Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 15

Archive for 1 febbraio 2010

Le regionali e il partito dell’Alleanza

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 febbraio 2010

La segreteria del Partito dello Alleanza ha rilasciato il seguente comunicato: “La nostra azione è pronta per la prossima sfida elettorale del 28 e 29 marzo 2010. In tutte le Regioni, il Partito dell’Alleanza farà confluire il proprio elettorato verso i candidati delle liste del centro destra. Nella Regione Lombardia, certi di poter essere il valore aggiunto per la vittoria finale di Roberto Formigoni, abbiamo proposto la candidatura del nostro Responsabile nazionale per i rapporti con la Chiesa Evangelica Adriano Crepaldi nella lista “LA Destra” in appoggio al Presidente. Adriano Crepaldi è la massima espressione nazionale dell’ACE (Azione Cristiana Evangelica) che annovera 400.000 famiglie e numerosissime Chiese Evangeliche su tutto il territorio nazionale. Nella sola Regione Lombardia se ne contano 86. Adriano Crepaldi, come tutti i Pastori Evangelici, presta la sua opera predicando la Bibbia nella sua completezza quale Parola di Dio, ispirata e infallibile. Il nome di Adriano Crepaldi ha coagulato un consenso unanime di tutto il PDA per le sue capacità aggregative.  Il PDA si dichiara parte integrante del panorama politico che si identifica in assonanza con Il Popolo della Libertà e per questo ogni mossa sarà fatta in piena sinergia con gli alleati delle altre componenti del PdL con l’obiettivo di vincere le elezioni.  Nei prossimi giorni incontreremo i nostri alleati per impostare la migliore strategia possibile che ci porti ad una campagna elettorale proficua e vincente per tornare a governare in Regione”. (Sante Pisani – Segretario Politico)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Fiat e gli incentivi pubblici

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 febbraio 2010

Dal portale di Massimo Donadi: “La Fiat ha deciso il blocco di tutti gli stabilimenti dal 22 febbraio al 5 marzo. E lo fa il giorno dopo aver annunciato lauti profitti e dividendi per gli azionisti. Tale decisione colpirà  30.000 operai che si ritroveranno con circa 300 euro di meno in busta paga. Tanti, anzi, tantissimi soldi in meno per chi guadagna in media 1200 euro mensili. Il 31 dicembre sono scaduti gli incentivi per l’acquisto di autovetture. Il Governo ne ha promessi di nuovi, ma meno consistenti. Così la casa automobilistica di Torino ha deciso per la cassa integrazione. Un ricatto, secondo il Governo, una scelta inevitabile secondo l’azienda torinese.La verità è che in questa vicenda non ci sono buoni e cattivi. Ci sono due attori in commedia, governo e fiat, che pensano entrambi a prendersi tutta la scena. Si curano dei loro affari ed interessi e poco, anzi per nulla, degli operai rimasti senza lavoro. L’azienda Fiat costituisce da sempre un’anomalia. E’ l’unica azienda privata, in Italia, che viene finanziata con i soldi dello Stato. Forte della sua funzione sociale, ha sempre chiesto ed ottenuto incentivi statali, che altro non sono che un finanziamento pubblico mascherato. Morale della favola, in tutti questi anni, la Fiat ha capitalizzato gli utili e risocializzato i debiti.Negli ultimi anni, il mercato è profondamente cambiato, come si dice in gergo si è globalizzato. L’unica strategia aziendale perseguita dalla Fiat per reggere l’impatto con la globalizzazione si è basata sugli incentivi statali, sulla delocalizzazione degli stabilimenti per ridurre i costi e, da ultimo, sulle fusioni con grandi aziende automobilistiche come la Chrysler. E’ chiaro ed evidente la strategia dell’azienda automobilistica di Torino che ormai ha cuore, testa e portafogli in America, Polonia e Brasile.Dall’altra, c’è un Governo che non è in grado di fornire ricette di ampio respiro. Gli  incentivi statali sono la strada più facile e veloce ma è come fornire il metadone ad un tossicodipendente. Non si può continuare a fornire soldi ed in cambio ottenere licenziamenti e disoccupati in più. Tanto varrebbe, allora, finanziare il coraggio e l’intraprendenza di tante piccole e medie imprese. Come ha scritto bene Giannini su Repubblica, qualche giorno fa, questo Paese ha un disperato bisogno di una politica industriale. Ben vengano, dunque, anche gli investimenti pubblici ma a fronte di investimenti veri, ricerca, formazione e occupazione. Il futuro passa da qui.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Oscar librerie a Bonanzinga

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 febbraio 2010

Qualche giorno fa la 4ª edizione del prestigioso premio assegnato dai sodalizi dei librai e degli editori italiani è andato alla libreria messinese “Bonanzinga” . L’evento si è svolto a Venezia nell’isola di San Giorgio. Un simile riconoscimento contribuisce a mostrare quanto viva e vitale sia tra i Siciliani e nello specifico tra gli abitanti della Città Siciliana di Messina la cultura. Infatti non può esserci “qualità delle pubblicazioni, innovazione, professionalità e imprenditorialità” come prevede il bando del premio se non ci sono lettrici e lettori che “aiutano” ed “incoraggiano” un siffatto “percorso”, come appunto quelli della Citta’ dello Stretto. Ecco perché è giunto puntuale il comunicato del Cumitatu Missinisi du Frunti Nazziunali Sicilianu – “Sicilia Indipinnenti” “nel plaudire all’assegnazione del premio e rivolgere i più sentiti auguri alle signore Rosalba e Daniela che la libreria animano e gestiscono dando lustro a Messina e all’intero Arcipelago Siciliano”.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Italiani con il cuore in mano

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 febbraio 2010

Filippo Baglini  direttore di “Italoeuropeo” nota pubblicazione edita in Gran Bretagna per gli italiani ivi residenti ci ha reso partecipi del ritrovamento di una persona di cui non si aveva più notizie su richiesta di un familiare. Così un italiano dopo 64 anni ritrova la sorella e il padre, un militare scozzese che durante la seconda guerra mondiale, nei giorni dell’occupazione,  era di stanza in Italia. ““Una di quelle storie – scrive Baglini – che fanno commuovere, ma che alla fine ti lasciano un sorriso nel cuore. Una storia che ci insegna a non mollare mai i nostri sogni, anche se qualcuno fa di tutto per distruggerli. Un insegnamento, che ci ricorda che nella vita c’è sempre un qualcosa per cui lottare, per cui dare la vita stessa”. “Tutto iniziò nel lontano autunno del 1944. La madre del sig. Perlini viveva a Castiglione dei Pepoli (Bologna). Conobbe e si innamorò di un soldato scozzese delle Scots Guards di nome David Jackson, militare in missione in quelle zone durante la seconda guerra mondiale. Pochi mesi dopo si accorse di essere incinta, ma del soldato amato non ebbe più notizia. Scomparve nel nulla. Di lui se ne sono occupati anche la trasmissione Chi la Visto?, giornali locali e nazionali, ma nessuno era riuscito ad accendere una speranza nel signor Perlini”. A questo punto il giornalista si fece recapitare a “Londra tutto quello che riguardava suo padre: una foto, un vecchio ritaglio di giornale, una approssimativa data di nascita e un vecchio indirizzo di Londra, che il padre lasciò alla madre nei primi incontri d’amore.  Subito scoprii che a quell’indirizzo non esisteva  più nessun Jackson. Mosso dallo spirito della sfida, mi misi in cammino per seguire ogni traccia su questa vicenda, scavando negli archivi inglesi, da Scotland Yard, al National England Archives. A metà della ricerca, Raffaella Matera di Termoli (Campobasso) genealogista per passione,  decise di aiutare me e il Sig. Perlini. Lo contattò e raccolse i dati, ma c’era bisogno di un riscontro, e quindi entrò in contatto con membri scozzesi del forum di http://www.rootschat.com/  trovando persone disponibili.  Grazie anche all’aiuto dello staff del Lanark Library, è riuscita a risalire al luogo e alla data di nascita di David Jackson, nonché a ricostruire la storia della sua famiglia in Scozia, a Carluke precisamente. L’input decisivo, l’idea vincente è venuta dal retro del ritaglio di giornale dell’epoca che David Jackson lasciò alla donna italiana. Si è risaliti fino al luogo di origine e si è riusciti ad ottenere l’articolo completo pubblicato sul Carluke Gazette, edizione del 19 Maggio 1944, ricco di dati informativi che hanno permesso il progresso della ricerca fino al successo completo”. David Jackson è purtroppo morto nel dicembre del 1994 nell’area londinese.  Ma la cosa piu entusiasmante é stato sapere che Davide Perlini ha una sorella inglese, ancora viva, la quale è stata felice di sapere dell’esistenza di un fratello italiano. Per il signor Perlini, che per 60 anni ha pensato di essere figlio unico di padre ignoto, conoscere questa realtà, sapere che ha una sorella maggiore, è stato un tuffo al cuore, come rinascere per una seconda volta. Per loro ci sarà un primo contatto a breve ed entrambi sono emozionatissimi.   Una vicenda nata sotto le bombe della seconda guerra mondiale e terminata oggi. Io, L’Italoeuropeo, Raffaella Matera e tutte le stupende persone incontrate nell’ambito di questa ricerca, siamo tutti contenti di consegnare questa storia all’Italia e all’Inghilterra”. Alla fine per Baglini ci dice:  “Oggi per L’Italoeropeo è un giorno speciale che non dimenticheremo mai…” e noi da cronisti condividiamo il suo entusiasmo. Dopo tutto è una bella notizia e ci consola sapere che tra tante brutture ci è dato di raccontarle.(perlini)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Malattie rare e accesso alle cure

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 febbraio 2010

Roma 2 febbraio 2010 ore 9,30 Sala Capitolare presso il Chiostro del convento di Santa Maria sopra Minerva del Senato della Repubblica – piazza della Minerva 38 convegno sul tema: “Malattie rare e accesso alle cure – Come assicurare il diritto al trattamento?”  Il convegno, patrocinato dal Senato della Repubblica e dal Ministero della Salute,  vede la partecipazione del Ministro della Salute, Ferruccio Fazio,  Antonio Tomassini (Presidente Commissione Igiene e Sanità,Senato); Daniele Bosone  (Vice Presidente Commissione Igiene e Sanità,Senato); Maria Teresa Petrangolini ( Segretario Generale Cittadinanzattiva)  e un panel di illustri relatori esperti del settore. Coordinati da Bruno Vespa i relatori presenteranno l’attuale scenario delle malattie rare in Italia e spunti per una riflessione comune riguardo la raccomandazione, espressa dal Consiglio Europeo dei Ministri della Sanità, di adottare entro il 2013 piani e strategie per garantire l’accesso a un’assistenza di livello qualitativamente elevato ai malati affetti da queste patologie.
L’OMS  stima che le malattie rare siano fra le 5mila e le 8mila che, pur caratterizzate singolarmente, per definizione, da una bassa incidenza epidemiologica, nel loro insieme colpiscono un numero molto elevato di persone: nella sola Unione Europea, i pazienti che ne sono affetti sono più di 30 milioni.  Il controllo clinico di queste malattie presenta problemi particolari, in considerazione delle complessità relative tanto alla diagnosi quanto allo sviluppo di terapie farmacologiche adeguate.  Spesso, inoltre, si tratta di malattie di origine genetica, croniche e invalidanti, che presentano esigenze specifiche sul fronte dell’assistenza ai pazienti e alti costi sanitari e sociali.  Oltretutto, se per le patologie più comuni si va verso la personalizzazione della cura, paradossalmente numerose malattie rare  sono tuttora prive di trattamento (malattie orfane) perché, in assenza di incentivi, le aziende farmaceutiche non sono stimolate a investire in funzione di un mercato che, a fronte dei costi elevati di una continua ricerca, resterebbe comunque molto limitato.In Italia, va in questa direzione il Disegno di Legge presentato dal Senatore Antonio Tomassini, Presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato e dell’Associazione promotrice del convegno.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Contributo volontario dei genitori?

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 febbraio 2010

Una raffica di domande sul contributo volontario e sul ruolo dei genitori a scuola: ecco la reazione più immediata all’incontro “Bilancio delle scuole: tutto quello che avresti voluto sapere…” che gli esperti dell’A.Ge. Toscana hanno tenuto ad Arezzo in collaborazione con la Consulta Provinciale dei Genitori. ”I genitori non hanno chiaro che il contributo è volontario e che nessuno può pretendere nulla da loro nella scuola dell’obbligo, a parte la quota assicurativa –afferma Rita Manzani Di Goro, presidente dell’associazione genitori A.Ge. Toscana- inoltre le famiglie hanno diritto di sapere come vengono utilizzati i loro soldi. Il suggerimento che abbiamo dato e che molti presidenti dei Consigli d’istituto hanno accolto con favore è stato quello di deliberare i criteri di utilizzo del contributo volontario, finalizzandolo alle attività didattiche. In questo modo i genitori contribuiscono volentieri a tutto vantaggio della qualità dell’offerta formativa”. Per rispondere alle tante richieste giunte dalle varie province della Toscana sono stati organizzati due nuovi incontri su “Il Bilancio delle Scuole visto dai genitori” a PISTOIA presso l’IPSIA “A. Pacinotti”, Corso A. Gramsci 71, martedì 2 febbraio dalle ore 17 alle ore 19 e a FIRENZE presso l’I.T.T. “Marco Polo”, Via S. Bartolo a Cintoia 19/a, venerdì 5 febbraio dalle ore 17 alle ore 19, nel corso dei quali saranno distribuiti materiali informativi. L’A.Ge. Toscana mette inoltre a disposizione un servizio gratuito di consulenza, cui si può accedere inviando un quesito ad agetoscana@age.it, e la guida al Programma annuale 2010 pubblicata sul sito http://www.agetoscana.it nella rubrica Speciale Bilancio delle scuole.

Posted in Diritti/Human rights, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Seminario Mpi

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 febbraio 2010

Pero (Mi) Il 17 febbraio, presso Atahotel Expofiera di Pero (MI), un illustre panel di relatori presenta a utenti e organizzatori procedure e strategie per massimizzare l’investimento  negli eventi eco-sostenibili. A cura del Comitato education di MPI Italia. Imperdibile appuntamento per quanti sono interessati alle tecniche eco-sostenibili nell’organizzazione di eventi. L’evento inizierà alle 11.00 e terminerà alle 17.30, sarà introdotto dal Presidente di MPI Italia Federico Toja e moderato dal Past president Pier Paolo Mariotti CMP CMM, direttore di Eurac Convention Center. La prima relazione, a cura del Centro turistico  studentesco (CTS) di Roma, verterà sulla presentazione della candidatura di una  destinazione enfatizzando i criteri di eco-sostenibilità; seguirà, a cura del noto manager alberghiero Dennis Zambon (Atahotels), un’analisi dell’applicazione delle procedure green in albergo: quali le difficoltà e quali i vantaggi, e quali di questi ultimi possono essere utili al cliente dell’organizzatore. A seguire una “domanda relax” (è possibile fare Food donation?) e il buffet lunch, dopodichè, nel pomeriggio, Jonathan Cohen di Visit Denmark (l’ente del turismo danese) illustrerà COP15, la conferenza sul clima tenutasi a Copenhagen lo scorso dicembre. Verrà poi il turno della relazione forse più importante: Elio Minutella, direttore generale di BSI Group Italia, parlerà di come realizzare e comunicare eventi sostenibili: lo standard BS 8901. BS 8901 è lo standard qualità per la gestione degli eventi sostenibili. Creato in Inghilterra, si sta rapidamente diffondendo nel mondo e consente di risparmiare attraverso la riduzione di emissioni di anidride carbonica e di rifiuti, nonché di migliorare l’efficienza di tutta la catena produttiva. Concluderà il meeting un dibattito su quello che gli organizzatori hanno coloritamente chiamato “domandone da un milione”: come sensibilizzare il cliente e convincerlo a  “farlo green”. Al termine del seminario i partecipanti saranno in grado di conoscere le implicazioni, le difficoltà e i vantaggi derivanti dall’applicazione di procedure e tecnologie environment-friendly in hotel, valutare la convenienza di una certificazione riconosciuta (BS8901), presentare una location utilizzando il green come punto di forza, trarre spunti dall’esperienza di una città (Copenhagen). L’evento è ideato e coordinato dal Comitato education di MPI Italia Chapter, presieduto  da Gaetano Sciatà CMP e composto dai tre Past president Nadia Colaiuda CMP CMM, Pier Paolo Mariotti CMP CMM e Sergio Moscati nonché da Nadia De Martini CMP, Giovanna Lucherini e Olimpia Ponno. Ha contribuito la Vice president sponsorship Francesca Pezzutto. Importante: il seminario è a numero chiuso. Le iscrizioni vanno confermate entro e non oltre il 14 febbraio alla segreteria generale

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Casa dolce casa

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 febbraio 2010

Pavia dal 25 al 29 marzo 2010 Palazzo delle Esposizioni 14° edizione CASA dolce CASA.  Anche quest’anno l’organizzazione è organizzata dalla DEA SERVIZI, la scorsa edizione ha avuto uno straordinario successo superando le 35.000 presenze con la partecipazione di oltre 250 espositori. Sono numeri importanti che hanno spinto gli organizzatori a pensare a molte novità per il 2010.   L’area fieristica ospiterà come consueto stand dedicati a tutti gli aspetti del mondo della casa: arredi per interni, arredi da giardino, complementi, illuminazione, pannelli solari, elettronica e artigianato. Il Salone della Salute e del Benessere dove verranno presentate le ultime novità sull’home fitness, il dormire bene e il relax, le vasche, gli idromassaggi con cromoterapia; ci sarà spazio anche per l’alimentazione naturale e biologica. La Casa dei Nonni dove saranno messe in evidenza tutte le tecnologie che permetteranno una gestione della casa più facile e sicura per le persone anziane. Ecoabitare settore della sostenibilità ambientale e delle fonti energetiche rinnovabili, per proporre un’idea di casa non solo più bella, ma anche più ecologica. La stanza del futuro qui sembrerà di viaggiare avanti nel tempo, con nuove tecnologie, la casa domotica, elettrodomestici avveniristici.  A corollario sarà presentata l’esclusiva mostra BAUHAUS 2010 che verrà inaugurata presso la fiera giovedì 25 marzo. Verranno esposti una serie di mobili progettati nel laboratorio del Bauhaus e divenuti successivamente dei veri e propri classici del design contemporaneo: Mackintosh, Mies van der Rohe, Le Corbusier, Saarinen, Rieveld e tanti altri.  Per ricordare un evento unico nella storia del novecento. http://www.deaservizi.it

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Canone Rai e gli evasori istituzionali

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 febbraio 2010

Il termine per il pagamento del Canone RAI sia per le famiglie che per le imprese ed enti pubblici è scaduto.  Ma il Canone RAI è non solo la tassa più evasa dalle famiglie italiane e dalle imprese, ma lo è incredibilmente anche per gli enti pubblici.  Questo è risultato dallo studio sulle imposte più evase dagli Italiani, condotto da KRLS Network of Business Ethics, per conto dell’Associazione Contribuenti Italiani che con Lo Sportello del Contribuente monitora costantemente l’evasione fiscale in Italia. Dalla ricerca è emerso che l’evasione del Canone RAI negli enti pubblici si attesta intorno al 94%, con punte record nelle scuole, nei ministeri e nei partiti politici, dove l’evasione tocca quota 98%. In Italia esistono due canoni: quello ordinario, dovuto dalle famiglie, e quello speciale, dovuto dalle imprese, lavoratori autono mi, enti pubblici, enti pubblici non economici, enti privati. Ma se il canone ordinario è dovuto per il possesso di “apparecchi atti o adattabili alla ricezione delle radioaudizioni”, il canone speciale si paga anche per il possesso di computers e/o monitors e altri apparecchi multimediali (videofonino, videoregistratore, iPod, sistemi di videosorveglianza, ecc.) posseduti dalle imprese o enti pubblici o privati. Secondo i dati di Contribuenti.it in Italia esistono circa 4,5 MLN di imprese di cui il 98% collegata con Internet con almeno un computer, per cui almeno 4,4 MLN di imprese dovrebbero pagare il canone speciale. Ma dai dati pubblicati dalla RAI risulta che i canoni speciali riscossi ogni anno sono meno di 180 mila, per cui almeno 4,2 MLN di imprese, non pagano il canone con un 95% di evasione. Limitandosi ad applicare il canone speciale base di 195,31 euro a 4,2 milioni di imprese, l’evasione e’ di 820 MLN di euro. E se si considera che oltre alle imprese devono pagare il canone anche i lavoratori autonomi, i circoli, le associazioni, le fondazioni, le sedi di partiti politici, gli istituti religiosi, gli artigiani, le scuole e gli enti pubblici e che il canone speciale va pagato per ciascuna sede o ufficio, e che lo stesso varia da 195,31 a 6.510,13 euro l’anno a seconda della tipologia commerciale, Lo Sportello del Contribuente stima che l’evasione del canone speciale supera il miliardo di euro l’anno.  Tra i maggiori evasori del Canone Rai figurano gli enti pubblici e le imprese con sede nelle province di Milano, Venezia, Torino e Roma dove l’evasione sfiora il 98%. All’opposto le province più virtuose sono quelle di Aosta, Napoli, Pescara e Firenze dove l’evasione si attesta al 92%. In assoluto i contribuenti più fedeli restano quelli della Valle d’Aosta, Campania, Emilia-Romagna e Puglia ma in buona posizione si piazzano anche aventi sede nelle regioni meridionali dell’ Abruzzo, Molise, Puglia e Sicilia. Perché gli enti pubbli ci e le imprese evadono il canone? Dall’ indagine di Contribuenti.it è emerso che il 83% evade perché l’Amministrazione finanziaria, durante la verifica fiscale non richiede il pagamento del canone RAI, ne lo sanziona, l’11% non paga il canone perché c’è la pubblicità sulla TV pubblica mentre solo il 6% perché non ha fondi. “Neanche la pubblicità effettuata in questi giorni dall’ente pubblico aiuta gli enti pubblici e le imprese a capire che l’abbonamento alla RAI è una tassa e come tale va pagata – afferma Vittorio Carlomagno presidente di Contribuenti.it Associazione Contribuenti Italiani – Ed è incredibile che l’amministrazione finanziaria dimentichi di richiedere il pagamento della tassa di concessione governativa durante le verifiche generali, incentivando indirettamente l’evasione fiscale del canone RAI”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Italia non ha bisogno di nuovi condoni

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 febbraio 2010

“La nostra terra è già abbondantemente sfregiata da abusi edilizi e devastazioni architettoniche che accogliere una nuova ipotesi di condono edilizio ha quasi il sapore di una beffa”. Lo dichiara Aldo Di Biagio, Responsabile Italiani nel Mondo del PdL. “L’Italia che presenta il patrimonio artistico e paesaggistico tra i più ricchi e spettacolari d’Europa e del Mondo, merita adeguati provvedimenti che ne consentano il rispetto incondizionato – aggiunge Di Biagio – ragion per cui mi unisco al coro dei colleghi Granata e Versace che per primi si sono scagliati contro l’emendamento al mille proroghe al Senato”. “E’ bene – conclude –  ricordare ai colleghi del Senato che la Costituzione italiana promuove la “tutela del paesaggio e del patrimonio storico e artistico della Nazione” e che questo rappresenta un inderogabile precetto, riferimento per qualsivoglia politica di sostegno all’economia”.

Posted in Diritti/Human rights, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

S. Valentino a Londra

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 febbraio 2010

Un antico palazzo edoardiano nel cuore di Londra, fuori da tutti i cliché. Un soffio di storia e eleganza a due passi da Buckingham Palace e dalla vivace vita cittadina. È il One Aldwych, meta ideale per un San Valentino memorabile e rifugio d’antan dopo una giornata a spasso tra gallerie d’arte, musei, performance teatrali e shopping in stile vintage. Tra le tante proposte allettanti, segnaliamo un invito prezioso di completo e sensuale relax in coppia. L’offerta “Vizi &Virtù”del One Aldwych Health Club consiste in due massaggi da 30 minuti: Natura Bissé – Natura Bissé Aromaterapia.; nella proposta è compreso l’accesso alla palestra, alla piscina di 18 metri (con musica sott’acqua) alla sauna e al bagno turco. Il costo dei trattamenti e l’accesso al centro benessere è di £195.00
Londra: il One Aldwych che occupa un antico palazzo edoardiano di Covent Garden, ora sede di 105 camere di charme, dell’Axis e dell’Indigo Restaurant, del Cimmon Bar, di un Health Beauty con piscina di 18 metri, di sale per meeting e proiezioni private e il Dukes, splendido cinque stelle nel prestigioso quartiere londinese di St. James’s. Il New York Times ne ha parlato come ‘un signorile maniero di campagna, ma vicino al Buckingham Palace, dove la città si fa più brulicante e vitale’ L’eleganza stemperata dà un tocco di understatement tipicamente british che fa da contrappunto all’altro gioiello del Gruppo, il Carlisle Bay, resort esclusivo nella costa meridionale di Antigua, nelle Piccole Antille, per un soggiorno secondo natura nella filosofia barefoot luxury, classe a piedi nudi. http://images.adam.it

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Energia rinnovabile in Italia

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 febbraio 2010

Costituito uno dei più grandi operatori specializzati nel fotovoltaico: Solar Investment Group. Con un capitale di 32 milioni di euro l’iniziativa ha l’obiettivo di costruire circa 40 impianti nel corso del prossimo anno con un investimento complessivo di oltre 150 Milioni di euro. Solar Investment Group (SIG) è il più grande operatore specializzato in impianti fotovoltaici su terreni grazie ad una capitalizzazione iniziale di 32 milioni di euro raccolta in Europa nell’arco di pochi mesi. Oltre ad acquisire progetti di impianto, SIG ne segue il finanziamento e la realizzazione. L’Italia, (principalmente il Mezzogiorno), è una geografia di eccezionale interesse per tale sviluppo. Sul mercato italiano, l’obiettivo è di costruire ed allacciare circa 40 impianti per un investimento complessivo di oltre 150 milioni nell’arco dei prossimi 12 mesi. Per la realizzazione degli impianti il gruppo si avvale delle partnership in corso di sviluppo con i maggiori operatori europei presenti sul mercato italiano ed in particolare BP Solar, Enerqos, Ecoware, Xgroup.  La società è  stata fondata da Luca Concone, Fabio Cannavale e Paolo Pagella, dopo una prima esperienza specifica nel settore per aver fondato un’azienda fotovoltaica nel 2006 – poi venduta a un grande fondo infrastrutturale – e per aver successivamente partecipato come soci di riferimento nel 2008  a un piccolo fondo di investimento in impianti fotovoltaici.  SIG come nuova iniziativa è stata finanziata anche in Italia da una qualificata rappresentanza di soci del mondo dell’imprenditoria e della finanza: Roger Abravanel, Director emerito McKinsey e advisor di Clessidra, Carlo Micheli, fondatore di Fastweb, il fondo di private equity Ersel Investment Club, Marco Giovannini fondatore di Guala Closures, Stefano Ferro, AD di B&B Italia, Andrea Rossi CEO di AXA, Massimo Arrighi, Director A.T. Kearney, Andrea Casalini, CEO di Buongiorno, Luciano Balbo e alcuni partner di primari fondi di Private Equity e società di Consulenza.  Achille Colombo (ex Amministratore Delegato del gruppo Falck) ha maturato una notevole esperienza ed ha creato grande valore nelle energie rinnovabili con il suo lavoro in Sondel, Actelios e Falck Renewables. Colombo valorizza questa sua competenza assumendo la Presidenza di Solar Investment Group srl.
Fondatori Luca Concone: ingegnere, fondatore di Enexon, una delle prime aziende in Italia in questo settore. Ha maturato significativa esperienza nella consulenza strategica (McKinsey e A.T. Kearney), nell’alta direzione in istituti finanziari esteri (Capital One) e italiani (Gruppo UBI) nonché ai vertici internazionali dell’economia digitale (Buongiorno – Vitaminic). E’ stato inoltre Chief Financial Officer del comune di Milano. Fabio Cannavale: ingegnere, MBA Insead, dopo l’esperienza in McKinsey e A.T. Kearney ha sviluppato iniziative imprenditoriali e ha dato supporto a molte aziende di medie dimensioni come membro attivo del Consiglio d’Amministrazione. In particolare è stato fondatore di eDreams ed è fondatore e presidente di Bravofly – Volagratis, leader in Europa per la vendita dei biglietti aerei a low cost. E’ inoltre advisor e Consigliere di alcuni fondi di Private Equity.  Paolo Pagella: ingegnere, ha partecipato allo start-up di Enexon e ha poi gestito per Babcock &Brown un importante programma d’investimento nel settore dell’energia fotovoltaica. Ha maturato esperienza nell’Information & Communication Technology in grandi contesti aziendali (Telecom Italia) e in start-up multinazionali dell’economia digitale (12Snap, TV Files).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Energia nucleare e tecnologie

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 febbraio 2010

Pavia Martedì 2 febbraio 2010 – ore 11,30via Aselli, 41  presso la sede del LENA conferenza stampa  sul Nuovo accordo quadro tra il Laboratorio Energia Nucleare Applicata LENA e l’Ufficio scolastico Provinciale di Pavia per far conoscere agli studenti delle scuole superiori il reattore nucleare e il ciclotrone dell’Università di Pavia e proporre lezioni di approfondimento sull’Energia Nucleare e sull’impiego delle Tecnologie Nucleari.Il LENA (Laboratorio Energia Nucleare Applicata) è un Centro Servizi Interdipartimentale dell’Università degli Studi di Pavia che gestisce un reattore nucleare di ricerca, un ciclotrone per la produzione di radioisotopi e altre sorgenti di radiazioni ionizzanti per lo svolgimento, tra le altre, di attività di didattica e di formazione. Da diversi anni il LENA ospita in visita didattica studenti provenienti da scuole di diverso ordine e grado e, nel corso degli ultimi anni, ha ospitato in visita circa 900 studenti all’anno. Nell’ambito dei compiti istituzionali dell’Università di promuovere la diffusione della conoscenza scientifica e tecnologica e dell’Ufficio Scolastico Provinciale  che si propine quale supporto all’autonomia scolastica, i due Enti hanno concordato di stipulare un Accordo Quadro. In base all’accordo il LENA si impegna a: 1)  ospitare in visita didattica studenti provenienti da Istituti Scolastici della provincia di Pavia 2) svolgere, su richiesta, lezioni presso gli stessi Istituti Scolastici  relative all’Energia Nucleare e all’impiego delle Tecnologie Nucleari in ambito industriale, ambientale, alimentare e di ricerca. Le visite didattiche presso il LENA si comporranno di due fasi: durante la prima fase verranno illustrati agli studenti, mediante una lezione frontale, i principi di funzionamento dei reattori nucleari e le applicazioni dell’energia nucleare in campo energetico, medicale e industriale. La seconda fase prevederà l’accesso alla Sala del Reattore con la possibilità di vedere la Sala Controllo e il reattore in tutti i suoi componenti.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vorwerk Folletto: +6,4% nell’anno della crisi

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 febbraio 2010

Nell’anno più pesante della crisi economica internazionale, Vorwerk Folletto marcia in controtendenza: +6,4 per cento sul fatturato, +2,9 per cento sulle quantità vendute.  399 milioni di euro è, infatti, il giro d’affari 2009 di Vorwerk Folletto, che produce e commercializza il noto sistema di pulizia per la casa, per un totale di 846.327 apparecchi venduti (24.447 in più dell’anno 2008).  E il dato è ancora più significativo se confrontato con il panorama del settore dei piccoli elettrodomestici, che, come riportato dall’indagine di Confidustria Ceced Italia, nel 2009 ha fatto segnare un trend negativo del 5,6% tra gennaio e ottobre. «All’inizio dell’anno ci eravamo posti come obiettivo la vendita di 835.272 apparecchi -commenta Patrizio Barsotti, presidente di Vorwerk Folletto-, prevedendo un 2009 per noi positivo ma comunque difficile. Siamo andati oltre le aspettative, superando il budget di 1,3 punti in percentuale, con un risultato che conferma la bontà della nostra proposta commerciale e della nostra strategia aziendale». E in effetti, anche l’indicatore dei consumi di Confcommercio conferma l’eccezionalità del risultato, se contiamo che tale parametro è stato di segno negativo nel corso di tutto il 2009. «Controcorrente: questo il commento che mi sento di fare per definire il carattere della nostra azienda -prosegue Patrizio Barsotti-. E dietro i numeri ci sono le persone: i nostri venditori porta a porta, che ogni giorno presentano il nostro sistema di pulizia nelle case degli italiani». Il risultato arriva nell’anno in cui l’azienda ha introdotto sul mercato la quarta generazione del prodotto, il VK 140. Un aspirapolvere che punta su concetti di innovazione tecnologica, risparmio energetico, design, maneggevolezza. Il tutto coniugato all’approccio familiare della vendita diretta, portato avanti come sistema unico di commercializzazione dalla consociata italiana del gruppo multinazionale Vorwerk.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Direttiva sulle carte blu

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 febbraio 2010

Si è svolto a Trieste presso il Centro di Ricerca “Sincrotrone Trieste” un Forum sul tema “La mobilità europea delle Carte Blu nella applicazione della direttiva comunitaria”. In Italia i quadri, personale altamente qualificato, di origine straniera sono il 2,9% (11.500 professionisti). Siamo nella media europea pari, compresi i Paesi dell’est europeo, al 2% di Carte Blu, cioè cervelli altamente qualificati provenienti da Paesi esterni all’Unione Europea. Una tendenza – sostiene la CIU – che l’economia della conoscenza farà aumentare. Infatti nel Friuli Venezia Giulia, zona vicino alla frontiera, i quadri e ricercatori con tale qualifica sono al 6.8%. Perché questa migrazione di cervelli verso l’Italia? “Sul piano europeo e internazionale (Direttiva 2006/123/CE) il mondo cambia – ha sottolineato nella sua relazione Corrado Rossitto Presidente Nazionale della CIU e Consigliere del Comitato Economico e Sociale Europeo – compreso quello dei servizi professionali, superando ogni barriera di collaborazione. L’integrazione e la valorizzazione di diverse culture professionali è un passo ormai ben maturo pena l’emarginazione. Anzi per guardare ad un interessante mercato del lavoro mondializzato è opportuno che le aziende, le Pubbliche amministrazioni e gli studi professionali, trovino “nuovi volti”, di professionisti e professioniste con origini straniere diverse, ma perfettamente integrate (Carte Blu direttiva 50/2009). Operatori che condividano la stessa etica ed i principi professionali italiani ed europei e tanto preziosi all’interno di un “team pluriprofessionale” che debba confrontarsi con importanti e complesse realtà internazionali.Con la direttiva, nasce un titolo europeo di permanenza temporanea per le alte qualifiche, diverso da altri titoli di soggiorno, che dovrà essere definito con provvedimento di legge nazionale che la CIU sollecita ma in una logica di mobilità circolare che favorisca il ritorno del “cervelli” ai Paesi di origine.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Processo breve

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 febbraio 2010

“Le proposte del Governo sulla durata dei processi, spacciate sotto il nome di “Processo breve”, sono in realtà proposte di “Impunità breve” perché si propongono di fissare termini senza intervenire sulle cause strutturali che fanno dell’Italia un delinquente professionale al Consiglio d’Europa a causa della denegata giustizia. Con l’Impunità breve infatti si riducono semplicemente i tempi per ottenere l’impunità garantita già oggi dalla prescrizione di oltre 150.000 procedimenti all’anno. Nessuno dei protagonisti della rissa quotidiana sulla giustizia – Governo, Corporazione dei giudici, Opposizione ufficiale- ha il coraggio di affrontare le Riforme necessarie per fermare l’impunità: abolizione dell’obbligatorietà dell’azione penale, depenalizzazione dei reati senza vittime, separazione delle carriere, abolizioni degli incarichi extragiudiziali, responsabilità civile dei magistrati. Sono queste le misure che dovrebbero accompagnare una Grande amnistia, che preveda selezione dei reati e risarcimento delle vittime, al posto dell’amnistia selvaggia in atto che privilegia i criminali più potenti e facoltosi. Oltre a manifestare contro il Governo quelli dell’Anm dovrebbero anchemanifestare contro se stessi e le pratiche correntizie di Regime che hanno portato avanti in questi decenni.” (Dichiarazione di Marco Cappato, Lista Bonino-Pannella)

Posted in Diritti/Human rights, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Quando il Papa pensa il mondo”

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 febbraio 2010

Roma 8 febbraio  alle ore 18, nella Sala San Pio X, in Via dell’Ospedale, 1 (Via della Conciliazione).presentazione del volume di Limes “Quando il Papa pensa il mondo”,  Interverranno S. Em. za il Cardinale Leonardo Sandri,  Prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali, e l’On. Franco Frattini, Ministro degli Affari Esteri. Introdurrà Lucio Caracciolo, Direttore di Limes.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Smog a Roma

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 febbraio 2010

“L’amministrazione Alemanno nel settore dell’inquinamento atmosferico sta portando avanti una serie di importanti provvedimenti strutturali di breve, medio e lungo termine che stanno dando risultati assolutamente rilevanti. A Roma la situazione è sotto controllo e nettamente migliore rispetto al passato e rispetto ad altre metropoli. I numeri parlano chiaro, al di là di alcune interpretazioni allarmistiche infarcite di un retorico quanto sterile catastrofismo ambientale. Nel 2009, infatti, i superamenti sono stati 415 a fronte dei 784 del 2007, con una diminuzione del 47%”. E’ quantio dichiara l’assessore all’Ambiente Fabio De Lillo.  “Anche per quanto riguarda i blocchi del traffico per i veicoli più inquinanti i dati sono inequivocabili: nel 2009 è stato necessario ricorrere per 27 volte allo stop ai mezzi più inquinanti a fronte delle 72 volte del 2007, con una diminuzione del 63%. Un miglioramento evidente da attribuire ai tantissimi interventi effettuati o in corso di realizzazione da parte di questa amministrazione: potenziamento del trasporto pubblico, realizzazione di nuove linee della metro, estensione del car sharing, attivazione e piano di potenziamento del bike sharing, rinnovo della flotta Atac, installazione sui bus di speciali filtri che aspirano le polveri sottili, aumento della frequenza del lavaggio delle strade, acquisto di 968 nuovi mezzi Ama a minor impatto ambientale (gli ultimi 244 presentati mercoledì scorso), ampliamento delle pedonalizzazioni, sviluppo e incentivo della mobilità elettrica con una nuova rete di ricarica e con l’adozione dell’ecososta all’interno delle strisce blu, realizzazione del piano quadro della ciclabilità, rinnovo del parco mezzi del Servizio Giardini, sostituzione dei jumbo bus del centro a favore di mezzi a basso impatto ambientale, approvazione in Giunta del nuovo regolamento edilizio. Inoltre, dal 1° gennaio 2010 ai ciclomotori e ai motoveicoli a due, tre e quattro ruote, con motore a 4 Tempi “Euro 0” è stato vietato l’ingresso e la circolazione all’interno della ZTL dell’Anello Ferroviario. Il rispetto della misura adottata, che coinvolge circa 120.000 veicoli, contribuirà a ridurre ulteriormente la produzione di polveri sottili e di ossidi di azoto”, conclude l’assessore De Lillo.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo Settlement di Google Books

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 febbraio 2010

Gli editori italiani si oppongono al nuovo accordo transattivo (Amended Settlement Agreement) presentato nel novembre scorso da Google per chiudere la class action promossa dalle associazioni di autori ed editori americani per il servizio Book Search (la prima udienza della Corte di New York è prevista il 18 febbraio).  Prosegue così la battaglia giudiziaria che già il 4 settembre aveva portato gli editori italiani ad opporsi alla prima versione dell’accordo: ieri le associazioni degli editori italiani, tedeschi, austriaci e svizzeri hanno presentato alla Corte di New York le proprie obiezioni congiunte al nuovo accordo (disponibili sul sito http://www.aie.it), mentre analoghe obiezioni sono state presentate dalle associazioni francese e spagnola.  L’obiezione maggiore muove dal fatto che il Settlement continua a prevedere che Google possa digitalizzare e vendere in diverse forme le opere fuori commercio (se registrate) senza l’autorizzazione degli aventi diritto, in violazione della Convenzione di Berna sul diritto d’autore. Solo attivandosi presso un apposito registro (Book Right Registry) e dichiarando i diritti sui singoli titoli, è infatti possibile bloccare la digitalizzazione e i successivi utilizzi.  Inoltre, “è incongruo che i benefici accordati dal nuovo Settlement ad autori ed editori di Regno Unito, Canada e Australia, per esempio in termini di partecipazione agli organi direttivi del Book Registry, o nell’uso di banche dati specifiche di quei paesi per la determinazione dello status di ‘fuori commercio’, non siano estesi anche ad autori ed editori italiani che continuano a essere inclusi nel Settlement”. “Le obiezioni presentate – ha proseguito Polillo – non significano che gli editori italiani sono contro il futuro e l’innovazione: siamo contro ciò che non li rispetta. Le soluzioni per includere i libri europei nel rispetto del diritto d’autore ci sono – ha aggiunto Polillo –. Per riuscire nell’obiettivo Google ha dichiarato più volte di voler utilizzare Arrow (www.arrow-net.eu), il progetto europeo che a breve, a maggio, avrà pronta una prima architettura. Noi, in quanto capofila del progetto, siamo pronti a collaborare”.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Proposta Idv: Affido condiviso

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 febbraio 2010

“L’Affido condiviso ha sancito l’importante principio della bigenitorialità perchè riconosce l’importante ruolo del padre accanto a quello altrettanto necessario della madre nella crescita dei figli. E’ un segnale positivo ma non deve essere usato per motivare scelte aberranti e contro il buon senso. Italia dei Valori promuoverà una nuova proposta di legge insieme alle altre relatori e relatrici ed esperti del settore che hanno partecipato al Convegno di oggi, per correggere le storture derivanti dalla nuova proposta di riforma, presentata a distanza di soli tre anni dall’entrata in vigore della legge 54/2006 sull’affido condiviso, in discussione in Parlamento (proposta di legge n. 2209 a firma dell’on. Carolina Lussana della Lega Nord)”. Questo è quanto emerso alla Convention nazionale sul tema, organizzato dalle Donne di Italia dei Valori Toscana, realizzata in collaborazione con l’Alleanza dei Liberali e Democratici Europei a cui aderisce Italia dei Valori al Parlamento Europeo. L’intento della manifestazione, tenutasi oggi a Firenze presso il Consiglio Regionale Toscano, cui hanno partecipato giuristi, avvocati, psicologi e politici, è quello di evitare che eventuali modifiche alla legge sull’affido condiviso scateni e moltiplichi conflittualità esasperate tra genitori, a tutto danno dei minori. La nuova proposta si regge su tre principi conflittuali: l’eliminazione dell’autonomia del Giudice nella valutazione sulla più corretta genitorialità; l’istituzione della doppia residenza per i figli, alimentando così la sindrome da “doppio nido” di cui tanti minori sono già affetti; la nascita dell’assegno “diretto” non più relazionato alle possibilità economiche dei genitori, ma ai bisogni primari del minore, in tal modo spostando unicamente il conflitto (l’avvocato Elena Coccia, dell’esecutivo nazionale dei ‘Giuristi Democratici’). Esiste un principio internazionale stabilito dalla Convenzione del Fanciullo di New York che ha sancito come primario l’interesse prevalente del minore, il rischio in Italia è di trasformarlo in un interesse prevalente del genitore. “Seguendo questo principio va dunque ribadito e riaffermato con forza il concetto della corresponsabilità dei genitori nella crescita ed educazione dei propri figli – ha chiuso il Convegno Fabio Evangelisti, vice capogruppo alla Camera di IdV – e sia da parte del legislatore che da parte degli operatori del settore, va sempre tenuto presente che l’elemento di fragilità è il bambino ed in quanto tale deve essere messo sempre al primo posto in qualsiasi decisione”. A tutt’oggi il tema, in fatto di politiche sulla famiglia, è quello più caldo ed è per questo che il gruppo Donne di Italia dei Valori del Lazio, alla fine del mese di febbraio, organizzerà una nuova Convention nazionale per fare il punto della situazione

Posted in Diritti/Human rights, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »