Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Nord Uganda

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 febbraio 2010

A più di tre anni dalla fine della guerra civile nel nord dell’Uganda ci sono ancora 190.000 sfollati e profughi Acholi in attesa di far ritorno ai loro villaggi d’origine. L’Associazione per i popoli minacciati (APM) richiama l’attenzione proprio sulla difficile situazione di questi profughi di guerra dimenticati. L’APM chiede che il Governo ugandese e la comunità internazionale si attivino urgentemente e facciano di più per garantire un rapido ritorno dei profughi, membri del popolo Acholi, un popolo che vive appunto in Uganda del nord. Sono soprattutto i conflitti per la terra a impedire agli Acholi di rientrare nei loro vecchi villaggi. Senza giustizia per gli Acholi non ci potrà essere una riconciliazione e una pace duratura in Nord Uganda. Gli Acholi non avevano titoli di proprietà scritti e registrati in quanto la loro terra tradizionalmente è sempre stata coltivate e gestita collettivamente. Per poter far valere i propri diritti nelle cause per il possesso della terra davanti ad un Tribunale mancano loro i soldi. Incendi dolosi, uccisioni e assalti vari sono il risultato dei tanti conflitti irrisolti tra vecchi coloni e nuovi insediati, tra cui anche ex soldati. Locali organizzazioni per i diritti umani, come il gruppo “Human Rights Focus”, accusano i leader militari di aver sfruttato la deportazione della popolazione civile al fine di garantirsi il controllo di centinaia di ettari di terra attraverso la compiacenza di prestanome. Circa due milioni di civili sono stati cacciati dai loro villaggi e sono stati internati in campi di internamento dalle forze di sicurezza ugandesi durante i 20 anni di guerra contro il Lord’s Resistance Army (LRA). Invece di ottenere protezione nei campi, i civili sono stati sottoposti al terrore dei soldati regolari come anche dei ribelli del LRA. Secondo studi pubblicati di recente circa il 97 per cento di tutti i decessi tra i civili sono da attribuire alle condizioni di vita disumane nei campi: solo il tre per cento sono stati causati da attacchi del LRA. Nel settembre 2006 il governo dell’Uganda e il LRA hanno firmato un accordo per il cessate il fuoco. Nel mese di ottobre 2007 le autorità hanno adottato un programma di ricostruzione per il Nord Uganda.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: