Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Irene Grandi “Alle porte del sogno”

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2010

In gara alla 60° edizione del Festival di Sanremo con il brano “La Cometa di Halley”  dopo 10 anni dalla sua ultima presenza  esce  “Alle porte del sogno” il suo nuovo album di inediti dopo 5 anni dal precedente.  Irene Grandi torna al Festival di Sanremo dopo 10 anni (nel 2000 arrivò seconda con il brano “La tua ragazza sempre”) e si presenta con il brano “La Cometa di Halley” scritta da Francesco Bianconi.  Ad accompagnarla nella serata dei duetti di domani ci sarà Marco Cocci, mentre dirige l’orchestra il Maestro Bruno Santori. Irene Grandi è vestita prevalentemente da Marithe’ Francois Girbaud.  In concomitanza con il ritorno di Irene al Festival esce, domani venerdì 19 febbraio “Alle porte del sogno” (Atlantic/Warner Music), il settimo disco di Irene Grandi e il primo di inediti dopo 5 anni.  In questo album Irene ha lavorato anche come co-autrice di quasi tutti i brani, condividendo la co-produzione artistica con Pio Stefanini, che già in passato aveva lavorato come autore per lei, e che più recentemente aveva prodotto “Bruci la città”.   Nelle 11 canzoni dell’album, Irene racconta, secondo il suo punto di vista, come vivere le emozioni senza rimuovere le sofferenze, ma con la voglia e l’entusiasmo di trovare una nuova strada, in armonia con se stessi e con ciò che ci circonda,.   Musicalmente, “Alle porte del sogno” rispecchia la natura entusiasta e irrequieta di Irene Grandi. E’ un album radicato nella tradizione e nella storia della cantante, i suoi legami con la canzone italiana e con quella internazionale. Ma guarda anche avanti, con suoni contemporanei che si innestano sulle canzoni e sulle melodie interpretate da Irene.  Nel disco Irene ritrova autori che sono suoi collaboratori storici e scopre nuove penne. C’è l’amico Gaetano Curreri degli Stadio, che aveva firmato assieme a Vasco diverse canzoni per Irene in passato, e che questa volta scrive la conclusiva “Stai ferma”. E c’è un giovane poeta toscano Alfredo Vestrini con il quale Irene è riuscita ad aumentare il significato delle sue poesie e a farle diventare delle canzoni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: