Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Vogliamo la riforma del welfare!

Posted by fidest press agency su sabato, 27 febbraio 2010

“I diritti alzano la voce” organizza oggi una mobilitazione nazionale con lo slogan “Cara politica, sui diritti delle persone non ne hai azzeccata una!”. In decine di città italiane verranno organizzate conferenze stampa, stand, banchetti per far conoscere all’opinione pubblica le idee e le proposte della campagna. Oggi, a Roma, i promotori della campagna hanno presentato alla stampa le loro “10 proposte per un’Italia civile” e spiegato le ragioni della mobilitazione. All’evento hanno partecipato esponenti della politica, del sindacato e del terzo settore.  Le “10 proposte” – sulle quali verrà organizzata una raccolta di firme che partirà proprio il 27 febbraio – riguardano aspetti centrali per un nuovo welfare: varare i Livelli essenziali di assistenza da garantire su tutto il territorio nazionale; estendere l’indennità di disoccupazione a tutti i disoccupati e limitare l’uso dei contratti flessibili affinché non si traducano in precarietà; introdurre il reddito minimo di inserimento; dotare il Fondo nazionale per la non autosufficienza di risorse adeguate; definire un Piano nazionale per la chiusura degli istituti segreganti per le persone con disabilità; investire nella formazione degli adulti e in progetti di riqualificazione professionale per disoccupati e cassintegrati; dare la cittadinanza e il diritto di voto ai migranti che da cinque anni risiedono in Italia, riconoscendo come italiani i figli degli stranieri che nascono nel nostro paese; aumentare le risorse destinate all’aiuto ai Paesi poveri dallo 0,16% allo 0,7% entro il 2015; riformare il sistema carcerario, ricorrendo alle misure alternative quando non c’è pericolosità sociale; combattere l’evasione fiscale e usare le risorse incassate per garantire i diritti sociali. Per gli organizzatori della campagna, il dibattito politico sul welfare parte da un assunto del tutto sbagliato: quello della riduzione dei costi. Come se qui non fosse in gioco la vita delle persone. La protezione dai rischi che l’esistenza comporta, infatti, è alla base della nascita dello stato sociale, che ha dato legittimazione e spessore sociale alla stessa democrazia. È chiaro a tutti che il welfare va riformato, e in profondità. Disoccupati, persone povere e non autosufficienti non trovano risposte adeguate ai loro problemi. Ma, appunto, il principio che dovrebbe guidare la riforma del nostro stato sociale dovrebbe essere quello di renderlo capace di maggiore protezione, non quello di ridurre i costi.  http://www.idirittialzanolavoce.org.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: