Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 126

Teatro: “L’impresario delle Smirne”

Posted by fidest press agency su sabato, 6 febbraio 2010

Roma dal 9 al 21 febbraio al Teatro Argentina arriva “L’impresario delle Smirne” di Carlo Goldoni per la regia di Luca De Fusco. “L’impresario delle Smirne” è una commedia  gustosa, geniale,esilarante, una precoce sperimentazione  metateatrale  in cui Goldoni si diverte a fare il verso al tic, alle smanie , alla futilità dei poeti e degli impresari di “opera in musica”, un genere che egli conosceva bene per averlo frequentato come librettista. Il piacevolissimo testo è al centro di un progetto che Luca De Fusco  desiderava  affrontare da tempo, mettendo in una dimensione di  “teatro musicale “ una realtà artistica  che sempre più tende a valicare  i confini di genere. Così racconta Luca de Fusco la nascita dello spettacolo: “Durante la tournée de La famiglia dell’antiquario al Festival di Bogotà, Eros Pagni si ritrovò un pianoforte in camerino. Gli prese una gran voglia di cantare e iniziò ad intonare un’aria che mi sembrò uno dei famosi temi musicali della colonna sonora de Il padrino. Eros mi raccontò che quella musica Nino Rota nel 1957 e poi successivamente riutilizzata per il film di Coppola. Da quella conversazione nacque l’idea di recuperare la partitura di Rota e allestire questo spettacolo che inizia proprio così, con Eros in un camerino immaginario che canticchia un’altra musica del compositore e accendendosi la sua vera pipa dà inizio allo spettacolo”. Continua De Fusco.”Con il musicista  Antonio Di Pofi e con Alessandra Panzavolta, mio inseparabile alter-ego registico e coreografico, abbiamo subito pensato che un omaggio a Rota non poteva basarsi solo sulle musiche scritte dal maestro per l’Impresari, ma doveva inevitabilmente includere anche una parte del suo repertorio cinematografico: le colonne sonore  de La strada, La dolce vita, Otto e mezzo. Ho allora immaginato di raccontare la storia di un gruppo di guitti del 1950, i quali ricevono l’invito di una tournée a Smirne. Abbandonando ogni ambientazione realistica, ho così raccontato la vicenda in palcoscenico, trasformando le camere d’albergo in camerini,, mostrando ludicamente le varie tecniche scenografiche e  adottando un unico colore, quello teatrale per eccellenza: il rosso”. Le musiche neosettecentesche composte da Rota per Visconti sono tutte concentrate nel terzo atto,  mentre  sono condensate nel centro dello spettacolo le citazioni settecentesche, raccontando l’esile vicenda (in cui il testo goldoniano viene sostanzialmente rispettato), come una sorta di gioco teatrale in cui la compagnia si racconta. Conclude il regista: “ Personalmente ho messo nello spettacolo il mio grande amore per Fellini e mi sono divertito ad inventare numeri teatrali sospesi tra l’avanspettacolo e il surreale, tra il gioco e l’astrazione”. (anita bartolucci, gaia aprea)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: