce all’interno della rassegna Let, per due pièce teatrali che ruotano intorno alle problematiche della contemporaneità, messe in scena dalla giovane compagnia bolognese, composta da attori professionisti provenienti soprattutto dalla Scuola del Piccolo Teatro di Milano di Luca Ronconi.  “Ho scelto di rappresentare due testi dell’autore emergente Benedetto Sicca – scrive Simone Toni nelle note di regia – che sono molto diversi fra di loro, sia nella trama che negli argomenti trattati, ma che possono essere accostabili ad un livello più profondo, forse anche filosofico. FIL è soprattutto una riflessione sul sistema valoriale di una generazione (trentenni, bamboccioni), e sul controllo dei desideri che la società ed il mercato operano su questa generazione. Ma come mi aggiro in mezzo alla folla è la storia di una patologia psichica che porta il protagonista a giudicare continuamente gli altri e a desiderare perfino di essere tutti gli altri. Mi piace pensare che questi due spettacoli nascano dalla stessa necessità teatrale profonda, quella cioè di riflettere sul ruolo dell’artista nella società contemporanea. Pare che i due testi vogliano significare che, oggi più che mai, l’artista deve scendere dai piedistalli istituzionali e intellettualoidi e stare per strada, raccogliere dalla folla e dai suoi colori le storie che vale la pena raccontare”.  (mg)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: